Negli occhi ancora l’atmosfera di Almenno, del Fitness Club che ospita da un anno e mezzo gli show ASCA. Le grida, le mani che sbattono sul ring e i cori verso Jimmy Havoc e Trent Seven, vincitore e finalista della terza edizione della Super 8 Cup. Sei mesi fa e l’eco ha continuato a far sentire la pazzesca bolgia di quella serata.

Sabato 25 giugno le luci si riaccenderanno e con esse quella atmosfera per un nuovo show chiamato “This Means War” sul quale pesa la grande sfida tra l’Arcadia, la stable nata durante il precedente show con a capo Jimmy Havoc e Kyo Kazama, da un lato e l’Asca dall’altro a sostegno del portabandiera Iceman e del caposaldo straniero Trent Seven. Insomma la sfida continua anche se qualcosa è cambiato: innanzitutto non ci sarà Jimmy Havoc a causa del brutto infortunio patito qualche mese fa, ma con i cattivi ci sarà un enforcer di alto livello come Marty Scurll, attuale campione Progress nonché uomo forte della scena britannica; e poi non ci sarà quel Will Ospreay che la dirigenza aveva annunciato alla Super 8 Cup. Anche qui la defezione è fuori dalla portata dell’ASCA vista la firma dell’Aerial Assassin con la NJPW e il repentino push verso il titolo Junior ottenuto al suo arrivo.

Lo show allora prevede due parti, preshow e main show. Nella prima parte andrà in scena la sfida Pick Your Poison tra Arcadia e ASCA: la stable ha scelto che a sfidare l’enforcer della promotion (Tommy End) fosse Iceman, con una scelta bastarda che ha mandato tutti in furia. Però dalla furia, la dirigenza ASCA ha tirato fuori altri due incontri: Scurll se la dovrà vedere contro Trent Seven in un match dai colpi durissimi, mentre Kyo Kazama avrà davanti addirittura Chris Renfrew, cioè l’ex campione assoluto della ICW scozzese (questo match andrà in scena nel main show). Coprono il preshow le sfide di Mark Fit contro l’ex membro della Regression di Havoc, Paul Robinson, alla prima venuta in Italia e Josh Bodom, al ritorno dopo Happy Birthday to Us, contro il più grande pro italiano, ovvero Red Devil.

Nello show principale l’attenzione andrà verso due match in particolare. Nel mezzo tanto pepe: il rematch tra Gibson e TG, la possibile spruzzata comedy di Doblone vs Davey Boy (altra prima venuta in Italia) e lo scontro a squadre tra Arcadia e ASCA. Però è inevitabile che quei due match valgano il prezzo del biglietto: da un lato un incontro al meglio delle tre cadute tra Charlie Kid e Lupo, segno di un feud che, più passano gli anni, più si colora di nuove sfumature e qualità. I due veterani della storia recente della ICW hanno l’occasione di prendersi la scena esattamente come accadde a Kick ‘Em All dove nell’opener fecero sobbalzare il pubblico dalla sedia; dall’altra invece si ritrovano di fronte Marty Scurll e Tommy End, un inedito e one night stand in Italia, momento irripetibile per la scena nostrana per poter avere dal vivo un incontro solo apprezzato in video. Per End sarà anche una delle ultime date in Europa prima di approdare in WWE nel giro di un mese.

Quindi che fate? Rimanete lì a pensarci? Un grande evento che merita d’avere la vostra attenzione e a cui non dovete mancare. Per ritrovare quella speciale atmosfera della Super 8 e passare alcune ore di sano e splendido wrestling introvabile altrove. L’appuntamento è ad Almenno San Bartolomeo a partire dalle 18.30 al Fitness Club di via Piusano 2.

Corey
Dal 2006 redattore di Zona Wrestling e autore di rubriche come il Pick The Speak, Wrestling Superstars, The Corey Side, Giro d'Italia tra le fed italiane, Uno sguardo in Italia, Coppa dei Campioni, Indy City Beatdown e tante altre. Studioso del wrestling in tutte le sue sfaccettature, col tempo ha voluto perdere la definizione di "Marco Travaglio del wrestling web".