Bully Ray, durante una puntata di "Talk is Jericho", ha rivelato un curioso retroscena, ossia di avere diretto, diversi anni fa, alcuni film pornografici. Peraltro, il neo TNA Hall Of Famer ha detto a Chris Jericho:

Pubblicità

"Da bambino volevo fare tre cose; volevo diventare un wrestler, volevo diventare una rockstar e volevo fare il pornoattore."

In particolare, l'esperienza di Bully Ray nel porno sarebbe stata frutto di una collaborazione con Rob Black, un regista, nonché appassionato di wrestling, che lo storico membro dei Dudley Boyz incontrò ad un live event della ECW tenutosi a Rochester. Ora, Black avrebbe voluto lavorare nel mondo del wrestling, mentre Ray voleva dirigere film per adulti. Nel giro di una settimana, entrambi riuscirono a realizzare i propri desideri poichè, il primo è diventato un promoter e, contemporaneamente, il secondo ha diretto alcuni film pornografici cui ha preso parte, su richiesta espressa dello stesso Bully Ray, Ron Jeremy, famoso attore pornografico. Di fronte alla richiesta di Chris Jericho di rivelare i titolo di questi film, Bully Ray ha risposto: 

"Non penso di poterli dire mentre siamo in diretta."

 

Fonte: EWrestlingnews.com & ZonaWrestling.net

ChristiaNexus
Cercatore di notizie nonché, occasionalmente, editorialista, reporter e co-fondatore e co-curatore della rubrica "La Theme Song del giorno". Appassionato di wrestling di lunga data che odia l'ipocrisia e l'apriorismo sterile. Il suo compito è portare avanti l'opera di salvezza intellettuale avviata da Damien Sandow, ora noto come Aron Rex, a costo di passare per grammar nazi. Segue, in un'ottica dialettico-inclusiva, tante federazioni, dalla WWE alla PWG, passando per TNA, ROH, NJPW, NOAH e Lucha Underground. Il Nexus, Christian, CM Punk, Daniel Bryan, Seth Rollins, Bray Wyatt, Undertaker, The Brian Kendrick e, ovviamente, Damien Sandow, ora noto come Aron Rex, sono tra i suoi lottatori preferiti, senza dimenticare AJ Styles, Chris Hero, "Broken" Matt Hardy, il Bullet Club, i War Machine, Pentagon Jr, Minoru Suzuki, Satoshi Kojima, Tomohiro Ishii e Togi Makabe.