Monday Night Raw vi da il benvenuto da Philadelphia per la penultima puntata prima di WrestleMania, quali ultimi colpi di coda ci attendono? Alla tastiera, Ysmsc

Pubblicità

La puntata viene preceduta da un recap della rissa tra Triple H e Roman Reigns, dopodiché è Stephanie McMahon ad aprire le danze, comunicandoci che Triple H non sarà presente stasera, il motivo è che ha delle responsabilità riguardanti la WWE da adempiere e non ha niente a che vedere con il pestaggio di Roman Reigns, Reigns con le sue azioni ci ha dimostrato perché non potrà mai diventare campione WWE, ossia perché manca di intelletto, ha rischiato il suo match a WrestleMania per cosa? Per vendetta, perché Roman Reigns non è in grado di vedere un disegno più grande, al contrario di lei e suo marito

Stephanie viene a questo punto interrotta proprio da Roman, che si presenta dallo stage invece che dalle solite gradinate, fischi dal pubblico, ma non sono sicura che sia per questo motivo; ad ogni modo, Roman raggiunge Stephanie che gli da del codardo per presentarsi proprio quando HHH non è presente, ma Roman la blocca e la invita a tacere (fischi), ovviamente le dice che il vero motivo per cui Triple H non è qui è che lui l’ha conciato per le feste, il che è solo un’anticipazione di ciò che avverrà a WrestleMania, quando gli strapperà il titolo e non c’è niente che lei o suo padre possano fare per impedirglielo, Stephanie tenta la mossa del ceffone improvviso, ma Roman la blocca e le comunica che adesso è lui l’Authority, andandosene soddisfatto.

Dopo la pausa, la pubblicità di uno sparaflashoso quanto imprecisato nuovo gioco, il primo match che ci viene presentato è AJ Styles vs Kevin Owens, rematch di SmackDown, dove Styles è stato distratto da Chris Jericho venendo sconfitto

Kevin Owens vs AJ Styles (4 / 5)

Owens parte con una Headlock che AJ prova a ribaltare a suo favore, ma Owens risponde a suon di pugni, AJ si libera e mette a segno unDropkick che costringe Owens ad un regrup fuori ring, qui il campione riesce a lanciare Styles contro le transenne e riprende il controllo, AJ subisce finché non riesce a colpirlo con un calcio alto alla testa, AJ pare dolorante ad una gamba ma continua a mettere a segno le sue mosse, Owens rischia uno schienamento ma poi si libera da un tentativo di sollevamento e arriva vicino alla vittoria con una combo di Clothesline e Power move (qualche anima pia mi illumini sul nome tecnico), situazione di stallo, AJ porta l’avversario all’angolo ma qui fallisce una Hurracanrana e viene punito con una Frog splash, ma non basta, Owens tenta allora la Powerbomb, ma AJ la evita, Superkick da una parte, Pelè kick dall’altra, nessuno dei due contendenti sembra disposto a cedere, l’ennesimo confronto al paletto porta The Phenomenal One a connettere una Sunset flip powerbomb, ma il campione non cede, arrivati a questo punto è di nuovo Jericho a presentarsi sullo stage cercando di distrarre AJ, questi prova a chiudere Owens nella Calf crusher, ma l’arrivo di Jericho a bordo ring gli fa mollare la presa ed Owens ne approfitta per un roll up decisivo

Vincitore: Kevin Owens

Il campione ci annuncia che questo è il suo show e che ogni sfidante al suo titolo è invitato a presentarsi a KOMania, il promo viene interrotto da Dolph Ziggler che pretende una shot al titolo, dello stesso avviso pare essere, chissà perché, The Miz, lui e Ziggler cominciano a litigare finché Sami Zayn non interrompe il tutto, Sami lascia qualche spazio ai cori e poi dice che ha aspettato fin troppo per mettere le mani addosso a Kevin Owens, il campione capisce l’antifona e fa per abbandonare l’arena dicendo che nessuno di loro merita di affrontarlo, ma vedendoli così impazienti dice che andrà a parlare con l’Authority, chiedendo che sia indetto un Triple threat così che il vincitore possa affrontarlo, a KOMania.

Un filmato ci mostra il nostro Ricamino preferito che sta svalvolando in un baretto riguardo il suo match contro Brock Lesnar, alla presenza nientemeno che di Terry Funk, il quale trova giusto affidargli una motosega, Ricamino ringrazia e la usa per eseguire qualche taglio su di un tavolo, con una goduria vagamente inquietante nello sguardo.

