Amici lettori di Zona Wrestling, ben ritrovati all’appuntamento con Monday Night Raw. L’Horror Show a Extreme Rules della scorsa notte ha dato i suoi verdetti, ma anche in questa puntata assisteremo degli scontri decisivi, come l’Unsanctioned match fra Big Show e Randy Orton. Dopo lo sconvolgente finale dell’Eye for an Eye match, Seth Rollins dovrà affrontare Aleister Black, mentre Kairi Sane se la vedrà con la (ancora) campionessa di SmackDown , Bayley. Extreme Rules è stata anche una sagra delle controversie, con MVP auto dichiaratosi campione degli Stati Uniti per il forfait di Apollo Crews e Sasha Banks nuova campionessa di Raw grazie al conteggio di Bayley, che ha sfruttato la situazione per improvvisarsi arbitro del match contro Asuka. A raccontarvi la serata, come sempre, c’è Jasper.

La puntata si apre con l’arrivo di Seth Rollins, accompagnato dal suo discepolo Murphy e da una pioggia di booo. Tom Phillips ci rassicura sulle condizioni di Rey Mysterio e dice che la sua vista non è in pericolo, ma si tratta comunque di una condizione molto delicata. Rollins dice che ha visto uscire l’occhio di Rey Mysterio dall’orbita e questo lo segnerà per tutta la vita. E’ stato più disgustoso e barbaro di quanto pensasse e gli ha rivoltato lo stomaco. Nelle ultime ore si è chiesto se si è pentito di quello che ha fatto, ma si è fatto anche un’altra domanda: noi ci pentiamo di quello che abbiamo fatto a Seth? Questa non è stata una sua decisione, siamo noi che abbiamo deciso di eleggerlo a Messia, proprio come è stato Rey a scegliere la stipulazione del match. Quello che è successo ieri è terribile ma non ci possiamo permettere di rimpiangere il passato e ora il Bene Superiore di questo show può e deve arrivare. Aleister Black si presenta incazzato nero sullo stage e dice che l’unica persona da incolpare per tutto questo è Rollins e corre verso il ring. Murphy prova ad attaccarlo ma viene preso a calci e sbattuto contro alle barricate e al tavolo dei commentatori.

1) Singles match: Seth Rollins (w/ Murphy) vs Aleister Black 3.5 out of 5 stars (3,5 / 5)
Dopo la pausa è Rollins ad attaccare rabbioso all’angolo, anche se Black si fa spazio con i suoi potenti colpi diretti e attacca fuori dal ring. Rollins fa schiantare la mano dell’avversario contro il paletto e recupera con una Sling Blade una volta risaliti sul quadrato. Seth infierisce sul braccio dolorante, ma Black torna alla carica. Rollins evita un Moonsault e prova la Stomp, Black la evita mette a segno la Black Mass. Murphy sale sul ring e regala secondi preziosi al suo maestro, ma c’è una Black Mass anche per lui e, dopo la pubblicità, è ancora Aleister a controllare con dei calcioni durissimi al petto di Rollins. Black fallisce il doppi tentativo di Black Mass, Rollins reagisce con altri calci e si lancia dalla cima del paletto trattenendo Black per il braccio. Giocata decisiva, perché Seth gestisce la reazione di Black e va a segno con la Stomp che chiude il match.
Winner: Seth Rollins via pinfall

Seth Rollins e Murphy sembrano volersene andare, ma ci ripensano. Tornano sul ring e attaccano malamente Aleister Black lanciandolo contro le barricate, con Rollins che afferra nuovamente il suo braccio e lo percuote contro il tavolo di commento e contro il paletto, calpestandolo poi con una Stomp. Aleister urla a squarciagola dal dolore e Rollins se ne va prendendosela anche con i talenti di NXT fra il pubblico.

