È facile parlare di uno show di wrestling. Durante la settimana ci ritroviamo, noi redattori di Zona Wrestling e voi lettori, a dibattere sulle nuove storie presentate dalla WWE (e in misura minore da Impact Wrestling). Ognuno ha la sua visione del mondo, ciascuno coi propri match preferiti in mente.

Ma è così semplice organizzare un evento di wrestling? Non si parla di aspetti economici od organizzativi, ma proprio dell’aspetto del matchmaking e delle storyline da seguire. Se ho imparato qualcosa in questi due anni da promoter e da consulente di altre realtà, è che potrai avere tutti i migliori wrestler del mondo, ma l’incastro è sempre ben lungi dall’esser quello giusto. Allora bisogna gestire il tutto dal punto di vista delle storie, e far funzionare un match basandosi su uno scritto coerente e sufficientemente interessante.

Volete capire come? Ecco come ho scritto assieme ai membri del collettivo Bullfight Wrestling lo show “Hail to The King” che si terrà sabato 24 marzo a Cormano (Mi).


NEMESI vs NICK LENDERS
Questi due ragazzi si sono già incrociati lo scorso giugno nel corso dell’evento “Cut The Cord” mettendo in piedi uno dei migliori match europei del 2017. Venti minuti devastanti, dove il pubblico rimase davvero a bocca aperta. Alla fine di quell’incontro dichiarai che questi due ragazzi meritavano di potersi giocare una chance titolata per il neonato Bullfight Championship. Ma cosa fare per evitare una copia di quanto già visto? Gioca molto la stipulazione, sarà la prima volta per entrambi su questa distanza: un 30 Minutes Iron Man Match. Ci siamo ricordati di tutte le belle sfide della WWE, abbiamo aggiunto il fattore suspance di un titolo che è pronto a circondare la vita di uno dei due. Il match non è inedito, ma è inedita la circostanza e questo terrà il pubblico col fiato sospeso.


AKIRA vs MIRKO MORI
Tenete bene a mente: una delle peculiarità della Bullfight è sempre stata quella di presentare match completamente inediti, anche tra atleti facenti parte della stessa compagnia. Mirko Mori e Akira facevano e fanno parte entrambi della ICW ma non si sono mai ritrovati assieme sul ring. Uno è campione Gore (una delle nostre due cinture singole, come vedete nell’immagine), l’altro era campione Rising Sun. Il titolo Gore ha una clausola: si può difendere solo in match a stipulazione speciale. Ed è qui che nasce l’intenzione di mettere in palio le due cinture: chi vince, prende tutto. Ed è così che nasce quello che da tanti in Italia e in Europa viene definito come un “dream match”. Al momento però Akira non è più campione Rising, e questo permetterà allo show di vedere in scena qualcosa di nuovo. Cosa sarà? Venite allo show e lo vedrete!


HEADHUNTERS (c) vs URBAN GUERRILLA
Gli Headhunters sono il miglior tag team d’Italia. Ma anche gli Urban Guerrilla lo sono. I fan si dividono in pro e contro, e non c’era migliore occasione per far sfidare quattro atleti che altrimenti non si sarebbero mai incontrati. Il match vale per i titoli di coppia, ed ha una lunga storia dietro: gli Headhunters sono in guerra con la dirigenza Bullfight (di cui faccio parte). Sono campioni da un anno e mezzo esatto e ritengono di non esser stati valorizzati abbastanza. Tra me e loro c’è stato un botta e risposta acceso, Entertrainer ha pure colpito un dirigente della compagnia con un Superkick creando non pochi grattacapi. Abbiamo cercato in più modi di toglier loro i titoli sul ring: pensiamo che questa sia l’unica strada intelligente da percorrere. Prima Ashley Dunn e Chris Tyler, quindi Leon e Nico Narciso hanno fallito l’assalto. Che succede contro gi ex ICW Tag Team Champions, che ad oggi sono il nome più caldo del wrestling italiano? Forse sarà la volta giusta per un passaggio di consegne…


GIANNI VERGA vs KYO KAZAMA
Gianni Verga è un cazzone che attira donne come se piovesse. A “Cut The Cord” si è presentato sul ring e mi ha chiesto di trovargli un avversario per il nostro show successivo che potesse essere al suo livello. “Hail to The King” è arrivato, ed è arrivato anche il momento di scegliere un match non solo interessante, ma anche sensato. Kyo Kazama è imbattuto in Bullfight, ha sviluppato negli ultimi mesi un personaggio da vero piacione, che attira le donne e riesce a rendersi sexy con le sue “armi nascoste”. Ecco allora che nasce quella che abbiamo ribattezzato come la “Battaglia dei gigolò”. Chi vince se ne va con un nugolo di donne ai propri piedi. Nel mezzo, ci sarà l’occasione per ridere, divertirsi, vedere tanto wrestling quanto intrattenimento.


