Il primo e finora unico regno da WWE champion di Ambrose è giunto al termine ed è il momento dei verdetti: promosso o bocciato?Dopo aver ingoiato il boccone amaro nel vedere i propri ex compagni divenire campioni mondiali mentre lui vivacchiava nel mid/upper carding è infine giunto il momento in cui la ruota è girata nel verso giusto, così lo scorso 23 maggio abbiamo gioito tutti nel vederlo alzare il titolo dopo aver messo ko Rollins. Il problema è che non è semplice indossare con la stessa disinvoltura sia gli abiti da sfidante che quelli da campione.
Da sfidante era facile appassionarsi a lui. Il pubblico stesso era stanco di vederlo arrivare ogni volta vicino al traguardo per poi uscirne con le ossa rotte, quello stesso Dean che nei primi tempi dello Shield era visto come il più futuribile dei tre (non per altro fu affidato a lui il titolo degli Stati Uniti al contrario dei compagni con quello di coppia). Finché a passargli davanti era un wrestler ormai completo come Rollins era difficile storcere il naso, caso diverso per quando a trionfare è toccato a Reigns (che comunque devo ammettere sia migliorato in certi aspetti). Insomma, eravamo tutti contenti e curiosi nel vederlo con la cintura massima alla vita. L’esperimento a mio parere però non è riuscito al meglio.
Dal punto di vista del lottato non ci si può lamentare. Il triple threat match di Battelground e il rematch con Rollins sono stati buoni, così come le sfide con Ziggler e Styles (finale sporco a parte). Il problema è che una volta finito il regno non si avverte dispiacere per la sua conclusione, non c’è stato qualcosa davvero degno di nota di cui ci ricorderemo negli anni avvenire. Certo, tutto è durato appena quattro mesi, ma credo che sia il personaggio in sé a non trovarsi bene nel ruolo da campione. Contro Ziggler faceva quasi la parte dell’heel mettendo in dubbio il valore del rivale, cosa che di fatto ha spostato l’attenzione del feud su Dolph, così pure contro Styles è stato l’ex TNA a rendersi più interessante a mio parere, vuoi anche per il personaggio più fresco. Il problema di tanti underdog è che una volta raggiunto l’obiettivo non riescono a riformulare la propria identità. Dean nella sua carriera in WWE è sempre stato una scheggia impazzita, una variabile incontrollabile, pazzo e pronto a tutto. Da campione è rimasta la sua aria scanzonata con la battuta pronta per prendere in giro il rivale, ma a parte questo ho visto il suo personaggio appiattirsi senza riuscire a brillare sugli altri nonostante la cintura. Negli ultimi scontri con Rollins era ancora riuscito a mantenere una certa intensità di promo, vuoi anche per i trascorsi tra i due in storyline che rende facile scrivere i segmenti del feud, ma contro avversari nuovi mi è sembrato un campione sì irriverente, ma nel complesso abbastanza banale.
Non mi stupisco che ora che ha perso la cintura sia stato aggiunto al feud Cena, quasi che la faida precedente non fosse decollata a sufficienza. Non so se sono l’unico ad avere avuto questa impressione, ma nell’ultima puntata di Smackdown si è visto già un cambio di marcia per Ambrose, in particolare quando furente per il titolo perso si è messo a ribattere contro Cena colpo su colpo. Ora non ci è ancora dato sapere se l’attacco a sorpresa nel finale sia un preludio a un turn heel o meno, ma finalmente abbiamo un ritorno a quella sana follia che tanto faceva bene al suo personaggio. Nel roster attuale di Smackdown come top face ci sono Cena e Orton, non mi stupirebbe un passaggio tra i cattivi di Ambrose che potrebbe dare una bella rinfrescata al personaggio. Tra l’altro vedo già le basi per il feud contro Cena, viste le accuse di essere un part-timer e che appena tornato abbia subito ricevuto una possibilità per il titolo (che inscenino una sorta di Cena vs The Rock con il bostoniano in un ruolo inedito?). Con o senza un titolo di mezzo potrebbe essere la consacrazione definitiva per Ambrose come main eventer, dimostrando quel qualcosa in più che nel regno da campione non è emerso del tutto. In definitiva Dean con la cintura mondiale alla vita è promosso o bocciato? Me la cavo con un “rimandato”, perché se per il momento a mostrato di valere più da cacciatore che da preda credo che con una gestione diversa possa ancora dimostrare di poter valere la parte più alta della card.

