E’ una delle federazioni più criticate di sempre, è una delle promotion più rinomate degli stati uniti, è conosciuta da tutti per i suoi match estremi, è la CZW! Perché siamo qui a parlarne? Leggete qui sotto e lo scoprirete.

La Combat Zone Wrestling è una federazione indipendente attiva da moltissimi anni negli Stati Uniti, che ha da sempre avuto come marchio di fabbrica i Deathmatch, tipologie di incontri molto più estremi e violenti rispetto agli Hardcore. Proprio a causa di essi la CZW è da sempre vittima di critiche e insulti gratuiti, ma allo stesso tempo è proprio a “causa” di essi se questa indy è riuscita a farsi un nome nel mondo del wrestling mondiale. Non c’è nessuno al mondo che quando sente parlare di CZW non pensi ai Deathmatch…NESSUNO. La fed. di DJ Hyde non è però mai stata solo Deathmatch, attorno ad essi ci sono sempre stati match con un alto tasso qualitativo sul ring, tanto che molti di essi sono ricordati al pari di altri incontri estremi. Ai tempi era quindi una federazione completa ed unica al mondo.

Da diversi anni a questa parte però i match estremi sono venuti a mancare sempre di più, ed anche quando vengono svolti la qualità di essi non è più ai livelli di una volta. Oltre a questo anche il contorno non è più così interessante come prima e gli show ne hanno risentito parecchio. Infatti ora come ora ci troviamo davanti ad un prodotto nel complesso discreto e a tratti, purtroppo, anche mediocre. Per i Deathmatch non ci si può fare più di tanto: è uno stile abbastanza in declino, soprattutto perché anche se di gente disposta a farlo c’è ne abbastanza, non sono abbastanza quelli davvero bravi nel farlo. Non basta prendersi due bump e una graffetta sul cranio per diventare un deathmatcher.  Per tutto il resto il problema principale sta nel booking. Ogni card è piena zeppa di match skippabili, con minutaggi e finali sbagliatissimi. Si tende troppo a portare avanti le storyline e l’overbooking è infatti sempre alle porte. Questo stampo major ad una federazione indipendente è davvero irritante e inutile. La situazione però non è tragica, perché, come ho detto prima, nel complesso la qualità è decente e una folta fan base c’è ancora, nonostante il prodotto generale non sia più lo stesso di qualche anno fa. C’è quindi una base solida da cui ripartire. Avrei in mente alcune che cose che sicuramente migliorerebbero la situazione e che sarebbero tutt’altro che infattibili:

–        Costruire la zona main event attorno ai Deathmatcher. Molti di loro sono wrestler tipici di questa federazione e quindi è giusto metterli nella zona più alta della card. Non sono però abbastanza e quindi a loro è giusto che vengano aggiunti anche altri wrestler, più bravi sul quadrato, ma ovviamente meno adatti ai match estremi. Passerei quindi dai Deathmatch a dei più normali Hardcore match, alla portata di praticamente tutti i lottatori. Sarebbe in sostanza un compromesso per non snaturare completamente il prodotto originario. In questo modo la qualità aumenterebbe di tantissimo, così come, quindi, la quantità di MOTY sfornati dalla federazione.

–         Dare risalto alla categoria tag team, rimpolpandola con alcune delle migliori coppie in circolazione e creandone altre dal nulla. Gli OI4K, i Beaver Boys e il Team Tremendous sono un’ottima base da cui partire, ma non bastano. Questa categoria sarebbe importantissima, perché solitamente i tag team match, se fatti bene, sono tra quelli che più scaldano il pubblico e potrebbero essere utili in diverse zone della card, come ad esempio nell’opener o nel pre-main event.

–        Creare qualcosa di concreto attorno al Wired TV Title, così da non renderlo un classico titolo secondario per midcarder. Una sorta di X Division sarebbe interessante: nessun limite di peso ma utilizzo al suo interno di soli wrestler “spettacolari”. Mike Bailey, Andrew Everett, Trevor Lee, Joe Gacy, AR Fox, Shane Strickland, Caleb Konley…i nomi di sicuro non mancano. I match attorno a questo titolo sarebbero degli spotfest niente male e, considerando che questa tipologia di match è quella più apprezzata dal fan medio di wrestling, direi che non darle risalto sarebbe deleterio.

–        Eliminare tutto il comedy di cattivo gusto. Basta Greg Excellent, basta Alexander James, basta tutte queste cose inutili. Non c’è nessuno al mondo che guarda uno show di wrestling per vedere un match di quell’obeso di Excellent. Non bookate più questa gente! Se proprio volete fare del comedy fatelo di buon livello, anche se personalmente, da profondo detrattore di questo genere, preferirei non vederlo proprio.

–        Sfruttare le collaborazioni con wXw e BJW. Entrambe le federazioni hanno nel loro roster diversi wrestler interessanti che possono fare solo bene in un contesto come quello della CZW. Non dico sempre, dato che i costi sono tutt’altro che bassi, ma chiamare qualche volta wrestler come ad esempio Sekimoto, Takeda Tommy End, Bad Bones e gli Hot & Spicy non sarebbe male ed aumenterebbe la voglia della gente di guardare questa federazione, dato che nessun’altra in America booka quei wrestler. Per non parlare poi dei possibili Champion vs. Champion, una cosa che da sempre intriga il fan di wrestling.

 

 

Queste sono alcune che sicuramente aiuterebbero la CZW a ritornare al pari di quelle che ora sono le vere regine del wrestling indipendente, dato che tutte le altre “rivali” nel corso degli anni hanno fatto più passi avanti che passi indietro. Secondo voi ce la farà mai? E soprattutto, in che modo potrebbe farcela?

Andrea Cesana
Classe 1996 e staffer di ZonaWrestling dal 2012. News reporter, reporter, editorialista, blogger e tanto altro ancora...sul sito ho fatto un po' di tutto diciamo. Oltre a parlarne da dietro un computer, per questa disciplina svolgo anche un ruolo attivo, ovvero quello di arbitro in FCW. Al di fuori del pro-wrestling sono un grandissimo tifoso milanista.