Pubblicità

Finita la lunga pausa estiva (che mi ci voleva), rieccomi qui a raccontare il wrestling italiano, in particolar modo, uno degli show che si candida ad essere fra i migliori visti, da me e da voi, in Italia quest’anno.

Si tratta di The Great Beyond, portato in scena dall’ASCA lo scorso 16 Settembre in quello che ormai si può considerare il Wrestling Village italiano, Almenno s.Bartolomeo, all’ASCA Dome.

 

Con un viaggio meno complicato del solito (tranne qualche imprevisto) e, arrivato in terra lombarda, arrivo, in compagnia dei Richiedenti Asilo del wrestling italiano per antonomasia, Risi & Tullo, con UN’ORA di anticipo all’ASCA Dome, cosa mai successa e da segnare sul calendario.

Che l’evento è epocale (e sold out, secondo stime, quasi 180 persone sono arrivate da tutta Italia a La Quarenga per questo show) si capisce che troviamo già gente accampata all’ingresso; scambiati qualche convenevole, opinioni e aspettative sui Match, entriamo finalmente…. Nel mentre attendiamo, alcuni degli atleti della serata ne approfittano per rilasciare autografi e vendere il loro Merchandise nel salone di ingresso all’Arena, mattatori ovviamente la pattuglia UK dei British Strong Style, formata da Seven, Bate e dall’attuale WWE UK Champion Pete Dunne.

Parte finalmente il Preshow, con Silvio Saccomanno dell’ASCA che ci da il benvenuto, si scusa delle assenze di Davey Richards (e parte il coro “Fuck You Richards” che caratterizzerà quasi ogni post e pre-match della serata)di Tyler, di Coffey e Horus, ma se per Richards ha trovato il valido sostituto (Wolfgang), stasera ci svela i sostituti delle altre due assenze: i 2 Unlimited!!! Il duo irlandese sale sul ring e viene accolto da un pop assurdo del pubblico, poi Jay e Patrick prendono la parola e chiedono a gran voce un match per stasera contro i Wonder Kids (con i quali hanno lottato scorso anno a Unlimited Ambition, il Best Match 2016 di ZW); Silvio li accontenta e anticipa anche che, visto che le cinture Tag Team ASCA sono vacanti, il loro Match avrà i titoli in Palio!!!

E dopo questo annuncio possiamo partire col primo Match del Pre-Show:

 

Pre-Show Match #1

Gravity Vs Max Peach

Match atteso per il debutto in ASCA di Peach, di fronte uno dei Wonder Kids, nel primo dei loro match singoli di giornata.

Opener subito con l’acceleratore, con i due atleti ICW che non si risparmiano nemmeno per un’istante, fra mosse aeree, prese a terra e manovre di sottomissione.

Gravity mostra quasi un certo “sadismo” nel colpire Peach, ma il Nerd della ICW reagisce colpo su colpo, mostrandosi avversario ostico, ma quando sembra in grado di chiudere, con un repentino Reverse Gravity si prende Pin e vittoria:

Vincitore: Gravity

Vittoria per Gravity, che porge la mano a Peach in segno di stima, ma rifiuta e lo colpisce con uno schiaffo, che Gravity ricambia; sembra partire una rissa, ma poi i due si abbracciano e alzano il braccio assieme in segno di vittoria.

Pre-Show – Match #2 – RSWP Rising Champion

AKIRA (c) Vs The Greatest

Secondo Match e primo Match a sorpresa della serata, in quanto il titolo Massimo della Rising Sun sarà Online.

Di fronte Passato e Futuro del Wrestling Italiano: da una parte The Greatest e i suoi anni di esperienza, dall’altrauno dei campioni più giovani della Rising Sun e del Wrestling italiano.

Match sorprendente, storia semplice ma efficace (Veterano Vs Novizio), spot insani (come i due Diving assassini fuori dalle corde di AKIRA), con i due che non si sono risparmiati nulla; le doti di AKIRA, che a neanche 20 anni mostra già un talento eccezionale (sorprendente la pulizia con cui ha eseguito la Canadian Destroyer), ne fanno, assieme a Gravity, nomi da tenere ben d’occhio nel futuro.

