Tutto comincia a Luglio 2014… Big E e Kofi Kingston perdono l’ennesimo match, Xavier Woods si presenta sul ring dicendo che non possono più perdere tempo a baciare bambini e stringere mani. Tutto viene messo in naftalina fino ad arrivare a Novembre 2014, piccoli promo arrivano ad annunciare una nuova stable, il New Day.

Big-E-Xavier-Woods-Kofi-Kingston-Heath-Slater-and-Titus-ONeil

Chi si sarebbe immaginato che avremmo assistito ad una delle migliori idee, made in WWE, degli ultimi anni!? (Non che ci voglia molto eh)

I ragazzi del New Day prendono subito possesso della divisione tag team, vincendo ed interrompendo il regno di Tyson Kidd e Cesaro. Seguono feud più o meno interessanti in cui i tre non smettono mai di annoiarci, inventando sempre nuovi siparietti.

Perfino il ritorno dei Dudley Boyz non basta ad interrompe una streak perfetta. I Dudley tornano per fare quello che riesce meglio alle vecchie leve, mandare over i giovani. Non che il New Day ne abbia bisogno. La freebird rule è una manna dal cielo, coi tre che possono facilmente ruotare per i tag team match. L’anno appena passato sarà anche ricordato per le strane pettinature di Xavier Woods che deve avere lo stesso parrucchiere di Rufio (per chi non lo conoscesse, problemi vostri!).

Xavier-Wood-Rufio-800x427

Quello del New Day è stata quasi un’acclamazione a furor di popolo. Infatti la maggioranza di noi ha optato per il New Day. Infatti dal 26 Aprile hanno fatto un regno di più di 170 giorni, intervallati dall’inutile regno dei Primetime Players, arrivato decisamente “ad mentulam canis”, inutile e “spacca momentum”.

A portarsi a casa qualche voto (2 per la precisione) è stato il tag team formato da Tyson Kidd e Cesaro, che sembravano aver finalmente trovato la loro dimensione in coppia, entusiasmando il pubblico. Eppure l’infortunio maledetto del lottatore canadese è stato un qualcosa di tremendo. Quella dannata muscle buster che ha quasi messo fine ad una carriera troppo sottovalutata. Cesaro invece è stato ributtato in un midcarding, in un limbo, senza senso. Incapace di elevarsi, vuoi un po’ per il booking pessimo, vuoi per il lottatore stesso, Cesaro rimane sempre in rampa di lancio ma non viene mai “sparato” verso la zona Main Event. Non sono qui per parlarvi delle enormi potenzialità del lottatore svizzero, è sotto gli occhi di tutti.

Kidd Cesaro

Vorrei poter spendere qualche parola in più, ma l’annata WWE è decisamente insipida, povera di contenuti per quanto riguarda la categoria tag. Gli innesti di Lucha Dragons e qualche possibile debutto da NXT potrebbero rimpolpare la categoria in modo prepotente. Sperando di essere di nuovo qui tra un anno, parlando di competizione seria tra i Tag Team del Main Roster.

Jordan Gable