Pubblicità

Sergedge – EH4L

Sergedge
Rievocato durante una seduta spiritica è tornato a infestare il sito di Zona Wrestling con l'ardore di un tempo. Per la serie l'erba cattiva non muore mai.
  • TheBone

    Bocciato, ma non per colpa sua. Per me da face ha stufato terribilmente, sul ring è stantio da un secolo, sforna sempre delle ottime prestazioni ma lo storytelling mi annoia. Bisogna turnarlo heel ci vuole come il pane, Ambrose heel riuscirà a sfruttare a pieno il suo potenziale al mic e sul ring. In primo luogo sarà uno di quegli heel atipici in grado di zittire anche il più arguto dei face al mic (vedi Cena), In secondo luogo sul ring da heel Ambrose riesce a raccontare molto meglio “una storia”, è il classico lottatore subdolo, tattico, Ambrose nasce come freddo calcolatore sul ring e non come “lunatico” e spero riprendano quello stile di lotta perché lo valorizzava tantissimo.

    • Vendetta

      Analisi corretta, diciamo così. Un Ambrose heel cambierebbe quasi del tutto il suo stile attuale. Ci ritroveremmo un brawling più violento e meno confuso, più strike, più rest holds e credo rispolvererebbe molte submission moves, che dal suo arsenale non mancavano. Forse anche il Knee Trembler. Vedremmo più psicologia nel racconto del lottato e meno esaltazione.

      Ciò sarebbe coerente ed illuminerebbe il lato calcolatore del personaggio, però secondo me dimezzerebbe la qualità istantanea delle mosse in sé, portandolo alle volte ad essere ripetitivo. Credo perché ci sarebbe appunto molto più brawling e meno mosse ad impatto, che già sono poche.

      • TheBone

        Ma guarda preferisco che faccia a meno delle manovre “ad impatto” (che fra l’altro esegue in maniera sporchissima rischiando ogni volta il collo) e che si concentri più sulla trama in ring; poi come hai ben detto ha un buon parco di submissions che arricchirebbero il suo moveset, e servirebbe come il pane anche una nuova finisher, cioè con quel ddt da quattro soldi sta vincendo di tutto xd

        • Vendetta

          Io invece per un bralwer come lui preferisco le mosse ad impatto. Meglio i Fisherman Suplex e i Neckbreaker/Inverted Cutter con esecuzione sporca che ha provato ad implementare ultimamente, piuttosto che la monotonia di pugni e bracci tesi. Almeno si prova ad innovare, ad essere freschi e a portare un po’ di cambiamento. Alla lunga, quello delle Clothesline in diverse salse e dei pugni ad ogni costo è uno stile sterile. Vedi Reigns.

  • Alessandro_91

    Abbastanza deluso dal regno di Ambrose,si vedeva che era messo li per caso e che non c’erano piani.Nell’ultimo periodo ho visto Dean sottotono sia sul ring sia nei promo e penso che a breve verrà turnato alla fine del triple threat per poi andare contro Cena.A mio parere dovrebbero dargli più libertà e più serietà nei promo ed inoltre devono cambiargli la finisher con una più figa ed impatto.

  • Diciamo che Ambrose viene promosso ma con la sufficienza e non ha avuto continuità nello studio per colpa di problemi esterni…….
    Buono nella faida con Rollins (perché solo con Rollins ha feudato) e mi è piaciuto come face atipico contro Dolph, quando secondo me faceva osservazioni in chiave mark giustissime e cercava di entrare nella mente dell’avversario, cosa che lui dovrebbe fare sempre, in modo pungente. Pessimo da Summerslam in poi, dove è diventato un clown.
    Comunque non vedo sta negatività, ha fatto due bei match con Rollins e un buonissimo triple threat a Battleground oltre al bel match di Backlash con Styles, non è stato però gestito al meglio e la sua costruzione da Summerslam a Backlash è stata indecente, ma questo brutto ultimo mese non deve oscurare un percorso secondo me discreto fino alla WM estiva.

