Recentemente, il presidente WINC  Raj Giri ha parlato con l’ex ring announcer WWE Justin Roberts. Tra le tante cose, Roberts ha condiviso la sua esperienza a bordo ring durante l’esito del famosissimo match tra Undertaker e Brock Lesnar. Come tutti sanno, Wrestlemania 30 è diventata un’edizione immortale grazie all’interruzione della storica Streak dell’ormai ritirato Deadman.

Pubblicità

“Ho pensato fosse un errore. Ne ero convinto. Il mio stomaco si è bloccato quando l’arbitro ha conteggiato il tre. Ho sentito la campanella suonare e ho guardato l’addetto alla campana pensando ‘sei sicuro che avresti dovuto suonarla?’ In genere mi danno delle indicazioni al termine dei match per farei miei annunci, ma quella notte non è successo. Mi sono guardato attorno e il mio stomaco era ancora in terra, un minuto dopo ho dovuto fare l’annuncio. E’ stato strano, perchè non sapevo se avrebbero acclamato o fischiato, e infatti nel pubblico c’era solo confusione. Quando ho dichiarato Brock Lesnar vincitore non c’era nessuna reazione nel pubblico, tutti si guardavano tra loro. C’era solo shock. E’ stato i momento più strano della mia carriera.”

FONTEwww.wresltinginc.com
Sono un giovanotto sardo di 22 anni. La passione per la WWE mi ha portato a frequentare diversi sport da combattimento. Ad oggi infatti lavoro a Cagliari come istruttore di Taekwon-Do, Kick Boxing e Muay Thai.
  • The Eater Of Worlds

    lo shock di quel momento è irripetibile, sono riusciti in pieno in quello che volevano, lasciare la gente confusa e incredula

  • Contro Nessuno

    Ricordo che ci mise un po’ per l’annuncio…infatti.
    A chi non gli si è bloccato lo stomaco…in quel momento…

    • bestsincedayone

      nemmeno la musica partì…uno dei momenti più iconici della storia del wrestling, chi non l’ha vissuto in futuro non potrà mai capire

  • Gino91

    Quella notte rimasi per almeno un quarto d’ora con le mani sul volto, la bocca aperta e gli occhi sgranati. Addirittura durante il Main Event non pensavo ad altro. Realizzai solo il giorno dopo.

    • Contro Nessuno

      Il giorno dopo? Io sono ancora in terapia….

      • Riccardo Amoruso

        Su fb gira una foto di me il giorno dopo… un uomo a pezzi. Ancora non l’ho buttata giù

      • Francesco “Red Monster”

        Eh, non solo tu :

      • Edge Society

        Siamo disadattati nel bene e nel male..

  • Kish

    se pure justin roberts non lo sapeva allora la voce secondo cui soltanto in 3 4 sapessero della vittoria di lesnar era vera

    • wakko

      Erano in 4 a saperlo(manco l’arbitro lo sapeva);
      –Mark
      –Brock
      –Vince
      –Paul(Heyman)

      • Milo

        Certo che l’arbitro lo sapeva…

        • Contro Nessuno

          Sennò come fa coi conteggi….ahahaha

          • koikoioni

            no in realtà ha ragione wakko, l’arbitro non lo sapeva

          • wakko

            Riguardati per bene la sua reazione DOPO il conteggio di 3 e poi ne parliamo……………….

          • wakko

            Cosa c’entra chiedo venia ?Fa il suo lavoro se poi non gli dicono come va il match lui conta 3 e poi……………………….

        • wakko

          Eh sì,lo sapeva certo !
          Dopo il conteggio di 3(che è durato almeno 7 secondi in +)ha guardato il pubblico come a dire machecaTsoèsuccesso(sicuro mi dirai che stava facendo l’ “attore”;no….no,non lo sapeva)……………ehttps://uploads.disquscdn.com/images/79b439e1d6ee0b4dacfdd7f446cbed0e1e53e884697cce919fdd72513f14793c.png

        • wakko

          Solo perché ha battuto 3 volte la mano sul tappeto ?

        • Francesco “Red Monster”

          Non è scontato Milo… L’arbitro viene informato dalla gorilla position in continuazione durante il match, sia quando sta per entrare la pubblicità, sia quando è il momento di chiudere o di fare determinati spot importanti, ecc…
          Lo stesso arbitro comunica con il backstage nel caso ci fossero dei problemi, infortuni, ecc., il che spiega come l’arbitro resta ancora tra le più importanti figure del wrestling!

      • E Triple H

        • wakko

          Mmmm;no,tutte le news ufficiale ed ufficiose parlano che solo i 4 qui sopra sapevano come finisse

          • Alla fine è il braccio destro di Vince e dice la sua su tutto, sapeva tutto anche sullo screewjob di Montreal, anni e anni prima, figuriamoci questo

  • Eddie Guerrero

    condivido in pieno quanto detto da Justin Roberts, tutti noi eravamo increduli e confusi e la WWE è riuscita nel suo intento e sono sicuro che anche Undertaker era d’accordo di rompere la streak per mano di Lesnar.

