Cari lettori, se anche voi siete come me, dopo domenica notte, avete seriamente rischiato di perdere per sempre il vostro televisore, tablet o computer tanta è stata la voglia di lanciare, spaccare e scaraventare il più lontano possibile qualsivoglia dispositivo sul quale stavate guardando le Series.

Pubblicità

E’ inutile tergiversare! Mutuando dalle parole di un grande saggio: Brock Lesnar vs Goldberg è stato una cagata pazzesca! Minutaggio ridicolo e una sconfitta, con solo tre manovre, della forza più dominante della federazione, fino a questo momento, non possono che portare a questo.

Ma cosa può aver spinto gli Alti Vertici della WWE ad optare per questa soluzione? E inoltre, questo gigantesco e scioccante evento era in qualche modo prevedibile?

Tante sono le possibili risposte al primo quesito. Il buon Guglielmo di Occam vorrebbe che optassimo per la soluzione più semplice ovvero un aumento dell’uso di stupefacenti, in particolare allucinogeni, in quel di Stanford. Ma, forse, utilizzando la logica e il raziocinio, possiamo addivenire ad altre possibili spiegazioni di quanto visto domenica notte:

1-“Infortunio”: Goldberg, secondo quanto da lui stesso dichiarato in un’intervista, avrebbe subito un piccolo infortunio nella puntata di Raw precedente alle Series.E’ lecito supporre che se quel piccolo risentimento muscolare alla spalla si fosse trasformato in qualcosa di più, Bill non avrebbe potuto reggere un intero match contro Lesnar. In ragione di ciò, la WWE avrebbe optato per un incontro breve ma dal grande impatto mediatico, al fine di capitalizzare al massimo lo scontro.

2-“La Scelta”: La federazione cercava un grande, grandissimo, risalto mediatico per il main event. Serviva un momento scioccante che facesse parlare il pubblico ben oltre il termine dell’incontro. La vittoria di Lesnar era troppo scontata: La Bestia deve perdere! Se Brock deve essere sconfitto lasciamo a quel punto che il suo fallimento sia il più maestosamente impensabile che ci possa essere: creiamo polemica! Questa scelta potrebbe, inoltre, essere stata indotta, in parte, dalla 2K. L’idea di questo incontro, un po’ come la trama di Rocky Balboa, parte da una simulazione videoludica. Il ring e la grafica d’ingresso di Goldberg portavano, ben impresso, il logo della 2K ed è probabile, ma siamo nel campo delle mere speculazioni, che dietro il ritorno di Bill e l’organizzazione dell’incontro ci sia un contributo economico della stessa casa di distribuzione. In ragione di ciò la 2K avrebbe avuto i suoi buoni motivi per desiderare la più ampia esposizione mediatica per il match e il post-match. Usando le parole di Wilde: non è importante che se ne parli bene o male, l’importante è che se ne parli!

3-“Il Supereroe”: Questa ultima spiegazione risponde, inoltre, al secondo quesito che ci siamo posti ovvero la prevedibilità dell’evento. L’intenzione della WWE era quella di riportare in scena o ricreare il Goldberg supereroe: un lottatore imbattibile in grado di annichilire il nemico. Il vecchio Bill non è tornato per i nostalgici della WCW né per chi ha iniziato ad appassionarsi al wrestling a partire dal 2003/2004, come il sottoscritto, ma per la generazione di suo figlio: quei dodicenni che non l’hanno mai visto combattere, che, a stento, hanno sentito il suo nome. Bill l’aveva dichiarato prima delle Series e l’ha confermato nella puntato di Raw di questa settimana: lui è tornato per essere, agli occhi di suo figlio, ancora una volta un supereroe, per essere per l’ultima volta Goldberg! Il supereroe Goldberg, che sbuca fuori da fumo e scintille, è quello che abbiamo visto alle Series: un lottatore sovraumano in grado di abbattere qualsiasi avversario!

Tuttavia, nonostante ogni possibile spiegazione che si possano trovare a quanto messo in scena, nulla può giustificare l’orribile scelta fatta. Hanno caricato il pubblico mondiale di pesanti, pesantissime, aspettative per poi concederli meno di due minuti di incontro. A questa affermazione qualcuno potrebbe obbiettare che la WWE è “intrattenimento” e, come una serie TV, vive di eventi scioccanti. Ma facendo questo ragionamento spesso si dimentica l’importanza della seconda W presente nell’acronimo della federazione: il Wrestling! Ci sono le storyline, certo, i promo, sicuramente, ma il lottato non deve mai mancare, a mio avviso, in particolar modo in questi eventi.

