Lo scorso Sabato si è tenuto l’evento G1 Supercard dove Ring Of Honor e New Japan Pro Wrestling hanno unito le forze per riempire lo storico Madison Square Garden. In questa review andremo ad analizzare quali sono stati i punti forti e i punti deboli di uno degli show più attesi durante il WrestleMania Weekend.

 

30-Man Honor Rumble [ND]

Divertente pre-show dove abbiamo potuto assistere a diversi siparietti come la reunion tra Will Ferrara e Rhett Titus, la Shinobu Shadow Squad che tiene in gioco Cheeseburger in pieno stile New Day, un trenino di Clothesline ai danni del povero BUSHI e due leggende come The Great Muta e Jushin Thunder Liger. Questi ultimi sono stati eliminati da Kenny King che, nascondendosi, non è mai stato eliminato ed ha avuto modo di sorprendere alle spalle le due leggende del Puroresu. Un finale che lascia un pò l’amaro in bocca al pubblico.

WINNER: Kenny King

 

ROH Television/NEVER Openweight: Jeff Cobb VS Will Ospreay 7.5 out of 10 stars (7,5 / 10)

Si è partiti con il botto e non poteva essere altrimenti con questi due atleti che ben sono riusciti a miscelare i loro stili di lotta di fronte ad un pubblico molto caldo e impaziente di iniziare il vero show.

Se la gravità non pare essere un problema per uno come Ospreay, lo è invece la forza bruta (e le Chop!) di Cobb che riesce a farlo volare da una parte all’altra del ring. Onore all’inglese per aver resistito in modo quasi eroico alle offensive dell’hawaiiano. Ospreay le prova tutte attaccando la spalla acciaccata di Cobb e eseguendo anche una spettacolare Spanish Fly. Il britannico ci crede finchè Cobb non gli offre gentilmente di fare un giro sull’isola con lui. Dalla cima del turnbuckle.

WINNER and new NEVER Openweight: Jeff Cobb

 

Dalton Castle (w/ The Boys) VS Rush [ND]

Il messicano rifiuta la stretta di mano. I Boys hanno perso una piuma ed è proprio sotto gli stivali di Castle che quindi si distrae mentre uno dei suoi assistiti la recupera. Questo basta a Rush per rifilare tre Frontal Dropkick che sono sufficienti a schienare l’ex campione ROH. Al termine dell’incontro vediamo Castle prendersela con entrambi i Boys.

WINNERRush 

 

WOH Championship: Mayu Iwatani VS Kelly Klein 5.5 out of 10 stars (5,5 / 10)

Se dovessi scegliere una parola con cui definire questo match sarebbe ‘lento’. Le due sembravano muoversi in slow motion in certi frangenti. Prima dell’inizio del match vediamo la Klein ‘cacciare’ i suoi assistenti dicendogli che può farcela da sola.

La stella della STARDOM può chiudere la contesa dopo una Dragon Sleeper ma Kelly ha un piede sulle corde. Subito dopo, sempre Mayu, tenta un bel Moonsault che però va a vuoto e dà la possibilità a Kelly di connettere una Powerbomb ed una K-Power che le fanno riconquistare il titolo. Durante i festeggiamenti della Klein, arrivano dallo stage Velvet Sky e Angelina Love. Mandy Leon si alza dal tavolo di commento e, inizialmente, pare fiancheggiare la neo campionessa per poi attaccarla a tradimento con una scarpa. Le tre mettono al tappeto la Klein per poi ‘marchiarla’ in fronte con del rossetto rosso con una A di anarchia, che nel loro caso sta per ‘Allure’, il nome che avrà questa stable/disgrazia.

Ho trovato tutto abbastanza ridicolo. Diciamolo, nessuna delle tre sa lottare. L’uso del rossetto, il marchio con la A di anarchia, il video selfie mentre attaccavano la Klein. Sembra di vedere la classica commedia americana ambientata in qualche high-school dove la sfigata di turno deve vedersela con la squadra delle cheerleader. Unica nota positiva? Il mancato utilizzo del reggiseno da parte di Mandy Leon.

WINNER and new WOH ChampionshipKelly Klein

 

New York Street Fight: Bully Ray, Silas Young & Shane Taylor VS Flip Gordon, Mark Haskins & Juice Robinson 6.5 out of 10 stars (6,5 / 10)

Alla Open Challenge di Bully Ray doveva partecipare Juice Robinson. Il leader dei LifeBlood è stato però attaccato nel backstage durante i primi match della card. Bully Ray quindi, dopo aver cacciato Mega Ran dal ring, afferma che la sua Open Challenge è ancora aperta. A rispondergli è Flip Gordon. Il ragazzo era dato per infortunato e molti si chiedevano chi mai avrebbe risposto alla Open Challenge dell’ex WWE. Io un pò me lo aspettavo.