Cambio di scena, Kevin Owens sottopone la sua questione di Stephanie McMahon, Steph ci pensa su, poi concede il Triple threat, Kevin ringrazia e chiede di salutare Triple H da parte sua.

Parte un lungo, seppur interessante, recap sul ritorno di Shane McMahon, visto ad una retrospettiva sul suo rapporto altalenante con la WWE.

Nel backstage, il New Day si sta dirigendo verso il ring coinvolgendo ogni persona gli si palesi davanti a sculettare senza vergogna, già sul ring si trova invece la League Of Nations, la grafica ci conferma il loro match contro i campioni di coppia, ma la grafica non riporta nessun accenno ai titoli, il che lascia presupporre che il match non sarà, appunto, valido per le cinture, la LON tiene un promo sul pestaggio inflitto al New Day la settimana scorsa, a questo punto il trio delle meraviglie si presenta armato di fogli esplicativi e sacchetti dell’immondizia per spiegare alle menti semplici della LON il fatto che siano solo spazzatura, poi lanciano frecciatine a destra e a manca, ad esempio accennando al fatto che Del Rio si presentasse a Raw in Limousine e adesso sia bloccato in quella stable, oppure ironizzando sull’infelice nome dato a Sheamus, qui ribattezzato Shame-us, amen!

Nota: promo che sembra aver conservato lo spirito originale del New Day e la cosa mi fa piacere

Ad ogni modo, scazzottata pre-match e si aprano le danze

Rusev (with LON) vs Big E (with New Day) (3 / 5)

E porta di peso il bulgaro sul ring, mette a segno qualche colpo e connette quasi subito lo Splash dall’apron, ad ogni modo il magico trucco della pubblicità ci riporta ad un Rusev in pieno controllo del match e scopriamo che Kofi e Woods sono stati gettati oltre le transenne, Big E si riprende e mette a segno una combo di Suplex (“Belly to Booty”), mentre i suoi compagni sono ancora a terra, E tenta una Spear all’apron ma Rusev solleva il ginocchio e prova a schienarlo, fallisce e i compagni della LON lo spronano a colpire ancora e cominciano ad interferire nel match, Rusev ne approfitta per un Superkick ma è solo conto di due, intanto Xavier Woods si è ripreso e riesce ad atterrare Barrett e Del Rio, prima di venir steso da Sheamus, sul ring Rusev tenta la Accolade ma viene sollevato di peso per una Electric chair, Sheamus prova l’ennesima intromissione ed E lo attacca con la Spear, contemporaneamente, non visto, Kofi colpisce Rusev con un calcio alla testa, lasciandolo nelle grinfie della Big Ending

Vincitore: Big E

Dopo i festeggiamenti del New Day passiamo ai deliri nei fumenti della Wyatt Family, ove Braun Strowman promette di portare Dean Ambrose in sacrificio alla sua Family e al Dio della guerra che ci sta guardando.

A circa 13 giorni da WrestleMania, la WWE pensa che sia ora di parlare della André The Giant Memorial Battle Royal (ATGMBR, per abbreviare), per questo Big Show si presenta sul ring e ringrazia il pubblico per tutto ciò che ha passato in questi anni, Show dice che si è definito il più grande gigante della WWE, ma qui e ora deve ammettere che il migliore di tutto era proprio André, è stato un onore vincere la Battle royal l’anno scorso e quest’anno spera di bissare il risultato; a questo punto Show viene interrotto dai Social Outcasts, che promettono di fare di Show la loro più grande vittima a WrestleMania, dicendogli che è nei guai, Show risponde che il suo unico guaio è decidere chi di loro mettere KO per primo, per non sbagliare attacca prima Slater, i SO provano a sfruttare la superiorità numerica ma in soccorso di Show arriva Kane, che li getta tutti fuori ring, Big Show ringrazia Kane per l’aiuto, ma quando sale sull’angolo per festeggiare col pubblico Kane ci ripensa e gli rifila una Chokeslam, così, #acaso, come piace a noi.

Il tavolo di commento ci introduce al prossimo introdotto nella Hall Of Fame classe 2016: Stan Hansen, che forse non tutti conosceranno, ma il Cowboy d’altri tempi può vantare diversi primati interessanti, come l’essere l’inventore del Lariat, hai detto nulla

E adesso, per la nostra gioia, la WWE ci propone un “WrestleMania rewind match” tra . . . Chris Jericho e Fandango . . .

