La Monday Night War è finita da più di un decennio, la WWE è ormai in regime di semi-monopolio e l’epoca in cui la WCW faceva paura è lontana nella memoria di addetti ai lavori ed appassionati.

Eppure nonostante la WWE abbia acquisito tutte le proprietà della federazione di Ted Turner, è sempre stata restia nell’utilizzare i nomi degli eventi che la resero celebre: da Starrcade ai War Games, tutte queste proprietà sono state più o meno definitivamente messe in naftalina, fatta eccezione per Great American Bash, che è stato un PPV WWE dal 2004 al 2008.

Magari il poco fortunato nome di Great balls of fire di quest’anno ha dimostrato quanto sia difficile trovare nuovi nomi efficaci, eppure l’idea pare sia quella di sfruttare questi nomi per dei nuovi PPV o per degli speciali legati alle singole puntate di Raw e SmackDown Live.

Un esempio potrebbe essere proprio quello di The Great American Bash, che nel 2012 fu riproposto come simpatico speciale di SmackDown.

Giuseppe Calò
Webmaster di Zona Wrestling, quando non è sul ring lavora in un'agenzia di comunicazione di Palermo. Ama il calcio, le serie televisive e la sua adorata Ambra. Se il sito non funziona al 99% è colpa sua.