Il match tra Bully e Flip dura pochissimo perchè intervengono Taylor e Young. In sua difesa arrivano Juice e Haskins con un carrello pieno di armi e parte il 3vs3. Vincono ovviamente i face con una Spinebuster di Juice seguita da una 450 di Gordon. Visto il minutaggio esagerato concesso a questo match, suppongo che nella loro mente volessero proporre qualcosa di simile al 3v3 dello show anniversario. Sfortunatamente i protagonisti non sono gli stessi e si nota.

WINNERSFlip Gordon, Mark Haskins & Juice Robinson

 

IWGP Junior Heavyweight: Taiji Ishimori VS Bandido VS Dragon Lee 7 out of 10 stars (7 / 10)

Match dinamico e veloce. Un 3-Way dove i protagonisti hanno interagito continuamente tra loro (a differenza di molti match a tre) e dove Ishimori va diverse volte vicino a mantenere il proprio titolo. Ad uscirne vincitore è proprio quello dei tre che vedevo più sfavorito, ossia Dragon Lee. Unica nota negativa: la durata. Che senso ha avuto dare quasi 20 minuti a Bully Ray per poi concederne solo 8 a questi tre fenomeni? Al termine della contesa vediamo Bandido allacciare la cintura Jr. Heavyweight alla vita del neo campione.

WINNER and new IWGP Junior Heavyweight ChampionDragon Lee 

 

ROH World Tag Team/IWGP Heavyweight Tag Team: Guerrilas Of Destiny VS EVIL & SANADA VS PCO & Brody King VS The Briscoes 7.5 out of 10 stars (7,5 / 10)

Le entrate più fighe le ha avute questo match. Tutti e quattro i team hanno avuto modo di mostrare il loro repertorio nonostante la durata ridotta. I due team giapponesi non hanno rinunciato a diverse scorrettezze. Presto infatti SANADA distrae l’arbitro per permettere a EVIL di colpire i G.O.D. con delle sedie e gli stessi G.O.D. poco dopo si fanno dare una mano da Jado con il suo Kendo Stick.

La contesa va a chiudersi quando i G.O.D. gettano PCO fuori dal ring con una Super Powerbomb per poi chiudere il match su Brody King. Al termine del match succedono fin troppe cose assieme. Da una parte c’è Toru Yano che ruba le cinture IWGP e scappa sullo stage. Nel frattempo, non inquadrati dalle telecamere, abbiamo visto Enzo Amore e Big Cass attaccare i Briscoes e Bully Ray. Quest’ultimo è un worked-shoot che ho apprezzato, nonostante gli ‘invasori’ siano ciò che di più lontano possa esistere rispetto alla ROH. Si, lo so, Enzo sta antipatico anche a sua madre, ma l’ingaggio di un tag team conosciuto da parte della ROH ora come ora è cosa buona e giusta.

WINNER and new ROH World Tag Team ChampionsGuerrilas Of Destiny

 

RevPro ChampionshipZack Sabre Jr. (w/ TAKA Michinoku) VS Hiroshi Tanahashi 8 out of 10 stars (8 / 10)

Prima dell’inizio del match vediamo TAKA Michinoku tenere un promo sfoderando un inglese che farebbe invidia a quello di Asuka. Il match parte lentamente con Sabre che cerca sempre il tappeto lavorando sugli arti superiori dell’avversario e Tanahashi che risponde a suon di Uppercut. Poi va ad accelerare con Tanahashi che prima resiste ad una Cobra Twist per poi applicarla sull’avversario eseguendo subito dopo una PumpHandle Slam.

Tanahashi continua ad avere un certo controllo sul match e connette una Sling Blade. Poi va sul paletto ma da qui viene raggiunto da Sabre che continua ad attaccarlo al braccio sinistro. Pelè Kick e doppio conto di due per l’inglese. Anche per Tanahashi sono diversi i conti di due con Sabre che riesce a resistergli dopo un’altra Sling Blade.

Tanahashi cerca il Dragon Suplex ma Sabre lo imprigiona in una Crucifix trascinando il giapponese a terra e chiudendolo in una Napalm Death a cui Tanahashi deve cedere.

