Amiche e amici di Zona Wrestling, un felice buongiorno: qui per voi è Paolo Palermo, occasionalmente vestito di blu per farvi vivere attraverso questo report l’ultima puntata di SmackDown Live!

Siamo a New Orleans, Louisiana, ventiquattr’ore dopo lo scempio di folla che ha popolato quel di Lafayette per Raw… ma la musica sembra cambiata, visto il caloroso benvenuto riservato al Best Wrestler in the World, Shane McMahon, il quale si dirige verso il ring per prendere parola mentre un video recap ci mostra un succinto riassunto dell’Elimination Chamber per il WWE Championship tenutasi lo scorso weekend.
Shane comincia a parlare narrando dei debutti “made in NXT” che ci sono stati a Raw, ricevendo una calorosa reazione degli spettatori, ma proprio quando il figlio del Chairman sta per dirci che c’è di più… la musica di The Miz risuona!
Il Magnifico e Shane O’Mac si rivelano a vicenda alcuni fatti: Miz ammette di aver usato Shane all’inizio, perché voleva soltanto che il proprio padre potesse essere fiero di lui. D’altro canto, Shane dice di aver sempre voluto vincere i titoli di coppia e che stima Miz per la sua caratteristica di rendere rilevanti i titoli che indossa. L’ex WWE Champion rivela al suo Co-Bestie che “Mister Miz” gli ha detto di essere orgoglioso di lui dopo che hanno vinto i titoli di coppia: era la prima volta che glielo diceva in tutta la vita… ma ora non bisogna piangere sul latte versato. “So che non ci sono clausole di rematch”, afferma Miz rivolto a Shane, “ma tu puoi garantircene una”.
Mentre il pubblico sembra apprezzare l’idea, gli Usos fanno la loro comparsa in scena e cominciano a insultare Miz, dandogli del “wannabe A-Lister with C-Lister skills” e dell’incapace; non paghi, gli danno anche del piangina. Shane ne ha abbastanza e indice immediatamente il rematch per i titoli di coppia: “Nessuno manca di rispetto al mio partner!”… per questo, a Fastlane, in quel di Cleveland che è la hometown di Miz, gli Usos difenderanno i loro appena conquistati SmackDown Live Tag Team Championships contro il team dei Co-Besties… “And it will be… AAAAAWESOOOOME!”, chiude Mizanin.

Un bel video packaging ci mostra le gesta di Aleister Black ad NXT: l’Olandese Volante sarà impegnato adesso contro Andrade in un match che puzza di Takeover!

1) Single match: Aleister Black vs Andrade w/ Zelina Vega 3.5 out of 5 stars (3,5 / 5)
I cori “NXT! NXT! NXT!” infiammano il ring, calandoci subito nella giusta dimensione del wrestling. Nel backstage ci viene fatto sapere che i #DIY stanno guardando il tutto, molto interessati… sul quadrato il fu Cien Almas connette una ginocchiata per il conto di due; Black fa poi ruzzolare Andrade fuori dal ring e finge un volo oltre le corde per poi rimbalzare all’indietro e assumere la sua posa caratteristica: Andrade non è impressionato, lo conosce bene, ma il pubblico giustamente esulta. I due combattono con furia ardente anche sull’apron ring, scambiandosi calci e altri colpi con veemenza: Andrade vede la sua Hammerlock DDT ribaltata in un roll-up, ma è solo due… il messicano resiste anche a un German Suplex con ponte, ma nulla può all’impatto della subitanea Black Mass che spegne la luce e fa calare il sipario.
Winner: Aleister Black via pinfall.

Sicuramente meglio che a Raw contro quel palo di Elias. Nel backstage, la graziosa Kayla Braxton ha una domanda per Johnny Gargano Tommaso Ciampa, i quali vengono omaggiati da un boato del pubblico in sottofondo e dai cori “DIY! DIY!”. I due fenomeni dello show giallo vengono fermati e perculati dal The Bar, con CesaroSheamus che si beffano di loro perché “nessuno vi conosce”. Pare che la faccenda verrà risolta sul ring… e questo, signore e signori, non so voi, ma a me sa un po’ di dream match.
Dopo un breve segmento fra AJ StylesJeff Hardy e il New Day (stasera i primi due e Kofi Kingston affronteranno Daniel BryanRandy MortonSamoa Joebber in un match tre contro tre), lo scontro tra i due tag team può cominciare.