Farooq viene riesumato e si trova nel backstage insieme a MVP e Bobby Lashley. Dice che c’è un modo migliore di fare le cose rispetto a quello che adottano loro. Farooq saluta e se ne va, ma lì vicino si sta aggirando R-Truth con una padella. Il campione 24/7 fa i complimenti a MVP per la bella replica della cintura, ma tutti sanno che il vero campione US è Apollo Crews. MVP ricorda di aver battuto Apollo e di essersi guadagnato meritatamente il titolo, invitando poi Truth a salire con loro sul ring. Truth risponde che non vuole essere chiuso nella Nelson dei Simpson ancora… Ha-Ha!!! Lashley gli ricorda che la sua mossa si chiama Full Nelson e fa avvicinare un arbitro. Dal nulla appare Shelton Benjamin che colpisce R-Truth. Schienamento e 1,2,3. Abbiamo un nuovo campione 24/7. MVP, Lashley e Benjamin salgono insieme sul ring. MVP prende il microfono e ricorda ancora di essere uscito da Extreme Rules come nuovo campione US e non ha dovuto nemmeno sudare. Alcune settimane fa, Lashley ne ha date talmente tante ad Apollo da costringerlo a rinunciare al suo incontro. MVP ne ha anche per Ricochet e Cedric Alexander, chiamandoli Scemo e più Scemo e promettendogli mazzate fra poco. I due si presentano sullo stage e, dopo uno scambio di battute con MVP, introducono il loro compagno di stasera, qualcuno che farà il suo ritorno. E’ Mustafa Ali!!!! Lashley parte alla carica a test bassa, ma si becca tre Superkick dai piccoletti, i quali salgono sul ring e costringono MVP e Benjamin ad allontanarsi.

3) 6-Man Tag Team match: MVP, Bobby Lashley & Shelton Benjamin vs Ricochet, Cedric Akexander e Mustafa Ali 2.7 out of 5 stars (2,7 / 5)
Lashley mette in campo tutta la sua potenza e isola Cedric al suo angolo con la collaborazione dei compagni. I tre si alternano demolendo Cedric con MVP che ci prova con il Ball In Elbow dopo le manovre di potenza dei suoi assistiti. Alexander ha una timida reazione e viene abbattuto di nuovo con un Big Boot. Ricochet riesce a prendersi il cambio, ma durante la pausa Benjamin annienta la sua velocità e rallenta il ritmo del match mantenendolo a terra. Ricochet soffre enormemente, ma si libera con un Dropkick e da’ il tag ad Ali che può finalmente scatenarsi in corsa. MVP non lo vede nemmo e incassa la Facebuster e Lashley fallisce il tentativo di interferenza venendo travolto con un Suicide Dive . Fuori dal ring saltano tutti gli schemi e MVP prova ad approfittare della confusione, ma Ali evita l’Helluva Kick e lo stende con una Neckbreaker vicino al paletto. La strada per la 450 Splash è spianata e Ali porta a casa il pin vincente.
Winner: Ricochet, Cedric Alexander & Mustafa Ali via pinfall

Dopo il match andiamo nel backstage, dove c’è Randy Orton che si sta interrogando sui momenti che cambiano la vita. Alcuni potrebbero pensare che i suoi momenti più importanti siano l’ingresso nell’Evolution o la vittoria contro Mick Foley o quando è diventato il più giovane campione mondiale della storia. Ma no, non sono quelli i momenti. Lui sta parlando del momento che vede ogni volta che chiude gli occhi e infatti…chiude gli occhi. Riesce a vedere quando 175 giorni fa ha colpito il collo di Edge con una sedia. Randy dice di essersi fatto molti amici nel business e pensava che questi legami fossero incisi nella roccia, ma si sbagliava. Edge, Christian e Big Show lo hanno aiutato in passato, ma causare dolore a così tante persone gli ha regalato un’immensa soddisfazione. Ha già rovinato la chance per un ultimo match a Christian e stanotte metterà fine anche alla carriera di Big Show una volta per tutte. E se la godrà alla grande.

