Il WWE UK Champion Pete Dunne è stato intervistato dal sito della WWE dopo la conquista del titolo. Ecco gli highlight:

Riguardo il suo rapporto con Triple H:

“È stato molto importante avere avuto un discorso d’incitazione come il suo. Il nostro obbiettivo è sempre stato di uscire là fuori e spaccare senza farci problemi. Sappiamo tutti che il nostro futuro è meno sicuro che se fossimo full-time ad NXT o a SmackDown Live o Raw, perché noi lottiamo per aiutare un’intera compagnia nel Regno Unito, non solo per noi stessi. Andando avanti il mio rapporto con Triple H ho scoperto che dà molto supporto, e ci ha dato una chance per farci un nome.  Per me e Tyler Bate poter mostrare di fronte ad un pubblico che non è familiare con il nostro stile è qualcosa per cui proviamo estrema gratitudine”.

Su chi vorrebbe come prossimo avversario:

“Non mi importa. Può essere chiunque. Voglio essere il più possibile in TV. Voglio che lo UK brand possa andare più in alto che può. Vorrei stare nel ring con Wolfgang, o Mark Andrews, o Trent Seven. Mi piacerebbe molto avere un rematch con Tyler Bate. Più tempo sono nel ring con loro, più tempo abbiamo per assicurare il nostro futuro, e più possibilità ho di mostrare che sono il futuro della WWE”.

Riguardo il suo successo improvviso:

“È stato tutto velocissimo. Ne parliamo spesso. Sinceramente non mi aspettavo così tanto dal mio tryout di sei mesi fa. Pensavo che sarei potuto andare e ingrandire la mia nomea nelle indipendenti o in Giappone, posti del genere. Ma da dov’ero sei mesi fa a dove sono ora (sono stato ad NXT, nel tour di SmackDown Live, nel backstage di Wrestlemania, e ora, a quanto sembra, abbiamo rubato lo scena a tutti gli altri a TakeOver) è un incredibile traguardo in un lasso di tempo così breve. Tutto ciò che ho fatto qui, pensavo mi avrebbe richiesto più tempo”.

Leonardo
20 anni, Roma, appassionato di wrestling da lontano boom del 2006. Seguo parecchie Indy e più ne conosco, meno tempo libero ho, Promotion preferita PWG/Progress. Wrestler preferiti: Roderick Strong, Chris Hero/Kassius Ohno.