Lunedì scorso a Raw, Paul Heyman ha fatto dei chiari riferimenti a Bill Goldberg, paventandone un ritorno. Ritorno che il diretto interessato ha dato praticamente per certo, dando maggiore interesse non solo per la prossima edizione dello show rosso, ma anche per i piani futuri della WWE. Goldberg vs Lesnar II: questa sembra la risposta in vista delle Survivor Series.

Pubblicità

Da Man stava aspettando da tanto la possibilità di rientrare sul ring. Ovviamente alle sue condizioni, fermo restando l’importanza del suo personaggio, dello score in WCW, dei suoi match con DDP e Sid Vicious e Sting e Bret Hart. Del suo regno da campione mondiale WWE, il feud con Triple H e gli spot all’Elimination Chamber. Insomma, Goldberg ha ben chiaro che la storia si paga e che il livello di un personaggio ha bisogno di un pubblico decentemente ampio e di un assegno discretamente gonfio. Per questo la TNA non è mai riuscita a coinvolgerlo: quando l’assegno si è rivelato all’altezza della situazione, è venuto a mancare il pubblico adatto per dare il giusto tributo ad una storia breve ma intensa. Infatti ha sempre pensato di poter essere una ciliegina sulla torta, non il grimaldello utile ad aprire porte insospettabili. Il rischio di un flop era dietro l’angolo e nessuno, nemmeno lui, era sicuro di far impennare gli ascolti. Il discorso con la WWE è chiaramente più ampio: merchandising, videogames, dvd, comparsate sul ring, un match abbastanza importante quanto abbastanza di contorno. Come dodici anni e mezzo fa.

Wrestlemania XX è stata una delle edizioni economicamente più proficue della storia WWE. Una edizione memorabile, lunga, piena di risvolti sin dal primo match: John Cena solleva Big Show e lo ribalta per andare a vincere il titolo americano. Dentro la card un melting pot incredibile: la Evolution contro The Rock & Foley, Trish Stratus che tradisce Jericho per Christian, l’edizione playboy di Torrie e Sable dopo settimane molto calde, Undertaker e Kane nuovamente contro, Eddie Guerrero e Chris Benoit campioni del mondo. Un evento così è un regalo per qualunque fan di wrestling e qualitativamente si poté assistere a diversi match di grandissimo livello.

Nel mezzo ci sono Goldberg e Lesnar assieme a Steve Austin arbitro speciale. La presenza del Rattlesnake potrebbe sembrare fuori luogo ma non è casuale: i due, per motivi diversi, hanno deciso di lasciare la WWE. I fan lo sanno, annusano l’abbandono e rispondono con disapprovazione. Goldberg poi ha delle dispute contrattuali di non poco conto dato che la WWE ha bruciato tutte le date pattuite prima di “Mania” e Da Man chiede che gli extra vengano pagati a peso d’oro. Si tratta pur sempre di un ex campione, di un pezzo di storia WWE, di un tassello grosso del wrestling di quegli anni. Dal canto suo, Lesnar è svogliato, demotivato, incapace di continuare a vivere la sua vita all’interno del carrozzone. Ha bisogno di spazio, di tempo, di relax, di stimoli. Valuta il Giappone ed un approccio più leggero alla professione. Ha voglia di chiudere e non guardarsi indietro. E così un possibile feud dell’anno viene depredato dalle sue funzioni con l’assoluta poca partecipazione dei due protagonisti. Ci sono ma è come se fossero legati. Non stupiscono allora i cori “you sold out”, “this match sucks” o “boring” che invadono il Madison Square Garden quando questi due iniziano e portano avanti il loro match. Che, sia chiaro, non fu brutto ma venne rovinato da una atmosfera pesante, diffidente. Ed lì che si inserisce la presenza di Steve Austin: con una Stunner ad entrambi riesce a dare al pubblico quel che il pubblico avrebbe voluto vedere. Per una volta, Vince McMahon si è trovato in perfetta connessione con i fan.

Un rematch tra i due dovrebbe essere un risarcimento per quanto avvenuto nel 2004. Attenzione: guai a pensare che un feud del genere possa togliere spazio ai giovani. Owens e Rollins staranno al loro posto, idem Charlotte e Sasha, e tutti gli altri protagonisti. Esattamente come ha sempre voluto Goldberg, questo sarà un match ciliegina: il match che deve convincere gli indecisi e chi, il wrestling, ha smesso di seguirlo da anni o ha preso a guardarlo occasionalmente. Non ci potranno essere errori da ambo le parti perché non siamo più nel 2004 e oggi internet ha una valenza devastante. Una parola o un comportamento fuori posto verrebbe sommerso dalla totale indifferenza o dalla totale ignoranza, ovvero da cori fuori luogo che minerebbero il buon senso dei due wrestler. Quella di lunedì a Raw sarà già una occasione decisiva per i più critici, per vedere se è come questo feud potrà funzionare.

Corey
Dal 2007 redattore di Zona Wrestling e autore di rubriche come il Pick The Speak, Wrestling Superstars, The Corey Side, Giro d'Italia tra le fed italiane, Uno sguardo in Italia e Coppa dei Campioni. Attualmente coordinatore ad interim del sito.
  • TagliateIlPassato

    Sono del parere che è migliore Roman Reigns rispetto a Goldberg,solo che quando si tratta di passato stiamo tutti ad elogiare un colabrodo che Ryback ad esempio superava alla perfezione..
    Se questo dovesse battere Lesnar,la cosa sarebbe ben più grave

    • Alex91

      Reigns 10 anni fa sarebbe stato criticato molto meno, non sarebbe stato così scarso rispetto al ruolo che ricopre

    • RatMan

      Peccato che Goldberg ha qualcosa che Regni non ha e non avrà mai, il carisma.
      E dire che Ryback è migliore di Goldberg beh, non ha bisogno di ulteriori commenti…si commenta da solo

      • TagliateIlPassato

        Che me ne faccio del carisma se non valgo un soldo..coinvolgo solo il pubblico (e 10 anni fa non contava un tubo matto saper coinvolgere il pubblico poiché gli indy guys ancora dovevano arrivare come si doveva)
        Ryback è sempre paragonato a Goldberg,poi se sei mark non so,ho solo parlato da smart di come vedo il ritorno di un bollito in WWE

        • RatMan

          Penso che 20 minuti di Goldberg in una puntata di RAW da 3 ORE, anche se nel 2016, siano comunque un segmento migliore rispetto ai ridicoli riempitivi da lowcard tra Titus e Darren o gli squash di Strowman.
          Opinione mia.

