L’ex WWE Superstar ed attuale talento della Lucha Underground John Morrison (a.k.a. Johnny Mundo) ha di recente rilasciato un’intervista insieme a Colt Cabana al podcast di The Art Of Wrestling, per parlare del suo tempo trascorso in WWE. Potete trovare i punti salienti dell’intervista qui di seguito:

Pubblicità

Morrison ha rivelato di come non è stato licenziato dalla WWE, semplicemente decise di non rinnovare il suo contratto:
“Non direi di aver mollato o di essere stato rilasciato. Alla fine del 2011, decisi di non rinnovare. Mi offrirono un paio di cose, ma non quello che volevo io.” Morrison ha continuato: “Volevo far parte di un film targato WWE ed un contratto che mi permettesse di lavorare non più di 250 giorni all’anno.”

Sull’essere stanco di non avere alcuna “autonomia creativa”:
“E’ una delle ragioni per cui me ne sono andato. Ero stanco di viaggiare su quel “treno”, o comunque vuoi chiamarlo. E’ come se ti investisse e non hai alcuna autonomia creativa, nessun controllo su come gestire il tuo tempo, e non c’è molto spazio per progetti esterni, la famiglia o gli amici.”

Se tornerà mai in WWE un giorno:
“Beh, attualmente sono sotto contrato con la Lucha Underground. E ne sono davvero felice, secondo il mio parere ha il miglior wrestling prodotto in tv attualmente.
Rey Mysterio, Fenix, Pentagon Jr, Son of Havoc, Angelico, PJ Black, Taya, Dragon Azteca, Brian Cage – il roster di Lucha Underground – il prodotto – la durata di solo un’ora per il TV show, è tutto molto adatto a me. Ed è a Los Angeles, dove vivo, registriamo per tre o quattro mesi. In seguito posso prendermi del tempo libero dove posso fare cose come recitare in un film, come Bounty Hunter, e lottare per promotions come Five Star Wrestling.
Quindi, al momento, sono davvero felice di essere dove sono. Tornerò indietro alla WWE? Non lo so. E’ dove sono cresciuto ed ho sempre sognato di far parte del Main Event di Wrestlemania, è una dei pochi obiettivi che non ho raggiunto e che sognavo di fare da bambino. Quindi, mai dire mai nel wrestling.”