Qualcuno sarà, inoltre, spinto ad affermare che la Bestia doveva essere ridimensionato. In parte sono d’accordo con questa affermazione, anche per riportare maggiore interessi sugli incontri di Lesnar, ma doveva essere fatto gradualmente. Non bisogna dimenticarci, difatti, del profilo sul quale mi ha fatto riflettere il buon amico Giovanni: far perdere Brock in questo modo è stato sputare in faccia a lui e a tutti i suoi precedenti avversari! Svilire Taker, costretto a vedere il suo record infranto; umiliare, ulteriormente, Ambrose e Orton ambedue dominati con ferocia dalla Bestia; infine, demolire l’intera federazione dominata da un lottatore sconfitto in questo modo!

Voglio chiudere con un quesito che mi tormenta e al quale non ho saputo trovare risposta: come il pubblico di Toronto abbia potuto apprezzare l’incontro? Forse è bastato che il Face sconfiggesse l’Heel, forse il pubblico voleva vedere Bill trionfare oppure, la soluzione che personalmente mi sembra più probabile, il pubblico era solo contento di poter dire: “Io c’ero! Io ho assistito al momento più scioccante dell’anno!”

 

LuchaKappa
Reporter mascherato in stile Uomo Ragno e SuperMan, tuttavia piú concentrato a scrivere di Wrestling che a salvare il mondo ! Deve la sua formazione alla celeberrima Tana del Cinghiale, rivale storica della Tana delle Tigri ma molto molto più prestigiosa.
  • Matt16

    Lo chiamerei “The Most sh*tting moment of the year”

  • Road Dogg

    Personalmente ritengo che la scelta della WWE sia stata ottima. Inoltre la sconfitta di Brock Lesnar può essere spiegata molto facilmente: ha sottovalutato Goldberg voltandogli le spalle, subendo 3 devastanti finisher in sequenza che lo hanno momentaneamente sopraffatto. Feud che ricomincia alla rumble e vittoria pulita di Lesnar a wrestlemania. Nulla di scandaloso come si vuol far sembrare.

    • LaRazza

      molto daccordo con te!!

    • The Chosen One

      Ma dai suvvia.. 3 devastanti finisher?? Dopo la prima spear sbuffava già.. Non siamo nel 1995.. Tutti sanno che Goldberg non è bionico.. Con Orton ha subito rko sul tavolo, silverspoon ddt subito seguita da un’altra rko, non ha perso e dopo 15 secondi resuscita e piazza una bella f-5 mentre con Goldberg “muore” in 86 secondi?? E poi non si rialza più??
      Ma dai..

      • Nessuno nella storia si è mai rialzato dopo la combo Spear-Jackhammer, e Lesnar ha agito in modo che Goldberg possa subito colpirlo. Goldberg, per il suo curriculum, ha subito uno status più elevato rispetto all’intero roster e per questo due sue Spear sono più importanti di qualsiasi altra cosa che Lesnar ha subito quest’anno. E’ un ragionamento fin troppo semplice, che questo sport-spettacolo ha mostrato più e più volte nel corso della sua storia.

      • Jack_95

        “Tutti sanno” tutti chi? Fatti un giro su Facebook sulla pagina italiana della WWE e vedrai che questo tutto corrisponderà ad un misero 20% a dir tanto.

    • _Romanov_

      Scusate ma se torna Hogan che succede? Fa fuori tutto il roster a suon di leg drop?

      • Road Dogg

        Non mi sembra un esempio pertinente.

  • King Cuzzy

    Allora, io dopo un evento discreto con picchi di nonsense ma con un gran bel 5 vs 5 aspettavo il match con scarso interesse, e ho visto il fattaccio. Li per li mi sono stranito, poi però tocca pensare semplicemente queste cose:
    1. è la WWE: ormai vivono per shockare, la streak di Taker è finita per creare shock e anche sto squash ha lo stesso scopo, fine.
    2. sono due part timer, appaiono una volta ogni qualche mese e non c’entrano un cappio con lo show, servono solo a farlo alzare ai nostalgici.
    3. un match lungo (anche intorno ai 10 minuti, che sono mezz’ora negli standard di Goldberg)sarebbe venuto fuori uno schifo e la gente si sarebbe lamentata di quello.
    4. magari adesso Lesnar è un po’ ridimensionato, il che non è una cosa brutta se ha intenzione di fare altri match (spero sempre di no).