WrestleMania rewind match Chris Jericho vs Fandango (s.v.)

Jericho potrebbe chiudere il match in tempo zero, si prende giusto qualche secondo per urlare che quel tizio a WrestleMania non l’ha mai battuto, Fandango, punto nell’orgoglio, mette a segno uno Spinning kick e tenta il Flying legdrop, fallisce e rischia di finire vittima della Walls of Jericho, ma ecco che arriva AJ Styles a canzonarlo con un “Y2Jackass”, purtroppo il giochino fallisce dato che Jericho si libera dal roll up di Fandango e chiude con la Code Breaker

Vincitore: Chris Jericho

Styles sale sul ring e dice che ciò in cui Jericho è migliore è scappare da lui, AJ ha lottato in tutto il mondo, ma c’è un luogo ove non ha ancora combattuto ed è WrestleMania, il pubblico parteggia per lui facendo partire un coro che irrita ancor di più Jericho, ma questi sembra non accettare il match, dato che si limita ad andarsene stizzito.

Continuano i filmati dedicati a Shane McMahon e al suo feud con The Undertaker, conditi con le impressioni delle superstar della WWE, Hall Of Famers e degli allenatori che stanno preparando Shane, sempre interessanti, devo ammetterlo, oserei dire quasi dei video pheeghi.

Tornati sul ring, Kevin Owens si sostituisce a Lilian Garcia per annunciare il Triple threat valido per una title shot al “suo” titolo, tuttavia quando annuncia a uno a uno i contendenti si scopre che questi non sono Ziggler, Miz e Zayn, ma Stardust, Sin Cara e Zack Ryder (s.v.)

N°1 contender for the Intercontinental Championship match Stardust vs Sin Cara vs Zack Ryder

Owens si siede al tavolo di commento fiero di quello che ha fatto, intanto sul ring Ryder e Stardust mettono a segno le prime manovre, mentre Sin Cara è poi protagonista di una combo niente male, purtroppo il pubblico non risponde adeguatamente al match, neanche quando Sin Cara esegue un Moonsault su entrambi gli avversari (Shame on you!); piuttosto scocciati, ecco che arrivano i tre esclusi della contesa, ossia Ziggler, Miz e Zayn, Stardust finisce in mezzo e Owens lo getta contro il primo che capita

Vincitore: No contest

Mega rissa generale che più che una rissa è un tutti contro Owens, il quale trova più saggio defilarsi nel backstage lasciando i sei avversari con un palmo di naso.

Passiamo negli Uffici, dove Stephanie sembra star parlando con il gentil consorte quando Kevin Owens ha la bella pensata di interromperla, Stephanie la prende così bene che indice un Ladder match per il titolo Intercontinentale contro tutti e sei i sovracitati

Nota: a me sta anche bene, per carità, ma non lasciatevi prendere troppo la mano con questa cosa di indire sempre gli stessi WrestleMania match cambiando i partecipanti

Nel parcheggio dell’arena, scopriamo che Triple H è arrivato a prendere Stephanie, i due salgono in macchina ma ecco che, quando la saracinesca si alza, compare Roman Reigns, il quale inizia un pestaggio su Triple H, che riesce tuttavia a fuggire tornando i macchina e partendo a tutto gas . . . che poi, se avevano l’autista, perché non gli abbiano ordinato di partire a razzo investendo Reigns non si sa

Sono quasi sicura di aver visto una scena simile un po’ di tempo fa, solo che i partecipanti erano Daniel Bryan, Kane e Brie Bella, della quale Stephanie ha imitato alla perfezione gli strilli fastidiosi, peraltro.

Passiamo al feud femminile, Becky Lynch e Sasha Banks si trovano al tavolo di commento per assistere al match odierno di Charlotte

Charlotte (with Ric Flair) vs Natalya (2 / 5)

Al tavolo di commento c’è un gran casino, sul ring invece Nattie riesce a beffare Charlotte e ad eseguire la Romero special, la campionessa fugge fuori ring e si distrae per guardare storto le avversarie, beccandosi una Clothesline da Natalya, tuttavia grazie ad un Big boot riesce ad atterrarla e comincia la sua controffensiva, la canadese incassa qualche colpo ma poi riesce a connettere una Powerbomb alla quale segue la Sharpshooter, ma Charlotte scivola verso l’angolo e manda poi l’avversaria a sbattere contro il paletto, le due avversarie tentano di chiudere le rispettive manovre di sottomissione, ma alla fine è Charlotte a prevalere quando connette la Natural selection

Vincitrice: Charlotte

Sasha e Becky si alzano dai loro posti, ma non avviene nessuno scontro fisico.

