Welcome Everybody! Siamo a Dayton in Ohio, precisamente al Nutter Center, per una nuova puntata di Smakcdown Live! Tutti attediamo delle parole da parte di Shane dopo il tradimento su The Miz. #StayAttila

La puntata viene aperta dal benvenuto di Tom Phillps dal tavolo del commento, insieme a lui ci sono Corey Graves e Byron Saxton.

Ma andiamo subito sul ring dove la coppa del Best in the World e Shane McMahon ci attendono per delle spiegazioni. Il pubblico, essendo in Ohio, è in rivolta verso il primogenito di Vince McMahon. Shane giusto per non farsi odiare troppo, dopo qualche minuto si fa ri-annunciare per 3 volte da Greg Hamilton come il ‘Best in the World’, che tra l’altro viene minacciato anche di licenziamento se non ci mette la giusta enfasi nel presentarlo. Shane ci fa comunque la cortesia di darci qualche spiegazione. Inizia dicendo che lui è stanco di tutto il WWE Universe e di tutti i dipendenti della Fed. Continua dicendo che lui non è il migliore al Mondo perché è Bello (è anche bello, cit.) ma perché è nato così.

Shane poi si rivolge direttamente a The Miz; “E’ stato così bello farti il cooolo Domenica scorsa che non vedo l’ora di rifartelo. E’ visto che lavori per me, a Wrestlemania avrai un match contro di me.” Il tutto si chiude così, con Shane che praticamente ci ha detto di aver tradito Miz per noia e stanchezza.

Andiamo avanti pronti per il primo match di serata, un match 4 contro 4.

MATCH 1: Eight-man Tag Team match; The Hardy Boyz, Ricochet & Aleister Black vs Shinsuke Nakamura, Sheamus, Cesaro & Rusev (with Lana) (2,5 / 5)

A me comunque ancora non mi è chiaro se Matt Hardy è uscito dal personaggio Woken o meno. Fatto sta che fisicamente Matt mostra una forma invidiabile. Il match nelle prime fasi è abbastanza ripetitivo e stantio, con prese tecniche e tag veloci a farla da padrone. Principalmente è il team dei cattivoni ad avere le redini del gioco. Il livello di azione si alza nel  momento in cui entra Ricochet nel ring, che viene però distratto da Nakamura, permettendo così a Rusev di farlo cadere dalla terza corda con un pugno in faccia.

I fratelli Hardy poi iniziano a lavorare insieme Cesaro che è sempre un piacere. Arriva però Sheamus ad accorrere in favore del compagno svizzero, l’azione sul ring diventa così una caciara, con tutti e 8 che entrano nel quadrato. Da sottolineare una Senton di Jeff Hardy sul Cesaro che solo per l’intervento di Sheamus e Rusev non porta al conto di 3. Arriva poi il New Day a mettere a ferro e fuoco il ring, andando contro tutti.

Winner: Double no-contest.

Gli amici al tavolo di commento ci informano che probabilmente il New Day ha voluto mandare un messaggio a Vince McMahon, visto che più tardi avranno un confronto con lui per far avere un opportunità a Wrestlemania per Kofi Kingston.

Cambio di scena, da una scala nella nebbia, gli Uso’s ci chiedono e si chiedono, quale Team li sfiderà per il titolo a WWE Wrestlemania 35. Ma torniamo subito sul ring dove c’è quella Viper di Randy Orton che ci aspetta.

Randy, microfono alla mano, inizia dicendo subito che Smackdown Live non è la casa che AJ Styles ha costruito, prendendosi poi tutto il merito del progetto edilizio. Randy comunque dice che mentre lui nel 2002 ha debuttato alla corte dei McMahon, AJ andava a lottare per 10 dollari a notte. Poi continua facendoci un po’ l’almanacco della sua carriera, accusando Styles di essere stato un signor nessuno fino al 2015. Arriva quindi il Capo-cantiere a ribattere le accuse di Orton.

AJ mette subito in chiaro che a lui non dispiace tutto quello che ha fatto nella sua carriera, perché è il suo mondo, non avendo aiuti da un padre che ‘lo ha inserito nel lavoro’ o amici che lo aiutassero ad inserirsi come Ric Flair, Triple H e Batista in questo business. Orton vorrebbe ribattere che non è così, che non ha mai avuto bisogni di aiuti, ma Styles gli ricorda l’Evolution, la Legacy, i Rated-RKO (non c’è la faccio, troppi ricordi). Per AJ quindi Orton ha sempre avuto qualcuno che lo seguisse e gli evitasse fallimenti nella sua carriera.

