Intervistato da Ring Rast Radio, anche il WWE Hall of Famer “Million Dollar Man” Ted DiBiase ha fatto conoscere la sua opinione a riguardo dell’attuale situazione di Hulk Hogan, bandito e censurato dalla WWE per alcune frasi dai contenuti “razzisti” pronunciate otto anni fa durante una conversazione privata registrata a sua insaputa da una telecamera nascosta.

“Nei momenti di rabbia, tutti noi diciamo delle cose che non pensiamo realmente. Io capisco bene che la WWE si sia trovata in questa situazione perché viviamo nell’era del politicamente corretto a tutti i costi, che io detesto nel modo più assoluto. La WWE non è più l’azienda di famiglia di Vince McMahon; è una compagnia pubblica quotata in borsa e temo proprio che non avessero altre scelte possibili se non quella che hanno attuato. Io mi auguro con tutto il cuore che in futuro, i provvedimenti che sono stati presi contro Hulk Hogan possano essere rimossi, perché non se lo merita tutto questo, non se lo merita davvero. Chiunque, bianco o nero che sia, che ha avuto modo di conoscerlo personalmente per un po’ di tempo, potrà confermarvi che Hulk è tutto meno che un razzista”

FONTEHulk Hogan Fan Club Italia, Bleacher Report, Zona Wrestling
Corey
Dal 2006 redattore di Zona Wrestling e autore di rubriche come il Pick The Speak, Wrestling Superstars, The Corey Side, Giro d'Italia tra le fed italiane, Uno sguardo in Italia, Coppa dei Campioni, Indy City Beatdown e tante altre. Studioso del wrestling in tutte le sue sfaccettature, col tempo ha voluto perdere la definizione di "Marco Travaglio del wrestling web".