          • Goldberg

            Opinione tua, condivisa al 100% dal sottoscritto

          • TagliateIlPassato

            Su questo hai ragione

        • FLOYD

          Se posso intromettermi ti dico che del carisma puoi farne l’arma vincente in WWE, anzi ti dirò di più, il carisma è tutto in questa federazione. Il pubblico WWE è di una vastità enorme e il wrestling web è solo una piccolissima parte. Logico che un Neville è un lottare 100 volte superiore a Goldberg, ma secondo te entrano più soldi e aumentano gli ascolti se dai un ipotetico titolo a DaMan o a Neville? Se si discute sulla WWE bisogna parlare secondo criteri diversi dalle indy.

          • TagliateIlPassato

            Il discorso è che il passato è sempre ripreso..anche se lottasse Ric Flair saremmo felicissimi rispetto a Neville,nonostante comunque io condivida tutto con te

        • Fabrizio 3D

          Ryback è stato paragonato a Goldberg da qualche bontempone nato nell’era dello smartphone che probabilmente non l’ha nemmeno visto in azione perchè ai tempi era ancora in provetta. La memoria storica è importante per migliorare il presente e dare un senso al futuro (TagliateIlSorpassato).

        • Pietro_ Brother Nero_ Nocera

          Non sono assolutamente un fan di Goldberg, ma dire che il carisma non serve a nulla é buttare completamente questa disciplina

      • The Irish Tommy

        Sarà anche carismatico ma era limitatissimo in tutto. Nel 98 poteva pure funzionare, ma era palese già dal suo approdo in WWE pochi anni dopo che quei ”tempi” erano più che finiti.
        Poi sul carisma, parliamone.
        Era carismatico a vedersi, poi, a parer mio, c’era un motivo se non lo facevano parlare troppo.

        • RatMan

          Dipende da cosa intendi per carisma diciamo

          • The Irish Tommy

            Intendo le espressioni e la connessione al pubblico. Poi c é anche la parte al mic però

          • RatMan

            Se come carisma intediamo il far presa sul pubblico non possiamo dire che non ce l’abbia (aveva), basta vedere i filmati dell’epoca
            Al mic non aveva bisogno di erigersi in sermoni, gasava abbestia comunque con la presenza scenica ed il resto..
            Poi oh, io sono di parte ahahah

          • The Irish Tommy

            Infatti non sto negando la presa sul pubblico, sto dicendo che oltre ció non ha nulla da offrire. E qualche parola la dovrá dire a Raw,se no sarà un monologo di Heyman. Un minimo di costruzione andrà fatta.

          • RatMan

            Vabbè sparerà qualcosa de tipo vi sono mancato, who’s next etc, come sempre il grosso del lavoro lo farà Heyman..
            Questo è un match che non ha bisogno di una grande costruzione, è tutto un grande angle che comprende anche l’incontro (che non sarà bellissimo, ne siamo tutti coscienti) in un certo senso, un’attrazione tra 2 stelle che hanno comunque fatto la storia.

          • Francesco God-Anus

            Un microfono in mano lo sa tenere, semplicemente era impostato in maniera diversa.
            Avrà della lacune e non lo metto in dubbio, ma per come veniva ed è stato anche proposto a RAW questo lunedì hanno sempre fatto in modo che fosse funzionale al 100%

          • The Irish Tommy

            Per me sarà il match di melma delle Survivor Series.
            E sono previsti dei 10vs10 e dei 5vs5 che Theodore Long levati.

        • Fabrizio 3D

          Lesnar non è esattamente un oratore. E a parte i suplex che fà? Eppure è ancora il numero uno della WWE…Non serve sapere fare mille cose ma ne basta sapere fare una e dannatamente bene.

          • The Irish Tommy

            Lungi da me essere dalla parte di Lesnar. Anzi, felice che abbiano scelto Goldberg come carne da macello per Lesnar evitando cosi un’altra demolizione verso un wrestler del roster attuale.

          • 3:16

            si perchè ambrose e rollins e cena sono stati demoliti da lesnar. Ma mi faccia il piacere

          • The Irish Tommy

            Orton. Per dirne uno che avrebbero benissimo potuto far vincere.
            Poi è semplice logica: se tu metti un wrestler che hai nel roster e lo fai battere dal part-timer di turno non ci guadagni un ca22o.
            Quindi meglio che facciano sto match fra di loro, tanto poi il giorno dopo a Raw non vedremo nessuno dei due.

          • 3:16

            Orton è stato bruciato ?? Ma se tra un mese sarà il primo contendente per il titolo . Perdere contro lesnar , anche in malo modo , non rovina nessuna carriera

          • The Irish Tommy

            Non carriera, parlo del suo status nel roster

    • Fabrizio 3D

      Adesso non bestemmiamo per favore. Scusa ma a fronte di tale affermazione non potevo esimermi dal commento.

      • TagliateIlPassato

        Fortunatamente non sono uno dell’era smartphone e tali opinioni non derivano da queste persone..anche chi ha seguito nel passato dice la stessa cosa..di certo a me già Goldberg non piace,e dopo sti match che stia fuori

        • Fabrizio 3D

          Quindi parli da mark anche tu…de gustibus.

          • TagliateIlPassato

            Più che mark è opinione comune che Goldberg non sia un genio di questo sport,poi con il Lesnar attuale..

