ZonaWrestling è lieta di annunciare l'ospite d'eccezione per una intervista speciale, stiamo parlando del wrestler canadese di origini italiane, del due volte campione intercontinentale, del Milan Miracle…dell'unico e inimitabile Santino Marella. Nonostante i numerosi impegni e del periodo di convalascenza in seguito all'intervento chirurgico al collo, Santino si è concesso al nostro Girolamo De Nicolo per una serie di domande dimostrando grande disponbilità, pazienza e collaborazione.

Pubblicità

Ciao Santino e grazie per averci concesso questa intervista!
Cominciamo dal presente, in una recente intervista hai dichiarato che intendi tornare al wrestling lottato entro i prossimi due anni. Ora come stai? Come procede il recupero?
Il recupero è lento, ma credo che sarò pronto a tornare in 6 mesi, spero.
 
Come stai vivendo questo nuovo periodo della tua vita lontano dal ring?
Passo ogni giorno nella Battle Arts Academy, quindi è bello essere impegnato in una attività che necessita di tutto il mio tempo e la mia attenzione per diventare una risorsa. E' un buon modo per passare il tempo, ti rende attivo ed è stimolante.
 
In WWE hai vinto diversi titoli, hai partecipato alla Royal Rumble, a Wrestlemania e ad Elimination Chamber 2012 sei stato eliminato per ultimo nell'incontro valevole per il World Heavyweight Title. Quali sono i tuoi prossimi obbiettivi?
Il mio prossimo obbiettivo è il WWE World Heavyweight Title.
 
Nel 2004 nella Ohio Valley Wrestling hai lavorato con Paul Heyman. Quanto è stato importante per la tua crescita come lottatore e per lo sviluppo del personaggio? Ti ha dato qualche consiglio speciale?
Paul Heyman è incredibile, ho imparato tanto da lui in ogni aspetto del business, mi ha dato numerosi consigli ma non posso rivelarli al pubblico, mi spiace!
 
Nella WWE sei diventato famoso come comedy wrestler. In OVW hai dimostrato di essere anche un abile wrestler. Hai qualche rimpianto per non aver mai portato on screen il character delo shootfighter russo? Pensi che la tua carriera avrebbe potuto essere migliore? Hai avuto l'impressione di essere sottovalutato?
Amo essere Santino, RIP Rogers una volta mi disse "è tutto falso, sia quando vinci sia quando perdi" per cui non prenderla troppa sul serio.
 
Qual è l'aspetto più difficile nell'essere un lottatore comedy? 
Prenderle.
 
Ha mai proposto a Vince McMahon di cambiare personaggio? Se si, cosa le ha risposto l'attuale Chairman della WWE?
Proposi di diventare un personaggio in preda all'ipnosi e che cambia temporaneamente, era un'idea dei writer perchè Vince è un uomo decisamente molto impegnato per occuparsene di prima persona.
 
Oggi la WWE è ricca di talenti, di giovani e affamate superstar, con quale wrestler tra quelli che non hai mai affrontato ti piacerebbe avere un match?
Vorrei combattere con tutti i nuovi ragazzi così da mostrare loro come si fa (ride).
 
Tra tutti i colleghi che hai conosciuto in WWE, con chi hai stretto una forte amicizia? Sei rimasto in contatto con qualcuno? 
TUTTI i ragazzi sono come la mia famiglia.
Descrivi in poche parole queste dive:
Maria – DIVA
Beth Phoenix – Una camionista sexy
Tamina Snuka – Una camionista esotica
Emma – Una sciocchina
 
Lavorando per la WWE hai avuto modo di esibirti in molti paesi. In Italia hai fatto il tuo esordio conquistando il titolo intercontinentale. Quali furono le tue sensazioni? E che ricordi hai del nostro paese e dei fan italiani?
I fan italiani sono tra i più pazzi e appassionati nel mondo, essere Santino in Italia è stato speciale e mi ha aiutato a diventare strettamente legato al mio paese e alle mie radici. Sicuramente è stato uno dei più grandi momenti della mia vita.
 
Santina Marella, Miss Wrestlemania 2009, come nacque questo personaggio? E come hai reagito all'idea di dover impersonare una donna?
Santina l'ho presa come una sfida e l'ho accettata.
 
Nel corso della tua carriera hai avuto diversi tag team partner tra cui Vladimir Kozlov. Una coppia strana ma allo stesso tempo efficace. Quale è stata la chiave di questo successo? Hai qualche aneddoto di quel periodo da raccontarci?
La chiave per essere un buon tag team è avere un grande rapporto anche nel mondo reale. E' stato divertente guardare Kozlov nella vita di tutti i giorni. E' talmente grande e grosso che la gente in sua presenza non sa come reagire.
 
Qual'è stato il tuo migliore incontro?
Deve ancora avvenire…lo spero (ride).

Parliamo della Battle Arts Academy. Nel 2013 a Mississauga (Ontario) viene fondata la palestra. Qual'è il tuo scopo? Qual'è la principale differenza rispetto alle altre palestre presenti negli States?
La Battle Arts Academy è una palestra delle arti marziali miste a 360° (full MMA Dojo ), strength and conditioning gym, e scuola per il pro wrestling. Quello che ci rende diversi è insegnare le tre discipline nello stesso posto e lo facciamo anche bene. I nostri allenatori sono di classe mondiale, ci rivolgiamo ai bambini, agli atleti, uomini e donne. Chiunque in realtà poichè il fitness è una attività che dovremmo praticare tutti.
 

Quali sono le tue responsabilità come allenatore pro wrestling? Ti focalizzi anche sulle doti recitative?
Mi concentro su tutti gli aspetti necessari dello sport-entertainment di oggi. La sicurezza prima di tutto, la condizione fisica richiesta, la psicologia, come effettuare un promo, lo sviluppo del personaggio ecc… e soprattutto come ascoltare e lottare di fronte al pubblico. Per questo i nostri studenti eseguono spettacoli mensili per amici e parenti.
 
Hai mai pensato di intraprendere una carriera nelle MMA lottando per federazioni come UFC o Bellator? 
Amo le MMA, ci avrei provato se non avessi 40 anni e un collo malridotto. Ho fatto qualche incontro in Giappone, mi è piaciuto ma non riuscirei a pagare le bollette (ride).
 
In futuro ti piacerebbe diventare allenatore presso il WWE Performance Center?
Spero che un giorno la Battle Arts Academy possa essere la location Canadese del Performance Center.

Se potessi azionare la macchina del tempo, in quale epoca del wrestling ti sarebbe piaciuto lottare? Aresti voluto far parte degli FBI?
Mi sarebbe piaciuto essere nell'era della D-Generation X. L'FBI è stato qualcosa di forte ma non credo avrei avuto bisogno di far parte di una stable. Inoltre non mi piace condividere con gli altri la luce della ribalta!

Grazie per la disponiblità e per aver risposto alle nostre domande, per concludere c'è qualcosa che vorresti dire ai fan italiani e agli utenti di ZonaWrestling.net?
Grazie a voi per l'interesse!