I partecipanti al Money In The Bank Ladder Match di quest’anno, match che si svolgerà nell’omonimo PPV, esclusiva di SmackDown, sono Kevin Owens, Sami Zayn, Baron Corbin, AJ Styles, Dolph Ziggler e Shinsuke Nakamura. Lo star power proposto sembra essere di altissimo livello: quali risvolti dobbiamo aspettarci da una contesa simile?

Prima di analizzarli, lasciatemi dire due cose che non mi sono piaciute riguardo il match e i suoi partecipanti:

Punto primo, continuo a non apprezzare l’idea di rendere MITB esclusiva di un solo brand, così da restringere le possibilità d’incasso ai soli wrestler di SmackDown. Più che reintrodurre le due valigette, avrei preferito un match inter-brand e, soprattutto, un vincitore che avrebbe potuto decidere d’incassare in qualsiasi roster avesse voluto, rendendolo una vera e propria mina vagante. A Raw stanno cercando di metterci una pezza con il Fatal 5 way di Extreme Rules, comprendo anche che inserire un altro PPV inter-brand a così poca distanza da SummerSlam potesse essere rischioso, ma io un tentativo l’avrei fatto

Punto secondo, che è stato già discusso qui sul sito tra voi lettori, la scelta di annunciare i partecipanti al match senza alcun tipo di “qualificazione”, gettando una lieve ombra su quella che dovrebbe essere la terrà delle opportunità

E non è neanche colpa nostra se questo concetto lo tiriamo in ballo tanto spesso, è la WWE stessa che ripete ossessivamente questa frase nei suoi show, più e più volte durante le puntate di SmackDown, perciò è logico che, quando avviene un’incongruenza, la si faccia notare pesantemente. Sarebbe stato molto più interessante vedere dei match di qualificazione, magari anche a più uomini, una Battle royal per l’ultimo posto disponibile. Ammetto che i sei partecipanti sembrano essere perfetti, forse solo Kevin Owens avrebbe potuto essere escluso per venire coinvolto in una sua difesa titolata, o anche Baron Corbin dal momento che era reduce da una sconfitta contro Zayn, però ammettiamo pure che questi sei sarebbero comunque risultati vincitori, non sarebbe stato più coerente fargli sudare quest’opportunità contro altri avversari?

Breve corollario: ma Shane McMahon che aggiunge Owens al match come se nient en fùs?

Detto questo, veniamo al match in sé per sé

I ruoli sono stati tutti assegnati: Ziggler è il veterano con già una vittoria alle spalle, Owens è l’heel da odiare e Styles il face da tifare, Nakamura è il nuovo prodigio appena arrivato e Corbin è sempre un novizio che ha bisogno di lasciare definitivamente il segno, infine Zayn gioca la parte dello sfavorito. Assegnati i ruoli, si può presumere che le faide attualmente in corso continueranno anche nel MITB e forse una coppia si eliminerà a vicenda (forse anche più di una), le capacità in ring abbondano e anche all’inesperto Corbin verrà data l’occasione di brillare con qualche spot fatto apposta per lui, ovviamente c’è anche il rischio che a qualcuno non venga concesso tutto lo spazio che meriterebbe, ma in generale credo che le aspettative sulla qualità del match non siano mai state così alte

I ruoli ci sono, la trama anche, passiamo adesso al finale: ognuno dei sei sembra avere una chance di vincere la valigetta e ognuno di loro potrebbe raccontare una storia. Zayn potrebbe incominciare un serio percorso di costruzione verso il main event, Styles ritornerebbe nel giro del titolo massimo, sia lui che Nakamura sarebbero semplicemente divini come possessori della valigetta, divertendosi a incutere timore nel campione di turno con chissà quanti falsi incassi e sfottò; c’è da dire anche che in caso di vittoria face le probabilità di un incasso “pulito” salgono di molto, il primo nome che mi viene in mente, lo abbiamo ripetuto più volte nel podcast, è Nakamura, il quale potrebbe dichiarare di voler incassare la valigetta con un match alla Rumble, oppure addirittura a WrestleMania; oppure, se all’incasso dovesse seguire un turn heel, il nome più papabile sarebbe quello di Styles.

Veniamo ora agli heel: Kevin Owens potrebbe diventare ancor più odiato di quanto già non sia se dovesse, per esempio, perdere finalmente (finalmente per gli americani) il titolo degli Stati Uniti solo per poi incassare il MITB e diventare il volto della WWE, come da lui proclamato; Ziggler sarebbe l’avversario giusto per mandare over il face che gli strapperà la cintura, magari anche dopo pochissimi mesi di regno; Baron Corbin è già abbastanza odiato dal WWE Universe e anche da una buona fetta di fan smart che ancora non lo digeriscono sul ring, per la sottoscritta ormai ha raggiunto la piena sufficienza, ma tutti ormai sapete quanto io sia di manica larga. Dicevamo: Corbin potrebbe proiettarsi verso un primo regno da heel, che servirebbe alla WWE per capire se conviene o meno puntare su questo ragazzo, che diventerebbe campione imponendosi in maniera non troppo dominante, ma semplicemente incassando contro un campione moribondo, come successo tante vole in passato.

Sugli heel c’è da aggiungere un corollario, ovvero la situazione attorno al titolo WWE: al momento il campione è Jinder Mahal, al quale potrebbe essere affidato un regno di media durata, giusto il tempo necessario affinché il pubblico ne abbia fin sopra i capelli di vederlo campione, a quel punto Mahal potrebbe perdere la cintura contro un face, al quale il titolo, tuttavia, verrebbe rubato subito dopo dal Mr MITB che incasserebbe la valigetta, scatenando su di sé un odio ancor più profondo. Con uno scenario simile, Owens sarebbe perfetto, ma sarebbe uno spot che non vedrei male neanche per gli altri due partecipanti.

In sintesi: l’aspettativa è tanta, i grandi nomi ci sono, le elucubrazioni mentali si sprecano, i pronostici fioccano, siamo ancora a tre settimane da Money In The Bank ma l’atmosfera è già caldissima, speriamo che tutte queste speranze non vengano disattese.

Ysmsc
Celeste "Ysmsc", gli utenti stanno ancora cercando di capire come si scrive il suo nome, lei sta ancora cercando di capire cose le succede intorno. Scrive con orgoglio i report di Raw e le sue amate FLOP 10. Le cose che ama di più sono il wrestling, il cibo giapponese e Killer Mask (non necessariamente in quest'ordine). Si sentirà realizzata quando non si useranno più i tasti "copia-incolla" per scrivere il suo nickname