  • girl ambrose

    condivido l’articolo,non credo promosso ma neanche bocciato c’e stato di peggio,parliamo anche della difficolta’ per tutti tenere la cintura ed essere credibile,quando la vinta bhe l’apoteosi se lo meritava in pieno dopo due anni di feud quasi sempre persi e a volte anche in malo modo, da SS in poi e’ andato in standbay,ma io sono di parte e tutte le volte che parte la sua musica io salto e urlo e’ piu’ forte di me,martedi ha incominciato il giro di boa e sono d’accordo e anche piu’ figo hell e non serve la cintura…e se uscisse un po’ di jon moxley che e’ in lui bhe paura.

  • LANSE ARCIAAAAA !!!

    Io mi sento di promuoverlo con un 6 di fiducia.
    Non ha avuto nessun picco e il regno non verrà di certo ricordato come memorabile, è vero, ma non sono mancate le note positive: ha affrontato i suoi ex compagni in un match atteso in pratica dal loro split, vincendolo; ha disputato una faida “di consolidamento” ma comunque discreta contro Ziggler e infine ha perso contro un fenomeno sul quale hanno voluto cogliere il momentum dopo la vittoria con Cena.
    Secondo me si parla di un bilancio tutto sommato positivo.

  • Jeff Hardy

    Secondo me era al posto giusto ma al momento sbagliato. Dopo Cena Ambrose diciamo che è il mio preferito ma chi non voleva vedere Styles campione? Questo cambio non è dovuto a una bocciatura di Ambrose ma solamente al fatto che dovevano sfruttare lo satus di Styles che al momento è molto forte. A parer mio è già consacrato main eventer. Un turn hell sarebbe pazzesco, potrebbe sfruttare tutte le sue potenzialità dato che SD pullula di babyface. Prevedo un gran futuro per lui ma anche un tempo abbastanza lungo fuori dal giro titolato.

  • Asylum Ambrose

    Ambrose deve tornare JON MOXLEY.

  • IvoAvido

    Regno non memorabile, a parer mio si è trovato nel posto giusto al momento sbagliato. Ottimo feud con Rollins e bello il Match a tre di Battleground. Brand split con Cena e Styles impegnati tra loro, Orton con Lesnar, come primo sfidante del nuovo corso avrei preferito un Bray Wyatt o un Miz, Dolph non è stata certo la scelta migliore. Rivalità tra i due rivedibile. Styles è uscito in modo troppo forte da Summerslam per non vincere il titolo. Buon Match tra i due a Backlash però il finale era praticamente scritto.
    Voto al regno: 5.5. Rivedibile e non per colpa sua. Prima parte ottima, seconda parte completamente insufficiente: personaggio a tratti demenziale, meno cinico e incisivo.
    Urge un’evoluzione del personaggio. Smackdown è meglio di Raw per provarci.

  • Eddie Guerrero

    condivido tutto in pieno Ambrose è stato da 6, ora però deve rimboccarsi le maniche e migliorare giorno dopo giorno sempre di più per diventare migliore.

  • Mich Catinari

    Direi che uno come Ambrose funziona meglio da sfidante piuttosto che da campione.
    Lui, come Daniel Bryan, Sami Zayn in futuro, incarnando la figura dell’underdog, di quello che prima di arrivare al l’alloro massimo subisce le pene dell’inferno (e non a caso continuo a dire che il Main event di Wrestlemania 30 e la vicenda Bryan non siano frutto dei fan ma dei Booker stessi) è facile che catturi l’attenzione del pubblico. Ancor più difficile sarà poi consolidare il regno, visto che l’obiettivo tanto agognato è stato raggiunto. Ci sono anche wrestler che funzionano meglio da campioni (Owens, Cena, Rollins, Reigns).
    Per questo dico che è normale che il tutto sia durato poco e che non abbia fatto impazzire i fan.
    Per me rimane un buon regno, nulla di eccezionale ma comunque buono.
    C’è da dire però che quando lui era campione ho letto le peggio castronerie sul suo conto, tipo il fatto che lui non sappia lottare.
    Ma sul serio?

