Il proprietario della NJPW Takaaki Kidani ha parlato con Kevin Kelly di vari argomenti riguardandi la compagnia. Proprio il maggior esponente della compagnia nipponica ha confermato che i biglietti per l’evento “G1 Special in USA” sono stati acquistati da 37 stati in USA e dal Canada, e che gli stessi sono andati sold-out dopo circa due ore dalla messa in vendita.

Pubblicità

Kidani ha poi elogiato l’attuale campione dei pesi massimi IWGP Kazuchika Okada, evidenziando come quest’ultimo sia attualmente tra i tre migliori campioni di sempre. Parlando poi del match di Wrestle Kingdom 11 fra lo stesso Okada e Kenny Omega, lo ha descritto come “qualcosa di mai visto prima”.

Riguardo i piani della NJPW in merito a possibili eventi in territorio statunitense, Kidani ha così commentato:

“Quest’anno abbiamo in programma di visitare gli Stati Uniti l’1 e il 2 di luglio, ma, se questi eventi dovessero essere un successo, saremmo pronti a ritornare ancora una volta l’anno prossimo e negli anni avvenire.”

Antonio RiddieX Catara
Nato a Catania nel 2001 e cresciuto con la WWE su Italia 1, ama vedere storyline ben scritte e atleti completi. Autodichiarato mark di Dolph Ziggler, altri atleti che adora vedere all'opera sono Sami Zayn, Seth Rollins e Bray Wyatt.
  • LANSE ARCIAAAAA !!!

    Grazie al loro prodotto potrebbero tranquillamente costruirsi la loro nicchia al di fuori di chi li conosce già.

  • King Cuzzy

    Sono prontissimi ad espandersi in USA, peccato non averci provato con Nakamura e Styles, ma va bene lo stesso.

  • Tlc Master

    Ha pienamente ragione, okada é un grande

  • LordMaul

    Per me può essere benissimo la nuova Wcw

    • Soren_Kierkegaard

      No. Gli manca la logistica. Saran sempre la NJPW

  • Fringe

    Espandersi conservando i valori del puroresu. Che non facciano mai l’errore di tentare di essere una nuova WCW ma su questo possiamo stare tranquilli

  • Anti Rockstar

    Chissà non stiano pensando ad uno show settimanale alla Raw.

    • Daken Akihiro

      con lo stile di wrestling che hanno? mai

      • Anti Rockstar

        Sono d’accordo con te, ma se vogliono fare “guerra” alla WWE credo che l’opzione di avere uno show settimanale per andare in contro ai fan casual occidentali sia da prendere in considerazione.

        • Fringe

          Cambiando la mission aziendale rischierebbero tantissimo. Dovrebbero invece continuare a proporre il prodotto attuale continuando a farsi buona pubblicità grazie alla qualità degli show in modo da attirare quella fetta di fan WWE che chiedono un lottato migliore. E un lottato migliore di quello della NJPW oggi non c’è

        • Daken Akihiro

          no, la cosa che porta la gente a vedere la NJPW non è la periodicità o un format particolare, ma la qualità dei match

          se la rimuovessero, fallirebbero

          • Anti Rockstar

            Ma la qualità dei match non ti porta a competere con la WWE. Ovvio che con lo show settimanale si andrebbe verso un lato più di intrattenimento.

          • Daken Akihiro

            la qualità dei match è esattamente quello che li ha portati a essere considerati un’alternativa rilevante per il pubblico che non vuole guardare la WWE

            se lo levassero, si farebbero autogoal

            inoltre l’intrattenimento sarebbe comunque in giapponese, mentre i match parlano una lingua universale

            non ha assolutamente senso fare uno show settimanale

          • Alessandro Tulelli

            Mettere i sottotitoli in inglese durante i Promo preregistrati già sarebbe un passo in avanti. Munirsi d’interpreti per tradurre simultaneamente i Promo dal vivo idem. Non seguo spesso la NJPW, stesso discorso per la AAA ( la CMLL praticamente quasi mai, la NOAH manco per sbaglio sfortunatamente ), ma è ovvio che la loro capacità di sfornare grandi match li abbia resi assai rilevanti solo che…andiamo…ok il Commento giappo e l’aver introdotto quello in lingua inglese…ma non si capisce un c@##0 quando i Wrestler parlano e/o quando vengono mostrati dei video prima degli incontri. Uno Show settimanale non è, per ora, indispensabile. Queste piccole migliorie invece aiuterebbero la Promotion nel loro piano di espansione statunitense

          • Daken Akihiro

            primo: i fan della promotion che vogliono le traduzioni ricorrono a cose come puroresu spirit (traducono i promo) o account twitter come chris carlton, e.key oide e così via, quindi la questione dei subs non si presenta; molto content del NJPW World (e lo dico io che ce l’ho) è in inglese, perché fan molto gli atleti gaijin; non solo, sul NJPW stanno per arrivare i subs, quindi non si presenta il problema

            secondo: molti fan americani preferiscono il commento giapponese (e io pure) per la maggiore intensità e coinvolgimento, pur non capendo cosa dicono; oltretutto son rrivate parecchie critiche per il commenti inglese

            terzo: la cosa che mi pare non cogliate è che il grosso del pubblico gaijin della NJPW è composto da persone che prediligono la qualità dei match sopra le storyline, storyline che comunque sono spiegate tramite vari segmenti e che i fan possono arrivare a comprendere tramite i metodi sopra descritti

            quarto: la cosa di cui hanno davvero bisogno per espandersi è un atleta in grado di rappresentare la compagnia negli US, o per la lingua inglese, un gaijin di punta che attiri il pubblico non-familiare col giapponese, esattamente quello che è l’Elite in questo momento e specialmente Kenny Omega

            quinto: la qualità dei match è il fulcro sul quale la NJPW è costruita, motivo per il quale ha così tanto successo e uno show settimanale a) leverebbe qualsiasi tipo di specialità a certi match (come Kenny/Okada che era un first time, al contrario di come capita in WWE che i match li hai sempre rivisti, live event o meno) e b) consumerebbe i performer, impedendo quello che fanno adesso (come andare per 45 minuti)

          • Anti Rockstar

            Sarò breve perchè quello che voglio dire è molto semplice.
            Noi fan della NJPW occidentali la guardiamo per il prodotto che offre ora. Ma in occidente questo prodotto sarà sempre di nicchia o al massimo poco più.
            Qua si sta parlando di “guerra alla WWE” perciò con questo prodotto la guerra non la fai, e, nonostante io lo sia, non sto ragionando come fan della NJPW. Noi che facciam parte della nicchia vorremmo che il prodotto restasse così, ma se si rimanesse con questo prodotto, come detto prima, sempre di nicchia si parlerebbe, magari una nicchia che si può allargare con la sbarco del G1 in USA e push di atleti occidentali, ma non si potrà mai parlare di un possibile raggiungimento al mainstream.

          • Daken Akihiro

            tu fraintendi quello che intendono loro per “guerra alla WWE”

            intendono proporre un’alternativa che li spinga a ritagliarsi un legittimo posto come concorrente, non a superarla o a prendere il loro posto: si tratta di proporre una concreta alternativa che PER FORZA rimarrà di nicchia (così come lo rimarrà sempre anche il wrestling Messicano)

  • Tony Dillinger Terry

    LOL immagino i cori contro Okada
    Comunque speriamo bene che mi piacerebbe un sacco vederli magari con un weekly

  • Daken Akihiro

    noi siamo pronti a piangere per Shibata, vale lo stesso?