Lettori di ZW, bentornati ad un nuovo appuntamento con Dynamite, dopo lo spettacolare Blood & Guts match di sette giorni fa il programma di oggi è altrettanto ricco, infatti Jon Moxley difenderà IWGP United States Championship contro Yuji Nagata, Darby Allin dovrà vedersela con Miro per il titolo TNT e i Bucks affronteranno gli SCU per i titoli di coppia e in caso di vittoria da parte dei campioni, Daniel e Kazarian non potranno più lottare con team. In vista di Double or Nothing Cody Rhodes farà un annuncio e Britt Baker sarà intervistata da Jimm Ross. Sicuramente vedremo anche altro, dopo la sigla il team di commento ci dà il benvenuto e siamo pronti a cominciare.

IWGP United States Championship Match: Jon Moxley (w/Eddie Kingston) vs. Yuji Nagata 3.5 out of 5 stars (3,5 / 5)

Match da vedere assolutamente visto lo stile old school dove le mosse e le manovre sono state semplici ma super efficaci. Per quanto non ci si aspettasse un cambio titolato, Jon ha sofferto l’offensiva del giapponese in più occasioni come nel caso dell’Exploder Suplex che ha portato ad un nearfall e della Armbar alla quale è sfuggito raggiungendo le corde. Nel finale la contesa è stata abbastanza in pari con Jon che trova la via della Death Rider dopo nove minuti chiudendo il match. Vincitore: Jon Moxley

Dopo il match, i due si inchinano e mostrano rispetto a vicenda.

Backstage: Alcuni degli Inner Circle vengono intervistati e dopo aver ammesso a malincuore di aver perso il Blood & Guts Match, dicono che la celebrazione dei Pinnacle diventerà un funerale.

Radio Padania: Cody Rhodes arriva sul ring e ci fa tutto un pippone su quanto sia bello e importante per lui sentirsi americano ed esportatore mondiale di democrazia. Tutto ciò per parlarci di Anthony Ogogo, il quale è qui solo per fare soldi senza farsi troppi scrupoli. Ci ricorda di Bruno Sammartino, Shad Kahn entrambi immigrati ma membri poi della comunità americana a tutti gli effetti. Anche lui fa parte di questa integrazione dato che sua figlia è nata da persone che hanno un colore differente di pelle… Conclude dicendoci che affronterà Ogogo a Double Or Nothing e non si presenterà come l’American Nightmare, ma come l’American Dream…

Promo: Gli SCU ci ricordano di quanto non gli piaccia questa nuova attitudine dei loro avversare e la stipulazione che prevede uno split tra loro due in caso di sconfitta li carica ancora di più a dare il massimo nel match per i titoli di coppia.

AEW Tag Team Championships Match: Young Bucks vs. SCU 3.5 out of 5 stars (3,5 / 5)

Match molto bello dove i Bucks sembra abbiano raggiunto una maggiore credibilità con la nuova attitude utilizzando diverse manovre scorrette e volando meno dalle corde e dai paletti per colpire in maniera forte soprattutto a terra. Gli SCU fanno il solito, cioè molto, vista anche la psicologia che c’è tra i quattro ex amici. I Bucks mantengono le cinture sfruttando anche le distrazioni dei Good Brothers a bordo ring. La sequenza finale vede l’utilizzo anche dello spray freddo che permette ai fratelli Jackson di connettere la BTE Trigger. Vincitori: Young Bucks

Backstage: Le telecamere ci mostrano Jon Moxley e Eddie Kingston entrare nello spogliatoio degli Elite e spaccare tutto.

Daniel e Kazarian si abbracciano a centro ring.

Backstage: Christian Cage viene intervistato e ci dice che Taz tempo fa era molto temibile sul ring, ma ora è soltanto una persona che non accetta quello che è diventato e cerca soddisfazioni comandando le persone. Il canadese annuncia che sarà nella Casino Battle Royal del ppv e inoltre la prossima settimana lancerà un open challenge contro chiunque del Team Taz. Si presenta Matt Sydal e gli dice che non gli interessa degli uomini di Taz, la sfida la accetta lui.

AEW World Championship Eliminator: Orange Cassidy (w/Best Friends) vs. PAC (w/Death Triangle) 3.5 out of 5 stars (3,5 / 5)

Match che se fosse stato gestito meglio nei tempi e nel finale avrebbe avuto un risultato decisamente diverso. I due si sono dati battaglia molto bene e anche i rispettivi amici hanno interferito nei modi giusti, ma mettere ben due pause pubblicitarie e un finale per countout fa cadere le braccia. No Contest

Don prende il microfono e dice che visto che non vi è un vincitore, nessuno dei due avrà un match a Double Or Nothing contro Kenny Omega. Tony Schiavone lo interrompe e ci comunica che il match per il titolo AEW al ppv sarà un Triple Threat.

Backstage: I Bucks e i Good Brothers si arrabbiano parecchio per aver trovato il loro spogliatoio distrutto e lanciano la sfida a Mox e Kingston per Double Or Nothing, inoltre la prossima settimana dimostreranno ancora di essere fighting champions dando la possibilità di combattere al tag team #1 nel ranking per le cinture di coppia.

Backstage: Adam Page viene intervistato e ammette la sconfitta contro Cage, ma aggiunge che il match è stato 3 contro 1 visto il coinvolgimento del team Taz. A Double Or Nothing vuole Brian in un match da soli e lì si vedrà chi è il più forte.