          • Fabrizio 3D

            Goldberg ha star power da vendere. Ryback e Reigns no. Questa è la mia opinione.

          • TagliateIlPassato

            Star power da vendere non direi..
            Anche io se tornassi dopo 12 anni ne avrei
            Togli Roman Reigns per 12 anni e fallo ricomparire con una nuova generazione,vedrai che l’attesa di un ritorno è la stessa
            Lo stesso varrebbe per un ritorno di Ryback o qualcuno che vogliamo che torni

          • DeanAyane

            Dai, adesso non esageriamo… l’attesa per un Roman Reigns fuori per dodici mesi non può essere uguale a quella di un “mito” come Goldberg… chi ha vissuto quell’era ricorda l’elettricità nell’aria quando nella card c’era Da Man… che non sarà quel mostro di espressività ma almeno non ha stampato in faccia quei sorrisini dementi che Reigns ci propina quando è face…

          • TagliateIlPassato

            Ma io non parlo di espressioni,quelle di Reigns sono becere ovviamente..
            Ma se tieni 12 anni fuori Reigns vedi che al ritorno scoppia l’arena,così come tra 12 Ryback potrebbe essere osannato

          • DeanAyane

            avevo letto “12 mesi” invece di “12 anni”…

          • The Irish Tommy

            *Aveva

            Capisco che chi l’ha visto in diretta in quegli anni possa avere un’opinione diversa da chi l’ha visto anni dopo, ma dopo che ti vedi l’entrata con lui tutto inca22oso che arriva sul ring, cosa ti aspetti di vedere da lui nel 2016? alla veneranda età di 52 anni, che farà? 7 mosse demmerda sapeva fare(e male pure.), ora con gli acciacchi che avrà nemmeno lo standing vertical suplex reggerà. (Contando che dovrà combattere con Lesnar che non è esattamente un fuscello.)
            Quindi, se tutto VA BENE, vedremo la fiera dei Suplex(non di Billy,però).

          • Fabrizio 3D

            E’ tutto scritto quindi. Adesso lasciatemi godere almeno l’entrata poi godetevi pure Bayley, Zayn e il circo itinerante della Disney.

          • The Irish Tommy

            La veritá deve far male.

          • Fabrizio 3D

            No la realtà fa male…quando è oscena.

          • The Irish Tommy

            Osceno come richiamare un 52enne.

          • Fabrizio 3D

            Osceno come la WWE attuale che deve richiamare un 52enne per risollevare gli ascolti…

          • The Irish Tommy

            Vero in termini di ratings funzionerà

    • BelieveInTheShield

      Sicuramente Roman è superiore a Goldberg, ma i tempi sono cambiati. Su Ryback rischierò di sembrare ripetitivo, ma uno che non sa sellare la finisher di un collega non merita di prendere posto in una frase dove si parla di Wrestling.
      Personalmente penso sarà un match discretamente combattuto, sulla falsa riga di quanto fatto da Taker e Lesnar.
      Ovvero Starpower, carisma, recitazione, emozioni e pochi fatti. Pochi ma buoni.

    • The Irish Tommy

      Ryback a confronto è dioalivellosupersayan.

    • giovy2jpitz

      Parole santissime direi..

      • TagliateIlPassato

        Ti ringrazio giovy ma una curiosità off topic
        Perché non avete preso la notizia dell’infortunio di Taker,delle date delle apparizioni ufficiali di Goldberg e Lesnar e inoltre del possibile spoiler di Bubba a Smackdown con il suo tweet?
        Grazie

        • giovy2jpitz

          Non saprei, chi si occupa delle news evidentemente non ha ancora avuto il tempo o la possibilità.

          • TagliateIlPassato

            Ma sono news anche di qualche giorno,soprattutto per Taker che è in stampelle per un problema all’anca

          • giovy2jpitz

            Lo so, le ho letto. Avranno avuto problemi.

      • 3:16

        per la prima volta mi deludi e non sono d’accordo 🙁 Non vedo dove ryback sia superiore a goldberg

        • The Irish Tommy

          In tutto più o meno. lol

          • 3:16

            si è visto ieri. Ryback un pop del genere non l ha mai avuto , per non parlare del mic skill e del carisma. Suvvia

          • The Irish Tommy

            Intendo dire che ryan reeves se nel 95 si fosse ritrovato ad Atlanta e avesse incrociato Bischoff avrebbe potuto scegliere lui e non sarebbe cambiato assolutamente nulla.

          • 3:16

            Ryback non ha un unghia del carisma di bill goldberg

          • The Irish Tommy

            ”it’s just a gimmick, man!” Niente di più, niente di meno.

          • 3:16

            Esiste la bravura nell interpretare una gimmick e renderla credibile. Nel wrestling questo è importantissimo , anche più importante della bravura tecnica, perché il wrestling è trasmettere emozioni al pubblico , cosa in cui goldberg eccelle ed è tra i numeri 1

          • The Irish Tommy

            Vabbè va, vedemose sto match di 3 minuti.

    • Francesco God-Anus

      Sai mio caro amico, mi va di essere magnanimo e venirti incontro, perchè non meriti la totale disapprovazione che trasuda nei commenti che leggo qui sotto.
      Goldberg, preso per quel che è, preso come wrestler, non è mai stato un gran che.
      Non è un Bret Hart, non è nemmeno Sting, anzi, ai tempi Goldberg aveva la sua buona fetta di detrattori intolleranti nel vederlo perennemente al top, perennemente vincente.
      Il che ci può anche stare, se non fosse che: Goldberg è Goldberg.
      Non c’è una ragione tecnica sul perchè Goldberg meriti certi riscontri, è Goldberg e basta.
      Ha quel qualcosa, di naturale (e sottolineo, naturale) che in molti, Reigns e Ryback compreso, non hanno.
      Goldberg semplicemente funziona, è un personaggio che piace, è credibile, è figo.
      Quando giochi a Duke Nukem non pensi al fatto che il protagonista sia un rozzo, sessista stereotipato american way man, ma ti lasci trascinare dal carisma naturale di quel personaggio, dal suo saper attrarre e attirare le masse, al fatto che sia figo perchè si, perchè lo è e basta.
      In più Goldberg è un ottimo worker, sa tenere un microfono in mano, come ha anche dimostrato nel suo ritorno a RAW.
      Quindi non ci vedo nulla di male.

