Popolo di Zona Wrestling!
Benvenuti ad un nuovo report di Monday Night Raw, come sempre a cura del vostro amico Paolo Palermo: ci avviciniamo sempre di più a Hell in a Cell, ma anche alla Season Premiere di Raw, che cade settimana prossima.
A questo proposito, il menù di stasera offre un avvincente Elimination Match a cinque uomini che mette in palio la possibilità di affrontare Seth Rollins per il titolo fra una settimana esatta. Inoltre, Sasha Banks affronterà Nikki Cross e ci sarà anche un rematch fra King Corbin e Chad Gable.

Non spegnete i vostri teleschermi, signore e signori, non prendete a manate la TV: le interferenze e le distorsioni durante la sigla del “Then, Now, Forever” non derivano da un problema tecnico, ma dalla presenza di The Fiend. Il Demonio “apre” così indirettamente questa puntata di Raw, anche grazie a un video promo che ci rammenta gli eventi di settimana scorsa.
A presentarsi in carne ed ossa davanti al pubblico di San Francisco, però, è Seth Rollins: il nostro Universal Champion prende spazio sul ring e confessa al pubblico che trovarsi faccia a faccia con The Fiend sette giorni fa è stato qualcosa di totalmente nuovo. Seth ha sperato per un momento che fosse un brutto incubo, ma l’incarnazione del male era davvero lì per lui… e in due settimane dovrà difendere il suo titolo nella gabbia infernale, conscio che entrarvi assieme a Bray Wyatt è tutta un’altra cosa. Rollins afferma perentoriamente che gli resta una cosa e una cosa soltanto da fare: sopravvivere. Esattamente come ha fatto a Summerslam contro Lesnar; esattamente come contro Braun Strowman… che si sente chiamato in causa e fa il suo ingresso sul ring.
Il Mostro non perde tempo e dice di essere diverso da Wyatt: se ha un problema, ne parla faccia a faccia col diretto interessato. Braun rammenta a Rollins la perdita dei titoli di coppia per “colpa” dello stesso Architetto, aggiungendo che forse quest’ultimo spera di non avere un rematch con Strowman. Il campione universale prende tempo, ragionando sulle difese titolate che lo aspettano nelle prossime settimane, ma alla fine lancia la sfida a Strowman per stasera: il match sembra ufficiale quindi, con il docile Braun che promette “these hands” al suo ex compagno di tag team. Cominciamo col botto!

1) Tag team match: The Viking Raiders vs The O.C. w/ AJ Styles 3 out of 5 stars (3 / 5)
Nuova theme song per quelli del Club, che si presentano al gran completo. Partono Erik e Karl Anderson, con “Machine Gun” che viene presto fatto vittima delle manovre combinate dei due vichinghi. L’entrata in gioco di Gallows contribuisce a cambiare l’inerzia del match per un momento, ma quando Ivar prende il tag non ce n’è per nessuno. Styles prova a interferire per rallentare il ritmo dell’avversario, ma l’arbitro se ne avvede e caccia fuori il campione degli Stati Uniti, che viene attaccato da Cedric Alexander mentre è ancora sullo stage a protestare.
Ivar è comunque messo sotto dagli avversari per un breve lasso di tempo, ma riesce a trovare la via del tag: Exploder Suplex di Erik su Anderson, che poi cambia ancora per Ivar. Quest’ultimo viene usato come “oggetto contundente” su un povero “Machine Gun” seduto all’angolo, ma Gallows interrompe lo schienamento. Tocca ancora ad Erik adesso, ma c’è una Spinebuster di Anderson per lui, alla quale segue il Boot of Doom ad opera del Club: il vichingo si salva al conto di due. Tentativo di Magic Killer a vuoto; i Raiders non falliscono invece la loro Viking Experience e un suicide dive di Erik lascia ad Ivar il tempo di coprire Anderson per il conto di tre.
Winners: The Viking Raiders via pinfall.

