La telenovela Hogan-Hall of Fame continua. Questa volta è l’ex wrestler WWE JTG ad esprimersi sulla vicenda in un articolo per The Sports Daily.
Molto deluso da quello che chiama “il suo eroe”, parla della sua reazione al fatto che Hogan abbia usato la ‘parola con la n’:

Vedi, non solo il mio eroe ha usato la parola con la n in quel contesto, ma ha anche ammesso di essere razzista. Lasciamo stare per un attimo il fatto che abbia detto ‘f*ttuto n***o, concentriamoci sul fatto che Hulk Hogan abbia ammesso di essere razzista!

A quanto pare, JTG non è stato affatto convinto dalle scuse di Hogan, e non ha esitato a farlo sapere:

Dalle mie esperienze ho imparato che ‘scusa’ è solo una parola. Se sorprendi un amico mentre ti pugnala alle spalle, cerchi il confronto, e tutto ciò che ha da dirti è ‘Mi dispiace’, è sincero?

Infine, ha anche dato qualche spunto su come Hulk Hogan potrebbe espiare la sua colpa:

Il primo passo per risolvere la cosa è ammettere a te stesso che sei razzista e fare uno sforzo genuino e consapevole per comprendere il pericolo nella tua opinione, quindi lavorare per cambiarla.

Insomma, sembra che questa storia sia tutt’altro che terminata.

Ha ventiquattro anni e rimpiange di non averli impiegati bene come Randy Orton. Si consola scrivendo e nutrendo porcellini d'India. Legge i libri di Chris Jericho e ci trova anche lezioni di vita.