  • The Chosen One

    Il punto focale su cui bisogna soffermarsi è il ridimensionamento dell’intero roster. E una sconfitta del mostro-distruttore che non più tardi di 3 mesi fa ha vinto un incontro in UFC( con tanto di copertura mediatica globale) in 86 secondi con un 50enne ritirato da 12 anni è UNA CA.ATA INTERGALATTICA: non mi interessa se si chiama Goldberg, Wolverine, Mastro Geppetto o chi per lui. Avrebbe anche potuto perdere ma non così. 3 mosse per distruggere Lesnar.
    Poi non ci si può lamentare quando i detrattori del wrestling lo definiscono una pagliacciata.
    Questa è una pagliacciata bella e buona. Non siamo negli anni 80 o 90.. Si sa tutto, Goldberg non è bionico, Lesnar non può perdere con 3 mosse e poi ci mette una vita a rialzarsi..
    E non capisco come faccia qualcuno a sostenere che va bene così.. Come vi è scritto nell’ editoriale “la W che significa wrestling ed il lottato è importante” : a questo punto rendiamola WSOE(World Soap Opera Entertainment).

    • MizThunder

      anche se aumentassero il gap fra gli altri e Goldberg… sti ca**i? è un 50enne che è stato richiamato per combattere solo contro Lesnar e fine. Non per i titoli mondiali, non per apparire ogni settimana, non per massacrare gli Styles, gli Ambrose, i Rollins etc ma semplicemente per creare un incontro a WM con Lesnar, fine.

      • _Romanov_

        Questo è ciò che pensiamo e ci auguriamo noi, ma sappiamo bene che la WWE ragiona in modi misteriosi e in caso di pop clamorosi , Vince lo metterà per il titolo.

        • MizThunder

          non credo, come scritto anche nell’altra risposta Goldberg/Lesnar si vende da solo, non ha bisogno di titoli in mezzo, e penso che Bill non andrà molto oltre WM, per questo sono abbastanza tranquillo. Certo, se poi scopro che hanno rinnovato il contratto e lo vedremo per anni allora il pericolo di titolo del mondo a Goldberg sarà più reale, ma allo stato attuale penso sia molto difficile

      • The Chosen One

        Sicuro al 100%?? la RR dove la lasci?? Non toccherà nessuno fino a quando arriverà Lesbar?? Intanto ha avuto un unico confronto fisico ( tralasciando Lesnar) con Rusev e se ben ricordo il bulgaro non ne è uscito bene ( menzione d’onore alla rapidità della WWE nell’editare la caduta di Goldberg)..
        E mi pare di ricordare che Goldberg abbia parlato di un ultimo giro titolato..
        Spero tu abbia ragione sulla non interazione tra Goldberg e gli altri.. Purtroppo sono molto propenso a pensare il contrario..

        • MizThunder

          Rusev è trattato a pesci in faccia da tutti per quanto mi dispiaccia, non è la prima volta
          Nella Royal Rumble entrerà e farà il suo show ma sarà cmq fine a se stesso, tanto dopo sarà impegnato cmq con lesnar anche dovesse eliminarne 5. viceversa andasse a vincere la rumble sarebbe una bella botta, ma dubito fortemente accadrà, non fosse altro che un match Goldberg Lesnar si vende tranquillamente anche senza il titolo in paio, e sappiamo che WM ha bisogno di questo genere di incontri. Il fatto che abbia parlato di giro titolato io la vedo come una “scusa” per giustificare il suo ingresso. Ovviamente potrei sbagliare e mi auguro di no, abbiamo già visto come un campione dominante poco partecipativo allo show faccia male (Lesnar) e per questo credo che non lo riproporranno nel breve.

  • Per chi ha voglia e interesse, c’è l’analisi di Ganzerli che risponde perfettamente a questa. Non mi va di spammare altri siti ma è giusto che gli altri leggano anche l’altra parte, visto che ormai il web è praticamente diviso da questo match e non so se tra i ragazzi di ZW c’è qualcuno che ha apprezzato l’angle (come me) tanto da farci un editoriale come LuchaKappa.

    In sintesi sono al 100% in disaccordo con quanto è stato scritto qui sopra, le mie ragioni sono scritte in gran parte sulla Review del PPV.

    • The Chosen One

      Chi ama il wrestling inteso come sport-spettacolo e non buffonata-voltasoloalprofitto-soap-opera non può apprezzare l’angle per come si è svolto, per la durata, per l’abbassamento dello status globale dell’intero roster, etc..

