Questo è un argomento che volevo trattare da molto tempo, dunque è arrivato il momento di discuterne con voi. Let’s roll.

Pubblicità

 

Tutti, me compreso, ci siamo chiesti almeno una volta il perché alcuni wrestler fantastici sul ring e non solo, non riescano a sfondare in WWE. Cesaro, Tyson Kidd, William Regal, e molti altri, non sono riusciti ad arrivare ai livelli di gente come John Cena, Hulk Hogan, e per nominarne uno molto molto recente, Seth Rollins. Questo perché? Per il semplice motivo che per sfondare in WWE, bisogna essere completi. Ci sono certi canoni da rispettare, se si vuol diventare un pezzo grosso, ed ora li andremo ad elencare.

 

Vi anticipo che prenderò più volte in considerazione John Cena, dato che è ancora oggi il volto della WWE.

 

Aspetto: duole anche a me parlare di aspetto nell’ambito del pro wrestling, ma ormai tutti lo sappiamo, che per essere parte dei piani alti della WWE, si deve avere un look al passo coi tempi, ma allo stesso tempo sobrio. Fisico scolpito, nessuno o pochissimi tatuaggi, 0 cicatrici, bisogna essere impeccabili. Esempio lampante: il pubblico preferirebbe un fisico alla John Cena o un fisico alla Bryan per un ipotetico nuovo volto della WWE?

 

Intrattenimento: l’intrattenimento è fondamentale. Guardate Seth Rollins, fantastico al microfono, eccezionale come heel. Pochi come lui riescono a farsi odiare ed amare dal pubblico. Quanti wrestler non sono riusciti a sfondare per carenze al microfono? Purtroppo, come già accennato poco fa, è di poco conto esser bravissimi sul ring, presentando carenze in questi campi.  Apro adesso una piccola parentesi per la catchprhase di un wrestler, che può sembrare una cosa da niente ma è fondamentale per rimanere impressi al pubblico. Daniel Bryan, Stone Cold, The Rock, John Cena, Sami Zayn ai tempi delle indie, sono tutti wrestler che si sono distinti da tutti gli altri per le loro frasi ad effetto. Anche noi, quante volte abbiamo nominato le loro catchphrase anche in altri ambiti?

 

Gimmick: parlando dell’aspetto, dell’intrattenimento, ed anche della catchphrase, ci colleghiamo inevitabilmente alla gimmick. Noi, che siamo a tutti gli effetti parte integrante dell’universo WWE, amiamo alla follia quei wrestler che grazie alle loro gimmick sappiano farci divertire ed esaltare fino ai massimi livelli. I wrestler con gimmick noiose, arrivano addirittura a farsi odiare. Molti colmano le loro lacune sfruttando a pieno il loro personaggio, così da risultare, seppur non completi, validissimi worker. Recentemente abbiamo avuto l’occasione di vederne parecchi, come ad esempio Dean Ambrose, lo stesso Seth Rollins, Bray Wyatt e altri ancora.

 

Parco mosse adeguato: non serve avere un parco mosse infinito o spettacolare. O meglio, bisogna sapersi adattare. Il primo nome che mi viene in mente è Sin Cara. Fallimento totale in WWE, per via sì degli infortuni, ma anche per via della poca comprensione dello stile WWE. I luchadores sono spettacolari, ma per stare nella federazione di Stamford bisogna saper adottare un certo tipo di lottato, così da potersi amalgamare con qualsiasi lottatore sul ring. John Cena, sul ring, non è affatto un pessimo wrestler come molti dicono, ma è semplicemente una garanzia. Buon lottato che garantisce come abbiamo visto recentemente, ottimi risultati e tanto spettacolo.  

 

0 (o quasi) guai dentro e fuori dalla federazione:  mi pare un punto abbastanza ovvio. Se vuoi essere il migliore, devi rigare dritto. Ne ho parlato di recente nel blog riguardante Hogan, riguardo l’importanza di non fare danni. Poi ci sono le eccezioni, ma questo è un discorso a parte.

 

Impegno: ancora una volta, ancora lui in esempio: John Cena. John Cena, per essere quello che è oggi, ha dato anima e corpo. Ha abbandonato o rifiutato molti progetti ambiziosi, a costo di rimanere un membro fisso e di rilievo nell’universo WWE. Ha partecipato ad innumerevoli show consecutivamente, senza quasi mai fermarsi, tralasciando ovviamente i periodi di stop degli infortuni. E quando è dovuto tornare in azione, lo ha quasi sempre fatto alla grande.

 

I canoni, secondo i quali un wrestler potrebbe essere il volto della WWE, sono terminati. Se ne avete altri, non esitate a commentare. Ora vi lancio una domanda, come sono solito fare dopo ogni blog.

 

Chi saranno secondo voi i 3 prossimi volti (o comunque pezzi grossi) della WWE? Io cito senza dubbio Seth Rollins, Daniel Bryan e Finn Balor.

 

Grazie per aver letto tutto fino alla fine, ciao e alla prossima.