Bel match. I Raiders sembrano in ottima sintonia col pubblico.
Intervista nel backstage a Robert Roode, uno dei protagonisti del match a cinque di stasera: lui ha già schienato Rollins una volta, per vincere i titoli di coppia, ma quando lo farà con lo Universal Championship in palio sarà… assolutamente… glorious.

Spazio interviste per il Fabio Fazio della WWE, Michael Cole, che in un segmento pre-registrato ospita Becky Lynch. Cole ricorda all’irlandese che Sasha Banks era nell’unico Hell in a Cell al femminile della storia; Becky risponde che se è per quello, Sasha ha anche perso suddetto match. La campionessa procede affermando che vuole la migliore Banks possibile: non vede l’ora di averla intrappolata nella gabbia per finire questa storia una volta per tutte.

2) Single match: Rusev vs EC3 (s.v.)
Mi piange il cuore a vedere EC3 ridotto così, ma sono contento di potervi narrare il ritorno di Rusev sul ring: dopo una sterile offensiva del povero Ethan, il Bulgarian Brute risponde con due suplex, il Matchka Kick e la solita Accolade… il tutto con un baffo eloquente in più.
Winner: Rusev via submission.

Promo per un altro dei partecipanti al match a cinque di stasera: Rey Mysterio ci racconta dei suoi recenti dissidi interiori, che l’hanno portato a un passo dal ritiro, ma questa sera darà a suo figlio Dominick un motivo per essere fiero di lui.

3) Single match: Sasha Banks w/ Bayley vs Nikki Cross w/ Alexa Bliss 3 out of 5 stars (3 / 5)
Sasha irride fin da subito Nikki, schiaffeggiandola; la scozzese risponde gettando “The Boss” fuori dal ring. Una serie di culle portano alla Cross altrettanti conti di due; stesso risultato anche in seguito a un bel Crossbody. Al ritorno dalla pubblicità, Sasha è in controllo… ma c’è un’altra reazione della campionessa di coppia, che infila una Jawbreaker prima e un Bulldog in corsa dopo per l’ennesimo conto di due. Sasha lavora le ginocchia dell’avversaria, poi finisce fuori dal ring e incassa un bel Crossbody dall’apron: Nikki riporta l’azione sul ring e connette una Neckbreaker con l’aiuto delle corde come sospensione, ma Sasha si libera dello schienamento al due. Tentativo di Purge fallito; il secondo poco dopo va a segno ma Bayley si occupa di distrarre l’arbitro: Alexa Bliss attacca la campionessa di Smackdown e la mette fuori dai giochi, ma Sasha sul quadrato ha già trovato la via della Bank Statement per sigillare la vittoria finale.
Winner: Sasha Banks via submission.

AJ Styles è nel backstage col resto della sua cricca: il Fenomenale è un altro dei partecipanti al match di stasera e promette di guadagnarsi la vittoria finale.
Ci viene annunciato che Brock Lesnar sarà a Raw settimana prossima (fatelo massacrare da Wyatt, vi prego), mentre gli Street Profits vengono raggiunti dietro le quinte da The Miz. Il Magnifico, dopo avere celebrato la nascita della sua secondogenita, annuncia fieramente che settimana prossima si terrà una puntata speciale di Miz TV con ospiti Ric Flair e Hulk Hogan. Ottima notizia, dai che c’è un Muro dell’Amicizia da riempire.

4) Single match: Lacey Evans vs Ember Moon 2 out of 5 stars (2 / 5)
Partenza forte della Fenice, che mette in fila un duplice conto di due. Lacey Evans contrattacca sotto lo sguardo vigile di Natalya, che osserva dal backstage. Serie di prese al braccio da parte di Lacey, che ottiene un conto di due in seguito alla Broncobuster. Ember reagisce con un Samoan Drop e una serie di colpi vari; la Stunner segue per un conto di due. La Moon allora si prepara per l’Eclipse, ma viene intercettata dalla Women’s Right di Lacey che è il preambolo alla Sharpshooter: stai ancora guardando, Nattie?
Winner: Lacey Evans via submission.