Intanto Ron Simmons sta dando dei consigli anche ai Viking Raiders. Dopo una clip dedicata alla carriera di Big Show, il trio di commento si collega in video con Christian, che dice che non riuscirà più a vedere Orton e Ric Flair con gli stessi occhi e forse anche lui non riuscirà ad essere più lo stesso. Joe gli chiede come sta fisicamente e se pensa che il match di stasera possa essere una trappola anche per Big Show. Christian risponde che alcuni giorni sono meglio di altri, ma non sta affatto bene. Comunque rifarebbe tutto ciò che ha fatto se servisse per fermare definitivamente Orton. Big Show ha tante persone dalla sua parte e non vede l’ora che prenda Orton a calci nel sedere.

Ci spostiamo nel backstage, dove Sarah Schreiber intervista Bianca Belair. Settimana scorsa ha dato una bella lezione a a quelle oche delle IIconics e le ha messe al loro posto. Arriva Peyton Royce e invita Sarah ad allontanarsi per parlare da sola con Bianca. Arriva però anche Ruby Riott, che si scalda quando viene nominata Liv Morgan. Bianca invita l’amica a calmarsi e a risparmiarsi per il ring. Spera che Billie Kay si divertirà a vedere Peyton presa a mazzate.

3) Singles match: Peyton Royce vs Ruby Riott (s.v.)
Le due badano poco alla tecnica e Peyton continua a urlare in faccia a Ruby parole poco carine nei confronti di Liv Morgan. L’australiana ci prova con una Torture Rack illegale sfruttando le corde e prosegue con il suo trash talking, andando a segno con un calcio in salto. Ruby. però, evita l’attacco dalla terza corda e mette a segno il Riott Kick.
Winner: Ruby Riott via pinfall

Charly Caruso è nel backstage e si avvicina a Angel Garza, Andrade e Zelina Vega, chiedendo loro come pensano di giocarsela nel loro match di stasera contro gli Street Profits. Zelina risponde per i suoi ragazzi e dice che il tempo di giocare è finito. I suoi assistiti sono sempre andati d’accordo e sono sempre stati pronti. Che fine hanno fatto gli Street Profits? Si sono nascosti fino ad ora e, chissà, magari i suoi vinceranno il match per count out visto che i campioni hanno paura di loro. Andrade dice che quando vinceranno saranno sempre più vicini ai titoli di coppia, mentre Angel dice che è da sempre in attesa della sua occasione, ammiccando a Charly. Arrivano però gli Street Profits che attaccano i due messicani e li lasciano a terra doloranti.

4) Non-Title Tag Team match: The Street Profits vs Angel Garza & Andrade (w/ Zelina Vega) 3 out of 5 stars (3 / 5)
I messicano non perdono tempo e partono alla carica con grande aggressività e un buon lavoro di squadra. Angelo Dawkins si trova subito in difficoltà e viene bloccato al tappeto da Garza, ma il match si accende con il tag a Montez Ford, che si lancia fuori dal ring con una Top Cone Hilo su Andrade. Dopo la pausa sono i campioni a condurre e a colpire Andrade con manovre combinate, anche se con astuzia i messicani riescono ad abbassare di nuovo il ritmo al loro angolo. Ford soffre, ma riesce a liberarsi dalla morsa degli avversari e da il cambio a Dawkins. Serie di colpi in corsa e Exploder Suplex su Andrade, seguito da una Bulldog che per poco non vale la vittoria. Andrade si libera furbescamente e da’ il cambio a Garza, che fallisce l’attacco dalla corda superiore. Ford lo scaglia al tappeto e chiude il match con un’impressionante Frog Splash in rotazione ad un’altezza disumana.
Winner: The Street Profits via pinfall

Nel backstage Andrade e Angel Garza discutono, ma tutto sommato sembrano voler gestire con calma la sconfitta. Zelina arriva agitata e chiede spiegazioni ai suoi assistiti su cosa sia appena successo. Angel Garza la rassicura e dice che lui e Andrade sono sulla stessa lunghezza d’onda. La manager gli dice di dimostrarlo.