    Ah, e questo è uno dei tanti tasselli che si aggiungono alla mia teoria che afferma che il fan medio di wrestling è stupido.

    Su due cose inoltre vorrei soffermarmi riguardo l’articolo:
    1) siete davvero sicuri che a Summerslam tutte le attenzioni erano concentrate su Ziggler?
    2) siete sicuri che un turn heel gioverebbe a Ambrose?

    • Vendetta

      L’Ambrose che vogliono loro è più sfidante che campione. Ma l’Ambrose in sé è entrambi. Se Ambrose non è stato al suo massimo in questo primo regno è perché, oltre ad un po’ di pigrizia sua, è stato gestito come un personaggio del tutto COMEDY. Cosa che non centra niente né con lui né con il ME. E siamo lontani dall’ironia ”comedy” di un John Cena. Era proprio stupidità, quasi ritardo mentale. Non si avrà mai empatia per un character del genere.

      Per me il Turn Heel non è così decisivo. Va benissimo anche da face serio. Ciò che va rivoluzionato del suo pg è la parte comedy. Toglietela del tutto, lasciatelo libero di fare il pazzo ribelle alla Austin, poi vediamo.

      • Mich Catinari

        Vero anche che la sua parte comedy può risultare quasi stucchevole, e su questo sono d’accordo. Se la tolgono sarebbe anche meglio

        • Vendetta

          Stucchevole? Per me è ciò che ha reso il personaggio banale, incoerente, insopportabile, no-sense. Fare l’idiota con i cappellini, parlare da solo, fare facce buffe, il fuori luogo, sniffare lacca ecc. Tutto ciò non lo ha più reso credibile e lo ha affossato.

          Le dimensioni di Ambrose sono solo due:

          Face alla Austin. Quindi zero buonismo, ribellione, violenza, badass, imprevedibile, uno contro tutti.

          Heel alla Piper/HHH. Un calcolatore, un violento, sempre un pazzo ma con altre caratteristiche ecc.

          In entrambi i casi il comedy non deve esserci, altrimenti è un fallimento in partenza.

  • The Bo$$

    Ambrose avrebbe bisogno di un bel turn heel per dare una boccata d’aria al suo personaggio, che da face mi ha piuttosto annoiato. Di sicuro rimarrà parte del Main Event e uno dei nomi più importanti di questa nuova generazione, ma secondo me lo sopravvalutano un po’ tutti, al microfono è una bomba ma in ring non mi fa impazzire.

    PS. Complimenti per l’articolo e complimenti anche per la tua foto… mica male il ragazzo ahah :*

  • Red Monster

    Forse proprio per questo la WWE vuol puntare ad una riunione dello Shield. Se da un lato si punta su Balor rientrante e Owens a lungo regno (parlo del periodo WM), dall’altra parte si sta prendendo la direzione di un Cena – Styles allora i 3 dello Shield staranno a piede libero. Il problema è come utilizzarli poi?

  • Edoardo

    E’ stato un regno di transizione, la prossima volta che sarà campione sarà heel e le cose saranno molto molto diverse (:

  • Regno discreto ma che sarebbe stato a breve termine me lo aspettavo, sicuramente questo periodo servirà per ridare linfa al personaggio, AJ styles mi auguro arrivi a WMania titolato

  • voto al regno: 6+. Prima di Summerslam avrei dato un bel 7, ma dopo Summerslam è calato molto, sembrava Bugs Bunny più che Dean Ambrose.

