Pubblicità

Nuovo appuntamento con l’editoriale dedicato alla scena Italiana, nel suo numero post-natalizio ospito il buon Luca Carbonaro, che in qualità di nostro inviato ha seguito il primo Show congiunto della Power Wrestling Entertainment e la Italian Championship Wrestling andato in scena lo scorso 21 Dicembre a Potenza.

 

 

 

Il 21 Dicembre scorso si è svolto il secondo grande show della PWF, adesso ribattezzata PWE, in collaborazione con il polo di Napoli della ICW. 

Un evento davvero importante in quanto ha rappresentato la prova del nove per il movimento Wrestling al Sud Italia, specialmente in una regione abbastanza “ dimenticata “ come la Basilicata.

La location scelta, ovvero l ‘ EFAB di Tito, si è dimostrata idonea a livelli logistici, per organizzare eventi del genere. Ma procediamo con ordine ed andiamo ad esaminare gli incontri svolti:

 

ICW Match

Corvo Bianco vs Max Peach

 

Un Opener che serve a riscaldare il pubblico occasionale accorso all ‘evento, specialmente bambini accompagnati da genitori, e dimostrare le doti dei lottatori coinvolti.

Il pluripremiato atleta della ICW, Corvo Bianco, fa valere le sue doti da tecnico e la sua presenza scenica da heel, avendo vita facile contro il debuttante Max Peach. Applausi anche per questo ragazzo che, nonostante abbia lottato il suo secondo match in carriera, ha dimostrato del buon potenziale; la vittoria va a Corvo Bianco in seguito alla sua finisher, la Crow Splash.

 

 

Vincitore: Corvo Bianco

 

Breve intermezzo parlato in cui il ring announcer intervista Massimo Italiano, reduce da stage in Europa, Canada e una grande esperienza in Giappone, dove ha combattuto per la Zeri1.

Il suo obbiettivo è quello di vincere il PWE National Title (reso vacante da Andrew Winston per la sua partenza per il Canada alla Lance Storm Academy e messo in palio stasera, Ndr) e lo dimostrerà nel main event, quando annienterà Bako !!!

L’intervista finisce con questo grande proclamo ma, alle spalle, arriva proprio Bako ad attaccarlo e a schiantarlo contro l ‘apron !!!  Il“ toro italiano “  si dimostra compiaciuto delle sue azioni mentre il pubblico lo fischia a più non posso.

 

Campione Italiano Wrestling ICW

Red Devil (c) vs Manuel Majoli

 

 

Il secondo incontro avrebbe meritato la posizione di co- main event, data la caratura degli atleti coinvolti, e la spettacolarità offerta.

Due pionieri del wrestling italiano, riconosciuti in tutto lo Stivale, che hanno contribuito a rendere grande questa disciplina: Devil, pluricampione ICW, primo atleta italiano a detenere 3 titoli di categoria in tre differenti nazioni europee; Majoli, primo atleta italiano allenato da Great Sasuke e Tiger Mask IV e di ritorno dal recente Stint in Michinoku Pro.

Il neo campione della ICW stupisce il pubblico con il suo repertorio, tirando fuori alcune delle sue trademark moves tra cui un crossbody dal paletto, una Brainbuster ed un corkscrew splash al di fuori del ring; Red Devil arriva vicino alla vittoria, dopo circa 10 minuti di incontro, ma l ‘ intervento di Corvo Bianco ai suoi danni fa scattare la squalifica.

 

Vincitore per Squalifica e mantiene il Titolo: Red Devil (c)

 

Corvo Bianco e Majoli si accaniscono sul malcapitato, un vero e proprio pestaggio, finché risuona la musica di Gemini !!!

Il nuovo “ gioiello “ dell’Academy  ICW interviene a favore di Red Devil, prende un microfono e sfida i due lottatori ad un tag team match !!!

Questi ultimi ci pensano e, tra i fischi del pubblico, promettono di fargliela pagare, dando vita al terzo incontro della serata !!

 

Tag Team Match

Red Devil & Geminy vs Corvo Bianco & Manuel Majoli

 

Il pubblico ha iniziato a prendere confidenza con lo spettacolo e con i nomi dei lottatori, dimostrandosi sempre più acceso e partecipe.

Corvo Bianco e Majoli sfruttano la loro astuzia, accanendosi sul povero Geminy ed impedendogli di ricevere il tag del compagno; dopo 6 minuti di agonia, però, Gemini connette con un flapjack e riesce a dare il cambio a Red Devil, che fa piazza pulita degli avversari.

La vittoria va quindi al team “ face “ grazie ad un moonsault di Devil ai danni di Corvo Bianco; nel post match il campione festeggia con i bambini, tra la gioia collettiva.

 

Vincitori: Red Devil & Geminy

 

Andiamo ora ad analizzare la  seconda parte dello spettacolo, che complice la poca esperienza dei ragazzi coinvolti e alcuni problemi organizzativi, ha avuto una qualità un po’ inferiore sul lottato, per i motivi precedentemente indicati.

Ovviamente cercherò di fare critiche costruttive, senza offendere la dignità di nessuno.