  • Mario Scherillo

    È stato uno degli eventi sportivi, in generale, che più mi hanno lasciato incredulo in tutta la mia vita.

  • Francesco “Red Monster”

    E’ stato e sarà per sempre uno dei momenti più incredibili, irripetibili e storici nel mondo del wrestling. Sono veramente contento di averlo visto in diretta e di averne fatto parte!!

  • JohnMorrison96

    Fu assurdo… nell’arena è calato il silenzio, io stesso sono ribasto a bocca aperta e scuotevo lentamente la testa in un ”No…No.”
    Poi quando Roberts ha parlato, mi sono messo le mani nei capelli, era caduto rovinosamente un qualcosa che io avrei fortemente voluto o che non cadesse proprio o che cadesse per mano di Wyatt…

  • Marco Bressanini

    Io ero lì, nella mia zona di arena parte del pubblico era deluso e incazzato e parte festante e si è discusso dell’esito anche durante il match successivo, quello femminile per poi arrivare a goderci il main event tutti in maniera compatta.

  • Andrea Cocchiarale

    Ma infatti è stato un errore, che nel tempo ha generato notevoli conseguenze. La Streak non andava infranta, Undertaker avrebbe dovuto ritirarsi nel 2012 dopo il 20-0, ma hanno voluto per forza portare avanti la storia e creare un momento shockante per la 30esima edizione. Va bene il momento shockante, ci stava, ma il problema è che:
    1) Lesnar non meritava. Lo meritava una leggenda o una futura leggenda già consacrata come John Cena o Randy Orton. E lui non lo è. Lui è un mercenario che lotta solo per i soldi e per di più dopandosi come un cavallo. E’ stato in WWE per due anni (2002-2004) prima di andarsene per soldi e andare a lottare nelle MMA (dove tra parentesi faceva cagare), per poi tornare da part-timer nel 2012. Brock Lesnar non era una leggenda, e lo è diventato immeritatamente il 6 Aprile di 3 anni fa.
    2) L’aver fatto rompere la Streak ha causato un’enorme problema di gestazione con il personaggio di Lesnar, divenuto invincibile e che ha da lì asfaltato chiunque sulla sua strada senza che nessuno si sia potuto opporre alla sua dittatura in maniera credibile.
    Adesso uno sfidante abbastanza credibile Lesnar ce l’ha, e quello è Roman Reigns, ma appena Roman sconfiggerà Brock se lo prenderà lui lo status di invincibile e da lì sarà ancora un problema (considerando inoltre che lui è un full-timer, a differenza di Brock).
    Mentre a sconfiggere Lesnar è uno non credibile, come ogni altro membro dei due roster, semplicemente manderanno tre anni di (pseudo-)costruzione.
    Ed è questo il principale motivo per cui la Streak non andava battuta, Brock o non Brock la striscia di vittorie di Calaway doveva finire intatta, e con l’End of an Era del 2012 avevano creato il finale perfetto per la storia.

    • WWEworldwriter

      Ho scritto che la discussione della Streak infranta, è un argomento difficile proprio perché, divide i fan. Due cose: che Lesnar, non ti piaccia come wrestler, come superstar della WWE, ha tutto il diritto di scriverlo. Però, che come fighter MMA non valga, non puoi scriverlo; nella UFC è stato massacrante. È tornato in WWE nel 2012 con una gimmick da monster heel estremo proprio, per il passato e il talento come MMA fighter. Per quanto riguarda la Streak, ripeto la mia idea: Taker, la superstar più iconica della WWE, doveva perdere con il monster heel più credibile di sempre. Solo uno con la forza bruta e il talento come Lesnar poteva battere una gimmick come quella di Calaway. Secondo me, fuori dalla gimmick, Mark sarebbe del tutto d’accordo sulla fine della Streak Calaway.

      • Andrea Cocchiarale

        Il problema resta che la Streak non doveva finire comunque, perché l’averla terminata ha creato un problema di booking enorme. La sconfitta di Undertaker nel 2014 ha lasciato un’eredità, che però è anche una bella patata bollente per i motivi che ho già spiegato.

    • TheMoneyMaker

      Finalmente qualcuno che dice che Lesnar come fighter non era granché, del roster degli Heavyweight era uno dei peggiori, niente a che vedere con i Velazquez e Couture, l’hanno mandato subito per il titolo solo per il nome e ha vinto con nomi in declino, dove ha basato i match su potenza disumana, appena ha incontrato qualcuno capace di portarlo a terra sono cominciate le sconfitte.

      • WWEworldwriter

        Non sono un fighter MMA; ho visto qualche match, ma non ho l’esperienza sul campo e nemmeno, l’esperienza visiva da fan. Ma, è giusto, che ogni fighter punti sulle proprie qualità, no? Uno come Lesnar, con tutta quella massa fisica e con l’agilità nelle gambe, è chiaro, che ti butta giù e ti prende a pugni, no? Ti lamenti, forse, del lato tecnico di Lesnar? A me, – non conosco Lesnar e non ci guadagno niente a scriverlo -, sembra, che Lesnar sia un fighter anche, tecnico. Certo, in MMA, più sei grosso e meno, riesci a essere tecnico, penso. Ti ripeto: non ho un’esperienza sull’ottagono e, non guardo MMA, UFC da quindici anni.

