Oh Canadaaaa, oh Canadaaaa… la UFC fa tappa dai cugini canadesi, ad Ottawa, per questa edizione nr. 89 di Fight Night. Manca come ben sappiamo da tempo, GSP è ancora fermo, ma nel main event c’è il suo figlioccio prediletto, MacDonald mentre Cerrone prova a ripartire e tornare sulla via che l’ha condotto fino al fallimento totale della title shot. Vediamo come è andato l’evento qui di seguito:

Pesi leggeri, Olivier Aubin vs Mercier vs Thibault Gouti
Si parte, Mercier prova subito un takedown, senza fortuna e Gouti lo attacca con due ganci destri. Mercier risponde con un altro pugno ed un calcio al corpo. Gouti è spingo contro la rete, Mercier lo porta per terra ed inizia un lavoro intense con I suoi pugni. Successivamente prova ad attaccare la schieda di Gouti, ma quest’ultimo fa un’ottima transizione e riesce a liberarsi anche quando Mercier riprova la stessa presa. Gouti sguscia via e si trova ora in posizione di monta, connette un uppercut, finale di round forte e deciso per Gouti, ma siamo in sostanziale parità.

Secondo round, Mercier ancora parte con la volontà di portare a terra Gouti, ma il francese capisce tutto, evita e si riporta a centro ring, ma Mercier lo attacca con alcuni jab ben precisi e successivamente un bel gancio sinistro. Mercier co una ginocchiata ed un takedown, Gouti prova una ghigliottina, ma la presa è presto rotta da Mercier che si guadagna il controllo laterale. Pressione notevole di Mercier ai danni dell’avversario, diversi colpi a segno e la sensazione di aver stravinto il round.

Mercier riparte nel terzo round con aggressività come aveva finito il secondo, takedown a segno. Presa al corpo a Gouti è portato nuovamente a terra, si assicura la posizione con un body triangle e stringe una rear naked choke dopo un minuto dall’inizio della ripresa. Gouti rotola, prova a divincolarsi, ma Mercier stringe la rear naked choke in quanto Gouti ha il collo esposto, la presa è sempre più letale e Gouti batte presto il tap out.
Winner by submission: Olivier Aubin-Mercier

Pesi massimi/leggeri, Steve Bossè vs Sean O’Connell
Terzo match di serata, Bossè parte forte, ganci destri diretti in pieno volto di O’Connell in nemmeno un minute d’incontro. O’Connell non indietreggia, trova un bel gancio in piena mascella a Bossè. Bossè risponde con altri due ganci. Anche in questo caso OC non è da meno e risponde immediatamente. I due pesi massimi-leggeri si fronteggiano a viso aperto al centro dell’ottagono, O’Connell ancora con colpi alla testa di Bossè, ganci pesanti, O’Connell spinge Bossè contro la rete, clinch, i due si separano presto. Altri pugni poco puliti per Bossè, quest’ultimo prova anche un takedown, ma non riesce a completarlo. Primo round in cui va leggermente meglio Bossè.

Round 2, stavolta è O’Connell più propositivo, prova un takedown vicino la rete, senza fortuna, Bossè risponde con un signor destroy che mette in seria difficoltà O’Connell. Quest’ultimo risponde con dei calci, porta a terra Bossè, ma la transizione a terra è favorevole a quest’ultimo, O’Connell non riesce a risollevarsi, mentre Bossè lavora bene per sfiancare l’avversario. O’Connell rotola e non trova lo spazio per tornare in piedi. O’Connell rotola sulle sue ginocchia, prova a colpire con il sinistro, Bossè risponde, ma O’Connell torna in piedi, ma Bossè prosegue il suo incedere con mani e ginocchia, grande round per Bossè che porta a casa la seconda ripresa.

Round finale, parte ancora a fulmine, Bossè con tre ganci portentosi e velocissimi, clinch tra i due che finiscono contro la rete, Bossè connette un gancio sinistro alla fine dello scambio, O’Connell sanguina pesantemente dal naso, O’Connell si libera, ma prosegue a scappare, Bossè nuovamente con un backfist e subito dopo un paio di pugni che scuotono ancora O’Connell, il quale risponde spingendo l’avversario contro la rete. Bossè in pieno controllo, brutale controllo, O’Connell non ne ha più, uppercut di Bossè, il pubblico è piuttosto contento, il match finisce con un paio di ganci di O’Connell, ma ormai è tardi, il match è terminato. Gran bel match, pubblico dimostra di apprezzare, vince ai punti Bossè con un grandissimo 2° e 3° round.
Winner by unanimous decision: Steve Bossè

Co-main Event, pesi welter, Donald “Cowboy” Cerrone vs Patrick Coté
Penultimo match della serata, Solita partenza aggressiva di Cerrone che trova subito un colpo rovesciato, Cotè chiude la guardia per limitare la furia dell’avversario. Cotè non ha grandi risposte, takedown di Cerrone, Cotè prova però un armbar, ma Cerrone va in scramble ed i due tornano in piedi. Dopo poco, altro di Cerrone al centro dell’ottagono, Cotè cerca di liberarsi, ma Cerrone rimane forte ed in posizione dominante, cerca una rear naked choke, ma la difesa di Cotè è principesca, chiude il mento, si torna in piedi per la fine del round, calci importanti per il Cowboy che chiude alla grande il primo round, completamente vincente per lui.

Round 2, Cerrone riparte ancora all’attacco, pugni per lui a difesa degli attacchi alle gambe da parte del canadese. Fase confusa dell’incontro, un paio di ganci sporchi per Cotè che subisce un duro gancio sinistro d’incontro da parte di Cerrone. I due proseguono il secondo round con calci bassi, altro sinistro notevole per il Cowboy che scuote terribilmente Cotè, ma sopravvive a fatica. Altra raffica per Cerrone in completo dominio, Cotè non ha risposte e per sua fortuna finisce anche il secondo round. Cerrone in vantaggio netto ed inconfutabile.

