Lance Storm, wrestler canadese, conosciuto per aver lottato in WWE, WCW, ECW e varie federazioni giapponesi, ha voluto rispondere alle critiche che hanno sovrastato nelle ultime ore Randy Orton, a causa del suo comportamento violento verso un fan WWE che gli aveva scattato (senza permesso) una foto in palestra.

Pubblicità

Storm dice di essere dalla parte di Orton, spiegando i motivi in un post su Facebook (nonostante avesse confuso la richiesta di scattare una foto, con la richiesta di firmare un autografo):

“Ho visto una cosa su Twitter stasera dove Randy Orton ha risposto male in palestra ad un fan che gli aveva chiesto un autografo e un altro fan si è lamentato con Orton secondo una logica che noi (fans) “paghiamo il tuo salario e quindi ai fans devi fare un autografo”, è questo che ti aspettavi, non essere cog****e.
Prima cosa di tutto, il fan che ha chiesto per l’autografo non ha aspettato che Randy finisse con l’allenamento, e glielo ha chiesto proprio mentre si allenava, cosa che è ignorante nell’etica della palestra ed è anche scortese.
Seconda cosa, il fatto che “noi paghiamo il tuo salario” è esattamente una stronzata. Se compri un biglietto per vedere qualcuno che lotta, che canta ad un concerto, che balla su un palco, ecc., quello che ti spetta è la cosa per cui hai pagato il biglietto, ovvero vedere quello che esegue una performance per te quella sera, al meglio delle sue abilità, tu non stai comprando un pezzo della sua vita.

Capisco Randy Orton e anche io sono stato nei suoi panni, e la palestra fa parte del tuo lavoro e le persone che si allenano duramente si concentrano e focalizzano l’attenzione nella palestra. Non otterrai un autografo da Randy Orton perchè ne hai diritto, ma lo otterrai se diventi un essere umano educato e rispettoso…”

FONTEWrestling Inc & Zona Wrestling
Francesco Red Monster Scudiero
Francesco Scudiero, su ZW conosciuto da parecchi come "Red Monster", o meglio come "quello delle arene" durante i Radio Show Live. Produttore discografico da qualche anno e precedentemente DJ di piccola taglia. Appassionato di wrestling dal 2004 circa, cresciuto a pane e Ciccio Valenti, nell'ignoranza di Nunzio e Vito, nei sogni con Batista e Rey Mysterio, nel "grande pugno" di SmackDown, per me oggi è un onore dare un contributo in questo grande e fantastico mondo dell'intrattenimento. Ah dimenticavo: Viva La Raza!