10. KOFI KINGSTON

La Royal Rumble è il suo habitat e come di consueto ecco che puntualmente arriva il salvataggio in extremis di Kofi. Non proprio spettacolare come nelle edizioni passate ma è il giusto premio per l’originalità. Davvero curioso il modo in cui è rimasto appeso al sostegno per poi rientrare nel match. Se c’è la rissa reale, Kingston è una garanzia.

 

9. PERFECT 10!

L’occasione era da cogliere al volo, il numero 10 era destinato a terminare nelle mani di Dillinger e per la nostra gioia così è stato. Sicuramente l’entrata con il maggior hype. Sul ring una discreta performance ma come inizio non si poteva chiedere poi più di tanto. Il pubblico inneggiava “TEN” durante il countdown e il suo ingresso rimarrà scolpito nelle nostre menti negli anni a venire.

 

8. JAMES ELLSWORTH, ENZO AMORE e JACK GALLAGHER

Tre uomini per un posto solo. Posizione interamente dedicata per coloro che hanno tentato di ripetere le gesta dell’unico e inimitabile Santino Marella.
Cosa dire di Ellsworth? Dopo la propaganda messa in atto nei giorni antecedenti al ppv, di certo James non poteva saltare il grande appuntamento e sebbene sia stato immediatamente eliminato, la sua partecipazione merita senza ombra di dubbio una menzione all’interno della TOP 10. Prima la presa per il culo da parte di Ambrose e poi la devastante eliminazione ricadendo dolorosamente al suolo. Più che un atterraggio, lo definirei uno schianto!
Sorte leggermente diversa per Enzo che è stato brutalmente aggredito da Lesnar, un azione del tutto in linea con il character di Amore. E infine l’inglese Gallagher, unico cruiserweight a prendere parte alla Royal Rumble che ci ha dilettato con il suo inconfondibile stile, che ci ha fatto fare due risate e che ci ha piacevolmente intrattenuto anche grazie al suo nuovo migliore amico ombrello. Grazie di esistere!

 

7. 61 MINUTE MAN

Chris Jericho è stato come al solito in assoluto il mattatore della serata. Nonostante sia effettivamente durato 61 minuti, gran parte del tempo lo ha trascorso al di fuori del ring o al tappeto. Una performance priva di manovre esaltanti, tutto vero, eppure Y2J ha ugualmente fatto strike, brillando come in pochi sono capaci. L’attuale character faceva presagire a ciò che abbiamo realmente assistito durante l’incontro e l’essere arrivati fino alla fine del Royal Rumble Match ha fatto si che l’idea di vederlo trionfare, per poi andare 1vs1 con il suo best friend Kevin Owens a Wrestlemania, continuasse a crescere di minuto in minuto. Un sogno che non si è avverato ma che ha dato un impronta ben distinta.

 

6. THE NEW DAY vs CESARO & SHEAMUS

Una sfida nella sfida quella vissuta tra i due tag team di Raw, dove entrambi hanno lavorato guardando le spalle al proprio alleato. Ma se per il New Day c’è stata una totale collaborazione, per Cesaro & Sheamus c’è stato un ritorno alle origini, un riproporsi delle vecchie ruggini che è tornato in auge dopo la sconfitta del match titolato nella stessa serata. Una scelta impeccabile da punto di vista della storyline. Da evidenziare il doppio braccio teso degli ex tag team champion ai danni del trio dopo che Big E aveva in extremis salvato Kofi and Xavier.

 

5. LUKE HARPER vs BRAY WYATT

La puntata di Smackdown antecedente al ppv, ci aveva lasciato con un punto interrogativo e si attendeva la Rumble per avere delle risposte che sono piacevolmente arrivate. L’ingresso di Randy nella famiglia Wyatt non è mai stata tutta rose e fiori, l’astio tra The Viper e Luke va avanti da settimane e vederli uno contro l’altro è stato del tutto normale, l’esatto opposto dell’attacco al proprio leader da parte di Harper. Una mossa sorprendente dato il legame tra i due e il trascorso. Una vera e propria lotta in famiglia con Randy nei panni del nuovo braccio destro di Bray con un Luke furioso e riluttante tanto da attaccare il proprio mentore.