FIREFLY FUN HOUSE!
Bray Wyatt sta appendendo una cornice al Muro dell’Amicizia, ma la foto è ancora nera, mentre è stata aggiunta l’immagine di Kane alle altre. Intanto, Huskus the Pig e Rambling Rabbit stanno litigando: il maialino sta cercando di mangiare una action figure di Seth Rollins! Bray cerca di fare da paciere, sottraendo “Seth” dalla bocca del maiale: Huskus e Rambling Rabbit non dovrebbero discutere, ma essere amici. Se si è vittime della materialità e del possesso, spiega Wyatt, si rischia di incorrere in sentimenti negativi come la solitudine o l’abbandono… e lui sa benissimo cosa vuol dire. Rambling Rabbit implora che The Fiend non faccia male a Seth Rollins. Bray diventa quindi una sorta di Re Salomone, dividendo in due l’action figure e ricordando ai suoi amici pupazzi che “sharing is caring”. Al Demonio, invece, non piace condividere: forse non vuole fare del male a Seth, ma solo proteggerlo. Il tutto si chiude con il solito monito: “See you in hell!”.

Tornati dalla pausa pubblicitaria, R-Truth e Carmella raggiungono di corsa il ring, inseguiti dalla solita banda del buco. Carmella, però, esplode: sono quattro mesi che è costretta a scappare, perciò implora gli altri di smettere di inseguire lei e Truth. Il rapper, con il 24/7 Championship ben saldo alla vita, le dice di non preoccuparsi e la abbraccia… ma Carmella lo schiena!! Carmella è la nuova 24/7 Champion!!
Truth… beh, Truth festeggia con lei (lo amo), prima di mettersi di nuovo in fuga perché l’intero spogliatoio femminile comincia a rincorrere la neo-campionessa. Altro giro, altro regalo: Mella is money!

Dopo un segmento backstage in cui Sasha Banks, con Bayley al suo fianco, giura di uscire dalla gabbia infernale con la cintura alla vita, è il momento di King Corbin: nuova theme song per lui, ossia un remix di “I Bring the Darkness” con qualche inserto “regale”, ma ciò che colpisce di più è il ring attire molto Game of Thrones con mantello nero, scialle di pelliccia, scettro anch’esso nero e corona scura. Che fico il Re, lunga vita al Re!

5) Single match: King Corbin vs Chad Gable 3 out of 5 stars (3 / 5)
Corbin, durante l’entrata di Gable, fa una battuta prevedendo che il loro incontro sarà “short” e che, in quanto Re, non dovrà più affrontare persone basse dopo oggi. Che stronzo. Lo strapotere fisico la fa da padrona nelle fasi iniziali, ma Gable trova una reazione e connette un dropkick al ginocchio del Re. L’azione si sposta fuori dal ring, dove Corbin getta l’avversario oltre la barricata addosso a uno della sicurezza. Doppio conto di due a favore del Re, dopo la “in & out” Clothesline e un Big Boot. Il Re si perde celebrandosi, permettendo a Gable di connettere il Rolling Liger Kick. Chad sfrutta una distrazione di Corbin che litiga con l’arbitro e con un Sunset Flip va vicino alla vittoria. L’ex American Alpha resiste a una Chokeslam; segue la combo German Suplex – Moonsault per un conto di due. Corbin prova la End of Days ma viene intrappolato nella Ankle Lock di Gable, dalla quale sfugge colpendo l’avversario con lo scettro regale.
Winner: Chad Gable via DQ.

Post match, il pestaggio con ausilio dello scettro continua. Per noi, invece, nuovo promo degli Authors of Pain alle cui parole viene allegato, in tiratura limitata, un bel pestaggio ai danni di alcuni lottatori di Raw. Akam e Rezar affermano di capire, adesso, come mai nessuno vuole più combattere contro di loro.

