Bentornati amici di ZonaWrestling, siamo qui anche questa settimana pronti a raccontare le vicissitudini di NWA Powerrr. Le immagini ci giungono sempre dagli GPB Studios di Atlanta, nonostante l’episodio sia stato mandato offline per alcune ore, salvo poi tornare editato, a causa di un commento di Jim Cornette sull’Etiopia durante il match tra Nick Aldis e Trevor Murdoch che fra poco andremo a rivivere insieme (il commento in questione era: “Trevor Murdoch potrebbe allacciarsi un secchiello di pollo fritto dietro la schiena e attraversare l’Etiopia in motorino. Trevor Murdoch è un uomo che sa badare a sé stesso”). Alla tastiera per voi, come sempre, c’è Nino De Maio.

Recap della scorsa settimana e sigla fanno come sempre da preludio all’inizio dello show, che si apre sempre come Jim Cornette e Joe Galli che ci anticipano quello che vedremo stasera e cedono immediatamente la linea a David Marquez in compagnia di Nick Aldis. Il giornalista fa subito la domanda più scomoda chiedendo al campione della situazione di Kamille, ma Aldis taglia corto dicendo che se non vediamo la ragazza al suo fianco è perché è lei stessa la responsabile delle sue azioni. Ma per riportare la conversazione sui binari giusti Aldis ci ricorda che questa è la NWA e che stasera affronterà un rivale per il quale ha molto rispetto, Trevor Murdoch, ma il match non sarà titolato, perché Murdoch non può essere ancora considerato un contendente al titolo; lui gli darà un’opportunità per avvicinarsi.

Single Match:Trevor Murdoch vs Nick Aldis 2.5 out of 5 stars (2,5 / 5)

Il match parte con una stretta di mano tra i due. Fase iniziale del match dominata da Murdoch, con Aldis che dopo aver subito una serie di tre body slam prova a reagire, ma finisce immediatamente vittima di una Full Nelson Slam e di un successivo Bulldog dal paletto, riuscendosi a salvare dallo schienamento soltanto poggiando il piede sulle corde. Murdoch disperato prova a tornare sul paletto, ma stavolta va a vuoto e Aldis ne approfitta per chiuderlo nella cloverleaf e costringerlo a cedere. Al termine del match i due si stringono nuovamente la mano, mentre il pubblico canta a gran voce il nome di Murdoch.

Winner: Nick Aldis via submission

In compagnia di Dave Marquez troviamo ora i Rock & Roll Express, che ci annunciano di avere una title shot ai titoli di coppia e che diventeranno campioni per la nona volta. Mentre gli sfidanti lasciano lo studio, arrivano i campioni, i Wild Cards, che dicono di essersi già liberati di Homicide e Kingston la settimana scorsa e non avranno problemi a sbarazzarsi anche dei Rock & Roll. I campioni di coppia poi, evidentemente presi da un impeto di stilnovismo, dicono che le due vecchie scorreggie possono baciar loro il culo. Rimanendo in tema di romanticismo, Marquez chiede a Latimer quale sia il suo rapporto con Kamille, e il campione risponde, con l’espressione del friendzonato cronico stampata in volto, che sono solo amici.

Dopo un recap del match di Question Mark della settimana scorsa, vediamo il Nation Champion Colt Cabana aggiungersi al tavolo di commento per commentare il match tra lo stesso Question Mark e Ricky Starks.

Single Match:Question Mark vs Ricky Starks [s.v]

Il match parte subito ad alto ritmo, ma dura poco, perché dopo un suicide dive di Starks, mentre i due lottano fuori dal ring giunge Aaron Stevens per attaccare Starks alle spalle. Question Mark si unisce all’aggressione, che dura alcuni minuti finché Colt Cabana non si alza dal tavolo di commento facendo allontanare Stevens e Question Mark. Viene annunciato che il match è terminato in no contest, mentre la strana coppia formata da Question Mark e Aaron Stevens prova ad attirarsi i favori del pubblico, un’impresa che riesce solo all’uomo mascherato.

Winner: No contest

Al ritorno dalla pubblicità ci viene annunciato che nel main event della serata vedremo Question Mark e Aaron Stevens affrontare Colt Cabana e Ricky Starks. Arriva in studio Eli Drake che si rivolge a Ken Anderson, dicendogli che lui (Eli) non è uomo difficile da trovare, mentre Anderson ha ormai superato la sua data di scadenza. Anderson non si fa attendere e ricorda di aver lottato in tutto il mondo e in qualsiasi tipo di scenario e si dice stufo di sentir parlare Drake, sfidandolo per un match immediato. Mentre i due si dirigono sul ring, però, Drake attacca Anderson alle spalle, lasciandolo inerme al tappeto.

