Pubblicità

L'Authority sta per compiere due anni. Come sta andando questa stable? Come dovrebbe continuare? C'è bisogno di qualche cambiamento? Parliamone

Le ultime due puntate di Raw, con Triple H e Stephanie McMahon in vacanza e Kane lasciato solo a dirigere le operazioni, mi hanno dato da pensare.

Riguardo l'Authority ci sono due visioni contrapposte, da una parte c'è chi afferma che una figura heel di rilievo deve essere onnipresente negli show WWE e che il Grande Capo con la C maiuscola deve quasi obbligatoriamente ricoprire il ruolo di heel; dall'altra parte si trovano quelli che cominciano a stancarsi dell'Authority e che vorrebbero che tutto finisse al più presto, magari con una lotta tra Vince McMahon e Triple H con HHH che mette il futuro della stessa Authority in gioco. Sinceramente a me l'Authority piace e gradirei che continuasse a calcare i ring della WWE ancora per un bel po', ma mi rendo conto che una tale stable, se così possiamo chiamarla, ha bisogno di alcuni miglioramenti per funzionare al meglio e non risultare stantia, dunque mi sono venute in mente un paio di idee

Innanzitutto, l'Authority dovrebbe evolversi attuando qualche cambio, e/o qualche aggiunta, tra i suoi membri. Dall'estate del 2013, quasi due anni fa quindi, l'Authority ha aggiunto alla sua scuderia Big Show, ha affiancato a Seth Rollins due Padri Putativi e ha scartato Randy Orton in favore del nuovo “best for business”, Rollins appunto; non sarebbe male per l'Authority rimpolpare le sue fila, servirsi di qualche altro wrestler oltre a due giganti, di cui uno sembra pronto ad andarsene, e del campione WWE, che si ha due guardie del corpo ma vengono sempre presentati come dei deboli capaci solo di distrarre gli avversari quel tanto che basta per permettere al campione di scappare, da questo punto di vista Luke Harper è stato un'occasione sprecata e per certi versi anche Sheamus, anche se capisco che un guerriero celtico come sottoposto di Rollins avrebbe stonato un po'; Kane pare in rotta di collisione con l'Authority e ciò sta bene, da qui in poi si aprono moltissime possibilità, ad esempio wrestler che provano a entrare nelle grazie dell'Authority ma che al primo fallimento vengono abbandonati (magari con un turn face), o wrestler che entrano stabilmente a farne parte (magari con un turn heel). L'Authority che ci si presenta ora non è la stessa che ha visto la luce nell'estate del 2013, dunque questo processo non deve arrestarsi e alcuni cambiamenti nei ranghi, fatti con non troppa frequenza, aiuterebbero il pubblico a non stancarsi della stable.

Andando avanti, l'Authority è definitivamente troppo concentrata su Seth Rollins e solo a giorni alterni si ricorda di avere un intero roster a disposizione, perché non fargli cercare di estendere il suo dominio anche in parti della card che non siano il main event? Potrebbero cercare di strappare il titolo Intercontinentale a Daniel Bryan mettendo al suo posto un uomo di fiducia (dopo tutto quel che è successo da SummerSlam 2013, ammetto che vedere Daniel Bryan non più in rotta con l'Authority mi fa uno strano effetto), potrebbero cercare di mettere John Cena sempre più in difficoltà nelle sue Open challenge, e già che ci siamo Stephanie McMahon non potrebbe cercare di inserirsi nella Divas division pretendendo che la cintura sia in mano a una Diva che lei ritenga degna di rappresentare la categoria? Insomma, l'autorità dell'Authority (ah ah) non può limitarsi alla sola area del main event, no?

Terzo e ultimo punto, concedere qualche vittoria ai buoni ogni tanto, non pretendo certo che ogni mese il destino dell'Authority sia messo in palio, ma che, a fasi alterne, l'Authority si trovi a mettere qualcosa sul piatto, rischiando anche di perderlo, in modo che il pubblico si domandi chi la spunterà questa volta. Un esempio, a mio avviso riuscito a metà, è stato il voler negare a Roman Reigns la possibilità del main event di WrestleMania costringendolo a metterla in gioco a Fast Lane, il ragazzo l'ha spuntata e ha, per così dire, battuto l'Authority, che tuttavia si è rifatta a WrestleMania permettendo a Seth Rollins l'incasso, certo il tutto non è stato reso al meglio dal momento che da una parte c'era Roman Reigns e dall'altra Daniel Bryan, se i ruoli dei due fossero stati invertiti la lotta contro l'Authority avrebbe anche avuto senso, ma il voler farci credere che HHH&Soci preferissero vedere Bryan nel main event di WrestleMania piuttosto che Reigns . . .

Difetti a parte, il concetto rimarrebbe quello di far cedere l'Authority in qualcosa, anche solo per breve tempo, come ad esempio il costringere Rollins a combattere in uno Steel cage match ad Extreme Rules, o ancora alcuni dei membri della stable potrebbero esserne cacciati dopo apposite stipulazioni speciali, ad esempio Roman Reigns potrebbe sfidare Big Show a mettere in palio ad Extreme Rules il suo posto nell'Authority, ok l'esempio non è dei più emozionanti, anche se sono convinta che la reazione di un Big Show che perde il posto per cui aveva sacrificato tutto e tutti sarebbe impagabile.

Questi, a mio avviso, sarebbero tre modi per contribuire a rendere l'Authority una stable migliore e per accontentare tutti coloro che cominciano a stancarsi della sua onnipresente presenza (ah ahx2). Voi cosa ne pensate? L'Authority sta bene come sta o c'è bisogno di qualche cambiamento? Kane se lascerà la stable? E chi dovrebbe prendere il suo posto? Quanto tempo ancora potrà durare la stable capitanata da Triple H? E in che modo potrebbe finire?

Stretta è la foglia, larga è la via, dite la vostra che ho detto la mia.

Ysmsc.

 

Ysmsc
Celeste "Ysmsc", gli utenti stanno ancora cercando di capire come si scrive il suo nome, lei sta ancora cercando di capire cose le succede intorno. Scrive con orgoglio i report di Raw e le sue amate FLOP 10. Le cose che ama di più sono il wrestling, il cibo giapponese e Killer Mask (non necessariamente in quest'ordine). Si sentirà realizzata quando non si useranno più i tasti "copia-incolla" per scrivere il suo nickname