Dopo una pubblicità su WrestleMania e sul mese gratis offerto dal WWE Network, si passa ai Dudley Boyz

Bubba Ray (with D-Von) vs R-Truth (s.v.)

Pugnoni di Bubba Ray per due minuti buoni di match, Truth prova la reazione d’archivio e viene poi schienato da un Big boot

Vincitore: Bubba Ray

Quando Truth viene pestato dai due ecco che arriva Goldust, che tuttavia fallisce miseramente il salvataggio, maggior fortuna hanno gli Usos, che riescono ad atterrare i Dudleyz, il pubblico per un momento pare fischiarli ma si ripende quando i due tirano fuori un tavolo (maledetti!), D-Von sta per finire vittima di un doppio Splash, ma Bubba salva il compagno ed i due fuggono fuori ring

Nota: le scarpe bianche e i pantaloni della tuta neri alla The Rock sono da denuncia penale.

A presentarsi sul quadrato arriva finalmente Vince McMahon, che ci ricorda che il suo “ex” figlio sfiderà l’Undertaker a WrestleMania e se per qualche congiunzione astrale vincesse avrebbe il controllo di Raw, questo significherebbe che Stephanie, Triple H ma soprattutto lui scomparirebbero dal business, il pubblico apprezza non poco questa ipotesi, ma Vince ci informa che ciò non potrà mai accadere, mostrando il filmato dell’ultima puntata di Raw, Vince deve poi ammettere che probabilmente Shane rischierà la vita pur di vincere il suo match e sicuramente si dimostrerà un ostico avversario per The Undertaker, quindi, considerati anche i piccoli diverbi tra lui e Taker, Vince trova giusto aggiungere che se il Becchino non riuscirà a sconfiggere Shane a WrestleMania, allora quella sarà la sua ultima WrestleMania

Mentre Vince se ne va dopo cotanto annuncio, sul ring si presenta Dean Ambrose, che è il protagonista del main event odierno contro Braun Strowman, ho prestato così attenzione durante la puntata che me n’ero completamente dimenticata e mi stavo giusto chiedendo quale fosse il main event; ad ogni modo, al tavolo di commento si aggiunge Paul Heyman, mentre la grafica pubblicizza la presenza di Brock Lesnar a SmackDown questa settimana

Dean Ambrose (with Spirits of Hardcore) vs Braun Strowman (with Wyatt Family) (2 / 5)

Ricamino prova a girare intorno a Strowman per confonderlo, ma l’avversario gli assesta un colpo allo stomaco che sembra già metterlo in difficoltà, Dean prova una serie di Suicide dive fuori ring ma al secondo viene afferrato al volo e sballottato da una parte all’altra, sul ring Strowman continua a menare fendenti, Dean tenta una Sleeper hold incoraggiato dal pubblico, ma viene sbattuto contro un angolo, finalmente ricamino mette a segno un Missile dropkick e parte con una serie di gomitate all’avversario, riuscendo poi a farlo sbattere contro uno dei paletti, dopodiché, giusto perché gli va, prende una sedia e lo colpisce

Vincitore: Braun Strowman via DQ

Nonostante le sediate Strowman reagisce con un Big boot, ma Ambrose riesce ad eseguire la Dirty deeds sulla sedia, dopodiché si avvicina al tavolo di commento facendo la linguaccia ad Heyman e chiudendo la puntata

PANORAMICA RECENSIONE
Qualità dei match
6.5
Qualità dei promo
6+
Evoluzione delle storyline
6.5
Ysmsc
Celeste "Ysmsc", gli utenti stanno ancora cercando di capire come si scrive il suo nome, lei sta ancora cercando di capire cose le succede intorno. Scrive con orgoglio i report di Raw e le sue amate FLOP 10. Le cose che ama di più sono il wrestling, il cibo giapponese e Killer Mask (non necessariamente in quest'ordine). Si sentirà realizzata quando non si useranno più i tasti "copia-incolla" per scrivere il suo nickname