Bayley e Sasha Banks fanno il loro ingresso al Performace Center con tutte le cinture femminili disponibili sulla piazza, anche se Mike Rome non annuncia Sasha come campionessa di Raw. Bayley prende il microfono e dice di portare rispetto alla nuova campionessa di Raw. La Banks prende la parola e dice di sapere cosa le gente dice di lei. Sa di essere accusata di aver rubato il titolo, ma forse non tutti si ricordano che Becky Lynch ha consegnato il titolo nella mani di Asuka solo per la gravidanza. Sembra che tutti si siano anche dimenticati cosa è successo ieri notte. Asuka ha quasi accecato quel povero arbitro con il Green Mist e Bayley ha semplicemente preso in prestito la sua maglia perché ovviamente qualcuno doveva dirigere il match. Bayley è un esempio per noi e quando ha visto Sasha schienare Asuka ha fatto la cosa giusta. Ha semplicemente effettuato il conteggio. Le due continuano a pavoneggiarsi ma vengono interrotte proprio da Asuka e Kairi Sane. Asuka è infuriata e dice che quello è il suo titolo. Sasha la invita così a farsi avanti e venirsi a prendere la cintura. Le giapponesi si dirigono verso il ring, ma sul mega schermo appare Stephanie McMahon, che si congratula con le campionesse di coppia per i loro titoli tag team e con Bayley per essere campionessa di SmackDown. Purtroppo, però, quello che si è visto ieri è stato davvero un Horror Show e per quanto Sasha ne dica, non è la campionessa di Raw. Settimana prossima, quindi, lei e Asuka si affronteranno per determinare la vera campionessa. Per essere chiara, Stephanie dice che Sasha potrà perdere il titolo anche per count out, squalifica o se Bayley verrà coinvolta in qualunque modo. Asuka e Kairi salgono sul ring e le campionesse si allontanano.

5) Non-Title Singles match: Bayley (w/ Sasha Banks) vs Kairi Sane (w/ Asuka) 3.5 out of 5 stars (3,5 / 5)
Kairi parte forte con una serie di Chop, ma Bayley si rifugia saggiamente alle corde. Dopo qualche difficoltà, la campionessa di SmackDown torna all’attacco all’angolo e prova a rallentare i ritmi con colpi ruvidi e prese al tappeto. L’incontro fatica a decollare fino a che Kairi non si lancia con un Foot Stomp sulla schiena di Bayley appesa alla terza corda. Dopo la pausa Bayley trova la reazione e ci prova mirando al braccio dell’avversaria, mentre nel backstage c’è Shayna Baszler che assiste al match e dice a Charly Caruso che, nonostante abbia battuto qualunque ragazza della divisione femminile, non ha ancora avuto il suo match. Nessuno si merita una chance più di lei. Torniamo sul ring e Kairi ribalta la situazione con una DDT e colpisce con la Sliding D, ma Bayley la raggiunge sulla terza corda e la fa cadere sull’apron. La Sane ci riprova con la Spear e va a segno con l’Insane Elbow, ma il suo braccio è malandato e permette a Bayley di avvicinarsi alle corde e interrompere il conteggio. Bayley si riprende e stende l’avversaria con un Back Suplex, andando poi vicinissima alla vittoria con l’Elbow Drop dal paletto. La campionessa prova allora a chiudere con il Bayley to Belly, ma Kairi ribalta in uno schienamento che la coglie di sorpresa. 1,2,3.
Winner: Kairi Sane via pinfall