    • giovy2jpitz

      La verità, a mio avviso, è che questo angle non si può né apprezzare né non apprezzare. Devo ammettere che a primo acchito non mi è piaciuto, a mente fredda però, non so dove la WWE in questo momento voglia andare a parare. Insomma credo di trovarmi davanti o ad una storyline illuminante, oppure ad una caga*a enorme. Francamente penso che Goldberg non avrebbe avuto le doti giuste per battere Brock Lesnar in chiave Smart, e oggi dobbiamo analizzare molto più del passato questa componente, ma ci sta alla grande in chiave Mark, anch’essa da analizzare. Insomma penso, alla fine dei conti, che tutta l’attenzione che ha creato attorno a se questo angle sia il premio per il rischio che hanno corso, quindi pur non essendo convinto, comincio ad apprezzare una scelta che sembrava scellerata (ma tutte le genialate come anche i geni, all’inizio sembrano pazzie e pazzi), però ho tanta, e dico tanta paura che alla fine il disegno fatto dalla WWE non sia quel disegno che noi tutti ci aspettiamo. Quindi per il momento la mia decisione è di non schierarmi, voglio aspettare perché vedremo dove vanno a parare. In fine, non posso che ammettere che il fatto che mi tengano sulle spine, sia positivo dal punto di vista del fan. Inoltre, spero anche, che non lascino sfreddare troppo la cosa, la presenza frequente dei due direi che è abbastanza importante al momento, proprio per battere quel ferro che non può sfreddarsi.

      • The Chosen One

        Hanno messo in vendita il merchandising di Goldberg.. Bisogna mettersi in testa che alla WWE importa solo e solamente il profitto.. Del Wrestling non gliene importa nulla.. Basta vedere Aj con Ellsworth..

        • giovy2jpitz

          E va beh, buongiorno, io ce l’ho in testa molto bene questa cosa, ma se a questa aggiungono almeno buone storyline, se non ottime, meglio.

    • giovy2jpitz

      Scusa ho aggiunto qualche riga nel caso volessi leggere, lo dico per correttezza.

      • Sul resto del post nulla da dire, per quello che hai aggiunto rispondo che sin da subito ho pensato al perchè è successo, l’ho rivisto più volte lunedì ed ho capito il comportamento di Lesnar. Sai che Goldberg è stata una delle motivazioni che mi hanno portato a seguire il wrestling e da mark ero felicissimo per il risultato, ed è in chiave mark penso che quei 86 secondi non debbano essere giudicati con certi toni come si è visto anche in questo editoriale. Potrei capire anche l’altro punto di vista, ma poi si scade in certe frasi tirando in mezzo anche i fan ed è lì che poi non riesco più a farlo. Ho sempre pensato, e penso tutt’ora, che WWE ed Indies sono due mondi a parte che non vanno paragonati perchè troppo diversi. Se si vuole vedere esclusivamente del bel wrestling si sa già cosa seguire, per momenti come questo c’è la WWE. Che intanto ha anche fatto vedere quello che forse è il miglior Survivor Series match della storia. E la sera dopo Owens e Rollins hanno fatto un signor match. C’è anche del bel wrestling in WWE, basta solo togliere la veste dello smartone in quei momenti.
        Spero che quella sarà la direzione da prendere, altrimenti sarà un peccato.

        • DeanAyane

          io non ho cominciato a seguire il wrestling per Goldberg perché i miei erano i tempi dell’Hulkster eroe senza macchia di fine anni ’80… wrestler che adoravo.

          Cmq Goldberg è stato uno dei miei “eroi” di quando sono tornato a seguire il wrestling negli anni ’90 grazie alla parabola… ero più grande e quindi potevo apprezzare anche i wrestler più tecnici, i luchadores e i pesi leggeri in wcw oppure i grandi personaggi che magari sul ring erano quello che erano, ecc.

          Credo che oggi il fan (quello che scrive nei siti, come noi) tendano ad analizzare un po’ tutto… diventiamo recensori più che fan… questa cosa ormai è dappertutto, tutti sanno tutto di musica, film, serie tv, ecc.

          Anch’io sono un po’ così, non scriverei qui altrimenti… però per me l’aspetto emotivo è importante, per esempio ho ascoltato (e ascolto talvolta tuttora) approssimativa musica punk, di quella che un metallaro mi sputerebbe in un occhio… ma che ci vuoi fare, a me piace ancora sentire qualcosa di vivo, puro istinto…
          Eppure ascolto anche l’esatto opposto, progressive tipo King Crimson, Area, ecc.