4. GOLDBERG vs LESNAR vs THE UNDERTAKER

Ci si poteva immaginare un duello alla pari con qualcuno che magari ne approfittasse eliminando le tre icone e invece…Spear e Brock che termina al di la della terza corda. Se il match-lampo di Survivor Series aveva colpito in positivo per come Goldberg si fosse liberato della bestia nel giro di un battito di ciglia, alla Royal Rumble a stupire è stato il bis di quanto avvenuto mesi fa. Ulteriore impatto positivo lo scontro inedito tra Da Man e The Phenom con la Spear di Goldberg risultata inefficace dato il risveglio di Taker e l’eliminazione su Goldberg. Lo scontro tra titani era una delle prime attrazioni della Royal Rumble specie dopo l’assaggino che la WWE ci ha gentilmente offerto a Raw. Un immagine che non dimenticheremo mai e che con quasi assoluta certezza non accadrà più. Once in a lifetime.

 

3. BRAUN STROWMAN

Il gigante non ha eguagliato il record delle 12 eliminazioni di Roman Reigns, ma ha ugualmente vissuto la RR 2017 come protagonista principale. Avrebbe avuto un maggiore impatto se fosse giunto alla fase finale ma l’eliminazione arrivata dopo un attacco di massa equivale ad un bel pollicione in su. Ragguardevole le eliminazioni ai danni di tre big man come Big Show, Mark Henry e Big Cass, senza dimenticarsi l’eleganza nel liberarsi di due pesi leggeri come Kalisto ed Ellsworth.
Interessante anche il ritrovarsi faccia a faccia con Sami Zayn. Una volta entrato sul ring, il match ha avuto uno scossone passando dalla 1a alla 4a marcia in un istante.

 

2. ROMAN REIGNS vs TUTTI


Il “tutti” è voluto e d’altronde è quello che le nostre orecchie hanno potuto udire. Reigns è sempre oggetto di discussione specie se parliamo di RR. Nel 2014 la disperazione per l’eliminazione a causa di Batista, nel 2015 la protesta per il trionfo, nel 2016 la felicità per la sconfitta e la conseguente perdita del titolo del mondo, ed oggi la doppia sensazione. La protesta per come trentesimo ed ultimo uomo, la protesta elevata alla potenza per aver eliminato The Undertaker, e la gioia con tanto di lacrime per l’eliminazione subita da Randy Orton. Reigns è una miniera d’oro, che sia nel bene o nel male fa sempre parlare di se. Che lo si ami o lo si odi, Reigns catalizza l’attenzione di ogni singolo individuo. Aspetti tutt’altro che negativi. Ancora una volta è stato uno dei protagonisti principali, che lo vogliate o meno.

 

1. LA VITTORIA DI RANDY ORTON


Probabilmente l’edizione appena trascorsa è da individuare come una delle meno pronosticabili. Solitamente nei giorni che precedono la Rumble leggiamo nomi, percentuali e probabilità, ed invece questa volta a regnare era l’incertezza. Individuare 2/3 nomi era alquanto complicato e di certo tra questi non configurava quello di Orton. Sorprendere diventa un impresa sempre più ardua ma quello che è stato tirato fuori dal cilindro si tratta proprio di un bel coniglio. Tra le tante nuove leve che lottano duramente all’interno della giungla, il ritorno al trono e l’ascesa della vipera era altamente improbabile, specialmente tenendo conto degli infortuni che hanno tenuto Orton lontano dal ring. Ma come un fulmine a ciel sereno, il ritorno del Legend Killer, nella veste del nuovo braccio destro di Bray Wyatt in questa nuova avventura con uno spirito del tutto differente. Ridare nuova linfa ad una delle colonne del nuovo millennio non era affatto semplice ma con il lavoro svolto nell’ultimo periodo e con la vittoria della Royal Rumble, nessun ostacolo sembra insormontabile.

