“…and a Happy New Yeeeeear!”

Buon Anno ragazzi!!! Come avete festeggiato ieri sera l’avvento di questo nuovo, sfavillante anno solare e la fine dell’oramai decaduto in disgrazia 2015?

Avete organizzato un veglione in una casa privata per non andare a spendere soldi nei locali e vi siete ritrovati in un casolare dove l’unica ragazza presente pesava 100 kg ed al posto del panettone ha portato il suo acne? Avete stappato costose bottiglie di Gancia Gran Dessert (in offerta ad 1,69 € all’Eurospin) fingendo di essere Leo di Caprio ne “Il Grande Gatsby”? Dopo la sesta bottiglia la sopracitata ragazza vi è sembrata stranamente attraente nella sua rotondità? Avete passato la serata più magica dell’anno assieme alla vostra famiglia, ubriacandovi come le merde e vomitando il cotechino con le lenticchie verso l’una di notte? Avete guardato il messaggio del Presidente della Repubblica ma non avete capito una mazza perché l’unica frase ciclica entrata nel vostro cervelletto è stata “shhhh, sta parlando il Presidente!!!”? Avete ammirato Carlo Conti insciarpato intento a guidare il trenino lanciato dai sempiverdi Los Locos, liberati in occasione di Capodanno dalla loro prigione criogenica? Avete passato la serata a grattarvi i genitali alla luce delle mutande 100 % nilon di colore rosso regalatevi da vostra zia Marta? (Solo per i residenti in Campania) Avete dato fuoco a qualsiasi oggetto pirotecnico presente lungo le affollate strade partenopee causando danni di lieve entità ad oggetti e/o fabbricati?

Se rientrate in una delle folte categorie sopra citate…vi sono vicino, vi auguro un buon inizio anno e vi invito a leggere l’articolo di oggi, su uno dei premi più ambiti, il Wrestler of The Year!

Wrestler of The Year: Seth Rollins

Un vero e proprio plebiscito: Seth trionfa con il 90,5% dei voti stracciando la concorrenza rappresentata dal solo Cena, che si accaparra un dignitoso 9,5%. C’è poco da dire in merito alla questione: questo 2015 è stato l’anno di Seth Rollins, sotto molti punti di vista. Partendo dalla Rumble, in cui ha saputo tenere botta in un incontro meraviglioso con i suoi compagni di danza Cena e Lesnar (non proprio due neofiti), passando da Wrestlemania, notte in cui ha incassato il MITB vincendo il Titolo del Mondo ed infine arrivando ad un regno di 221 giorni, interrotto solo da un infortunio in un house show. Il regno di Rollins ha avuto luci ed ombre: splendidi incontri, ottima alchimia con la J&J Security, tanto spazio costruttivo al microfono e qualche vittoria di rilievo assoluto…ma anche troppi schienamenti evitabili (soprattutto durante gli spettacoli televisivi) ed in alcuni frangenti troppo poco spessore dato ad un character talvolta appendice dell’Authority, spesso dipinto a ragion veduta come un “Campione debole”. Nonostante queste piccole zone d’ombra, tuttavia, possiamo sicuramente definire l’anno di Rollins come un anno che sa di consacrazione: quando tornerà, l’ex Campione sarà un babyface acclamatissimo (uno dei pochi heel “puri” a vincere uno Slammy, just sayin’) in grado di puntare in modo immediato alla zona più alta della card. La crescita del suo personaggio, del suo spessore in quanto “superstar”, della sua confidenza al microfono e della sua capacità di guida sul quadrato sono state esponenziali: speriamo che al suo rientro vi siano già le idee chiare su quale strada percorrere dal punto di vista creativo.

Menzione di merito per Cena, che in particolar modo dopo la conquista del Titlo US a Wrestlemania ha offerto, con la sua open challenge, un motivo di interesse costante durante i piatti lunedì sera di wrestling, garantendo uno spotlight per personaggi che altrimenti non lo avrebbero avuto e tanto, tanto buon lottato. Una delle parentesi maggiormente apprezzate ed apprezzabili della carriera di Big John.

In questo contesto è interessante osservare come nessun voto sia stato sciorinato per l’agrodolce Reigns, nonostante l’annata importante sotto molti punti di vista.

19 Seth Rollins: Alessandro Silvestrini, Giuseppe Mangeruca, MarcoManiac83, Antonio The Rabid, Marsupilami, 8-Bit, Vittorio Pisapia, Sergio Poli, YMSC, Girolamo, Luca Grandi, Mauro The Chosen One, GiovyPitz, Danilo, LuchaKappa, Matteoladarola, Bazinga HWF, ChristiaNexus, Corey

2 John Cena: Taigermen, Marco Giannelli

Detto questo non mi resta che ri-augurarvi un ottimo inizio anno…ovviamente nell’insegna del ruestling!

Danilo

 

Danilo
Atarassico, eclettico, nuotatore tendenzialmente pigro, amante dei fagioli con le cipolle, delle serie tv, dei manga e delle botte di Natale. Lavora anche, ma solo nel tempo libero.