 

Handicap Match : The Fighter vs Dean Justice & Heavy Punch

 

I tre ragazzi coinvolti sono al debutto in un evento di questa portata e la loro inesperienza, purtroppo, è percepibile; nonostante qualche spot sia riuscito anche discretamente, gli errori commessi sono stati diversi, probabilmente anche per l’emozione del debutto in uno show importante, ma la durata breve dell’incontro ha mascherato abbastanza questi errori.

A vincere è The Fighter grazie ad un roll up ai danni di Dean Justice.

 

Vincitore: The Fighter

 

Il lottatore mascherato Kratos si presenta sul ring per il match che lo vedrà impegnato ma viene annunciato che il suo avversario, Edgar, non potrà presenziare a causa di un infortunio.

Fa la sua comparsa Grezz, al debutto in PWE, che atterra con una manovra Kratos ed abbandona il ring.

 

Kratos vs Edgar finisce No Contest

 

 

Ladder Match for PWE Northen Title

Blindo vs Skorpio vs Alex Gory vs The Evil vs William Miller

 

Primo Match titolato della PWe di questo incontro, si segnala l’assenza di Big Marcus che era stato annunciato presente all’incontro.

Non me ne vogliano i ragazzi del polo di Genova, allenati da Darkness, ma questo incontro ha manifestato alcune lacune e inadatto come Gimmick Match per alcuni dei lottatori coinvolti, anche il pubblico in alcuni momenti é rimasto spiazzato: diversi botch, un utilizzo improprio della scala (che tra l’altro mi è sembrata abbastanza difettosa, magari si poteva utilizzare una scala diversa) e molto disordine generale.

Alla fine la vittoria finale arride a Skorpio, che è sembrato il più preparato fra i partecipanti a questo tipo di Match, dopo aver staccato la cintura appesa.

 

Vincitore & Primo PWE Northen Champion: Skorpio

 

Battle Royal for PWE Trofeo Italian Battle 2014

 

 

Secondo incontro che assegna un Trofeo, quesata volta la prima edizione del trofeo Italian Battle; i partecipanti di questo incontro sono i lottatori visti negli incontri precedenti(tranne gli atleti della ICW): Anthony Nippon (al debutto in PWE),Heavy Punch,Blindo,William Miller,The Fighter,Skorpio,Dean Justice,Grezz, Darkness e Alex Gory.

A vincere è il veterano Darkness quando elimina, per ultimo Skorpio.

Vincitore del Trofeo: Darkness

 

Da segnalare che questo, come annunciato dallo stesso, è stato il suo match di addio e che quindi si ritirerà dalle scene, dedicandosi alla professione di trainer.

 

Decision Match for PWE National Title

Bako vs Massimo Italiano

 

 

 

 

Il Main Event è decisamente all’altezza delle aspettative vedendo affrontarsi due atleti qualitativamente preparati della scena Freelance italiana: Bako ha militato più volte in TCW, IWS ed altre federazioni, vincendo molte cinture mentre Massimo è appena reduce come detto dall’esperienza della ZERO1.

L’incontro è in pieno stile Strong Style ed entra nel vivo dopo alcune fasi statiche iniziali.

Ottima la sequenza di Near Falls finali e, nonostante il pubblico fosse tutto dalla parte di Massimo, a vincere è stato Bako grazie alla sua finisher, la “ Bakeka”, laureandosi nuovo campione della PWE.

 

Vincitore & Nuovo PWE National Champion: Bako

 

Tirando le somme finali, uno show interessante ma appena sopra la sufficienza solo grazie alla partecipazione della ICW ed al main event: purtroppo l’inesperienza di diversi lottatori della PWE, in alcuni casi al loro debutto totale in uno Show, ha condizionato la qualità dei Match (anche se alcune tipologie come il Ladder o la Battle Royal ha mascherato le lacune, più evidente nei single match) nonostante tutto va riconosciuta la passione dei ragazzi; so quanto sia difficile organizzare uno show di Wrestling nella propria città, senza ricavare nulla in tasca e solamente per diffondere il movimento anche ai neofiti, quindi voglio ribadire il massimo rispetto a queste persone e agli atleti coinvolti.

Voglio ringraziare quindi lo staff organizzativo del polo di Napoli (in primis l’arbitro Jimmy Barbaro), la palestra di Scafati che ha prestato il ring per l ‘evento, il mio amico Davide Fusaro che ha svolto la mansione di ring announcer, gli atleti della ICW e , per ultimi, ma non per ordine di importanza, Bako e Massimo Italiano, davvero gentilissimi e professionali.

 

 

Come prima prova  di uno show importante errori sono ammissibili e dagli sbagli si può soltanto crescere ed imparare; la collaborazione con la ICW,in tal senso, è stato un grande passo e può permettere agli atleti della PWE di crescere e a quelli della ICW di crearsi una solida base per organizzare show nel Sud Italia, cosa che negli anni passati anche per motivi geografici.

Se in futuro ci sarà un bagno di umiltà da parte di chi riconosce di non essere in grado di salire sul ring e non vi saranno problemi organizzativi, i prossimi show saranno un successo.

Per concludere, happy holidays to everybody !!!

Foto (c) PWE – 2014

Luca Carbonaro

 

 

Appuntamento al Prossimo Numero