  • enricomega

    È da giorni che mi chiedo come sia possibile tutta l’attenzione che la WWE ha nei confronti di Reigns. Ed il problema è che, imho, Reigns non catalizzi l’attenzione come tu dici, Reigns è indifferente, non odiato. A me, e come mi pare di leggere in vari commenti, non frega proprio nulla di lui e di tutto quello che fa. Non voglio veder perdere Reigns, voglio che sia, almeno per un un periodo mediolungo, nell’uppercard massimo (a feudare con strowman per lo us). Invece no, cacciato a forza nel main event, indistruttibile ed inarrestabile. Ho 22 anni, siamo nel 2017, queste cose, come spero tanti altri, nel main event non le voglio vedere, a maggior ragione quando il buon Roman non ha nessun tipo di sostegno da nessuna categoria di fan. Cena dal 2008 a pochi anni fa era l’idolo delle famigliole, e con il tipo di prodotto che la WWE ha proposto nella pg era, il tutto era più che logico. Prodotto che in molti hanno odiato. Cena rappresentava un vero e proprio supereroe, con il suo buonismo ed i suoi slogan, che un fan WWE di più di 10 anni e meno di 40 non poteva sopportare (siamo la generazione Breaking Bad). Quindi i match con Punk, RVD, Bryan erano catalizzanti, perchè il personaggio di Cena era fortemente ODIATO, ed in ogni ppv speravi perdesse, ma Cena è un fenomeno al microfono, con un carisma al microfono e non sarebbe mai stato indifferente. Invece Roman non lo vorrei proprio vedere lottare, capisci la differenza?
    Infatti, per me, la Rumble è finita già quando è entrato col numero 30, e la gente che dice “evviva ha vinto Orton, ha perso Reigns” dev’essere stretta parente di chi si tappava il naso e votava DC.
    Siamo fans, abbiamo il diritto di non accontentarci. (Ometto il fatto di quanto sia ridicolo far vincere Orton, dopo 13 anni in WWE, per costruire un match con Wyatt che poteva benissimo essere raccontato senza).
    ps Con gli altri 8 punti sono d’accordissimo, togli Reigns e la vittoria di Orton, Rumble bookata alla perfezione.

    • Irish Tommy

      ”Roman non ha nessun tipo di sostegno da nessuna categoria di fan”
      Purtroppo non è cosi, soprattutto negli States.
      E comunque, tutti a lamentarsi e a bestemmiare in sanscrito ma ha perso sia il match per il titolo sia la Rumble.

      • enricomega

        Ma bestemmio, sì. Reigns ha perso per modo dire. Ha distrutto Owens, numero 30 alla rumble ed ultimo uomo, molto probabilmente match con Undertaker a WM e top face di Raw. Ma non sono infastidito da tutto questo, non sopporto l’incoerenza e il paraculismo imperante stile WWE. Forse hai ragione tu, ma non capisco come sia possibile che vadano giù le arene per Bryan e Styles e Reigns riceva bordate di fischi da tutte le arene. Inoltre, quando aveva il titolo, gli house show che lo vedevano headliner vendevano meno di quelli di Ambrose. Su internet non ho mai conosciuto un fan di reigns, chi sono questi fan?
        Ma sono l’unico a vedere Reigns come un vero e proprio corpo estraneo?

        • enricomega

          Poi magari vende un sacco, piace un sacco ed allora chapeau, ma mi pare che il wrestling stia cambiando. Dal brand split e dal successo di nxt non ti pare un prodotto decisamente diverso da quello proposto in passato, molto meno pg e più “improntato al passato” (ruthless aggression-attitude era)? Ecco Reigns è pura pg era, a mio avviso completamente fuori contesto, non accetto il piede in due scarpe.