2) Tag team match: The Bar vs #DIY 4 out of 5 stars (4 / 5)
Intanto vi invito come sempre a recuperare gli highlights, mentre a capo di tutto metto un appunto: ogni cosa attorno a Johnny e Tommaso è gestita con cura, dagli sguardi a certe reazioni del primo. Ciampa pare a suo agio, mentre Gargano è in balia di pensieri… questo permette a Sheamus di prendere un vantaggio sull’attuale NXT Champion nelle fasi iniziali, ma il cosiddetto Sicilian Psychopath ribalta la situazione. Il pubblico è in fiamme e i due campioni singoli del brand giallo sono tifatissimi; la situazione diventa calda quando c’è il face to face fra Johnny Wrestling e il King of Wrestling: Gargano e Cesaro danno vita a qualche scambio, poi il bandolo della matassa passa ai più esperti membri del roster blu. La chiave di volta dell’incontro si verifica quando Johnny Gargano rimane praticamente da solo dopo che Tommaso Ciampa si fa male al ginocchio in seguito ad una Sunset Flip Powerbomb su Sheamus: Cesaro riesce a ribaltare la Garga-No Escape, manovra combinata con l’amico irlandese ma Ciampa interrompe. Sheamus va di backbreaker su Gargano, ma quest’ultimo resiste e connette un Superkick: cambio da entrambe le parti, ma Cesaro non si accorge che Ciampa è l’uomo legale e finisce gabbato da un roll-up di quest’ultimo che consegna la seconda vittoria di prestigio ai #DIY nel main roster. Che match, ragazzi. Che tag team.
Winners: #DIY via pinfall.

Mentre vediamo l’altra metà dei partecipanti della Chamber che parlano fra loro, veniamo a conoscenza del fatto che anche Ricochet, il principe del cielo, sarà a SmackDown: affronterà Eric Young, il grande e irreprensibile Eric Young… non ricordavo facesse anche il wrestling.
Oh, ma… quella è ASUKA!!! La SmackDown Women’s Champion è qui! Sempre Kayla Braxton è sul ring per intervistarla, chiedendole cosa ne pensa del fatto che si parli più della divisione femminile di Raw. Asuka risponde con il suo solito modo contenuto e pacato dicendo che è pronta per una nuova sfida… che viene raccolta da un sospiro che risveglia anche il più freddo dei cuori: Mandy…

3) No title match: Asuka (c) vs Mandy Rose w/ Sonya Deville 3 out of 5 stars (3 / 5)
Ebbene sì, la sfida non titolata della campionessa è stata presa in considerazione dalla God’s Greatest Creation: Mandy Rose! Durante le fasi iniziali del match compare, completamente a caso, Lacey Evans per un’altra passerella: “The classiest woman on the planet” guarda storto Sonya, che le fa brutto fuori dal ring, poi Mandy e – in misura maggiore – Asuka prima di andarsene via.
Mandy intanto va di Russian Legsweep, ma è solo due. La bionda va ad un passo dalla vittoria per count-out, ma Asuka resiste e sale sul ring: la campionessa connette una serie di colpi dopo aver resistito a una piccola offensiva della Rose; va di German Suplex e poi c’è lo Shining Wizard… SOLO DUE!
Mandy Rose è viva! Però pare essersi infortunata all’occhio, tant’è che l’arbitro fa indietreggiare Asuka per controllare meglio… ROLL-UP DI MANDY ROSE! UNO, DUE, TRE!!!
Winner: Mandy Rose via pinfall.

Incredibile a New Orleans!
Mandy Rose ha battuto Asuka!

Nel backstage, intanto, Charlotte magnifica un po’ se stessa mentre The Miz ferma Shane McMahon nel backstage e gli comunica una novità: a Fastlane, quando avranno il loro re-match titolato, Mr. Miz sarà al loro angolo! Questa puntata è oro!
Ma ora… stropicciatevi gli occhi: il Principe del Cielo è qui con noi. One and only.

