Nelle scorse ore, Ronda Rousey ha apostrofato il mondo del wrestling, sottolineando la questione dei finti combattimenti. Questa dichiarazione ha ottenuto grandi riscontri da parte dei suoi fan delle MMA mentre ha suscitato il fastidio sia dei fan della WWE e sia delle colleghe: Lana e Alexa Bliss sono state le prime a rispondere specificando come anche il wrestling sia uno sport di contatto, mentre Nia Jax ha semplicemente promesso di prenderla sul serio a pugni se dovesse rivederla sul ring.

LEGGI ANCHE – Ronda Rousey parla di “finti combattimenti”

Ronda ha poi rincarato la dose in un altro tweet. Ma è davvero infastidita contro il mondo del wrestling? Secondo quanto riportato da Dave Meltzer, la risposta è sì: sembra infatti abbia mal digerito l’uscita dalla compagnia dove i fan di wrestling le hanno preferito Charlotte Flair nonostante il turn heel. Inoltre sembra ci siano stati alcuni problemi di natura contrattuale con i dirigenti della WWE, in particolare a causa del loro continuo riferimento ad un suo possibile ritorno nella compagnia.

Secondo Mike Johnson di PWInsider, le frasi della Rousey sarebbero un modo per strizzare l’occhio verso un ritorno nelle MMA e dunque a Dana White. Dietro questo proposito ci sarebbe anche il marito, già fighter, che vorrebbe rivederla nell’ottagono. Di parere diverso invece Jesse Collings di WrestlingInc: secondo lui, la WWE sta preparando un ritorno on screen della ragazza appena la pandemia sarà passata per recuperare la storyline delle Four Horsewomen.

Chi avrà ragione? Beh, lo scopriremo nei prossimi mesi.

FONTERingsidenews
Simone Spada
Giornalista professionista ed esperto di comunicazione, dal dicembre del 2006 è redattore di Zona Wrestling. Negli anni è stato autore di rubriche di successo come il Pick The Speak, Wrestling Superstars, The Corey Side, Giro d'Italia tra le fed italiane, Uno sguardo in Italia, Coppa dei Campioni, Indy City Beatdown e tante altre. Il primo giornalista in Italia ad aver parlato diffusamente di TNA ed AEW su un sito italiano di wrestling.