Round finale, sinistro pazzesco di Cerrone, il quale poi controlla l’incontro per trovare l’opportunità giusta. Cotè è a pezzi, Cerrone continua a colpirlo al corpo ed al mento, calci frontali, Cerrone connette un bel sinistro e doppio gancio destro, Cotè è in serissima difficoltà, vicino alla rete, altri colpi in pieno viso di Cotè ed a questo punto l’arbitro ha visto abbastanza e dichiara il match terminato. Vittoria eccellente per Cerrone, Cotè mai in partita.
Winner by TKO: Donald “Cowboy” Cerrone

Main Event, pesi welter, Stephen Thompson vs Rory MacDonald
It’s main event time! Due tra I migliori prospetti della categoria si affrontano, arbitro John McCarthy. Thompson attacca subito il centro dell’ottagono, ma MacDonald lavora subito sulle gambe con alcuni colpi decisamente molto forti, “Wonderboy” non sembra risentirne più di tanto. Thompson trova un bel sinistro vincente ed un gancio sinistro. Thompson ancora con un calcio laterale, i due si spostano vicino alla rete, Thompson trova un paio di pugni senza ritmo, il canadese difende bene ed il round termina. Round 1 a favore di Thompson, ancora estraneo al match Rory MacDonald.

Ripresa numero 2, i due lottatori mantengono una distanza di sicurezza, calcio basso esterno a favore di Thompson che successivamente manca un sinistro importante. MacDonald risponde con una ginocchiata al corpo. Match spezzettato e per il momento non proprio piacevole. MacDonald cerca un takedown che sbatte Thompson contro la rete, ma non abbastanza per mettere per terra l’avversario. Calcio al petto per Thompson ed ottimo jab per lui a chiudere il round. Anche la seconda ripresa è a favore di Thompson.

Round 3, MacDonald parte un po’ meglio, gancio destro, spinge Wonderboy contro la rete, ma ogni volta che il canadese si avvicina, Thompson lo tiene a distanza e gli fa male perché lo porta a terra con un takedown. MacDonald prova una leg lock senza fortuna, scramble tra i due e si torna in piedi. MacDonald al centro, Thompson gli gira intorno. Thompson pare in grande forma, si muove molto bene, muove la testa molto bene, i jab di MacDonald sono a vuoto o comunque sporchi. Calcio sinistro importante per Thompson, MacDonald prova a reagire, ma è sorpreso da un jab diritto sul naso, la tattica di Thompson di giocare di rimessa, sta riuscendo alla grande, l’avversario canadese ci sta capendo pochino. Anche il terzo round è di Wonderboy.

Penultima ripresa, Thompson ancora con calci durissimi alle costole del canadese, Thompson stavolta non attende, inizia ad attaccare pesante, MacDonald si difende come può, anche perché Thompson non lo fa avvicinare, colpi corti, veloci, combinazioni che fanno perdere ritmo e concentrazione al canadese. A metà round, i due prendono fiato, gancio sinistro per MacDonald, ben parato da Thompson che trova un’altra raffica di pugni a suo favore. Il finale vede un calcio al corpo per MacDonald, ma anche questo round è a favore di Thompson che sta letteralmente portando a scuola Rory MacDonald.

Si va verso la conclusione, Thompson è in splendida condizione atletica e fisica, mentre MacDonald non pare averne più, serve un colpo da maestro. Ancora offensiva di Thompson, un solo gancio per il momento da parte del canadese contro 3 colpi ben assestati da Thompson. Calcio rovesciato al corpo a favore di Thompson. MacDonald prova un takedown, senza fortuna per via dell’ottima difesa di Thompson, il quale risponde porta a sua volta a terra MacDonald. Posizione di controllo laterale per Wonderboy, 30 secondi di nulla, poca azione a terra, ma ancora Thompson con qualche combinazione, finchè finisce il round. Vittoria inconfutabile a favore di Thompson, altro match importante e decisivo mancato da Rody MacDonald.
Winner by unanimous decision: Stephen “Wonderboy” Thompson

Bonus della serata:
Fight of the Night: Steve Bossè vs Sean O’Connell
Performance of the Night: Donald “Cowboy” Cerrone & Krzyssztof Jotko

Commento Evento:
Buon evento. Tutto piuttosto solido, nulla di inguardabile.
Cerrone ancora una volta è lo show-stopper della serata, un knockout splendido, eccellente incontro tra Bossè e O’Connell molto ben combattuto, candidato forte a Fight of the Year. Thompson annienta per 5 round un Rory MacDonald che non riesce a fare lo step up per arrivare nella zona titolata, è sembrato impaurito dall’avversario mentre Wonderboy ha mostrato un cardio ed una forma assolutamente fantastiche.
Infine, vittoria netta della Calderwood sulla Letourneau (stop in ritardo, doveva avvenire già al primo round) e Mercier invece sottomette Gouti senza grande fatica dopo 3 round di prevalenza.
Voto: 7

Appuntamento al 07 luglio, UFC Fight Night 90: Dos Anjos vs Alvarez. E’ tutto, alla prossima!

Corey
Dal 2006 redattore di Zona Wrestling e autore di rubriche come il Pick The Speak, Wrestling Superstars, The Corey Side, Giro d'Italia tra le fed italiane, Uno sguardo in Italia, Coppa dei Campioni, Indy City Beatdown e tante altre. Studioso del wrestling in tutte le sue sfaccettature, col tempo ha voluto perdere la definizione di "Marco Travaglio del wrestling web".