Pubblicità

Nuovo appuntamento con l’editoriale dedicato alla scena italiana, stavolta a scrivere su queste colonne è Andrea Cesana che ci racconta lo show del 10° anniversario della nascita della Frontier Championship Wrestling andato in scena la scorsa Domenica

 

 

 

Domenica 17 maggio mi sono recato in quel di Cesano Boscone per assistere allo show del decimo anniversario della FCW, nonché lo show di ritorno in attività della federazione dopo diversi anni.

L’evento presentava come ospite speciale una leggenda mondiale del wrestling come Juventud Guerrera (Ex WCW, WWE, AAA e NWE, solo per citare alcune delle federazioni più importanti con cui ha lottato, Ndr), ma non era assolutamente l’unico mio motivo di interesse verso lo show: ero infatti parecchio curioso di vedere all’opera i ragazzi dell’Academy FCW, i giovani lottatori della WIVA e wrestler già rinomati in Italia, come Red Scorpion, Ape Atomica, TG e diversi altri.

L’evento ha avuto inizio circa alle 21:30, il presentatore, di nome Mario, che introduce il primo incontro della serata:

 

Match #1

Matt Disaster vs. Phantom

 

Matt si presenta come il face della situazione, riuscendo infatti fin dal suo ingresso a portare il pubblico dalla sua parte, che intona infatti cori per sostenerlo.

Phantom invece si presenta con una theme song ed un attire che lo avvolgono in un’aurea misteriosa.

Il match parte subito molto veloce con i due che sfruttano a pieno il tempo a loro disposizione: su tutte le manovre spicca assolutamente lo Step-Up high knee di Matt su Phantom seguito da un running bulldog e la Jumping Cutter.

L’incontro si chiude dopo qualche minuto con una Jumping Cutter di Matt ai danni del suo avversario che gli vale il conto di tre.

Buonissima prestazione di entrambi i wrestler, (soprattutto, a mio parere, di Matt Disaster) che sono riusciti a centrare l’obiettivo dell’opener, ovvero quello di scaldare il pubblico offrendo una contesa veloce e godibile.

 

Vincitore: Matt Disaster

 

Dopo questo interessante opener viene presentato il secondo incontro della serata, ovvero un tag team match:

 

Match #2 – Tag Team Match

Manuel Bottazzini & Nicolò Ferrari vs. I Cavalieri Neri (Cavaliere Nero #1 & #2)

 

Character molto strano quello dei Cavalieri, dato che hanno fatto il loro ingresso incappucciati, con canottiera nera e pantaloni militari.

Bottazzini & Ferrari invece sono molto diversi dal punto di vista del look e, almeno da questi punto,  stonano abbastanza insieme.

I due face, Bottazzini e Nicolò, cercano subito di vincere l’incontro ai danni dei Cavalieri Neri, ma come spesso accade negli incontri di coppia la contesa finisce presto per andare in mano agli heel.

Dopo una fase di heat arriva finalmente l’hot tag per i due beniamini del pubblico che in breve tempo riescono a riprendere le redini dell’incontro e vincerlo.

Tag team match molto lineare, ma che proprio per questo è risultato nel complesso piacevole.

 

Vincitori: Manuel Bottazzini & Nicolò Ferrari

 

Siamo arrivai all’ultimo match prima della pausa, e corrisponde anche all’unico incontro a stipulazione speciale presente nella card:

 

Match #3 – Gauntlet Match

Aaron Cage vs. Sagwon vs. Brutus vs. Cavaliere Nero #3 vs. El Gordo vs. Domenico Dinamite vs. David Graves vs. Kronos

 

Assolutamente il miglior incontro di questa prima parte, davvero molto godibile e ben gestito.

Tutti i wrestler hanno avuto il loro spazio ed hanno avuto modo di esprimersi al meglio; anche la stipulazione ovviamente ha fatto la sua parte, dato che così tanti incroci di stili e di wrestler differenti difficilmente annoiano.

Oltre ai wrestler sopra citati ha fatto a sorpresa la sua comparsa anche un nome già conosciuto ai fan del wrestling italiano, ovvero Brutus: Quest’ultimo armato di sedia ha creato parecchio scompiglio all’interno del match, attaccando El Gordo, Kronos ed un membro dei Cavalieri Neri, che non ha infatti neanche raggiunto il ring.

Tra tutti i wrestler hanno, secondo la mia opinione, spiccato Aaron Cage, abbastanza completo come atleta e dotato di buonissime doti tecniche, e David Graves, ottima presenza scenica per lui e buona capacità nello stare sul ring, con qualche miglioramento a livello tecnico (dove comunque non è affatto male) può diventare ancora più interessante.