Dopo un lungo scontro a spuntarla è proprio il campione con la Canadian, che vale vittoria e mantenimento del titolo:

Vincitore & mantiene il Titolo: AKIRA

Prima difesa confermata da AKIRA dunque, ma onore delle armi a The Greatest, che ha abbracciato e chiamato l’applauso per il campione, segno di massimo rispetto verso questo giovane talento.

Pre-Show – Match #3 – Triple Treat Match

Wolfgang Vs Davey Blaze Vs Iceman

Match totalmente creato dal nulla dopo le defezioni di Coffey e Richards che hanno rimescolato un po le carte, portando a questo Match, dove compare a sorpresa, dopo un’anno di assenza, Iceman.

Tre atleti dalle tipologie di lotta molto differenti (Power Old School per Wolfgang, Strong Style per Iceman, Mat Wrestling per Blaze), dove il ruolo del “terzo incomodo” è toccato da subito al nostro connazionale.

Match un po confuso, per questo variegato trio di stili, dove a farla da padroni sono Wolfgang e Boy, ma godibile, con tutti i contendenti che non si risparmiano in niente.

Finale con giallo, quando Wolfgang pinna Iceman e Blaze non sembra arrivare in tempo al Pin, l’arbitro sembra esitare un attimo nel conteggio, ma alla fine è Wolfgang a prendersi il Pin vincente:

Vincitore: Wolfgang

Debutto con vittoria in ASCA dunque per uno dei tre finalisti del Torneo WWE UK, anche se qualche dubbio sul Pin rimane….

Pre-Show – Match #4

Tyker Bate Vs Mr. Excellent

 Quando pensi che da un lato hai un veterano della scena italiana, nato assieme al movimento del Wrestling italiano, Un Maestro della tecnica e dall’altro, hai un ventenne che è stato il primo WWE UK Champion della storia di Stamford, sai che stai per assistere a un campionario di tecnica mostruosa.

E così è stato, con Bate e Excellent che hanno regalato un Match che per emozioni e tecnica equivale in parte Sabre Vs Excellent della Super8 2015.

Manovre aeree, prese, chiavi articolari, mosse di sottomissione uscite da chissà dove: un nuovo capitolo del Campionario base di Mat & Technical Wrestling che consiglio di rivedervi fino allo stremo, se volete provare anche solo  1/3 di quello che vedrete .

Nel finale è Bate a chiudere in una morsa letale Excellent, al quale non resta che arrendersi.

Vincitore: Tyler Bate

Prima vittoria per i BSS in questa serata, anche gli altri saranno all’altezza?

Pre-Show – Match #5

Lupo Vs Trent Seven

Ed eccoci al Main Event del Preshow.

Il Maschio Alpha di ICW e ASCA vuole mantenere la supremazia sul territorio, ma il leader dei Moustache Mountain la pensa diversamente e considera l’ASCA la sua “casa”.

Match che parte quasi in chiave Comedy, con Lupo che irride Seven dei suoi baffi e barba, ma non tarda molto la risposta  del britannico, che imposta tutta la seconda parte su uno stile molto più serio e Strong (come sempre, consiglio la visione, appena escono online, in Arena Sound per apprezzare l’intensità del Match e. soprattutto, delle Chop date).

A vincere è proprio Seven, che mette KO Lupo con un Piledriver ben assestato:

Vincitore: Trent Seven

 

Vittoria per il Moustache Wrestler, al quale persino Lupo tributa onore, ma mentre Seven fa per andarsene, viene attaccato a sorpresa da Wolfgang, che infierisce a lungo sul già provato braccio destro di Seven, infortunandolo ulteriormente.

Wolfgang poi lancia una sfida a Seven per il Main Show, ammesso che riesca a lottare….

 

Dopo la pausa è tempo del Main Show, a introdurlo sul Ring il G.M ICWe Rising Sun Kobra, che ci dice che lascia la palla come Ring Announcer a Marco Piva, voce italiana della Insane, perché stasera l’Arcadia ha un match importante e lui deve fare la sua parte….