  • WWEworldwriter

    È un argomento difficile, il 21-1 della Streak. Ci sono due versioni: la prima, è stato Taker a chiedere la fine della Streak; la seconda versione, è stato Vince a decidere la fine della Streak. La mia idea? Lesnar era l’unico adatto per rompere la Streak; è il monster heel più credibile di tutta la storia della WWE. È massacrante; è un distruttore. È una bestia. Dieci anni fa, era una macchina da wrestling; macchina da wrestling, rimane. Il loro match? È durato poco e il finale, ha bloccato tutti; è vero. In un certo senso, è giusto; Lesnar è come la sua finisher suprema, è un tornado. In pochi attimi, in pochi minuti, un tornado, come sappiamo tutti, distrugge tutto. Lesnar ha distrutto una realtà. È l’unico, che averebbe potuto e dovuto, – dobbiamo essere fedeli alla storyline e alle gimmicks -, farlo.

    • FuXas(inho)

      Veramente il match durò più di venti minuti

      • WWEworldwriter

        L’ho visto e rivisto anch’io. Con il mio commento, mi riferivo al senso, che Lesnar ha avuto come distruttore della Streak; al senso della sua gimmick da monster heel estremo, che ricorda, come la F-5, la potenza devastante di un tornado. Non mi riferivo alla durata del match.

        • FuXas(inho)

          Sì scusami, avevo letto male

          • WWEworldwriter

            Succede. L’argomento è difficile; fossi stato uno di loro, fare il worker, sarebbe stato difficile, per me; come anche, vincere, mi avrebbe fatto uno strano effetto. Lesnar, però, era l’unica superstar credibile in WWE, secondo me. L’unico possibile vincitore.

          • FuXas(inho)

            Più sotto (almeno nel mio telefono spunta sotto) ho espresso il mio parere sulla vicenda.
            Sai, alla fine si tratta di storie. Sta a chi le scrive renderle possibili, credibili. E soprattutto dipende da cosa poi ci vuoi fare con quella storia, quando finisce e devi fare i conti con la sua eredità.
            Di conseguenza, non credo affatto che Lesnar fosse, in assoluto, l’unico candidato possibile. Ma uno dei migliori sì, senza dubbio.Forse il migliore in quel preciso anno e momento storico (la streak avrebbe potuto interrompersi anche anni prima o l’anno dopo, per dire), ma non l’unico in senso assoluto.

          • WWEworldwriter

            Era, è, e rimane troppo credibile come monster heel. Pensa solo al senso della storyline: The Undertaker, ci hanno fatto capire varie volte, è più di un uomo comune; è sopravvissuto varie volte alla morte. È tornata sul ring. Lui è il Deadman, no? È il morto, che cammina in mezzo a noi; che si manifesta al pubblico delle arene. Lesnar è una bestia vivente; è un uomo con forza bruta, che batte il Deadman. Un umano che con i suoi pugni e le F-5, batte il Deadman. Anche a me, personalmente, piace l’idea di Cena vincitore della Streak; ti scriverei anche, che speravo in CM Punk. Il match di Punk e Taker è stato anche, un tributo, come sappiamo tutti; in un certo senso, un altro valore aggiunto, la vittoria sulla Streak da parte di Punk, avrebbe avuto senso. Anche Orton, per via del carisma, come hai scritto tu, certo. Ma, e non mi esprimo più, – è giusto esprimersi e rimanere con idee diverse -, Lesnar, la sua gimmick e il suo essere umano, ma non umano, meritava di distruggere la Streak. Comunque, è bello argomentare e un minimo, esprimersi, qui.

          • FuXas(inho)

            Condivido quello che dici su Lesnar, ma resta il fatto che quella storia, e quindi anche questa impressione che doveva dare Lesnar, furono raccontate male: sia sul ring di Wrestlemania che nelle settimane precedenti. Quello che resta infatti è solo la shockante fine della streak, e il suo senso storico e la sua eredità, non come a quel momento si è arrivati.

          • WWEworldwriter

            Il tuo avatar mi mette imbarazzo. Comunque, sono entrambi part-timers, chiaro. Una storyline continuata, sia prima che dopo, sarebbe stata impossibile da portare sul ring. E per fortuna per lui, uno è pensionato.

  • FuXas(inho)

    Col senno di poi, la vittoria di Lesnar ci stava (eccome), così come l’ultima sconfitta del becchino (a prescindere da opinioni e gusti personali).
    Narrativamente, ha avuto senso e densità il fatto che l’immagine inscalfibile di Undertaker venisse intaccata una prima e clamorosa volta, prima della fine, così che il pubblico fosse in un certo senso preparato e percepisse empaticamente che la sua carriera poteva essere agli sgoccioli.
    Non ha ceduto alla prima crepa, ma ha dato tutto finché del suo corpo non erano rimaste che le macerie.
    Sulla sua gestione negli ultimi anni e sulle scelte dei suoi avversari poi, chiaramente, se ne può discutere.

    • WWEworldwriter

      Non discuto.