          • Irish Tommy

            E’ in continuo cambiamento, ma sinceramente non penso tornino a quei tempi. (Per questioni di sponsor, di tv,ecc..)
            E poi appunto un 25/30enne che va a vedere uno show magari si prende la t shirt ma ci spenderà sempre meno che una famiglia intera che compra persino quei cosi da unicorno del New Day.
            Reigns si può dire che non abbia molto carisma, ma se domani cambia tutto e gli dicono ”vai la fuori e fai l’elicottero con la ciolla” lui lo fa. Non è che un wrestler è più o meno ‘pg era’ di un altro, è tutto in mano ai producer e ai writer.
            E a al grande capo, ovviamente.

        • Irish Tommy

          Oramai viene fischiato per moda, non è neppure più odio, arriva Reigns e lo fischiano.
          I fan di internet non sono gli stessi che tifano Reigns, ma non sono neppure quelli che portano tutta la famiglia a vedere i ppv, comprano merchandise, ecc.. Poi ti ripeto, negli States hanno opinioni molto molto differenti dalle nostre.
          E’ stato sicuramente un corpo estraneo tempo fa, ma dal momento in cui lo fanno perdere e sta sul catso a tutti comunque, che cosa devono fare? Buttare via anni di lavoro?
          Per esempio, dici che non ti va bene che vada a WM contro Taker, ma scommetto che non ti sarebbe neppure andato a genio vederlo in un match per lo Universal, giusto? Quindi che devono fargli fare? La valletta a Gallagher?

          • enricomega

            Urca, tanta carne al fuoco. Allora partiamo un attimo dal prodotto, a mio modo di vedere si stanno allontanando dalla pg era, ed il programma mi sembra un po’ più adulto, più curato nei particolari, con un linguaggio di trama più articolato, con una apertura alle indies (seguita da “smart”) che mi fa pensare. La WWE è un azienda globale, chiaramente i gusti sono cambiati, e quindi certi contenuti non sono più proponibili, niente da ridire.
            Detto questo, secondo me, una bella fetta di pubblico della WWE si aggira su internet, basti vedere WC quante views ed iscritti si fa. E non sono d’accordo sul fatto che questi non possano essere un’ottima fonte di ricavo (il network se lo fa uno smart o un bambino?). Inoltre, perché nessuno contesta il New Day o Bryan, che piace ad adulti e bambini. Continuo, non sono così sicuro che Reigns sia il modello perfetto da proporre alle famiglie, il Big Dog che spacca i culi.
            Detto questo, non odio assolutamente Reigns (ai tempi dello Shield mi piaceva tanto quanto gli altri due, perché aveva un ruolo e lo svolgeva alla perfezione) e potrebbe anche piacermi se avesse una costruzione coerente, e non forzata. Altro neo al suo personaggio è l’assenza di miglioramento ed evoluzione, io contesto fortemente il piattume del suo character ed il fatto di non ricordarmi nessuno dei suo promo.
            Lo fanno perdere, sì (ricordiamo che è stato sospeso, non so come sarebbe andata altrimenti), ma dopo qualche mese, eccolo lì, di nuovo nella zona altissima della card, senza nessun merito (lavorare duro non significa nulla, impegnarsi idem, lo fanno tutti).
            Perché non andarci un attimo piano, mi sta bene il titolo US, e faglielo perdere contro Strowman a WM, e riparti da lì, con calma. Magari con un bel turn heel, se dimostrerà di eccellere, sono il primo a volerlo nel main event.
            Ps. Per lo Universal title avrei voluto vedere Owens vs Jericho, sinceramente, altrimenti accetto Goldberg vs Lesnar (starpower clamoroso e risposta eccellente dal fan medio #nostalgiacanaglia).

