Ed Nordholm di ImpactWrestling/Anthem ha rilasciato un’intervista con Live Audio Wrestling parlando della situazione legale con gli Hardys riguardo la gimmick “Broken Matt”.
Nordholm ha chiarito all’inizio dell’intervista: “Non credo di esserne il proprietario. Io so di esserne il proprietario.”
Molte persone volevano sapere com’era il rapporto con gli Hardys.
“Penso sia fuori questione che la proprietà dei characters nella storyline appartiene ad Impact Wrestling. Non credo nemmeno gli Hardys avrebbero da ridire a riguardo. Hanno entrambi firmato un contratto. I loro sono contratti standard. Non solo nell’industria del wrestling, ma nell’industra dell’intrattenimento, in generale, il produttore dello show possiede il prodotto creato e non ha davvero importanza chi nel team creativo ha avuto l’idea di creare un determinato character. La persona che possiede la storyline ed il character è la persona che ha investito per creare quell’idea e portarla in TV. Questo è ciò che abbiamo fatto. Impact ha portato quei personaggi in TV.”

Pubblicità

Sei è aperto a sedersi e parlare con gli Hardys:
“Oh, certo che lo sono. Io ero aperto a parlarne prima e lo sono adesso. Abbiamo offerto molte volte la possibilità di trovare un accordo con gli Hardys che avrebbe concesso loro di continuare ad usare la gimmick con dei parametri ragionevoli riguardanti cosa è importante per noi e cosa lo sarebbe per loro. Io capisco che la dinamica del loro spostamento in WWE ed il drama con cui hanno lanciato il loro ritorno – capisco il loro piano di creare massimo “heat” dal momento in cui ci hanno annunciato che avrebbero firmato il loro contratto, alla data in cui hanno rivelato la loro nuova destinazione. Ma mi aspettavo in minima parte che una volta raggiunto quell’obiettivo, la cosa sarebbe morta in modo naturale dato che per quanto ne sappiamo, la WWE non vuole quelle gimmick, e per l’appunto, da ogni conversazione che abbiamo avuto con loro, mi è stato detto che non hanno alcun interesse in esse.”

  • Contro Nessuno

    Quindi? Non si fa più?

  • Ale

    mi sembra anche ovvio che la WWE ti dica a te proprietario che non ha interesse, se rivela l’interesse è logico per Impact fare in modo di ricavarci qualcosa mentre la WWE vuole il guadagno solo per se. avvolte mi domando se quando rilasciano certe dichiarazioni pensino sul serio a quello che dicano e se ragionano un attimo in maniera commerciale prima.

  • Gawd

    Un minimo di riconoscenza per chi ha risollevato la TNA. Che vergogna.

  • Ryu

    Se la WWE volesse penso si riuscirebbe a “raggirare” il copyright passando da Brother Nero a Brotha Nero (Matt mi pare abbia il trademark per Broken Matt) e cambiando il nome alla Broken Brilliance. Un po’ come fece la TNA che trasformò D-von Dudley in Devon e Bubba Ray in Bully Ray

    • Marco10695940

      all’inizio i Duldey in TNA venivano chaimati Brother Ray e Brother Devon (più Brother Runt alias Spike Dudley)

      • Ryu

        Si ok, ma poi diventarono in pianta stabile Devon e Bully Ray. Era giusto per fare un esempio

  • Eddie Guerrero

    nonostante tutto noi stiamo aspettando con ansia il ritorno della gimmick broken da parte degli Hardy in WWE che si può sempre raggirare e portare questa gimmick in WWE.

  • Stex14

    mmm per me a Summer Slam la WWE ci fa la sorpresa

  • Tony Dillinger Terry

    Non c’entra la WWE, il punto è Matt stesso che dovrebbe usufruire di tale gimmick spensieratamente essendo la sua nascita anche merito suo. #FuckThatOwl