Ed eccoci giunti all’ultima puntata di SmackDown prima di WrestleMania, direttamente da Baltimora! Alla tastiera, Ysmsc

La puntata si apre con un nuovo episodio del Kevin Owens Show condotto, e giustamente, da Kevin Owens. Questa è un’edizione speciale, dice il buon KO, dato che siamo solo a cinque giorni da WrestleMania; i suoi ospiti di oggi sono molto particolari, dato che in ballo c’è il più grande contratto edilizio dei contratti edilizi, signore e signori, i rappresentanti della Faida del Catasto: Randy Orton ed AJ Styles!

(E se non è un’edizione speciale questa . . .)

Orton entra per primo, poi lancia a Styles lo sguardo più scazzato che può. Owens punzecchia Orton per essersela presa col vecchio Kurt Angle e gli chiede se è fiero di ciò che ha fatto ed Orton risponde senza esitazioni che sì, ne è fiero, perché ha salvato il WWE Universe dal vedere quell’obbrobrio di match; Styles risponde che sono parole grosse per uno che è nell’ambiente da vent’anni e ha concluso un solo progetto, pardon, ha imparato una sola mossa, letale certo, ma “una” sola. Orton schernisce gli studi statali condotti da Styles, che si esibiva nelle palestre delle scuole davanti a una trentina di persone mentre lui prendeva parte a ogni edizione di WrestleMania; Styles allora ribatte che mentre lui si esibiva nelle palestre delle scuole Orton era impegnato a fallire i test antidoping prima degli esami universitari

(Woooo)

Orton accusa il colpo, glissa sull’accusa e dice a Styles che se fosse stato così bravo come crede sarebbe arrivato in WWE molto prima, che Styles crede che la sua eredità sia che il duro lavoro paga, ma la verità è che da quando Cena se n’è andato a Hollywood Styles ha solo ottenuto il suo ruolo: quello della Corporate b***h.

Invidiabile Kevin Owens nella sua imitazione di Tina Cipollari, nel celeberrimo “No Maria io esco”

Scambio di sguardi, lungo silenzio, scambio di pugni, Styles passa in vantaggio e carica il Phenomenal forearm, ma quando spicca il volo Orton lo precede colpendolo al volto con la RKO

E dunque questa scontatissima mossa dovremmo essercela già giocata prima di WrestleMania. Me contenta.

Il primo incontro della serata è un Eight man tag team match . . . per la mia gioia, tanto è facilissimo fare il riassunto di incontri come questi

Shiny Toys(Aleister Black&Ricochet)&The Usos vs The Bar&League Of Nations 0.5(Rusev&Nakamura)(with Lana) 2.5 out of 5 stars (2,5 / 5)

Mentre scrivevo il nome dei partecipanti mi perdo un bel confronto tra Ricochet e Cesaro, che si conclude in favore dello svizzero. I due neo promossi di NXT riescono a fare un buon lavoro contro Sheamus, il quale riesce poi a portare Jey Uso all’angolo e a dare il cambio a Nakamura; lui e Rusev fanno cadere Jey fuori ring e il vantaggio dei cattivi sembra consolidarsi, specialmente quando Jey viene sbattuto contro le transenne più volte da Rusev. Jey viene lanciato ancora fuori ring da Sheamus e si porta dietro un pezzo di neoprene che copriva l’apron ring. Jey subisce per tutta la pubblicità e oltre, finché non riesce a connettere un Samoan drop su Nakamura e a dare il tag al fratello Jimmy, il quale connette un Superkick su Rusev. Invasione del ring a catena da parte di tutti i partecipanti al match, sequenza che si conclude con gli Usos che, con un tag non visto, vanno di doppio Superkick su Rusev e lo schienano

Vincitori: I buoni

Gli Usos fanno appena in tempo a festeggiare quando The Goddess in persona, Alexa Bliss, si palesa sullo stage. Alexa saluta il pubblico, con sdegno, prende in giro Kevin Owens perché si illude di poter competere con il “suo” talk show, infine dice che è qui per aggiungere un po’ di competizione a quest’edizione di WrestleMania. Il fatto che gli Usos si siano fatti sconfiggere per forfait dal New Day è un’azione che merita delle conseguenze: gli Usos dovranno difendere i loro titoli a WrestleMania contro tutti i team con cui hanno appena condiviso il ring, in un Fatal 4 way tag team match. Alexa ha appena finito di parlare che sul ring scoppia una rissa tra i team, che si conclude con Alistero e Ricochet che fanno piazza pulita e posano sul ring da soli.