PHOENIX OPEN CHALLENGE
Phoenix aveva perso un match con Danny Price al nostro primo show. Subito dopo era stato attaccato da Nicolò Ferrari e dal Buttafuori. Saltato “Cut The Cord”, vuole riprendere un proprio spazio nella compagnia e dimostrare di non essere quel “poco” che i due assaltatori avevano fatto intendere. Così nasce questa Open Challenge che permetterà a qualunque atleta del roster di provare a sfidarlo e dunque far capire cosa accadrà in futuro sia per se stesso che per la Fenice. Un buon modo per presentare del bel wrestling con qualche gradita sorpresa per tutti.


SPAGHETTI STRONG STYLE Jr. vs AARON CAGE & THE GRUDGE
La storia di Cage e Grudge parte da lontano: nel nostro primo evento si giocarono la possibilità di vincere i titoli di coppia in un triple threat tag team match ad eliminazione. Non furono fortunati, eliminati per primi. Però col tempo le cose sono cambiate, e Grudge è riuscito a diventare uno dei campioni italiani di maggior riferimento. Cage invece ha colto il titolo hardcore e a “Cut The Cord” ha deciso di turnare heel attaccando il suo allievo Daniel Romano (quello a destra degli Spaghetti Strong Style). È chiaro come Romano non potesse lasciar passare la cosa senza reagire e così ha sfidato il maestro ad un tag team match assieme al suo sodale Big Charles, uno dei big man di maggior forza del wrestling italiano. Cage ha accettato ed ha rilanciato: ci si gioca tutto sul mio terreno, l’hardcore! Ed è così che nasce l’unico match di maggior violenza di questo evento nel segno della vendetta.


Mr. EXCELLENT vs MANUEL BOTTAZZINI
Ultimo match. Abbiamo davanti uno dei veterani della scena italiano, il purista Mr. Excellent, ovvero pura gioia per gli occhi dei fan. Capace non solo di essere un wrestler tecnico, ma di saper abbinare vari stili con tantissimi atleti europei ed internazionali (Zack Sabre e Jimmy Havoc su tutti), di lottare in Giappone, UK, Francia, Spagna, Svizzera, Belgio. Chi opporgli, per presentare una sfida nuova ed innovativa? La risposta è venuta da sé: Manuel Bottazzini, ovvero un wrestler grande e grosso ma anche impegnato spesso nelle MMA e intenditore di wrestling tecnico. Un incontro inedito che pensiamo lascerà a bocca aperta un po’ tutti e che consegna ad entrambi un avversario di altissimo profilo nel panorama del wrestling italiano.

Ecco la nostra card. Il risultato finale? Lo vedremo assieme a voi questo sabato al Centro Sportivo di via Europa 11 a Cormano. I biglietti sono ancora disponibili in prevendita al costo di 14 euro (file 1-2) e 10 euro (tutte le altre). Il ridotto per bambini dai 12 anni in giù è di 7 euro. Al momento possono essere acquistati in tre modi:

– tramite il nostro sito internet, cliccando nella sezione BIGLIETTI (https://bullfight.jimdo.com/biglietti/)
– scrivendo un messaggio privato sulla pagina facebook della Bullfight Wrestling Society
– scrivendo un messaggio whatsapp o telegram al numero 345/5965826, specificando nome, cognome, luogo di provenienza e biglietti di interesse (ovvero l’indicazione della fila in cui ci si vuole accomodare).

Altrimenti potrete semplicemente acquistarli al botteghino. I cancelli del centro sportivo apriranno alle 20.00 e l’evento inizierà alle ore 20.30 circa. Gli sponsor sono l’app Indipendent Woman (legata alla difesa delle donne) e il noto locale/horror pub Dr. Frankenstein di via Villoresi 33 a Milano (chi verrà allo show, avrà poi una riduzione sull’acquisto di birra in questo pub!). Che dirvi di più? Vi aspetto per una serata di puro divertimento, e attendo a seguire le vostre critiche in merito alla costruzione dello show. A sabato!

Corey
Dal 2006 redattore di Zona Wrestling e autore di rubriche come il Pick The Speak, Wrestling Superstars, The Corey Side, Giro d'Italia tra le fed italiane, Uno sguardo in Italia, Coppa dei Campioni, Indy City Beatdown e tante altre. Studioso del wrestling in tutte le sue sfaccettature, col tempo ha voluto perdere la definizione di "Marco Travaglio del wrestling web".