6) Fatal 5 Way Elimination Match – Winner gets a shot to the Universal Championship: Ricochet vs Shinsuke Nakamura vs AJ Styles vs Rey Mysterio vs Robert Roode 4 out of 5 stars (4 / 5)
Nakamura e Ricochet sono gli altri due partecipanti che vi ho tenuto nascosti finora.
Roode abbandona saggiamente il ring per le fasi iniziali, permettendo a Rey Mysterio e Ricochet di brillare: il primo esegue uno Springboard Moonsault ai danni di Styles, mentre il secondo ci delizia con un Fosbury Flop. Il Fenomenale ottiene un conto di due in seguito a un Pele Kick su Roode; assolo di Ricochet nei minuti seguenti, con il Principe del Cielo che connette anche la Recoil su Roode, ma viene sorpreso dalla Kinshasa del campione intercontinentale: Shinsuke elimina Ricochet.
Tower of Doom per noi al rientro dalla pubblicità, con Roode che tenta lo schienamento su tutti gli avversari senza successo. Nakamura prende ben presto le redini del match e si ritrova faccia a faccia con Styles; Kinshasa e Styles Clash si annullano a vicenda e Rey Mysterio sbuca dal nulla con una 619 sul giapponese. Styles colpisce il folletto di San Diego con una Brainbuster sull’apron ed elimina Nakamura in seguito alla Phenomenal Forearm.
Poco dopo, Roode è attendista al 100% e sfrutta una maggiore freschezza per eliminare Styles con la Glorious DDT, restando quindi da solo con Rey Mysterio.
Culla di Rey per un conto di due; stessa sorte per Roode dopo una Spinebuster. Tentativo a vuoto di Glorious DDT; Rey trova subito la 619… Frog Splash! Uno, due… e tre! Rey Mysterio elimina Robert Roode e si aggiudica un match da favola contro Seth Rollins settimana prossima!
Winner and new #1 contender: Rey Mysterio.

Seth Rollins nel backstage si congratula con l’atleta mascherato, mentre riflette sui propri impegni futuri: questa sera Strowman, settimana prossima Mysterio, ad Hell in a Cell ci sarà Wyatt. “A Survivor Series?? Topi morti??”, sembra chiedersi Rollins, che però razionalizza e afferma che questa è la vita del campione: hai un mirino puntato addosso, continuamente, e in pieno mood Mazzarri sul finire della scorsa stagione dice che toccherà semplicemente… vincerle tutte.

7) Universal Championship: Seth Rollins (c) vs Braun Strowman 3 out of 5 stars (3 / 5)
Seth ha un piano e punta alle gambe di Braun, che però lo schianta con una serie di Shoulder Block. Scambio di sottomissioni poi fra i due ex compagni di coppia, con Seth che tenta la Sleeper Hold mentre Strowman si affida al Bear Hug: entrambe le prese non sono risolutive, ma Braun sembra avere la meglio. Seth lo fa schiantare contro il paletto e usa il medesimo per indebolire le gambe del Mostro; segue la ginocchiata volante per il conto di… uno! La Blockbuster segue; il conteggio si ferma a due stavolta. Tentativo di Blackout a vuoto; Seth riesce a far finire Braun fuori dal ring e lo colpisce con una serie di Suicide Dive… finché il Mostro non lo prende, lo colpisce in corsa un paio di volte e poi lo schianta a terra con la Powerslam. Braun riporta Seth sul ring…

THE FIEND! THE FIEND!
Il Demonio è qui e compare alle spalle di Strowman… MANDIBLE CLAW! Strowman sviene lentamente, dolcemente, sotto il tocco oscuro del Demonio!
Winner: Braun Strowman via DQ.

Sulle immagini di un Rollins atterrito e di un The Fiend che si accanisce sul corpo esanime di Strowman, annichilito con una facilità disarmante, si chiude questa puntata di Raw.
Noi ci vediamo settimana prossima!

PANORAMICA RECENSIONE
Qualità dei match
7
Qualità dei promo
6.5
Evoluzione delle storyline
7
Avatar
Classe 1996, laureato in Lettere Moderne. I report di Raw sono il romanzo dei miei martedì mattina. A volte è il peggior Manzoni, a volte è Irvine Welsh, altre semplicemente Fabio Volo. Legato da un rapporto amore/odio con la WWE, coltivo il sogno di vedere Adam Cole e tutta l'Undisputed Era sul tetto del mondo. Mi piace proprio tanto immaginare.