          • Irish Tommy

            Il costo annuale del network corrisponde circa al costo medio di un biglietto per un ppv, quindi non saprei se è paragonabile contando anche quanti show fanno.
            Sono d’accordissimo sul fatto che Reigns non si sia mai evoluto a livello di character e latita un pò nel carisma, ma oramai lo hanno costruito(male eh) e finchè chi di dovere ci conterà sopra rimarrà vicino al main event(salvo casi clamorosi)
            Per il turn non saprei, temo che si passerebbe davvero all’indifferenza se non gli cambiano qualcosa.
            8-9 titoli mondiali non glieli toglierà neppure la drocca.

        • _Romanov_

          Io sono un fan!

          • enricomega

            Fantastico, l’intento del post era proprio questo, sentire l’altra campana. Puoi spiegarmi cosa ti piace del suo personaggio?

          • _Romanov_

            Il look ( non sono omosessuale) ma il ragazzo ha un look perfetto, il suo attire contribuisce molto. Le faide che gli hanno costruito attorno, da quella con Lesnar , alla rincorsa per il titolo mondiale l’anno scorso. Non saranno state ricche di promo intensi, ma a me, ovvero uno che si fa intrattenere dalla WWE, sono piaciute. Mi piacciono i miglioramenti del ragazzo, palesi e costanti. Il suo move-set che per quanto limitato (dalla WWE credo io) è eseguito molto bene. Mi piace la potenzialità del personaggio , che potrebbe diventare un heel cazzuto come pochi, ed infine il fatto che questo ragazzo venga fischiato e odiato (spero sportivamente, ma molta gente dimostra di odiarlo sul serio) da tantissimi, senza che gli venga data una seconda occasione e senza ammettere i suoi netti miglioramenti, me lo fa stare molto più simpatico.

      • Francesco Pucci

        si ma ha eliminato Undertaker ed ora ce lo ritroveremo a WM probabilmente a far terminare la carriera del becchino,è questa la porcata che tutti contestiamo!

        • Irish Tommy

          Una carriera che doveva terminare almeno tre anni fa.
          Ha 80 anni per gamba oramai, faranno sto match di 8-9 minuti al massimo, hall of fame e finiamola li.
          Preferivi andasse per il titolo Universal?Perchè se la gente spera che siccome non merita di stare li allora a WM lo infilano nella Andre The Giant Memorial rimarrano molto delusi.
          Per la WWE è un main eventer, punto.
          Un maineventer a WM lo mandi per il titolo oppure gli fai fare un match contro qualcuno con un certo starpower.

          • TagliateIlPassato

            Concordo,e il match contro Taker non mi dispiace.
            Certo,ci sarebbe una certa delusione veder terminare la carriera del becchìno da uno odiato dal pubblico,ad Orlando poi con Reigns non ne parliamo…
            Però hai ragione,veder Reigns contro Gallagher fa un effetto strano perché incosciamente anche per noi è un Main Eventer e quindi ha bisogno solo di certi match

    • _Romanov_

      Invece non è vero, l’indifferenza è ben altro (leggasi definizione sul dizionario), Reigns catalizza l’attenzione.

      • SecondCitySaint

        Ed è uno dei migliori in questo

  • Irish Tommy

    Kofi che, giustamente, per scappare da Corbin si va a mettere nel punto più vacillante e pericoloso del ring.
    Sulla caduta di Ellsworth non ho capito se è stato Braun a non sollevarlo abbastanza o lui che ha sbagliato a tenere le gambe basse. Un mezzo botch.
    Il fatto che uno possa scendere dal ring e sgranchirsi le gambe per degli interi quarti d’ora come ha fatto Jericho non è il massimo. A voler vedere legittima chiunque a entrare sul ring, scivolare sotto le corde e andarsi a bere un caffè.
    Divertenti le interazioni tra Sheamus e Cesaro, l’unico problema è che se splittano andremo a rivederci un match che abbiamo visto già mille volte.(anche abbastanza recentemente)
    Luke Harper epico, delle volte mi chiedo come mai non sia stato lui il leader della Family, ha quel non so che da Charles Manson.
    Non mi è piaciuto per niente come è stato buttato fuori Ricamino, un sacco di patate praticamente.
    Reigns, nonostante tutti criticano la sua entrata al numero 30, ha dato un pò la scossa nel finale, facendomi tifare per qualcuno almeno.