Sale Ring Piva e introduce Mark Haskins!! L’Ex PROGRESS Champion causa l’assenza di Tyler, vuole un avversario a cui spaccare il culo questa sera,  chi vuole dal Backstage può farsi avanti… risponde all’appello Mirko Mori!!!

 

Main Show – Match #1

Mark Haskins Vs Mirko Mori

Altra sorpresa della serata, il ritorno in Italia del fu Mark Fit, ora in PROGRESS a farsi le ossa e fresco di debutto anche nel Dojo della stessa.

Assolutamente Match sorpresa della serata: se Haskins è una certezza consolidata nel panorama internazionale, Mori ha dimostrato, a quasi un anno dalla sua partenza per gli UK, una crescita sul Ring pazzesca, tenendo testa per buona parte del Match a Haskins.

Nel finale è Haskins a portarsi la vittoria a casa con una variante della Sharpshooter applicata su Mori, costretto a cedere:

Vincitore: Mark Haskins

Vittoria per Haskins, ma l’ASCA Dome tributa un caloroso applauso a Mori, che ringrazia il pubblico e promette di tornare presto da loro.

 

Match #2 – Mixed Tag Team Match

Paxxo & Jokey Vs Max Peach & Lana Austin

Ed eccoci al primo Match misto di coppia della storia ASCA, con ben tre atleti al debutto qui: da una parte il folle due Paxxo & Jokey, di ritorno in Italia (da diverso tempo i due si sono trasferiti in UK), dall’altro Peach con l’inglese Lana Austin, al debutto in ASCA e in Italia.

Match che parte con una forte impronta Comedy (devastante la scena con la Punizione di Prima del povero pupazzo di Togepi da parte di Paxxo e quella della distruzione del fumetto di Peach da parte di Jokey), per poi assumere le pieghe di un match più nella norma, con il duo di folli che sfrutta la loro attitudine Heel al meglio.

Nel finale a spuntarla sono Paxxo & Jokey, quando questa applica una manovra di sottomissione costrigendo Lana Austin a cedere:

Vincitori: Paxxo & Jokey

Debutto con vittoria per il folle duo, a Peach e Austin resta comunque tutto il supporto del pubblico (e il buon Peach rimedia pure un bacio dalla Austin), ma Paxxo & Jokey non sono sufficientemente soddisfatti e tornano sul ring per completare l’opera.

A interrompere il pestaggio arriva Silvio Saccomanno, ma si becca la combo Mafia Kick/Spear dei due, arrivano la security e gli arbitri e solo dopo molto il duo se ne va soddisfatto nel backstage, con un Saccomanno KO sul ring portato via a spalle

 

Main Show – Match #3

David Silas Vs Davey Blaze

Terzo Match del Main Show, che vede Silas, attuale Gore Champion della Bullfight (ma che non difenderà stasera il titolo), affrontare Davey Blaze; Silas viene accolto dai fischi e gli insulti del pubblico e dalla scritta (che poi diventerà anche coro) ”SCARTO” , che Silas non dimostra apprezzare molto.

Match molto veloce e che vede Davey Boy dominare gran parte della contesa, anche se Silas sembra riuscire a tenere testa agli attacchi dello scozzese, che alla fine prevale dopo una devastante Spear che vale il conto di tre e la vittoria:

Vincitore: Davey Blaze

E siamo arrivati a uno dei Match più attesi per la storia dell’ASCA, quello che determinerà il destino dell’Arcadia:

 

Main Show – Match #4 – NO DQ Match for Arcadia Destiny

Jimmy Havoc Vs Kyo Kazama

Match che segna il ritorno di Havoc, fresco tra l’altro della vittoria al TOD 2017, in ASCA, venuto per porre fine alla sua creatura, l’Arcadia, rovinata a suo dire da Kazama e soci.

Match ad alto tasso di violenza, con i due che si menano in tutta l’arena e con ogni oggetto possibile.