  • King Cuzzy

    Non fu brutto? No, fu solo una cagata XD dai su sono un fan di quel Brock ma il match fu il nulla, poi l’importanza di Goldie ecc. ma in WWE ha solo rubato lo stipendio visto che ha sempre fatto schifo, non c’era mai e HHH doveva chiamargli i cori.
    Babbei come sono gli americani magari lo tifano pure, ma se si presenta male il match WM XX (evento storico nonostante i due viziatelli) sarà un capolavoro in confronto al match che avranno.

  • Goldberg

    “”Attenzione: guai a pensare che un feud del genere possa togliere spazio ai giovani. Owens e Rollins staranno al loro posto, idem Charlotte e Sasha, e tutti gli altri protagonisti””. Mai parole più sante. Negli anni sono
    ritornati un sacco di wrestler, quindi per una volta fate gioire pure me e tutti i fans di goldberg. 12 anni di attesa sono stati lunghi.

    • Fabrizio 3D

      Questa storia dei giovani comincia a rompere. E’ sempre stato così. Lo spazio te lo devi guadagnare con i promo, la presenza fisica e le prestazioni davanti al pubblico…non su twitter. Ma questi credono che a Goldberg, The Rock, Austin e compagnia, abbiano aperto le porte gratis per simpatia? Dove sono i top name di oggi che possono accostarsi a Goldberg per star power? Uno o due a essere generosi. uno è Lesnar.

      • Lionel

        In tutto questo hai dimenticato un piccolissimo particolare. Le storie. Perchè io non ricordo un promo o una prestazione di Goldberg degna di nota. Ma aveva la presenza fisica ed una streak interminabile di squash, che l’hanno fatto amare al pubblico. 20 anni fa! Ma il mondo si è “leggermente” evoluto. Ed ormai una cosa del genere non la puoi più fare. Ed in più si vede che in WWE non hanno più questa grande capacità di costruire le star, e ti faccio 2 esempi: Bryan, che è andato over da solo, a dispetto di tutto quello che gli hanno combinato, ed al contrario Reigns, per cui stanno facendo di tutto per lanciarlo e falliscono miseramente.
        E comunque non puoi paragonare lo star power di 20 anni fa a quello odierno. Non ha alcun senso. Perchè adesso uno come Goldberg sarebbe probabilmente attaccato da un samoano non esattamente in forma prima ancora del suo debutto

        • Fabrizio 3D

          Continuate a parlare di evoluzione, eppure se dobbiamo trovare qualcosa di veramente “innovativo” dobbiamo tornare musicalmente negli anni settanta, cinematograficamente nei novanta, a livello televisivo nei sessanta e infine all’ECW e all’Attitude Era per quanto riguarda il wrestling. L’unica cosa che si è “evoluta” in questi anni è la tecnologia, spesso e limitativamente a livello commerciale, che ha impigrito parecchio le menti e ha inchiodato la creatività a un muro d’immagini e luci stroboscopiche svuotandosi di contenuto. I reality sono la “perla” dei duemila. Anche queste considerazioni sono a detta di molti. Remixare brani vecchi facendoli passare per nuovi è una pratica molto in uso. Lo star power dei wrestler WWE è pari alla pubblicità di un centro commerciale. A proposito, a 52 anni la gente lavora ancora e il tanto, giustamente, osannato Jericho, viaggia verso i 50. Appena trovate una Delorean telefonatemi.

          • Lionel

            Non chiamarla evoluzione, chiamala cambiamento. La sostanza non cambia. Ciò che andava vent’anni fa, per forza di cose adesso non va più. E lo puoi riferire al wrestling, alla musica, o a quello che vuoi.

          • Fabrizio 3D

            Io confondo un sacco di cose ma intanto ieri il palazzetto è esploso. Non capisco in cosa consiste il cambiamento di cui parli. Il wrestling è emozione, interazione e azione e non seghe mentali ereditate dai reality. La WWE sa, dove sta sbagliando. O cambia e ci ridà un prodotto tosto con personaggi adatti a tale contesto, oppure continui con questa pantomima piena di mieloso conformismo che rasenta il nulla con personaggi stantii, infantili e privi di carisma e costruzione. I dati d’ascolto lo confermano e parlano chiaro. Non incolpiamo i monday night perchè quelli c’erano anche allora e il prodotto era ugualmente seguito.
            Difendere un simile prodotto equivale a nascondere la testa come gli struzzi, evitando di guardare in faccia la realtà. Capisco che rode alle nuove generazioni non essere prese in considerazione ma se si vuole entrare nella storia, ci devi mettere la faccia e tirare fuori gli attributi davanti alle telecamere e non su twitter…

          • Lionel

            Ma di cosa stai parlando? Ma dove hai visto la difesa del prodotto odierno?
            Ho semplicemente detto che non puoi aspettarti un Goldberg nell’era moderna perchè una storia come quella è IMPOSSIBILE oramai (per tanti e vari motivi).
            Certo i personaggi di oggi fanno per la maggior parte pena, ma mi sa che quello che stai nascondendo la testa sei tu, perchè non puoi venirmi a dire che tanti dei personaggi WCW e WWF non lo facessero, quindi quel problema è sempre stato presente.
            Sai la differenza qual’è rispetto ad allora? Allora se chiamavi un wrestler di 10 anni prima lo conoscevano in 4. Ora invece se lo fai ti becchi un sacco di soldi. Quindi meglio provare a richiamare quelli piuttosto che scrivere buone storie per quelli nuovi. Perchè obiettivamente che deve fare un Rollins, o un chiunque altro, oltre a quello che gli viene detto (e nella maggior parte dei casi è “vai, segui questo copione che fa schifo, ma ehi, che ci vuoi fare?”)