Recap di alcuni match della card di WrestleMania, poi sul ring arrivano le Iiconics, che si sono conquistate un posto nel Fatal 4 way tag team match (un altro?) per i titoli di coppia femminili. Le Iiconics sono giusto un pelo emozionate; anche loro sottolineano che ci sia una leggerissima somiglianza tra il loro match e quello maschile, poi affermano che questa tipologia di incontro offre loro infinite possibilità: possono schienare Natalya o Beth Pheonix, che avrebbe fatto meglio a rimanere ritirata, e sarebbero campionesse; possono schienare Nia o Tamina, che a Raw hanno mostrato le loro debolezze; infine possono schienare le campionesse, come già hanno fatto a SmackDown. Comunque vada, renderanno Iconica WrestleMania!

Cambio character: The Miz arriva sul ring. Miz parla del main event di WrestleMania di quest’anno, che per le partecipanti significa fare la storia; per Kofi Kingston significa avercela finalmente fatta; per lui, WrestleMania significa vendicarsi. A WrestleMania ci darà la versione migliore di se stesso perché adesso, anche grazie alla sua meravigliosa famiglia, è l’uomo e il lottatore migliore che potesse essere, per questo sconfiggerà Shane McMahon in ogni modo e in ogni dove. Prima Miz combatteva per ottenere l’approvazione del padre, adesso combatte per il suo onore; Shane stesso ha un padre e questo fa di lui, quindi, un figlio di pùt!

Scopriamo che Miz è stato inserito, guarda caso, in un match tre contro uno contro i SAnitY. Prima dell’incontro arriva anche Shane McMahon a godersi lo spettacolo

3 on 1 handicap match SAnitY vs The Miz (s.v.)

Nonostante lo svantaggio numerico, The Miz non solo non cede, ma mette in seria difficoltà i suoi avversari. Tutto ciò a Shane non va bene e trasforma il tutto in un Falls count anywhere, poi se ne va dopo aver messo sul titantron per l’ennesima volta la foto di lui che afferra il padre di Miz. I SAnitY adesso possono combattere tutti assieme, tuttavia Miz non si scoraggia e attacca chiunque gli si pari di fronte, Alexander Wolfe viene pure schiantato contro un tavolo. Miz trascina Eric Young nel backstage per isolarlo dai compagni e continuare il pestaggio, Killian Dain prova ad intervenire ma viene lanciato contro un muro e messo momentaneamente fuori gioco. Miz e Young tornano a picchiarsi fino all’esterno dell’arena, dove Miz riesce a mandare Young al tappeto, lanciargli contro un carrello e infine schienarlo senza pietà

Vincitore: The Miz

Tutto ciò, comunque, è accaduto perché Eric Young ha osato radersi la barba.

The Miz osserva Shane McMahon che se va in Limousine e mentre lui se ne va Becky Lynch arriva, scendendo direttamente da un’auto della polizia. Video recap del feud femminile, poi THE MAN sale sul ring, vi scende e monta sul tavolo di commento salutando il pubblico, che la accoglie festante; dice che un anno di distanza cambia tante cose, perché l’anno scorso lei e Charlotte erano ancora grandi amiche e Ronda stava per fare il suo debutto a WrestleMania, tutto ciò prima che lei prendesse Charlotte a ceffoni a SummerSlam, ovviamente. Becky dice che era determinata a tutto per prendere parte alla WrestleMania di quest’anno e guardate dove sono arrivate adesso; questa domenica la Queen, la Baddest e THE MAN si troveranno faccia a faccia . . . a faccia, la rivoluzione che è cominciata l’anno scorso con uno schiaffo raggiungerà il suo apice e THE MAN se ne andrà come campionessa assoluta.

Dopo la pubblicità scopriamo che una quantità assurda di wrestler ha invaso il ring e tutto ciò non è che un gigantesco mixed tag team match a . . . boh, venti persone? Proviamo

Heavy Machinery, Hardy Boyz, R-Truth, Naomi, Carmella, Asuka& Nikki Corss vs Andrade, Anderson&Gallows, EC3, Shelton Benjamin, Absolution, Lana&Zelina Vega (s.v.)