Havoc pare indemoniato, ma anche Kazama cerca di vendere cara la pelle, grazie anche all’arrivo di Kobra, che cerca di ostacolare i tentativi di Havoc di chiudere l’incontro, ma fallisce.

Nel finale è Havoc a stendere Kazama per il pin che pone fine alla stable e vale la vittoria dell’inglese:

Vincitore: Jimmy Havoc, l’Arcadia viene sciolta

Finisce con il corpo esanime di Kazama portato nel backstage la storia della Stable che ha a lungo creato scompiglio in ASCA e Rising Sun, anche se mi viene da dire che la parola Fine non sia stata del tutto scritta…

 

Main Show – Match #5 for ASCA Tag Team Title (Decision Match)

2 Unlimited (Jay & Patrick Sammons) Vs Wonder Kids (AKIRA & Gravity)

Altro atteso Match della serata, dopo la decisione della dirigenza di riassegnare le cincture rese vacanti dall’infortunio di Horus l’Assoluto, che le deteneva con Kazama.

A contendersele i 2 Unlimited e i Wonder Kids, in un Match che è stato l’assoluto Spotfest della serata, se non fra i migliori.

Entrambi i team li vedevo Live per la prima volta e li avevo visti solo in video nel loro primo Match a Unlimited Ambition (che decretammo il Miglior Match del 2016), questo secondo Match è stato addirittura migliore del primo.

Azioni da cardiopalma, combo moves ad alto effetto, ribaltamenti continui di fronte, un Match che ha tenuto in piedi per quasi tutto il match il pubblico dell’ASCA Dome, un serio candidato fra i Best Match del 2017, per me.

A vincere e conquistare le cinture alla fine sono i Wonder Kids, che diventano i Nuovi ASCA Tag Team Champion:

Vincitori e Nuovi Campioni: Wonder Kids

Primi titoli di coppia per il duo, inizia una nuova era nella divisione Tag ASCA e, visto il talento di questi due ragazzi, potrebbero arrivare presto altre soddisfazioni titolate….

 

Main Show – Match #6

Pete Dunne Vs Doblone

Ecco, gli interrogativi su questo Match erano molti: Dunne avrebbe asfaltato Doblone? Avremmo assistito a un nuovo Ignoranza Match come lo scorso anno con Davey Boy? Sarebbe stato senza risparmio?

La risposta è stata questa: per me Doblone ha fatto il Match della vita, stasera.

Di fronte a un atleta, attuale WWE UK Champion, che a 23 anni esprime un potenziale pazzesco sul ring (e che, segnatevelo, a meno di clamorosi passi falsi, lo vedrete fra 10 anni ai vertici del wrestling mondiale), il Pirata ha offerto una prestazione pazzesca, ancora più pazzesca se si pensa che ha finito il Match con una spalla del tutto andata, ma non ha pensato un’istante di mollare e ha retto fino alla fine.

Dunne ha menato Doblone con la stessa intensità di un bombardamento a tappeto (altro Match che consiglio di seguire in Arena Sound quando uscirà), ha giocato con l’Ignoranza del Pirata nei suoi modi e col pubblico (come la serie di tifosi, fra cui una ragazza e un bambino, usati come proiettili contro Doblone), ma Doblone ha resistito e parato colpo su colpo, soccombendo solo alla fine, ma con l’onore delle armi:

Vincitore: Pete Dunne

Grande Match che rimarrà nella storia ASCA, tributo di applausi doveroso a Doblone a fine Match, sconfitto ma fiero della sua prestazione, rimarrà nella storia anche il Pedigree che l’arbitro Malalana si prende da Dunne, così “a brutto, senza senso” (cit.)

E siamo finalmente arrivati al Main Event della serata:

 

Main Show – Match #7

Wolfgang Vs Trent Seven

Match atteso, anche per vedere come Seven lotterà, dopo l’attacco di Wolfgang nel Preshow.

Match intenso, combattuto e senza soste, con i due atleti (che in Insane si sono confrontati più e più volte) che hanno dato il 100%, nonostante entrambi con dei Match impegnativi alle spalle e nonostante Seven abbia lottato senza un braccio praticamente, visto l’infortunio a quello destro causato sa Wolfgang.