AJ poi continua dicendo che Orton è una vipera, che prima usa tutti e poi li getta per strada, per questo al massimo gli può concedere l’affito di una stanza a Smackdown Live. Dopo non aver raggiunto l’accordo sul mensile, AJ propone a Randy un match a Wrestlemania 35. Orton se ne va prendendosi un periodo di riflessione. Anche Corey Graves si chiede se Orton accetterà la sfida o meno.

Cambio di scena, Asuka entra nel ring per il suo match.

MATCH 2: Smackdown Women’s Champion Asuka vs Sonya Deville (with Mandy Rose) (2 / 5)

Asuka mette subito le cose in chiaro, con una serie di calci Sonya si trova in difficoltà. Ma quest’ultima riesce per due volte con i Roll-Up quasi a beffare la campionessa, ottenendo solo conti di 2.

Asuka poi riesce a riemergere, nel voler colpire Sonya fuori dal ring colpisce Mandy, destando tanta preoccupazione in tutti noi per le condizioni delle Rose, in particolare a Corey. Alla fine la Deville torna sul ring per farsi imprigionare nell’Asuka Lock costretta a cedere.

Winner: Smackdown Women’s Champion Asuka

Dopo il match occhiate di disaccordo fra Mandy e Sonya.

Mentre con un promo nel backstage le Iiconics continuano a ribadire che loro sono qui, a Smackdown, mentre le WWE Women’s Tag Team champion Bayley e Sasha Banks continuano ad ignorare la loro richiesta di un match titolato.

Arriva poi sul ring Becky Lynch, che Domenica grazie all’intervento di Ronda Rousey ha di nuovo avuto il diritto di sfidare la campionessa da lei scelta a WWE Wrestlemania 35, essendo la vincitrice del Royal Rumble match femminile 2019.

L’irlandese dice di sentirsi molto bene, finalmente dopo tanto penare avrà il match più importante della sua carriera il 7 Aprile, dove nel Main Event di Wrestlemania si prenderà il titolo di Ronda Rousey. Becky dice che lei ha dovuto fare dei giochi mentali con una donna senza cervello come Ronda per riconquistarsi il diritto ad un match che lei ha messo in moto dopo la vittoria alla Rumble. Era stato poi Vince a mettere tutto in discussione sostituendola con Charlotte. Arriva proprio Charlotte Flair a dire la sua.

Charlotte ci tiene a ribadire che lei fu scelta perché rispetto alla Lynch è sulla cresta dell’onda da 4 anni, non 6 mesi. Charlotte poi continua dicendo che il pubblico supporta Becky solo perché ha pietà di lei, come l’ha avuta Ronda Domenica scorsa. Becky allora risponde che nei 4 anni in cui Charlotte è stata sulla cresta dell’onda, non ha mai avuto il Main Event di Wrestlemania, mentre grazie a Becky avranno anche questo. Per questo la divisione non ha bisogno di inchinarsi alla ‘regina’ ma avevano bisogno di ‘The Man’. Ed il tutto finisce così. Tutto molto bello (Cit.).

Prossimo match direttamente dal manuale di Teddy Long.

MATCH 3: Tag Team match; U.S. Champion Samoa Joe & Andrade (with Zelina Vega) vs Rey Mysterio & R-Truth (with Carmella) (2,5 / 5)

I protagonisti degli ultimi Fatal 4 Way per il titolo degli Stati Uniti divisi in squadre per questo match. Chi lo sa se in effetti a Wrestlemania ci sarà un nuovo match a 4 per tale titolo. Fase iniziali dove la fanno da padrone nel ring i cattivi insieme ad R-Truth che all’angolo suo interagisce col pubblico. Nel frattempo però Rey Mysterio le prende come se non ci fosse un domani. Nel frattempo Carmella si becca con quella bellezza di nome Zelina, facendola cadere da sopra il bordo del ring. (Ma come ha fatto Zelina a cadere dal bordo del ring con i tacchi senza spezzarsi una caviglia?).

Nel frattempo R-Truth nel ring riesce a dare di nuovo fiato al proprio team. Rey Mysterio poi completa il gioco prima con una 619 su Andrade seguita da una Frogsplash. Arriva poi Joe che viene però fregato da un Roll Up del messicano, 1-2-3!!! Rey Schiena lo U.S. Champion.

Winner: Rey Mysterio & R-Truth

Da grande sportivo qual’è il Campione degli Stati Uniti prende sia R-Truth che Andrade e li manda al tappeto preso dalla furia della sconfitta.

Promo che ci ricorda come quella gran Donna di Alexa Bliss sarà l’Host di WWE Wrestlemania 35. Tutti noi dovremmo essergli grati.