          Come dici tu, se vuoi grandi match le scelte da fare sono altre… la WWE invece dovrebbe fabbricare emozioni… ogni tanto ci riesce, questa potrebbe essere una di quelle volte… ho i miei dubbi, viste le delusioni degli ultimi anni…

  • MizThunder

    per me la direzione presa è un’altra, ovvero sia portare la faida a WM e dare una svolta anche a Lesnar stesso. Un Lesnar tremendamente sicuro di se che è traspirato tutto in questa faida: dalla sfida che non si è neanche preso la briga di lanciare di persona fino all’icontro vero e proprio dove palesemente prende per il cul* Goldberg dopo lo spintone. Lesnar era deconcentrato e ciò ha permesso a Goldberg di scaricare tutto l’arsenale di cui disponeva subito, immediatamente e di prendersi la vittoria cogliendolo di sorpresa. E’ logico, ed è ancora più logico che vedere un 50enne combattere dieci minuti alla pari con Brock o di vedere l’ennesimo squash di Lesnar. Ne è valsa la pena? lo vedremo credo alla Rumble. SE si darà un continuo alla storyline serio (la butto lì, Lesnar entra nella Rumble ma se ne frega del match, entra per eliminare Goldberg e poi esce a sua volta dall’incontro per continuare il pestaggio di fronte alla famiglia di Bill inca**ato e concentrato come non era stato ultimamente, a WM si fa un incontro più serio dove Lesnar uscirà vincitore, con uno status nuovamente altissimo, anzi forse ancora di più, e via) si, assolutamente. Altrimenti sarà stata una gigantesca occasione persa.
    Sull’abbassamento dello status del roster secondo me ci si crea troppi castelli in aria per niente: Lesnar e Goldberg sono praticamente due entità separate che non hanno quasi niente in comune col normale roster, non combattono per i titoli, non appaiono quasi mai negli show e praticamente mai interagiscono costantemente con gli altri. Di chi avrebbero abbassato lo status?
    Tra l’altro parlare di status e credibilità in un mondo dove Heath Slater in un mese è passato da jobber senza speranza a campione di coppia e tifato dal pubblico è molto difficile: basta pochissimo tempo per alzare lo status di un lottatore nel caso lo volessimo mandare contro Lesnar o Goldberg in futuro, sopratutto se si parla di gente come Styles, Rollins, Owens e compagnia che hanno anche il totale supporto del pubblico.

  • Storia divertente:

    Parlo di questo match 2 settimane prima di Survivor Series a un mio amico fissato con Brock Lesnar che segue la WWE solo quando gli mando i segmenti di Lesnar.
    Lui allora tutto fomentato ricordandosi di Goldberg cosa fa ? Compra su Sky il PPV solo per il match.
    Il giorno dopo dell’evento (non l’ha guardato in diretta) mi arriva un messaggio: “Non parlarmi più del wrestling perchè se no ti spacco la faccia, due minuti due fottutissimi minuti.”

    Lo chiamo e mi dice tutto affranto che il grande Brock ha perso in meno di due minuti e ci era rimasto malissimo ad aver comprato un evento solo per un 2 minuti di incontro.
    Allora io gli chiedo se voleva vedere insieme a me TLC visto che ormai è un fan e lui mi butta giù la chiamata.

    Da lunedi non l’ho più sentito hahahaha

    • Fringe

      Sia chiaro che è stato lui a turnare heel, non tu 😉

      • tutti turnano su di me, sono un Becky Lynch

    • giovy2jpitz

      Ancora non sa che comprerà anche il prossimo PPV nel quale ci saranno Goldberg e Lesnar per vedere quello che stavolta non ha visto. Ormai è agganciato 😀

  • LANSE ARCIAAAAA !!!

    …no basta, non voglio più pensarci.

  • andrea

    il lato positivo è che essendo durato così poco si può far finta che non sia successo.