Zelina e Nikki iniziano a menarsi prima di venire interrotte dal solito stacchetto di Lacey Evans. Mentre l’azione prosegue io mi domando perché far riunire gli Hardys e poi non inserirli nel match per i titoli di coppia di SmackDown. Dozovic ci delizia con il suo Caterpillar su EC3. C’è tempo pure per il Dance Break di Truth e Carmella, che fa perdere la pazienza a tutti e parte una grande rissa

Vincitori: andiamo avanti

La rissa prosegue e vediamo che donne e uomini condividono tranquillamente il ring, con Nikki Cross che se la prende con Shelton Benjamin facendolo cadere fuori ring. Sul quadrato rimangono Jeff Hardy, EC3 e Asuka, il buon Gieffo si libera di EC3 e Asuka si libera di Jeff, posando come l’ultima persona in piedi.

Altro recap delle faide di WrestleMania, poi passiamo a un altro match. Singolo, grazie al cielo

(Mustafa) Alì vs Samoa Joe 1.5 out of 5 stars (1,5 / 5)

Joe infierisce su Alì finché questi non riesce a mandarlo fuori ring con un Dropkick, poi gli si lancia contro con un Suicide dive; tornato sul ring connette una Tornado DDT, ma non basta a schienare Joe, Alì allora va di Facebuster e prova la 450 dal paletto, ma Joe si sposta, Alì impatta al suolo, Joe lo chiude nella Coquina clutch e lo fa cedere

Vincitore: Samoa Joe

Welcome back Alì. Joe ha mandato un chiaro messaggio a Rey Mysterio in vista di WrestleMania . . . e senza fare un promo creepy: bravo Joe, BRV!

E siamo giunti alla firma del contratto che renderà ufficiale il match tra Daniel Bryan e Kofi Kingston. Per primi arrivano Green Rowan e il WWE Champion, con Michael Cole che introduce prima il campione e dopo lo sfidante Kofi Kingston, che arriva accompagnato dai suoi amici fraterni. Il pubblico è tutto per Kofi ma Bryan non si lascia impressionare, sa che firmeranno il contratto e si affronteranno a WrestleMania, non è qui per dissuaderlo dal firmare, ma è qui per educare le masse, cosa che ha sempre fatto (e il pubblico non presta attenzione); Bryan è qui per insegnarci un’importante lezione: non siate compiaciuti, non crediate che essere “buoni” sia sufficiente per undici anni, non crediate che una piccola dose di successo sia sufficiente dopo undici anni, ecco la vostra lezione, non siate compiaciuti. Non siate solo lo standard, non statevene ad aspettare che qualcun altro vi dia una spinta in avanti come ha fatto Kofi Kingston, non passate tutta la vita ad essere mediocri come ha fatto Kofi Kingston. Bryan è stato nei panni di Kofi per anni e il modo in cui il pubblico acclamava lui è lo stesso in cui adesso acclama Kofi e Bryan sa che sensazione si prova, ci si sente forti, ma la verità è che il pubblico si nutre di loro, perché il pubblico è un parassita e quando si stancherà di Kofi passerà ad altro, ma tanto a Kofi va bene così, perché sa che è il massimo a cui può aspirare. A questo punto Kofi prende la parola e dice che per mesi abbiamo ascoltato Bryan che ha voluto “educarci”, ma adesso tocca a Kofi educarlo: Bryan crede di conoscerlo, di essere come lui, ma la verità è che Bryan non sa niente di lui, Bryan è diventato campione nei suoi primi due anni in WWE, Kofi lo ha visto, Kofi ha aspettato undici anni e va bene, gli è andata bene perché stava aspettando il momento e Bryan sa che adesso Kofi è pronto; l’unica cosa che hanno in comune è che Bryan sa cosa si prova e sa cosa arriva dopo: arriva WrestleMania, Kofi lo batte e diventa WWE Champion, ecco cosa succederà!

Firma del contratto, posa imbruttita di Kofi, il New Day che lo incita, Rowan impassibile, Bryan di pietra, si alza in piedi, scambio di sguardi tra i due sfidanti, fondo nero.

PANORAMICA RECENSIONE
Qualità dei match
5
Qualità dei promo
7.5
Evoluzione delle storyline
6.5
Ysmsc
Celeste "Ysmsc", gli utenti stanno ancora cercando di capire come si scrive il suo nome, lei sta ancora cercando di capire cose le succede intorno. Scrive con orgoglio i report di Raw e le sue amate FLOP 10. Le cose che ama di più sono il wrestling, il cibo giapponese e Killer Mask (non necessariamente in quest'ordine). Si sentirà realizzata quando non si useranno più i tasti "copia-incolla" per scrivere il suo nickname