          • Fabrizio 3D

            Ho detto quello che penso e ti ho chiarito quello che secondo me sono i problemi della WWE odierna. Non ho stimato il tuo discorso in ogni singola riga. Noto però un accanimento inutile verso alcune scelte atte a soddisfare buona parte della platea che ne ha piene le scatole di quello che sta vedendo negli ultimi anni.
            Guardo le altre compagnie e vedo personaggi come Matanza e Moose che sono credibilissimi e tifati. proprio quel genere di personaggio che secondo la tua idea sono improponibili. Forse nella testa degli indy mark? Quelli che stanno trascinando i rating di Raw ai minimi storici. Quindi il problema sta a monte e i cambiamenti generazionali non c’entrano nulla. Non ci sono personaggi con il giusto potenziale.
            Riguardo al tuo pensiero finale non fai che darmi ragione. Il prodotto di oggi è mieloso e dozzinale. Poi sei libero di pensarla come vuoi.

          • Lionel

            Ammetto che non conosco Moose (nel senso che non so cosa stia facendo), ma il paragone con Matanza non calza affatto. Stiamo parlando di un vero, reale, mostro con all’interno un Dio Azteco, cosa credibilissima nell’universo LU. E comunque non è affatto gestito come Goldberg. Di match competitivi ne ha fatti diversi.
            La credibilità di una persona sta nel come essa viene proposta. Owens con la sua panza sa fare cose incredibili, sia nel ring, che fuori, sa intrattenere a tutto tondo. Anche Cesaro lasciato libero sa intrattenere come pochi.
            Il problema dei personaggi è tutto nella scrittura. E’ quella che è pessima, e lo è ora come lo era 15/20 anni fa (anzi, a mio avviso è pure migliore). Solo che 15 anni fa si cercava un’altro genere di prodotto, più over the top, che “copriva” quelle lacune di scrittura in qualche modo. Ora (e ne sono felice, considera che il prodotto che preferisco in assoluto è quello Chikara, fai tu) quello non tira così tanto.
            Detto questo, non sono contro il ritorno di Goldberg (per inciso non me ne può fregare di meno di lui o di Lesnar, che ormai ha perso tutto il fascino di un paio di anni fa). Preferirei però che si pensasse più a costruire questi talenti assurdi che si hanno oggi, piuttosto che ricorrere sempre alle vecchie glorie nei momenti di “magra”, perchè così facendo tra dieci anni avrai le vecchie glorie odierne troppo vecchie e nessun’altro di interessante. E li saranno problemi si

          • Fabrizio 3D

            Il problema è nella scrittura. Le regole della sceneggiatura sono chiare. Devi presentare un personaggio con una storia e poi farlo crescere a livello esponenziale. Conta poco se parli di un alieno o di un nerd in ostaggio del bullismo. Devi raccontare una storia e farcirla di significati.
            Il contesto lo crei nel momento che crei il personaggio e il suo mondo. La Final deletion dei fratelli Hardy ha dato vita a personaggi assestanti e fuori dal contesto TNA che pure costruisce le altre storie seguendo un filo narrativo coerente e credibile.
            Chiariamo anche un altro punto che è poi quello cruciale. La WWE offre un prodotto troppo infantile e pieno di cliché banali che la rendono ostaggio di se stessa.
            Come dici tu, anche in passato non tutte le story line brillavano per originalità ma erano inserite in un contesto più maturo che citava esempi più vicini ai gusti degli amanti dell’azione e del grottesco e cito anche l’horror. Due generi che sono sempre andati a braccetto con una disciplina che fonda il suo fascino sullo scontro e l’esasperazione dei contendenti.
            Come può essere interessante un prodotto che s’ispira ai reality di real time, che censura gli starnuti e i taglietti alle sopracciglia. Che manda in onda sgallettate da soap opera e heel che sembrano usciti dai cartoni animati. Manca no solo i boing e gli smack sopra la testa.
            A SmackDown le cose vanno decisamente meglio ma anche il tizio che usi nel tuo nick, nonostante l’encomiabile impegno nello svolgere la propria parte, farebbe ancora più sfracelli in un contesto come quello che abbiamo visto in passato.
            Il problema quindi non è il personaggio di Goldberg, Stone Cold, The Rock o The undertaker. Il problema è che non c’è la volontà di costruire determinati modelli che impatterebbero con una scelta creativa che definire autolesionista o quantomeno bizzarra, è un puro eufemismo.

          • DeanAyane

            Ragazzi, complimenti… bello scambio di opinioni! io so solo che una ventina d’anni fa mi guardavo la WWF e la WCW dove capitava, anche in arabo sottotitolato in giapponese grazie alla parabola… oggi, pur avendo SKY, difficilmente mi soffermo su Raw o SD… :/

          • Fabrizio 3D

            E ma non c’erano le olimpiadi e la NFL…no, aspetta, c’erano anche allora ; )

          • DeanAyane

            Ragazzi, complimenti… bello scambio di opinioni! io so solo che una ventina d’anni fa mi guardavo la WWF e la WCW dove capitava, anche in arabo sottotitolato in giapponese grazie alla parabola… oggi, pur avendo SKY, difficilmente mi soffermo su Raw o SD… ;/

      • DETH

        Dipende anche cosa intendi esattamente per “starpower”, e comunque Cena ormai se lo mangia e caga a Goldberg in questo.
        Ad ogni modo ragà se il wrestling negli ultimi anni ha perso (forse anche inevitabilmente) sempre più popolarità e continuerà a farlo nei prossimi non ci si può fare niente se quelli degli anni 90 sono più popolari di quelli attuali, perchè i primi sono stati guardati da più persone a quei tempi semplicemente; ma non per questo allora bisogna richiamare quelli del passato e farli sembrare ancora più importanti di quelli attuali, con la quale immagine c’è da camparci per ogni puntata di Raw e Smackdown e ogni ppv, per dare ancora celebrazione gratuita ad atleti finiti che non hanno più niente nè da perdere e nè da vincere, tipo The Rock negli ultimi 6 anni.
        Con questo non sto dicendo di essere contrario a prescindere al ritorno di un Goldberg, che per ora non so nemmeno cosa farà in WWE e per quanto, dico solo che magari mi darebbe fastidio vedere il suo “rematch” con Lesnar prendersi il main event in ppv che giustamente non si prese nemmeno 12 anni fa da inedito, perchè quello spetta appunto a Owens o Styles o chi per loro.

