C’è un nuovo “Mr. Money in the Bank” in WWE. E’ agile, cattivissimo ed ha un attire che mal si presta alle poco rigide temperature estive: ovviamente stiamo parlando di Seth Rollins. Riuscirà questo amatissimo heel a conquistare la Cintura dei Pesi Massimi WWE? Il suo incasso è imminente o remoto? Più felice di un Brasiliano in Baviera, ecco a voi l’editoriale odierno!

Pubblicità

Qualche mese fa, scrivevo su queste stesse pagine dell’avvento dell’“era Rollins”(http://www.zonawrestling.net/editoriali/44660-believe-in-this-feud.html). Neanche a farlo apposta, pochi giorni dopo abbiamo assistito al turn che ha sancito la morte dello Shield e l’avvento di tre nuovi nomi nel mix che conta, quello valido per il Titolo…e l’uomo scelto per effettuare questo tradimento è stato, forse, il meno prevedibile: Seth Rollins. Ed il tempismo è stato perfetto.

Lo Shield, considerazione condivisa, stava funzionando benissimo. Addirittura era reduce da uno schiacciante 3-0 contro l’Evolution, allenata per l’occasione dal buon Scolari secondo alcune fonti di backstage. Proprio perché lo Shield era vincente, e proprio perché era tremendamente over, questo split ha dato quella marcia in più assolutamente necessaria per iniziare questa nuova carriera da singoli con il piede giusto: Reigns ha una chance Titolata, Rollins è Mr. MITB ed Ambrose è perfetto nel ruolo di spietato vendicatore. Con il senno di un poi davvero recentissimo, possiamo asserire tranquillamente che questa scelta di booking è stata senza dubbio fruttuosa e che le dinamiche che si stanno creando e continueranno ad evolvere nel corso di questi mesi, sono tutte dotate di un buon potenziale.

Innanzitutto Rollins è un vincitore del MITB davvero ottimo. La sua disinvoltura al microfono sta crescendo sempre di più, e nonostante la sua naturalissima propensione al lato brillante della luna, per stile in ring ed attitudine in generale, da heel sta facendo un lavoro egregio in un periodo in cui c’è bisogno di cattivi come il pane. E la dinamica instaurata con Ambrose è quell’elemento di novità gradito e necessario al fine di non rendere stantia l’eccellente idea della valigetta: ogni volta che Seth avrà la possibilità di poter incassare, ci sarà il buon Dean pronto a rovinargli la festa, creando nello spettatore l’aspettativa di due run-in ogni qualvolta il Campione sarà schienato al tappeto. Non male come novità direi.

Senza contare che questa esasperazione dovrebbe portare di qui a breve il personaggio interpretato da Seth a mettere in palio la valigetta proprio contro il suo ex socio in affari, come avvenuto nel PPV MITB in cui è stato lo stesso Rollins a chiedere a HHH di inserire Ambrose nel match. Così facendo i due potrebbero feudare per la valigetta con la promessa che, nel caso di vittoria di Seth, Ambrose dovrebbe lasciare campo libero in vista di un futuro incasso: un ladder match tra i due lo vedrei non bene, ma benissimo per una risoluzione definitiva di questa interessante faida.

Anche perché c’è un’altra faida che in WWE stanno tenendo bene in caldo, ossia quella tra Reigns e Rollins. Una volta splittato lo Shield, tutti noi ci saremmo aspettati (con qualche modifica del rapporto tra Roman e Dean) un eventuale triple threat, in grado di definire chi dei tre sarebbe emerso come “vincitore unico” della faida. Così, ovviamente, non è stato. Mentre Ambrose è subito stato dipinto come straziato vendicatore con l’unico obiettivo di prendersi la sua rivincita contro Rollins, quest’ultimo è stato nettamente separato dall’altro “fratello”, ossia Roman Reigns. Questa scelta di booking è stata forse un po’ forzata (Reigns è apparso sin da subito impegnato a feudare più contro Triple H che contro il vero artefice del tradimento ai suoi danni) ma tutto sommato logica, in vista di un’unica, affascinante possibilità.

L’idea che Reigns sia percepito nel backstage “che conta” come il prossimo babyface immortale in grado di abbattere legioni di wrestler con la solo forza del pensiero, è oramai cosa nota ed evidente. Tuttavia il suo primo regno Titolato dovrebbe avere una lunga costruzione alle spalle, dettata da più ostacoli gettati sulla sua strada, faide con personaggi come Orton e Triple H ed infine il momento culminante, in cui tutto dovrebbe andare come previsto e l’immagine di questo samoano Tatuato con entrambe le cinture alzate al cielo dovrebbe simboleggiare l’inizio dell’era Reigns in WWE. Ed è proprio in questo momento fatidico che un eventuale incasso di Rollins ci starebbe come il cacio sui maccheroni. Perché Seth, sia ben chiaro, riuscirà ad incassare e divenire Campione.

Credo, ovviamente, che si parli di piani a lungo termine: per Reigns ci dovrebbero essere prima Kane, poi Orton ed infine Triple H, in una serie di match superati i quali Roman dovrebbe davvero poter assurgere a main eventer pieno e non solo futuribile. Per Rollins, invece, una volta archiviata la pratica Ambrose (decisamente funzionale come babyface in questa faida, ma credo SOLO in questa faida prima di un necessario ed ineluttabile turn heel) vi potrebbe essere l’affascinante ipotesi Jericho. Così come rivelato senza neanche troppi veli nel suo podcast, infatti, Y2J è tornato con un unico obiettivo in mente: lavorare assieme a giovani che lui ritiene essere meritevoli e dal grande potenziale. E credo che sia Bray Wyatt che l’attuale detentore della valigetta siano candidati a dir poco perfetti per questo ruolo.

Una volta superate queste interessanti faide, i due potrebbero incrociarsi di qui a 4/5 mesi proprio come Campione e sfidante. Il tutto potrebbe avvenire anche prima così come potrebbe non avvenire affatto, intendiamoci, tuttavia sono convinto che l’aver messo così palesemente in formalina la faida tra i due sia indice di una volontà tesa solo a rimandarla in un momento che possa essere maggiormente pagante per tutte le parti coinvolte, ossia Rollins, Reigns e la WWE.

Tutti e tre i membri dello Shield possono essere main eventer non solo per un periodo di transizione, ma per lungo tempo. La loro gestione, di qui alla Rumble, dovrà essere a dir poco perfetta (così com’è stato sino ad ora) al fine di poter dare a tutti il meritato spazio a Wrestlemania 31…e la loro road potrebbe gravitare proprio attorno ad un incasso ben studiato.

Danilo

 

Danilo
Atarassico, eclettico, nuotatore tendenzialmente pigro, amante dei fagioli con le cipolle, delle serie tv, dei manga e delle botte di Natale. Lavora anche, ma solo nel tempo libero.