4) Single match: Eric Young w/ Alexander Wolfe & Killian Dain vs Ricochet 3 out of 5 stars (3 / 5)
L’ex North American Champion vola qui e là, facendoci assaggiare un po’ delle sue skills. Young risponde bene e i due si scambiano colpi fino a quando una Standing Shooting Star Press di Ricochet non vale uno schienamento: solo due. Il match ha ritmi molto veloci e arriva ben presto il super volo oltre la terza corda di Ricochet che stende Killian Dain e Young, mentre Wolfe è stato messo a nanna poco prima: Eric non reagisce ed è vittima della meravigliosa 630° di Ricochet per il conto di tre vincente. Tre stelle? Diamine, sì: Ricochet ti tiene appiccicato alla televisione. Straordinario.
Winner: Ricochet via pinfall.

Dopo un promo di Kevin Owens, che mangia i popcorn con suo figlio, siamo pronti per il main event: Kofi Kingston (con il New Day), AJ Styles Jeff Hardy da una parte, Daniel BryanRandy Orton Samoa Joe dall’altra. Daniel tiene un promo in cui ricorda come gli scettici abbiano cercato di fermare anche Giovanna D’Arco, Thomas Beckett e Socrate prima di lui: non importa. Lui vuole illuminare il mondo ed è un dato di fatto che NESSUNO degli uomini sul ring è riuscito a portargli via il suo titolo – non una scelta intelligente provocare quando hai Randy Orton come compagno di squadra, ma tant’è, se dobbiamo essere heel facciamolo per bene. Possiamo cominciare. Che puntata, ragazzi.

5) 6-Men Tag Team Match: Kofi Kingston, AJ Styles & Jeff Hardy w/ Big E, Xavier Woods vs Daniel Bryan, Randy Orton & Samoa Joe w/ Rowan 3 out of 5 stars (3 / 5)
Dopo un’annusatina di Bryan vs Kofi, il campione lascia partire Samoa Joe. Gli heel si concentrano su Jeff Hardy, che prova a controllare su Joe ma finisce vittima di Randy. Kofi Kingston si prende un mini-hot tag (un tag tiepido, diciamo) e si scatena, connettendo il Boom Boom Legdrop su Randall Keith: l’atleta di colore va sul paletto, ma Bryan lo caccia giù a tradimento. Kofi soffre ma resiste a tutto, persino al backdrop assassino di Randy sul tavolo dei commentatori: il membro del New Day, sostenutissimo dal pubblico, trova il cambio per Styles che parte alla garibaldina e arriva a connettere la Calf Crusher su Bryan: si crea maretta sul ring, la presa del Phenomenal One viene rovesciata nella Yes/No/LeBelle Lock, ma dura poco: Pelè Kick su Daniel e tag di AJ per Kofi, che non ci mette molto a chiudere il tutto con il suo patentato Trouble In Paradise per il conto di tre vincente… schienando per la seconda volta il WWE Champion! Vuoi dirmi che…
Winners: Kofi Kingston, AJ Styles & Jeff Hardy via pinfall.

La puntata si chiude col botto: Shane McMahon appare sullo stage e annuncia quello che non è riuscito a dire ad inizio episodio… ossia che a Fastlane il WWE Championship verrà difeso da Daniel Bryan… CONTRO KOFI KINGSTON!!!!
DAJE KOFI!
Sul boato del pubblico, si chiude una delle puntate migliori che io ricordi ultimamente: un buon regalo di laurea, sicuramente.
Da Paolo Palermo è tutto amici, ci vediamo settimana prossima: un abbraccio!

PP

PANORAMICA RECENSIONE
Qualità dei match
8
Qualità dei promo
6.5
Evoluzione delle storyline
6,5
Avatar
Classe 1996, laureato in Lettere Moderne. I report di Raw sono il romanzo dei miei martedì mattina. A volte è il peggior Manzoni, a volte è Irvine Welsh, altre semplicemente Fabio Volo. Legato da un rapporto amore/odio con la WWE, coltivo il sogno di vedere Adam Cole e tutta l'Undisputed Era sul tetto del mondo. Mi piace proprio tanto immaginare.