        • Fabrizio 3D

          Cena ha uno starpower molto particolare poiché attira su di se parecchio heat da parte dei fans della vecchia generazione. E’ considerato l’emblema di un’epoca perbenista, responsabile di una sorta di oscurantismo voluto del passato, come ammesso da Cena stesso a più riprese.
          La WWE è vittima di se stessa e ha abdicato nel giorno in cui ha deciso di abbandonare un certo tipo di prodotto.
          Ciò ha portato alla situazione attuale dove ogni anno nel periodo lontano da Wrestlemania, stenta ad attirare l’attenzione proprio per il rifiuto cosciente di creare personaggi e storie che ne hanno fatto la fortuna in passato e che sono stati consegnati al mito.
          E l’effetto malinconia non fa che esasperare questa sensazione. Vorremmo tutti vedere i nuovi Goldberg, Stone Cold, The Undertaker, Triple H, Sting e via discorrendo per non parlare delle stable come la DX e l’NWO che si mangiano a colazione robaccia come il New Day ma non ce li danno. Al massimo accennano qualcosa a NXT per poi sopprimere tutto con gimmick comedy nel momento di debuttare nel main roster.
          Sembrano tutti usciti da un anime. Hanno la Wyatt Family sempre sull’orlo dello squash e della parodia. L’unica stable davvero riuscita è stata lo Shield che è stato smembrato per mandare allo sbaraglio Roman Reigns e trasformarlo nell’ennesimo insipido baby face.
          Ripeto comunque che è una questione di coerenza artistica. La WWE si è venduta ai gelatai e ai politicanti e offre loro l’ennesimo soporifero reality show.

          • DETH

            Ma lo starpower non c’entra con l’heat che attira uno piuttosto che un altro, lo starpower è quel qualcosa determinato da un mix tra popolarità e status attuale; in questo Cena mangia e caga Goldberg, ma anzi pure Styles per dire sarebbe ad oggi superiore.
            Comunque quel che si vorrebbe vedere oggi non è necessariamente i nuovi vecchi, anzi ben vengano il primo Rollins, il primo Owens, il primo New Day (che è tutto meno che robaccia), il primo Cesaro, la prima Becky ecc. il problema è che intanto come hai detto tu il prodotto di oggi è troppo edulcorato al punto da rendere poco credibile la scrittura di qualsiasi programma che poteva avere strumenti in più per essere più interessante 15 anni fa, ma soprattutto ormai nel writing team manca proprio la voglia di far bene le cose, gestire come si deve questi talenti d’ORO che hanno oggi e trasformarli in star (cosa già di per se più complicata al giorno d’oggi); se a questo ci si aggiunge pure la cosa di far costantemente sembrare loro le merde e dei vecchi atleti dimenticati che lottano un giorno all’anno le vere star beh è chiaro che la situazione potrà solo continuare a peggiorare, sia a livello qualitativo che in termini di $, e questo lo stanno volendo loro.

          • Fabrizio 3D

            Dico solo che Cena ha giocato astutamente con la cosa, naturalmente sotto l’occhio attento di Vince e ne ha guadagnato ulteriormente in termini di hype ponendosi come il leader della pg era e nemico dello “scomodo” e trasgressivo passato. Che altro è la C-Nation se non una presa di posizione netta?
            Tutte le ultime sfide da The Rock in poi arrivando a Styles hanno avuto questa linea di narrazione. Fruity pebbles vs il cool heel di turno a ridestare la nostalgia per il passato.
            Ovviamente sul resto sono d’accordo. Manca la voglia.

  • Fabrizio 3D

    Goldberg ha sempre ponderato le situazioni con accurata attenzione, evitando di andare al macello sia mediatico e sopratutto fisico. Forse a molti può dare fastidio tale atteggiamento e probabilmente sono gli stessi che si lamentano del welness program e vanno poi a piangere sulle news dove si celebra la dipartita del wrestler dopato di turno che si è fatto sfruttare all’inverosimile per la gioia dei puristi della disciplina . Fa i suoi interessi? Chiamalo scemo…

    • The Irish Tommy

      Però leggere la parola GOLDBERG e WELLNESS PROGRAM nello stesso commento fa un pò specie devo dire.

      • Fabrizio 3D

        E’ tutto relativo. Chi è senza peccato scagli la prima pietra. Lui si è comunque tutelato.

        • The Irish Tommy

          É na battuta, mamma mia.. Poi i mark sarebbe gli altri?

          • Fabrizio 3D

            Ho riso a crepapelle.

  • TagliateIlPassato

    OFF Topic:Ma dell’infortunio di Taker perché nessuno ne ha parlato?
    Inoltre c’è un tweet di Bubba Ray che forse fregando un fan ha detto “ci vediamo martedì a Smackdown”..
    Infine,sono state rese note ufficiali le apparizioni di Goldberg e Lesnar (in comune solo quella Pre-Series) e non ne parlate..