Mentre una grafica ci ricorda che il nostro Main Event sarà il confronto tra Vince McMahon ed il New Day, sul ring arriva Kevin Owens, per un nuovo Tag Team match.

MATCH 4: Tag Team match; WWE Champion Daniel Bryan & Erick Rowan vs Kevin Owens & Mustafa Alì (2 / 5)

Kevin Owens si propone  a Mustafa di iniziare il match mentre Daniel Bryan manda avanti Rowan. Ed in effetti Rowan sembra mettere in difficoltà il canadese ad inizio match. Dopo una prima pubblicità sul ring troviamo Daniel Bryan e Mustafa Alì che grazie ad un azione dal paletto tentano di rendere questo match meno noioso di quello che sembra. Diciamo che al momento il lottato non è stato eccelso in questa puntata. Fatto sta che dopo un Suplex dalla cima dell’angolo Bryan imprigiona Mustafa nella YesLock, ma Ali riesce a trovare le corde con un piede. L’arbitro quasi arriva al conto di 5. Bryan gli ricorda però che lui ha “fino al conto di 5” per tenere nella morsa il suo avversario.

Il match si chiude quando Mustafa Alì non vede il tag fra Daniel e Rowan, così quest’ultimo lo prende e lo inchioda al tappeto dopo un tentativo di manovra in corsa di Mustafa. Powerbomb e 1-2-3. Match abbastanza veloce che finisce anche in maniera molto casuale e anonima.

Winner: WWE Champion Daniel Bryan e Erick Rowan.

Mentre Daniel Bryan ed Erick Rowan tornano nel Backstage esce allo scoperto proprio Er Piacione Vince McMahon, pronto al confronto col New Day.

Vince si rivolge subito al WWE Universe dicendo che è qui per dargli ciò che vogliono, per dare a Kofi ciò che vuole; un’opportunità per il WWE Championship a Wrestlemania. O meglio, Vince dice che ha già dato a WWE Fastlane un’opportunità a Kofi di competere, ed ha fallito. Er Piacione dall’alto dei suoi 70 e più anni, dice che lui quando fa queste scelte è per insegnarci qualcosa. A questo punto arriva il New Day al gran completo sul ring.

Il primo a prendere la parola è Big E che insieme a Xavier Woods chiede esplicitamente a Vince cosa diamine stia facendo. Big E con l’enfasi che lo contraddistingue dice a Vince che Kofi merita un’opportunità più di chiunque altro visto che è da 11 anni nel Business. Lo merita perché è un’atleta e uomo esemplare e chiede a Vince di non farsi prendere dal proprio Ego. Vince controbbatte che lui ha creato Raw, Smackdown e Wrestlemania e che Kofi non merita ‘na beata minchia’ cit.

Xavier Woods e Big E, incalzati anche dal pubblico, continuano a chiedere un’opportunità titolata per Kofi che se ne sta comunque buono in silenzio. Vince allora si rivolge direttamente a lui dicendo che lo conosce da 11 anni, che lo apprezza perché è un grande atleta, che un giorno sarà un Hall of Famer ma parlando anche con Daniel Bryan non è nulla più che un B Plus Player. (Dove lo già sentita questa cosa?).

A questo punto anche Kofi prende la parola dicendo che questo è il suo sogno, che farebbe di tutto pur di averlo. Kofi dice che è pronto a fare qualsiasi cosa per dimostrare al Chairman di essere pronto per questa opportunità, deve solo dargliela. Ha solo bisogno di sapere da Vince cosa deve fare per andare a Wrestlemania, tutti credono in lui e non può non dargli questa possibilità.

La musica di Randy Orton interrompe tutti. The Viper Randy Orton si palesa sullo stage, seguito dall’U.S. Champion Samoa Joe, da Sheamus e Cesaro e per ultimo da Erick Rowan. Vince dice a Kofi che se settimana prossima a Smackdown Live! sconfiggerà tutti questi uomini in un Gauntlet match andrà a Wrestlemania.

La puntata poi finisce col New Day che ha messo fuorigioco tutti, con Kofi che minaccia Daniel dal paletto che lo guarda comunque con una tranquillità apparente dalla rampa.

PANORAMICA RECENSIONE
Qualità dei match
6
Qualità dei promo
7
Evoluzione delle storyline
7
Leafar Attila
La passione per la WWE è alla pari a quella per il Napoli. Vive alla giornata non si preoccupa dei problemi, sono i problemi che si preoccupano di lui. AJ Styles, Kevin Owens, HBK, Eddie Guerrero e CM Punk i Wrestler preferiti. Blindmark di Daniel Bryan, YES! YES! YES!