Circa due settimane fa usciva su questo sito un articolo in cui il sottoscritto parlava del ritorno di Davey Richards, dopo esser rimasto fermo circa 9 mesi per un infortunio al legamento crociato anteriore. Nell’editoriale ho parlato di quale può essere il suo apporto a questa TNA, soffermandomi sul suo possibile turn heel, visto che on screen la TNA stava andando verso tale direzione con gli Wolves. La scorsa settimana si è realizzato proprio quanto ipotizzato: Richards tradisce Edwards e turna heel insieme alla moglie, coinvolta nel feud insieme ad Alisha, la signora Edwards. Sono meglio del pendolino di Mosca? Nah…era una cosa abbastanza scontata ma l’esecuzione è stata perfetta e spesso fare cose scontante non è una cattiva idea.

Pubblicità

 

Tuttavia oggi mi sembra giusto parlare anche di Eddie Edwards, dopo che in passato abbiam parlato di quello che è ormai diventato il suo ex tag team partner. Edwards è appena uscito da un regno titolato da campione del mondo TNA non esaltante, regno meritato ma che non ha reso giustizia al suo talento. La vittoria del titolo è stata a sorpresa e la TNA ci ha giocato sopra bene a questo fattore, visto che Lashley pareva imbattibile dopo aver sconfitto anche ECIII a BFG. Ma la troppa sicurezza gli è costata il titolo contro un atleta che in due occasioni aveva già sfiorato l’impresa ed alla terza si è fatto trovare pronto. Se l’inizio è stato buono quanto successo nel mezzo decisamente meno, visto che Edwards ha avuto la classica gestione da Paper Champion, come quei campioni heel arrivati per caso e che non difendono mai la cintura in maniera convincente e pulita. Per gli heel questa gestione funziona visto che devono saper sfruttare ogni situazione a loro vantaggio per vincere, ma per un face è una gestione senza senso, visto che il tuo campione è stato fatto passare come uno che ha vinto sempre fra le controversie e quasi arrivato lì a caso. Controversie che ci sono state in tutte le difese: prima un conteggio veloce dell’arbitro, poi due pareggi (a TND il match con Lashley non è mai terminato), poi il ritorno di Richards a salvare il regno ed infine una serie di interferenza in quella che rimane l’ultima difesa con successo di Edwards. Se già da alcuni era visto come un campione poco credibile in partenza, sicuramente il booking non lo ha aiutato sotto questo aspetto.

 

Tuttavia, qualitativamente Edwards ha sempre fatto delle ottime difese visto che è riuscito a tirare fuori il massimo da ogni sfidante. Non sarà mai un fenomeno nell’extra ring ma Edwards è ancora uno dei migliori wrestler nel roster TNA e contro il giusto lottatore sa fare facilmente un buon match ed è anche per questo motivo che si è meritato di vincere il titolo dopo una carriera piena di soddisfazioni.

 

Ora per Edwards il feud con l’amico Richards sarà la prova del nove, visto che a seconda di come andrà a finire, avrà delle ripercussioni sul suo status in TNA. Uscire bene da questo feud vuol dire consolidare il suo posto fra i top face della TNA attualmente insieme ad ECIII (anche se non a lungo visto che il buon Ethan torna nelle fila degli heel a breve secondo me),Uscire bene da questo feud vuol dire diventare uno dei main eventer della TNA, dopo esser stato un gran tag team wrestler ed aver creato interesse nel midcard intorno alla X Division nel periodo in cui lottava per il titolo. Edwards è amato dal pubblico ed è abbastanza over, ma pecca nell’extra ring e si è notato abbastanza nei vari confronti con ECIII e Bobby Lashley. Questa sua pecca può esser sistemata proprio nel feud con Richards, visto che tendenzialmente, i feud fra gli ex tag team partner riescono a portare fuori il meglio da diversi wrestler.

Tuttavia uscire con le osse rotte da questo feud vuol dire salutare la zona main event in primis, tornare ad essere un onesto wrestler che serve nel momento del bisogno e salutare anche le possibilità di avere un secondo regno titolato.

 

Personalmente credo che questo feud abbia tanto potenziale, non soltanto perchè mi aspetto dei buoni match da parte di entrambi, ma anche per merito del coinvolgimento delle loro mogli nella rivalità. Normalmente sono contrario a questo cose però mi sento che permetterà ad entrambi di variare e tirare fuori qualcosa di diverso rispetto ai precedenti confronti e su due piedi credo che sarà il rilancio di Edwards nella zona main event, zona in cui entrambi meritano di stare. Wolf vs Wolf. Che vinca il migliore.

Mauro Chosen One
Nato in un paesino sperduto fra la nebbia della bassa Bergamasca, scrive per Zona Wrestling da 4 anni. Reporter di Impact, co-fondatore e co-curatore della rubrica "La Theme Song del giorno", editorialista a tempo perso. Tifoso sfegatato della Juventus e del Liverpool. Ha visto i suoi Dallas Mavs vincere le Finals. Si ritiene un gran fan di Edge,Scott Steiner, Drew Galloway Gail Kim, Emma, Bobby Roode, AJ Styles, Eli Drake, ECIII, Revival e tanti altri wrestler che non son tifati manco dai loro genitori. Sogna di diventare il nuovo Ron Burgundy.
  • The Samoan Submission Machine

    Sicuramente usciranno dei match pazzeschi.

  • Irish Tommy

    ”Ora per Edwards il feud con l’amico Edwards sarà la prova del nove”
    Lottare contro sè stessi è sempre difficile.

  • Tony Dillinger Terry

    Bitch Boy Bobby è una delle cose più traumatizzanti che abbia mai sentito