  • _Romanov_

    Ho più hype per il suo ritorno, di quanto me ne abbia trasmesso la WWE negli ultimi 6 mesi. Goldberg fomenta il pubblico con la sola entrata, inoltre non è invecchiato di una virgola, si tingesse il pizzetto sarebbe identico a WM 20. Inoltre non ha mai smesso di allenarsi. Il match di WM 20 fu un incontro da videogiochi, dove tenti di fare le mosse più “powerhouse” che hai nel repertorio, ma credo che quello fu dettato dal booking, mettiamoci l’atmosfera e il resto , ed ecco spiegato il flop. Da stupidi sarebbe pensare che quel Brock Lesnar e quel Goldberg non potessero fare di meglio. Chi dice che Goldberg sia scarsissimo in ring non ricorda i match con DDP , Sting, o due tronchi di legno come Nash e Sid. Credo che con una stipulazione , verrà fuori un grande match.

  • giovy2jpitz

    Goldberg attira senza ombra di dubbio pubblico, probabilmente aumenteranno anche i ratings. Quello che mi fa specie, è che la gente sia convinta di essere di fronte ad un grande del ring, quando un grande del ring non lo è. Anzi. Chi critica Roman Reigns oggi perché non ha carisma, non capisce che quello che è cambiato sono le condizioni, se nel 1998 avessero proposto Roman Reigns come Goldberg, con la sua entrata ecc., Roman Reigns oggi sarebbe osannato come Goldberg. Semplicemente la gente segue i luoghi comuni e ascolta sempre quello che dice la massa, spesso e volentieri ignorante ed ottusa, perché non interessata davvero al prodotto. C’è poco da fare, il problema è sempre lo stesso, la WWE fa bene a portare Goldberg perché probabilmente ci ricaveranno qualcosa, ma Goldberg rimane ben lungi dall’essere un bravo Wrestler, soprattutto dopo tutti questi anni di stop. Inoltre già il fatto che la maggior parte della gente tiri in ballo una stipulazione speciale, è la prova che incosciamente si sa che l’incontro potrebbe non essere buono in condizioni normali.

    • Goldberg

      Io condivido il fatto che le abilità sul ring siano discutibili paragonato ad altri fenomeni del ring, però dire che Roman reigns con lo stesso percorso oggi sarebbe stato osannato come goldberg non lo condivido. Tu vedevi goldberg e vedevi una macchina da guerra che nessuno poteva fermare e aveva quel sorrisetto che quando ti guardava sembrava dire “parla parla che tanto dopo ti spezzo le ossa” mentre se vedi reigns, vedi solo un ragazzo superbo che pare sapere tutto lui e il suo sorriso vuol dire solamente “ho la faccia da schiaffi, prendetemi a pugni” e poi non ditemi che ha le sembianze da distruttore alla goldberg (quindi per me con lo stesso percorso di goldberg, sarebbe stato odiato comunque). Non metto a paragone il carisma, perché goldberg sta tremila passi avanti. Metti pure il fatto che io ero fomentato dal commento di dan peterson (franchini e posa
      sono insopportabili) che ogni volta che entrava era qualcosa di spettacolare. Concludo dicendo che il percorso che la wwe ha riservato a goldberg, solo lesnar poteva farlo, secondo me non allo stesso livello. Percorso giusto per la persona giusta, che si è rivelata Goldberg.

      • DeanAyane

        E ma tu non fai fede, sei Goldberg! Sei troppo di parte! ^-^

    • RatMan

      Nessun luogo comune da parte di noi mark di Goldberg, nessuno segue la massa, anzi siete voi che siete contro questo ritorno ad essere la massa ottusa in questo caso, senza offesa. Nessuno crede sia un grande wrestler. Solo un grande DEL wrestling.
      Il luogo comune è che sia bollito, scarso, mercenario…lui è tutto questo?
      Sicuramente bollito perchè ha 50 anni.
      Sicuramente mercenario perchè avrà voluto un pacco di soldi (come se il The Rock di turno venisse aggggratis)
      Scarso sul ring certamente.
      Me ne frega qualcosa? Assolutamente no. Sono felice di rivedere un pezzo della mia infanzia calcare di nuovo un ring importante.
      Cosa toglie un ritorno per andare contro un part timer? Semmai aggiunge starpower ad una puntata lunghissima di RAW dove il low-midcard e gli squash la fanno da padrone.
      Meglio Neville vs Cesaro in loop solo perchè combattono bene? Io non credo, un abbraccio.

      • giovy2jpitz

        Il tuo discorso èun discorso intelligente e basato su una situazione tua personale. Io mi riferisco a coloro che magari non l’hanno manco mai visto e si basano su video, senza conoscere le sensazioni di quel tempo e capire che chi lo ha visto può volerlo per i motivi da te citati, non perché possa tirare fuori chissà quale match. Io non dico che non lo voglio perché sia bollito, a me non piacevamanco quando lottavva a tempo pieno. Ripeto, sono le cose sentite e ripetute che mi danno sui nervi, ed è sempre cosi ultimamente.

      • giovy2jpitz

        Non capisco l’atteggiamento finale con quell’abbraccio ironico, comunque. Ho detto un’opinione che sostengo da sempre, tra l’altro da quanto leggo senza nemmeno riferirmi al tipo di fan di Goldberg che sei tu. Boh.Va beh. Ricambio l’abbraccio comunque, magari mi sbaglio ed eri sincero.

        • RatMan

          no scusa, l’abbraccio era alla Adam Kadmon, una cagata mia tranquillo..una cosa simpatica

      • giovy2jpitz

        Per non parlare del discorso Neville Cesaro solo perché sono bravi, E’ evidente che non conosci il mio modo di pensare, soprattutto il mio modo di difendere la WWE spesso e volentieri quando viene attaccata per il prodotto che propone dato che è un’azienda che vuole un profitto. Quindi insomma, hai risposto ad un post con un attacco velato che non capisco, ti starò antipatico.Ci sta.