  • Fabrizio 3D

    Non ho lanciato oggetti di alcun tipo. Oltretutto me lo sono visto in un tiepido e umido pomeriggio di novembre saltando tutto il resto.
    Due spears e una jackhammer con le quali Goldberg ha devastato decine di avversari negli anni novanta. Ho capito una cosa. Viviamo in un’epoca di puristi che ingoiano, quintalate di luoghi comuni con l’alibi di chiamarlo intrattenimento. Non importa il contenuto ma il tempo cui dedichiamo alla nostra giornata. Tre ore di noia mortale, vabbè calcoliamo anche la pubblicità, invadente, sempre più invadente degli show settimanali con proseliti incacchiati e scontenti del depush o push del raccomandato di turno e del nerd vessato dalla dirigenza. Intorno a questi episodi gira l’interesse di un fan web che dà l’impressione di divertirsi di più a commentare che a godersi lo spettacolo.
    La WWE ha ottimizzato le sue aspettative, cercando di coniugare i propri interessi con quelli degli interessati. Ho già detto che poteva essere concesso qualche minuto in più che probabilmente non era lecito attendersi data la mole di problemi portata in dote dagli atleti coinvolti.
    Possiamo chiamarlo come ci pare, ma è stato un colpo di scena e sticazzi! Inoltre la cosa non finirà qui e promette un’evoluzione impronosticabile. Quando una story line è scritta, in questo modo ha già raggiunto il suo grado di epicità.
    La nefandezza del 2004 non aveva sbocchi, questa sì.
    Aspetto il seguito e non distruggerò di certo il pc, anche perché è nuovo e non ho soldi da buttare dalla finestra. ; )

    • DeanAyane

      Ti giuro che il mio commento l’ho scritto prima di aver letto il tuo! 😉

      • Fabrizio 3D

        Eh si. Abbiamo dipinto lo stesso quadro con colori diversi. L’emozione…ma c’è ancora gente che si commuove? ; )

        • DeanAyane

          Cmq per tornare in tema, si sono dimenticati di scrivere che sono stati sviliti anche tutti i wrestler battuti da Taker a ‘Mania durante la streak! xD

          • Fabrizio 3D

            Ha fatto fuori anche Bray Wyatt protetto dei puristi. Sai…quelli della nuova era. Colpa di noi “vecchi” così egoisti e cattivi… ^_*

  • Mr. 619

    Le mie possibili Spiegazioni:
    1. Goldberg non era pronto a ritornare sul Ring. Vi ricordate quando tutti ci lamentavamo della scelta di fare il match a Survivor Series invece di aspettare qualche mese? Avevamo ragione.
    2. Goldberg Vs Lesnar non era un ONO. L’idea era di arrivare a Wrestlemania e se Goldberg avesse vinto un Match normale si portava sul 2-0, perciò hanno puntato su una Vittoria di Da Man dovuta all’errore di The Beast a sottovalutarlo e dargli le spalle. L’idea era pure giusta peccato che la sensazione che si ha guardando il Match è che The Beast sia stato Squashato (e anche fatta sotto dopo la spinta subita).
    3. Si voleva ridimensionare Brock.
    4. Si voleva creare scalpore.
    “Tuttavia, nonostante ogni possibile spiegazione che si possano trovare a quanto messo in scena, nulla può giustificare l’orribile scelta fatta.”
    86 secondi sono troppo pochi, bastava qualche minuto di Rissa prima di un errore del Cliente di Paul Heyman e tutto sarebbe finito bene.

  • Mich Catinari

    Non ci sono altre spiegazioni:
    L’autore dell’articolo è uno smark di Lesnar.

    Ah e per la cronaca: fonti attendibili dicono che l’idea dell’incontro breve e veloce era nei piani fin da tempo e che lo stesso Lesnar era ra d’accordo con questa scelta.
    L’incontro non doveva fare altro che far parlare di sé, nel bene o nel male. Si voleva un qualcosa di sconvolgente per la trentesima edizione di Survivor Series?
    Beh ci sono riusciti.
    E questo articolo non fa altro se non rientrare nel loro gioco.

    E comunque è stato migliore questo che quello fatto a Wrestlemania 20

    • Lucha Kappa

      Caro lettore …tutto reintra nel loro “gioco” .. siamo un sito di wrestling e parliamo di wrestling un articolo su quanto successo era il minimo non trovi ?
      Cordialmente l’Autore dell’articolo

      • Mich Catinari

        Quello che intendevo io era che:
        Loro volevano un qualcosa di sconcertante per la trentesima edizione di Survivor Series, che facesse esplodere le menti dei fan, no? Quella è stata un’ottima trovata.
        Non possiamo sapere ora come ora se avrà riscontri positivi o negativi nell’immediato futuro, è per questo che etichettare il tutto come “cag*ta pazzesca” mi sembra affrettato

  • wakko

    Concordo in ogni singola parte