Sasha e Bayley sono incredule e intanto Drew McIntyre si aggira nei corridoi dell’arena. Sarah Schreiber lo intercetta e gli chiede come sta dopo il durissimo match di Extreme Rules. Drew dice che ovviamente non è al 100%, ma è ancora campione WWE e questo lo fa sentire bene. Fra poco salirà sul ring e parlerà del futuro. E ci spostiamo proprio sul ring, dove McIntyre ammette che Dolph Ziggler è stato furbo a scegliere quella stipulazione. Ha quasi rischiato di perdere con sedie, tavoli e tutto il resto. Ma “quasi riuscire” è il riassunto perfetto della carriera di Ziggler. Ora però c’è SummerSlam all’orizzonte ed è in cerca di un avversario meritevole. Ecco che arriva Dolph Ziggler. Dice che ieri ha visto qualcosa in Drew che non vedeva da molto tempo, ha visto la paura nei suoi occhi. Drew dice che che lo ha semplicemente sconfitto, non è sufficiente? Ziggler dice che tutto il mondo li ha visti menarsi di brutto ed è andato a tanto così da conquistare il titolo. Nessuno parla di quello che ha fatto e di quello che merita. Drew lo zittisce e dice che non avrà un altro match, lo ha battuto nonostante gli avesse concesso di scegliere la stipulazione, quindi cosa diavolo vuole? Ziggler continua a blaterare e Drew gli consiglia di smetterla di umiliarsi in questo modo. Drew fa per andarsene e Ziggler prova a trattenerlo, ma si becca una testata che lo spedisce a terra. Dolph non si arrende e gli dice di non andarsene. Lui si meritava quel match e si merita una rivincita. Non importa dove, quando o la stipulazione, basta che avrà il suo rematch. Drew ci pensa e accetta e Dolph gli chiede quale stipulazione ha scelto. McIntyre vuole riservargli lo stesso trattamento el o terrà sulle spine per tutta settimana. Rivelerà la sua scelta poco prima del suono della campana.

Big Show è da solo nel backstage e fra pochi minuti affronterà Randy Orton, attualmente l’uomo più pericoloso in WWE. In molti hanno tentato di salvare Randy da sé stesso e lui ha sempre sadicamente fatto loro del male. Le voci nella sua testa gli dicono di fare terra bruciata attorno a lui e di sicuro la presenza di Ric Flair non aiuta. Big Show ricorda che lui e Randy erano compagni di viaggio. Si erano anche dati un soprannome: Martello e Scalpello. Hanno discusso molto su come presentarsi a questo business e loro sono come delle tigri che non possono cambiare le loro strisce, come evidentemente recita un detto americano. Orton ha riportato in vita il sadico Legend Killer e ora dice di avere uno stivaletto con il nome di Big Show scritto sopra. Questa sarà la fine per Big Show? potrebbe essere, ma si dice anche un’altra cosa riguardo alle tigri. Una tigre è più pericolosa quando capisce che la fine si avvicina, perché farà di tutto per sopravvivere. Orton non scriverà la fine della sua storia.

6) Unsanctioned match: The Big Show vs Randy Orton 3 out of 5 stars (3 / 5)
Show non perde tempo e riesce subito ad attaccare con i suoi pugnoni, strapazzando Orton agli angoli e abbattendolo con una Spear. Big Show estrae un tavolo da sotto il ring, ma arrivano Andrade e Angel Garza che lo attaccano e lo spingono contro i gradoni. in suo soccorso arrivano i Viking Raiders e dopo la pausa spariscono tutti. Randy continua a soffrire, ma colpisce con una buon Dropkick al ginocchio. Il suo tentativo di Punt Kick viene bloccato e Big Show connette addirittura con la Showstoper. Quasi 3!!! Show ci prova allora con il KO Punch, ma Orton si rifugia fuori dal ring e guadagna secondi preziosi. Il gigante intanto apre il tavolo sul ring e ci piazza sopra Orton, fallendo però la Vader Bomb. Big Show si schianta contro il tavolo e Randy trova la RKO, ma incredibilmente è solo 2. Orton va a prendere una sedia e comincia a colpire ripetutamente l’avversario fino a connettere con la Silver Spoon DDT. Altra RKO e tutti a casa.
Winner: Randy Orton via pinfall

Big Show si mette a fatica sulle sue ginocchia e Randy prende la rincorsa. Con la bava alla bocca colpisce con il Punt Kick e sussurra a Big Show che glielo aveva detto. Un’altra leggenda è morta.



PANORAMICA RECENSIONE
Qualità match
6.5
Evoluzione delle storyline
6.5
Qualità dei promo
7
FONTEwwe
Jasper
Newsboarder e reporter di Raw, NXT e occasionalmente SmackDown. Il lungo tempo passato sul divano lo passo ascoltando musica, guardando wrestling,ogni tanto film e serie tv. Quando lavoro ho la fortuna di dedicarmi alla passione per il vino e la cucina. Cresciuto nel mito di Macho Man e successivamente Edge, aspiro ad una vita alla Ric Flair.