Oltre al Live Event di Nottingham, del quale vi abbiamo parlato qui, la WWE ha disputato un altro house show, stavolta a Birmingham, città in quale è stata utilizzata la restante parte del roster:

Pubblicità

 

 

Dean Ambrose ha sconfitto Luke Harper con la Dirty Deeds.

Zack Ryder ha sconfitto Bo Dallas con la Rough Ryder.

– I Lucha Dragons hanno sconfitto gli Ascension con la Stanton Bomb di Sin Cara.

Stardust ha sconfitto Goldust con la Cross Rhodes.

John Cena ha sconfitto Rusev con la Attitude Adjustment, mantenendo così il Titolo degli Stati Uniti che era in palio nell'incontro.

Paige e Naomi hanno sconfitto le Bella Twins per sottomissione con la PTO della lottatrice inglese ai danni di Brie Bella.

Ryback ha sconfitto Kane con la Shell Shock.

Randy Orton ha sconfitto Seth Rollins per squalifica in un match nel quale era in palio il WWE World Heavyweight Championship; Orton, infatti, è stato assalito a tradimento da Jamie Noble e Joey Mercury. Tuttavia, The Viper ha poi reagito e fatto piazza pulita della J&J Security e dello stesso Rollins a suon di RKO, mandando in visibilio il pubblico presente e chiudendo così lo show.

 

Fonte: EWrestlingNews.com & ZonaWrestling.net

ChristiaNexus
Cercatore di notizie nonché, occasionalmente, editorialista, reporter e co-fondatore e co-curatore della rubrica "La Theme Song del giorno". Appassionato di wrestling di lunga data che odia l'ipocrisia e l'apriorismo sterile. Il suo compito è portare avanti l'opera di salvezza intellettuale avviata da Damien Sandow, ora noto come Aron Rex, a costo di passare per grammar nazi. Segue, in un'ottica dialettico-inclusiva, tante federazioni, dalla WWE alla PWG, passando per TNA, ROH, NJPW, NOAH e Lucha Underground. Il Nexus, Christian, CM Punk, Daniel Bryan, Seth Rollins, Bray Wyatt, Undertaker, The Brian Kendrick e, ovviamente, Damien Sandow, ora noto come Aron Rex, sono tra i suoi lottatori preferiti, senza dimenticare AJ Styles, Chris Hero, "Broken" Matt Hardy, il Bullet Club, i War Machine, Pentagon Jr, Minoru Suzuki, Satoshi Kojima, Tomohiro Ishii e Togi Makabe.