    • SecondCitySaint

      Assieme ad Ambrose ci metterei pure Ziggler

  • Francesco Pucci

    ma come Orton non configurava tra i nomi pronosticati!? ma se da due o tre giorni prima della Rumble i bookmakers lo davano a 1!!! meno del Barcellona in casa contro l’ultima in classifica per intenderci…..era scontatissima la sua vittoria

    • Irish Tommy

      Scontata no, però si, era uno dei quattro favoriti.

      • Francesco Pucci

        era il primo favorito,era quotato 1,il secondo era strowman a 4,un bel distacco per le scommesse

        • Irish Tommy

          Ecco appunto. Secondo te Strowman, al di là delle quotazioni, aveva qualche speranza di vincere? Nah.

      • AnKe

        Ha ragione era favoristissimo perchè il giorno prima diciamo “erano riusciti a scoprire i piani”
        Io per sbaglio l’ho letto e mi sono rovinato la Rumble

        • Irish Tommy

          99 volte su 100 i ”incredibile rumor su chi potrebbe vincere questo o quel titolo” son cacate.
          Era tra i favoriti? Si.
          Vittoria scontata? No.

          • AnKe

            Lo so ma in quel caso era diverso. Praticamente poco prima della Rumble Orton era quotato molto, ma molto meno degli altri

    • NM Punk

      Si ma nelle edizioni precedenti già 2 mesi prima si sapeva il vincitore, Reigns nel 2015 addirittura iniziarono a spargersi le voci già dopo Summerslam 2014, questa Rumble, da questo punto di vista è stata diversa.

  • Fringe

    Dopo aver letto la Top 10 mi rendo conto ancora di più della pochezza di questa Rumble.

  • Francesco Pucci

    cmq per chiudere la questione Reigns,a questo punto l’unico modo in cui possono far riprendere Roman e farlo arrivare Heel a WM,farlo perdere decorosamente(tipo dopo 3 tombsone) e a fine match fargli stringere la mano a Taker. Probabilmente così poi sarebbe tifato o quantomeno non fischiato più. Se invece dovessero farlo vincere possono anche direttamente licenziarlo,non lo recupererebbero più

    • Irish Tommy

      Secondo me lo lincerebbero sul posto.

    • NM Punk

      Deve essere fischiato, una volta che i fans smetteranno di fischiarlo si perderebbe gran parte dell’interesse su di lui e la WWE non se lo può permettere e non vuole che ciò accada.
      Il turn heel è un rischio.

    • nuanda

      Dopo 3 tumbstone more undertaker ahahahah

    • TagliateIlPassato

      Taker nel post-Streak non credo abbia un’integrità fisica eccezionale,cosa che Reigns come Lesnar ha ancora
      Per me sarebbe da mandare contro il buon John e anche qui potrei dare dei motivi per cui non vorrei che John terminasse la carriera del becchino,eppure a questo credo andiamo incontro

  • bestsincedayone

    comunque quei paloni attorno al ring sono proprio ridicoli XD

  • Matt16

    Mamma mia che cavolo ho letto…

  • KKKkora

    I motivi che hai detto non rendono per nulla Reigns una miniera d’ oro, chiunque ficcato a forza in ogni main event per tre anni di fila farebbe parlare di sé…

  • Giù lì oh

    Se questa è la top 10 chissà allora la flop.

  • Gualtiero Bianco

    Ma sono io che non la trovo o non è stata fatta la top flop per la Royal Rumble?