Dopo cinque anni di onorato servizio con la WWEJohn Paul Alicastro e Michael Conrad Lauri, noti collettivamente come CFO$, hanno lasciato la divisione musicale della federazione di Stamford.

Partendo da The Night (sigla di Raw dalla millesima puntata alla divisione dei roster), i due compositori hanno realizzato i temi di ingresso dei lottatori, svariati brani che accompagnano le trasmissioni sul WWE Network e altro ancora, con i due grandi successi che hanno raggiunto le vette delle classifiche di iTunes per quel che riguarda le colonne sonore, ovvero sia The Rising Sun (tema di Shinsuke Nakamura) e Glorious Domination (Bobby Roode); ora, pur avendo mostrato una buona capacità nel creare brani che si adattassero ai lottatori di riferimento, le loro composizioni erano brevi, ripetitive e prive di variazioni musicali (l’avrò detto un migliaio di volte, forse).

Tuttavia, non è questa la ragione che ha portato all’abbandono dei CFO$; infatti, questi hanno chiesto di lasciare la federazione perché sentivano che i piani alti di Stamford “interferissero con la propria arte”. Un esempio su tutti, il “BURN IT DOWN” voluto a tutti i costi da Vince McMahon nella breve pausa all’inizio di The Second Coming, il brano di ingresso di Seth Rollins (onestamente, lo trovo anche io fuori luogo). D’altro canto, pare che la dirigenza della compagnia dei McMahon non fosse particolarmente contenta del loro lavoro perché (ribadisco, pare che) non li ritenevano (ritenessero, se leggete la prima parentesi) in grado di cogliere e rendere in musica l’essenza dei lottatori.

A occuparsi della musica in WWE sarà di nuovo il leggendario Jim Johnston, che ha già realizzato i nuovi temi di ingresso di Baron Corbin ed Emma; Johnston, peraltro, è già direttore del WWE Music Group, mentre il massimo dirigente è ancora Neil Lawi.

P.S. Qualcuno lo dica a Mauro e ChristiaNex…ah già, sono io.

ChristiaNexus
Cercatore di notizie nonché, occasionalmente, editorialista, reporter e co-fondatore e co-curatore della rubrica "La Theme Song del giorno". Appassionato di wrestling di lunga data che odia l'ipocrisia e l'apriorismo sterile. Il suo compito è portare avanti l'opera di salvezza intellettuale avviata da Damien Sandow, ora noto come Aron Rex, a costo di passare per grammar nazi. Segue, in un'ottica dialettico-inclusiva, tante federazioni, dalla WWE alla PWG, passando per TNA, ROH, NJPW, NOAH e Lucha Underground. Il Nexus, Christian, CM Punk, Daniel Bryan, Seth Rollins, Bray Wyatt, Undertaker, The Brian Kendrick e, ovviamente, Damien Sandow, ora noto come Aron Rex, sono tra i suoi lottatori preferiti, senza dimenticare AJ Styles, Chris Hero, "Broken" Matt Hardy, il Bullet Club, i War Machine, Pentagon Jr, Minoru Suzuki, Satoshi Kojima, Tomohiro Ishii e Togi Makabe.