L’attuale ROH Champion, Cody Rhodes, è stato intervistato da FanBuzz.com. Ecco gli highlight:

Pubblicità

Il suo corto periodo in TNA:

“Brandi stava guardando Maria e Mike Kanellis su Pop e voleva unirsi a loro. Non era nei miei piani andare lì, ma ho pensato che avrei potuto aiutarla a realizzare il suo sogno. Non ho nessun rimpianto con loro. Potrebbe sviare i fan il fatto che ho firmato per poche date per poi non rinnovare. In realtà non volevo diventare un membro fisso del roster, volevo solo esserci quando volevo. Me lo hanno lasciato fare, e lo rispetto molto”.

Il suo approdo in ROH:

“Nel primo momento in cui ho messo piede a Final Battle all’Hammerstein Ballroom, non appena ho incontrato Gary Jester, che lavorava per la WCW ed era un vecchio amico di famiglia, l’istante in cui ho capito quanto organizzati e professionali fossero, ho capito che quello era il posto per me. Ho lasciato la WWE non per i soldi, ma per esplorare fino in fondo l’esperienza del wrestling. La Ring of Honor può offrirmi quest’opportunità”.

Cosa prevede per il suo 2018?

“Se dovessi aggiungere qualcosa alla mia lista, sarebbe lottare in un’arena da 10.000 persone. Ho visto cosa la New Japan è riuscita a fare a Long Beach, cosa è riuscita a fare la ROH con i suoi show, mettendole insieme sarebbe più che possibile raggiungere 10.000 spettatori”.