Pinnacle Coronation: Dopo aver rivisto alcune immagini di Blood & Guts, MJF prende parola e ci dice che finalmente ha ottenuto il suo obbiettivo, prendere il posto di Jericho diventando il nuovo Demo God e di conseguenza il migliore di tutta la storia di questo sport. Inoltre ricorda che il match è stato il segmento più visto in televisione sia negli USA che in Canada, grazie soprattutto a Shawn Spears. Ricorda poi di come ha lanciato giù dalla gabbia Jericho e chiede in maniera ironica se il pubblico volesse un rematch. Tully invece ci dice che ha regalato un orologio a tutti i membri dei Pinnacle così che ogni volta che lo guarderanno penseranno a lui e al legame che c’è tra loro. Un clacson piuttosto rumoroso li interrompe si presentano Ortiz, Hager e Guevara. MJF gli ricorda che li ha battuti e che gli Inner Circle sono finiti. Dal rimorchio spunta Jericho e senza troppi giri di parole chiede un rematch, MJF risponde di no. Chris chiede a Sammy di iniziare a giocare e spara Champagne con la pistola ad acqua sui Pinnacle che scivolano tutti per terra fuori dal ring. MJF è piuttosto arrabbiato e concede il rematch a Double Or Nothing in uno Stampede Stadium Match, aggiungendo come stipulazione che in caso di sconfitta gli Inner dovranno separarsi per sempre.

Earlier Today: Britt Baker viene intervistata da JR in vista della sfida contro Hikaru Shida a Double Or Nothing per il titolo femminile. La lottatrice ricorda di come la campionessa mesi fa le abbia rotto il naso infortunandola, ma ora la questione è diversa, perchè se c’è qualcuno di cui aver paura è proprio lei. Ammette che Hikaru ha tenuto in piedi la divisione femminile nell’ultimo anno, ma ora le cose cambieranno perchè lei è il cuore e l’anima di questa federazione e che a Double Or Nothing comincerà un nuovo lungo ciclo, Britt Baker campionessa femminile AEW.

Thunder Rosa vs. Jazmin Allure sv

Squash di pochi minuti utile probabilmente a far salire Thunder Rosa nei ranking per il post Double Or Nothing. Vincitrice: Thunder Rosa

Per la prossima settimana vengono annunciati:

  • NWA Women’s World Championship: Serena Deeb (c) vs. Red Velvet
  • AEW World Tag Team Championships: Young Bucks (c) vs. Varsity Blonds
  • Christian Cage vs. Matt Sydal
  • Anthony Ogogo (w/ The Factory) vs. Austin Gunn

Intanto la card di Double Or Nothing prende forma:

  • Hangman Page vs. Brian Cage (w/ Taz)
  • Cody Rhodes (w/ Arn Anderson) vs. Anthony Ogogo (w/ The Factory)
  • AEW Women’s Championship: Hikaru Shida (c) vs. Dr. Britt Baker, D.M.D.
  • AEW World Championship: Kenny Omega (c) vs. PAC vs. Orange Cassidy

Tony Schiavone è con Jade Cargill e il giornalista le ricorda i servizi manageriali offerti e poi rifiutati da Mark Sterling. Jade dice che non ha bisogno di nessuno e che si occuperà lei stessa di tutto quanto.

Promo: Dopo le immagini di Allin cadere rovinosamente dalle scale la scorsa settimana, il campione TNT ci dice che è tornato a Seattle, la sua città visto che soltanto lì si sente bene e se stesso. Affronterà Miro, ma ce’è una differenza tra loro due, lui è riconoscibile e ha un palmares invidiabile, mentre il bulgaro è uno dei tanti, famoso solo per le dimensioni fisiche. Stasera anche lui ammetterà che Darby Allin è uno di più forti e difficili da battere in AEW.

TNT Championship Match: Darby Allin (w/Sting) vs. Miro 4 out of 5 stars (4 / 5)

Miro attacca violentemente Allin ancora prima di cominciare il match e dopo diversi minuti l’arbitro fa suonare la campanella. Ovviamente viene sfruttato il vantaggio di Miro per i fatti di poco prima e per le condizioni piuttosto brutte di Allin dopo l’attacco di Sky e Page della scorsa settimana. Per quanto ci si aspettava la classica storia a lieto fine dell’underdog che vince nonostante tutto, a portare a casa il match è Miro, diventando quindi TNT Champion alla fine di un bellissimo match di oltre un quarto d’ora grazie alla Game Over. Vincitore: Miro

Dopo il match Ethan Page e Scorpio Sky attaccano Sting concentrandosi sulla sua schiena e soltanto i Dark Order riescono a cacciarli. Mentre Miro festeggia viene raggiunto da Lance Archer che gli fa capire che quel titolo è il suo obbiettivo.

Su queste immagini si chiude questa puntata di Dynamite e io vi do appuntamento alla prossima settimana, sempre qui, su Zona Wrestling.

PANORAMICA RECENSIONE
Qualità dei match
7
Evoluzione delle storyline
7
Qualità dei promo
7
Dorian
Metallaro appassionato di Musica Classica, deve la scoperta di uno dei suoi gruppi preferiti a Edge e sogna di poter rivedere Kurt Angle con una bottiglia di latte