Nelle scorse ore hanno iniziato a girare dei rumors secondo cui uno dei membri dei Retribution sarebbe potuto essere CM Punk. Il wrestler di Chicago è da molto tempo fuori dalle scene, ha un contratto in essere con Fox e risponde alla taglia fisica dei misteriosi assalitori di Smackdown. Ma non sembra essere questo il caso, dopo che era stato accostato anche alla figura del possibile hacker.

La smentita di RingSideNews

Secondo Steve Carrier, la WWE ha la seria intenzione di sfruttare questa stable per lanciare nuovi atleti. Non è compreso assolutamente CM Punk, che ancora oggi rifiuta di poter tornare sul ring. Peraltro sembra che la compagnia stia sfruttando l’utilizzo di maschere e felpe per provare diversi atleti e trovare la quadra sulla formazione del gruppo.

FONTERingSideNews
Simone Spada
Giornalista professionista ed esperto di comunicazione, dal dicembre del 2006 è redattore di Zona Wrestling. Negli anni è stato autore di rubriche di successo come il Pick The Speak, Wrestling Superstars, The Corey Side, Giro d'Italia tra le fed italiane, Uno sguardo in Italia, Coppa dei Campioni, Indy City Beatdown e tante altre. Il primo giornalista in Italia ad aver parlato diffusamente di TNA ed AEW su un sito italiano di wrestling.