  • Vendetta

    Bocciato bocciato no, diciamo rimandato. La storia è piena di tanti talenti che hanno avuto un primo regno per niente entusiasmante.
    Il suo problema ha riguardato, forse, una naturale pigrizia e voglia di riposo dopo moltissimo tempo a rincorrere e a spaccarsi la schiena. E’ stata un’indolenza spontanea, probabilmente anche fatale. Le sue prestazioni sul ring non sono state memorabili e quelle al microfono al di sotto delle sue aspettative. Ma ciò che ha inciso maggiormente sul suo regno da campione sono due fattori:

    – La mancanza di fiducia e voglia di spingerlo al Top della WWE, che lo ha quasi palesato come campione di transizione. Purtroppo sembra che vedano solo Rollins e Reigns, non si sa perché e non vogliano mai spingere seriamente Dean.
    – Il Comedy. Hanno reso Ambrose un imbecille che sniffa la lacca, che indossa cappelli giganti e prende caffè con i dipendenti. Una totale ameba. Quasi uno Eugene.

    Il secondo punto è stato ciò che ha massacrato letteralmente sia il regno che il personaggio. Come è stato detto più volte: Ambrose è una scheggia impazzita, un folle violento, uno Stone Cold. E così andrebbe gestito, da badass solitario. Se lo basi sul comedy violenti completamente sia il suo personaggio che il suo potenziale. Ambrose non centra nulla con quella dimensione.

    E’ ora che decidano cosa vogliano fare di lui. Se puntarvi seriamente e al livello degli ex-compagni o meno. Che facciano chiarezza e che si rendano conto che Ambrose è una potenziale macchina da soldi che stanno gettando al vento.

  • Vendetta

    Se comunque andiamo a vedere il lato puramente mark, i traguardi per Ambrose non mancano:

    – MITB
    – Regno più lungo US (WWE)
    – Campione IC (quindi unico dello Shield ad aver posseduto tutti i titoli singoli)
    – Campione del Mondo, ultimo prima del Brand Split
    – Feud e vittorie su KO (attuale campione Universal)
    – Vincitore del TT dello Shield e vincitore della faida dello stesso

    Quindi siamo ben lontani dalla situazione disperata di mesi fa, dove la differenza con gli ex-compagni era proprio netta.
    Però c’è sempre quell’alone che ti fa capire che non puntino su di lui quanto su Reigns e Rollins. Il motivo proprio non mi sovviene, o forse non è noto.

    Comunque se vuoi rendere Dean un ME concreto, una stella per il futuro, puoi farlo in un modo classico e funzionale: John Cena.
    Speriamo che John riconosca il talento in lui e decida di concedergli un job per mandarlo over.

  • DETH

    Non si può bocciare un campione il cui regno viene stroncato sul nascere. Contento per Styles, ma il primo campione di Smackdown, Ambrose per di più, meritava di arrivare a Wrestlemania.

  • Francesco God-Anus

    Non vedo motivi per cui bocciarlo. Promosso assolutamente.
    Non stiamo parlando di un regno da lode con lode, ma nonostante la sua brevità di un regno lineare, fine a se stesso, capitolato nel giusto modo, così come doveva essere.

    E’ stato un campione credibilissimo, conquista il titolo, magari non nel migliori dei modi (pratici), ma senz’altro creando attorno a se un alone di soddisfazione immensa per aver chiuso finalmente un cerchio cominciato con il debutto dello Shield, dando un epilogo meritatissimo ad una delle migliori storie made in WWE MAI raccontante (Si, statece)
    Lo difende contro il Rollins (in quel periodo lo era senz’altro) più credibile di sempre uscito da una vittoria pulita su Reigns, lo difende nel tanto atteso match a 3, lo difende in una rivalità ingiustamente passata in sordina contro Ziggler tirando fuori dei gran bei promo, abbozzando anche ad un lato (di Ambrose) che vedremo senz’altro emergere al 100% con il turn heel che noi tutti, credo, speriamo e invochiamo.

    Il regno termina per ovvi motivi a favore di Styles che DOVEVA essere campione cavalcando l’onda del momentum venutasi a creare con la vittoria pulita contro Cena.
    Ambrose si è dimostrato ancora una volta fondamentale, uno dei migliori worker di cui la federazione dispone, un talker eccezionale.

    Promosso senza neanche pensarci.

  • Ily

    23 giugno*