        • RatMan

          E’ stato un misunderstanding mio, pensavo ti riferissi a tutti i fan di Goldberg in generale, ma sai era il mio wrestler prefeito quando guardavo la WCW commentata dal mitico Dan Peterson..perciò sono un pò suscettibile nel vedere criticato uno che viene a fare un solo match e poi se ne va, porta soldi, guadagna soldi, e occupa spazio che andrebbe perso in stupidi segmenti di backstage o squash..e fa felici i sentimentaloni come me
          Il Neville vs Cesaro è una bacchettata agli Indyoti del sito (non riferita a te personalmente)

          • giovy2jpitz

            Io sostengo sempre la tesi dei soldi, è un lavoro, sono affari ed è giusto che la gente guadagni per carità, mai fatto questo discorso. La mia è una critica a coloro che dicono cose che in realtà non sanno, come capita spesso, non solo per questo discorso. Per quanto riguarda gli indy concordo. come sempre, sostengo sempre anche questo, gli equilibri devono esserci nel wrestling, ed ogni compagnia propone quello che viene meglio per il suo pubblico, chiraro. Ho sempre seguito le indy, e sono passato dal difenderle perché tutti vedevano solo wwe, al dover difendere la WWE contro coloro ai quali tu ti riferisci 😀

    • Fabrizio 3D

      Al massimo sarebbe stato un Kevin Nash.

      • DeanAyane

        anche Sid Vicious / Justice / Sycho, ecc. ha avuto dei periodi di grosso push da parte di WWF e WCW, è stato presentato come “distruttore”, con un look accattivante ed aveva il fisico “giusto”:.. eppure, anche se all’epoca eravamo meno smaliziati ed “analizzatori”, ci strappava sempre un sorriso – anche se calato nel contesto più serioso… perché era goffo,dozzinale nella recitazione… ci piaceva vederlo con la cintura ma poi, dopo un po’, “fora di bal”… questo esempio per dire che a certi wrestler, anche se con certe qualità che all’epoca piacevano molto (fisico imponente, look, power moves), potevi anche inventarti la cosa più cool come una streak vincente ma non potevi pretendere risultati stratosferici…

        • Fabrizio 3D

          Dean diciamocelo tra noi. Sapevamo divertirci di più. Peggio per loro…si tengano il pg, gli indy boys e tutti quei nerd che adorano tanto. ricordati di lasciare le faccette altrimenti dicono che sei un mark serioso. ; )

          • DeanAyane

            Concordo, ricordo che il venerdì sera se non uscivo era d’obbligo la visione di Wcw Tnt Nitro, subito dopo su DSF c’era Raw Is War, quello con la sigla con le fiamme e Stone Cold che le attraversava tutto incaz zato… era una bella battaglia tra le fed anche se Steve Austin era in pratica una delle pochissime cose che valeva la pena di essere vista a Stamford dopo la dipartita di quasi tutta l’Hart Foundation… ma dicevo: dopo, sempre su DSF c’era World Of Wrestling con il meglio della settimana della Smokey Mountain e di altre fed, tra le quali spiccava una certa ECW…

            Se il venerdì sera uscivo mi guardavo il tutto il giorno dopo su VHS e se il nastro era rovinato (oppure se avevo sbagliato la programmazione del VCR) erano bestemmie che partivano…

            Era bello… anche se ogni tanto ci si doveva subire Sid Vicious, che rimbalzava da una fed all’altra in cerca di push… ^-^

          • Fabrizio 3D

            Datemi una Delorean!!! ; )

        • DETH

          Ma tutto ciò non è morto, è che la WWE non è più in grado di ricrearlo; in TNA ci si riesce, perchè per come vengono proposti personaggi, promo, ecc. lo show fila e ci si può tranquillamente guardare quella che è a tutti gli effetti una federazione di “scarti” spegnendo il cervello perchè le cose hanno almeno il loro senso.

          • Fabrizio 3D

            Ti correggo solo la prima parte del pensiero. Non vogliono o non possono. Per il resto concordo e provo piacere nel constatare che qualcuno abbia capito e apprezzato gli ottimi risultati ottenuti dalla TNA nonostante le difficoltà.
            Un ottimo motivo per sperare che non finisca in mano alla WWE…

      • giovy2jpitz

        Hai centrato il punto: molto che sono considerati grandi come Goldberg, non è che da me non lo siano, ma quelli che lo osannano pensando che oggi possa fare qualcosa sul ring più di quelli che tanto attaccano, non si rendono conto che non è cosi. Ecco il discorso. Poi Goldberg, Kevin Nash o altri, ok, i paragoni possono sprecarsi, è il genere paragonato da oggi a ieri che conta.

    • DETH

      “se nel 1998 avessero proposto Roman Reigns come Goldberg, con la sua
      entrata ecc., Roman Reigns oggi sarebbe osannato come Goldberg”

      Mah non saprei mica, dato che a Reigns mancano pure la forza e l’imponenza fisica che almeno avevano Goldberg e altri; con un Ryback magari sto discorso di poteva fare.

      • giovy2jpitz

        Si, anche, Roman Reigns, cosa che in pochi hanno capito, era un esempio per definire il wrestler considerato scarso oggi.

  • Stefano Bonomelli

    I wrestler piu vincenti della storia e i piu amati dal pubblico nn erano anche i migliori wrestler della compagnia…the rock scsa taker cena hogan erano lottatori buoni e carismatici ma sul ring i vari benoit guerrero angle erano molto meglio ma la storia l hanno fatta gli altri perche erano molto piu carismatici…goldberg fa parte di quelli nn fenomenali ma carismatici la gente lo adorava e il suo ritorno è molto piu attesso d altri…e cmq per chi nn l ha capita reigns e fischiato perche proposto subito al top nel momento sbagliato…nella rumble dove fa il record di eliminazioni era tifato un casino (e nel ring era anche peggio)…bisogna lanviare le persone al momento giusto la storia d goldberg insegna visto che e partita dal nulla con degli squash fino ad arrivare a titoli minori e poi al titolo del mondo