Da tenere d’occhio comunque anche gli altri: Kronos è un big man molto raro da trovare e con ulteriore allenamento potrebbe davvero diventare un wrestler con i fiocchi.

Domenico Dinamite ha fatto vedere diverse manovre interessanti, prendendosi anche qualche rischio. Sagwon ha svolto benissimo il suo compito, ovvero quello del big man heel, mentre El Gordo è un grandissimo intrattenitore ed ha uno stile sul ring adattissimo alla sua grande mole fisica.

L’incontro alla fine viene vinto da Kronos, che entra per ultimo nel match e che riesce a sconfiggere l’ultimo wrestler rimasto oltre a lui, ovvero Graves.

 

Vincitore: Kronos

 

Approfitto della pausa per andare al banco del merchandising per acquistare la t-shirt di Juventud e dopo circa una decina di minuti lo show ricomincia, con un match che vede opposti due wrestler che si conoscono molto bene:

 

Match #4

Red Scorpion vs. JT9

 

I due wrestler del Bologna Wrestling Team sono pronti a darsi battaglia sul ring della FCW.

L’incontro a mio giudizio è stato sicuramente il migliore della serata!

Entrambi sul ring ci sanno fare e si vede, ma non conoscendo moltissimo JT9 non sapevo cosa aspettarmi: è stato invece una bellissima sorpresa, dato che per me lui, senza nulla togliere a Scorpion, è stato il mattatore del match.

Ritmi alti, ottimi scambi e finale molto teso ed incerto.

Da sottolineare anche il curioso character heel di JT9, che si “ricaricava” appoggiando la mano sul suo manager, con quest’ultimo che si è anche reso protagonista di qualche scorrettezza durante il match.

Match quindi molto bello ed interessante, che si è concluso dopo che JT9 ha steso il suo avversario con la Running High Knee.

 

Vincitore: JT9

 

Manca poco al tanto atteso main event, ma prima c’è un altro incontro, anch’esso parecchio interessante.

 

Match #5

The Entertrainer vs. Ape Atomica

 

Prima dell’inizio vero e proprio del match, The Entertrainer chiede il microfono. Critica la federazione, lo show e tutti i wrestler, mostrando quindi la sua superiorità nei loro confronti.

Prende in giro anche il suo avversario di questa sera, ovvero Ape Atomica, con quest’ultimo che però non le manda a dire.

Il match è combattuto abbastanza bene, ma ha avuto a mio parere la pecca di avere un minutaggio troppo alto e ritmi, invece, opposti.

Nel complesso però l’incontro mi è piaciuto; Ape Atomica è molto bravo sul ring ed ha già parecchia esperienza in questo campo, mentre The Entertrainer ha un grande potenziale, considerando che a livello di mic skill e interpretazione del personaggio non ha molti rivali in Italia.

Nonostante ciò l’esperienza in questo prevale, ed infatti la vittoria finale va ad Ape Atomica, che festeggia con il pubblico, schieratosi dalla sua parte.

 

Vincitore: Ape Atomica

 

E’ giunto ora il match più atteso della serata, dove sarà tra l’altro valido il titolo FCW, che verrà riassegnato: verrà quindi inaugurato il nuovo campione della federazione.

 

Decision Match for Titolo FCW

The Greatest vs. Juventud Guerrera

 

Uno dei wrestler più rinomati in Italia contro una leggenda mondiale del wrestling, non c’è quindi bisogno di presentare i due lottatori.

Entrambi si presentano in ottima forma fisica e ci sono tutti i presupposti per un bel match.

I due partono subito bene, assistiamo a diversi scambi di chop molto potenti tra i due e TG sfodera anche una perfetta Deja Vu, a cui Juventud risponde con la sua classica Juvi Driver.

L’incontro non è molto lungo, ma comunque intenso e combattuto da entrambi senza sbavature: la vittoria va a TG grazie ad un roll-up ai danni di Juventud.

Juvi a fine match dice di essere abbastanza dispiaciuto per questa sconfitta, ma non riesce a finire il suo discorso perché sia lui che TG vengono presto attaccati da altri wrestler, come ad esempio Kronos!

Vengono tutti messi fuori dai giochi, con l’aiuto di altri lottatori, e proprio Kronos è l’ultimo a rimanere sul ring, venendo anche buttato a terra da una grandissima Fireman’s Carry di The Greatest, che mostra quindi una forza fisica assurda.

 

Vincitore e nuovo campione FCW: The Greatest

 

Si chiude così quindi questa bella serata di wrestling, sperando che sia solo la prima di tantissime altre targate FCW.

 

 

Appuntamento al Prossimo Numero

Andrea Cesana