Ci viene mostrato un recap della nascita del nuovo sodalizio tra Marti Belle e Thunder Rosa nato nelle ultime due settimane. Le due saranno impegnate in tag team anche questa settimana e affronteranno il team composto dalla campionessa Allisyn Kay e Ashley Vox.

Tag Team Match:Thunder Rosa e Marti Belle vs Allisyn Kay e Ashley Vox 2 out of 5 stars (2 / 5)

Nella prima parte del match le due heel isolano Ahsley Vox nel loro angolo, costringendola a subire uno stile di lotta particolarmente aggressivo. Il canovaccio del match è questo finché Vox non riesce a dare il tag ad Allisyn Kay, che in un primo momento sembra riuscire a prendere il sopravvento su Thunder Rosa, che però ribalta immediatamente la situazione con un calcio volante in corsa. Thunder Rosa prova poi a lanciarsi dal paletto, ma la campionessa capisce la sue intenzioni e la anticipa connettendo un superplex dalla seconda corda. A quel punto però dagli spalti scende Melina (sì, proprio lei) che causa una distrazione decisiva ad Allisyn Kay, permettendo a Thunder Rosa di schienare la campionessa con un roll-up.

Winner: Thunder Rosa e Marti Belle via pinfall

Il match è finito, ma le due heel continuano a colpire le loro avversarie prima di allontanare Ashley Vox dal ring, dove vengono raggiunte invece da Melina. L’ex WWE alza le braccia di quelle che sembrano essere sue alleate in segno di vittoria, mentre le tre sorridono al centro del ring davanti al corpo inerme della campionessa.

Siamo giunti al main event della serata, che si apre con la scenetta già vista precedentemente di Aaron Stevens e Question Mark che fanno a gara a chi sia più tifato dal pubblico, con il lontano pro-nipote di Shakespeare che perde miseramente.

Tag Team Match: Question Mark e Aaron Stevens vs Ricky Starks e Colt Cabana 2.5 out of 5 stars (2,5 / 5)

 I primi a cominciare il match sono Ricky Starks e Aaron Stevens, ma quest’ultimo prova a scappare fuori dal ring, prima di dare immediatamente il tag a Question Mark. Una scena che poi si ripete anche un’altra volta nel corso del match, con Question Mark che in entrambi i casi riesce a portare l’inerzia del match in favore del suo team. Dopo una serie di colpi di karate alternati da Stevens e Question Mark (così come si alternano i fischi e le esultanze del pubblico) sul povero Ricky Stark, Stevens prova a tornare sul ring, mostrando letteralmente il sedere al povero pubblico presente in palazzetto. La distrazione però gli costa caro, perché, quando prova a tornare all’attacco, Starks lo colpisce con una Sling Blade e riesce a raggiungere Colt Cabana all’angolo. I due face passano così in controllo del match con Ricky Starks che prova a strappare anche la maschera a Question Mark, ma l’arbitro si distrae con Colt Cabana, permettendo a Stevens di intervenire e mettere le dita negli occhi a Ricky Starks. A quel punto Question Mark colpisce il suo avversario con il suo tipico colpo di karate al collo e concede il tag a Stevens per il pin vincente.

Winner: Question Mark e Aaron Stevens via pinfall

Stevens ricorda che sono riusciti a vincere grazie al potere del karate, mentre a Question Mark basta soltanto dire “karate” per guadagnarsi l’ennesimo pop del pubblico. Dopo che i due hanno lasciato lo studio, Dave Marquez sta per salutarci quando viene raggiunto da James Storm, che dice di essersi stanco di sentire Aldis proclamarsi fighting champ salvo poi fare soltanto match di esibizione contro avversari irrilevanti, prima di spostare poi il mirino su Colt Cabana che non difende mai il titolo a differenza di quanto faceva lui quando era campione.

Quando però il discorso di Storm sembra spostarsi di nuovo Aldis, ecco che arriva in studio Kamille che dice qualcosa nell’orecchio del Cowboy e se ne va.  James Storm sorride prima di commentare con la sua storica catchphrase: “Sorry about your damn luck”. Mentre James Storm se ne va con un sorriso beffardo stampato sul volto (il sorriso del friendzonato che non sa ancora di esserlo?) parte Into The Fire, che vuol dire fine dell’episodio e che per noi è giunto il momento di salutarci, dandoci appuntamento alla prossima settimana, sempre su queste pagine, per il report di un nuovo episodio.

PANORAMICA RECENSIONE
Qualità dei match
6
Qualità dei promo
6
Evoluzione delle storyline
7
Nino De Maio
Nato nel 1991, appassionato di wrestling dal 2003, newsboarder dal 2017. Esteta del wrestling e dello sport in generale. I miei lottatori preferiti sono Eddie Guerrero, AJ Styles, Kurt Angle e CM Punk. Burn it down!