Storyline semplice ma funzionale, con Seven di rincorsa e con l’handicap del braccio, su cui Wolfgang gioca gran parte dei suoi attacchi, ma il Moustache Mountain Hero dell’ASCA chiama a se tutte le sue forze e affronta una seconda parte di totale rimonta, esce indenne da due devastanti attacchi(fra cui un PileDriver), con un Wolfgang incredulo e un ancor più incredulo pubblico ASCA.

Alla fine è Seven a conquistare la vittoria, sofferta e acclamata a furor di popolo dall’ASCA Dome:

Vincitore: Trent Seven

A fine Match Seven prende il microfono e ringrazia tutti quanti, l’ASCA e il pubblico italiano, poi dice che non sa se questo sarà il suo ultimo Match nella fed, perché il futuro potrebbe portarlo a Orlando a NXT e in WWE, assieme a Tyler e Pete, che nel frattempo, lo hanno raggiunto sul ring.

Fra i cori”Please Come Back” e quelli a Seven, Pete e Tyler, lo Show si conclude con i tre che si esibiscono nella Taunt di Triple H a bordo ring (omaggio al CEO WWE e NXT, che ha spinto molto per il Torneo UK e per averli a Stamford), con uno Show che ha regalato tanto, ottimo Wrestling.

 

Breve considerazioni finali:

  • Card come sempre solida, match mai sotto la media, storyline semplici ma efficaci: l’ASCA non ha frequenza di show e roster come altri in termini numerici, ma porta sempre ottimi risultati in termini di risposta di pubblico e di quello che accade sul Ring, anche se auspico che prima o poi arrivi a frequenze più fitte, pur mantenendo la qualità del lottato offerto;
  • L’Arcadia è morta, Havoc ha scritto la fine della stable da lui creata e affidata a Kazama: se all’inizio non sembrò essere molto impattante, con l’espansione in Rising Sun ha conosciuto titoli e fama, oltre a quelli ASCA, che ha fatto girare in molte realtà; Ma credo che la parola Fine non sia scritta del tutto, visto che Horus, l’altro Leader e frontman della stable, è al momento KO per infortunio e dubito che, quando tornerà, accetterà la cosa di buon grado…
  • Tanti graditi ritorni in ASCA e in Italia: Bentornato a Mori e Iceman, con il primo tornato migliorato dalla sua esperienza UK e il secondo che spero torneremo a vedere più spesso in ASCA e non solo; bentornati in Italia anche a Paxxo e Jokey, altri due talenti che hanno scelto di andare all’estero in pianta stabile per inseguire il sogno di wrestler a tempo pieno e che sembra ci stiano riuscendo molto bene, bravi;
  • I Wonder Kids hanno le loro prime cinture di coppia: Traguardo meritato per due giovanissimi ragazzi che rappresentano al meglio la nuova generazione di wrestler italiani che sta crescendo; credo anche che i titoli di coppia ASCA non saranno gli ultimi che questi due cingeranno alle loro vite, il 2017 ha ancora tempo prima di concludersi e le opportunità sembrano non mancare di collezionare altre vittorie..
  • Trent Seven, Pete Dunne, Tyler Bate: assieme a Wolfgang, questi atleti Uk sono da tenere d’occhio nei prossimi anni, potrebbero davvero sbancare il wrestling mondiale, se non commettono errori, soprattutto Dunne, che a 23 anni sembra avere tutte le carte in regola per arrivare in alto… è impressionante notare che solo loro 4, non contando anche i titoli di Havoc, Haskins e Blaze, quest’anno hanno collezionato vittorie in PROGRESS, Insane, CHIKARA e WWE, fra tornei e titoli…
  • Plauso infine alla terna arbitraria composta da Puttini, Malalana e Di Fina: ottimi arbitraggi, hanno saputo gestire tutti i match in modo professionale

Foto © Enrico Bertelli “Taigermen”

Appuntamento al prossimo numero

Il fuoco divampa sui Ring Italiani….