WINNER and still RevPro Champion: Zack Sabre Jr.

 

IWGP Intercontinental: Tetsuya Naito VS Kota Ibushi9 out of 10 stars (9 / 10)

Match Of The Night a mani basse. I due non si sono risparmiati e hanno offerto un incontro quasi perfetto. Hanno saputo raccontare una storia e al tempo stesso non si sono tirati indietro per quanto riguarda gli spot eseguiti. Ibushi ha rischiato la vita (e il collo) più volte.

Un imprevisto divertente si è verificato quando Naito ha lanciato Ibushi contro una delle transenne facendolo andare contro uno dello staff che non si è mosso di un centimetro. Ad uscire vincitore è lo sfidante che riesce ad avere la meglio a suon di ginocchiate. Ci si aspettava tantissimo da questo match e i due non hanno deluso. Secondo me uno dei migliori match dell’intero WrestleMania Weekend.

WINNER and new IWGP Intercontinental ChampionKota Ibushi 

 

ROH World Championship: Jay Lethal VS Marty Scurll VS Matt Taven 7.5 out of 10 stars (7,5 / 10)

Un incontro che ha visto Taven protagonista di vari e dolorosi spot fin dall’inizio. Lethal invece si fa prendere dall’arte e crea, incrociando due scale, una sorta di opera d’arte moderna che finisce ben presto fuori dal ring andando a colpire in pieno un tizio seduto in prima fila. Diversi gli spot relativi alle scale, come per esempio l’Elbow Drop di Lethal dalla cima della scala a Taven su di un tavolo fuori dal ring.

Il leader del Kingdom si è portato una scala viola personalizzata. L’incontro si chiude quando Taven e Lethal si ritrovano in cima alla suddetta scala con il primo che colpisce il campione con la cintura per poi strapparla comodamente. In fase di preview ipotizzavo un facile coinvolgimento da parte del Kingdom con un possibile salvataggio da parte della Villain Enterprises o di Gresham. Felice che non ci siano state interferenze di alcun tipo.

WINNER and new ROH ChampionMatt Taven

 

 

IWGP Heavyweight: Jay White VS Kazuchika Okada 8 out of 10 stars (8 / 10)

I primi dieci minuti mi sono sembrati un’eternità, con il match che ha saputo ingranare solo nella sua seconda parte. Il pubblico, nonostante fossero ormai passate le undici di sera, si è fatto sentire e ha supportato Okada fin dall’inizio del match.

Un incontro molto meno intenso rispetto a quello tra Ibushi e Naito, ma che ha saputo meglio raccontare una storia, anche se credo che sarebbero bastati venti minuti. I due non si sono risparmiati e lo confermano i segni che si sono lasciati l’un l’altro sul petto. Verso la fine del match entrambi davano assolutamente l’idea di essere stremati e spinti al loro limite.

A Jay White non basta eseguire un Low Blow di nascosto e non basta avere al suo angolo uno scorrettissimo Gedo che più volte distrae Okada. Cambio di titolo totalmente inaspettato per me ma che con il senno di poi ha la sua logica. Quale miglior vetrina del Madison Square Garden per incoronare di nuovo ‘il loro John Cena’? La contesa finisce quando Okada connette ben due Rainmaker, una Tombstone Piledriver e di nuovo un’altra Rainmaker. Giusto per essere sicuri.

WINNER and new IWGP Heavyweight ChampionKazuchika Okada

 

 

RECAP

  1. 30-Man Honor Rambo: Kenny King vince in 42:50 [ND]
  2. ROH Television/NEVER Openweight: Jeff Cobb batte Will Ospreay in 12:50 [7.5]
  3. Rush batte Dalton Castle in 0:19 [ND]
  4. WOH Championship: Kelly Klein batte Mayu Iwatani in 12:38 [5.5]
  5. 3vs3: Flip Gordon, Mark Haskins & Juice Robinson battono Bully Ray, Shane Taylor & Silas Young in 15:07 [6.5]
  6. IWGP Junior Heavyweight: Dragon Lee batte Taiji Ishimori e  Bandido in 8:39 [7.0]
  7. ROH World Tag Team/IWGP Heavyweight Tag Team: Guerrillas Of Destiny battono The Briscoes, Villain Enterprises & Los Ingobernables de Japon in 9:57 [7.5]
  8. RevPro Championship: Zack Sabre Jr. batte Hiroshi Tanahashi in 15:31 [8.0]
  9. IWGP Intercontinental: Kota Ibushi batte Tetsuya Naito in 20:56 [9.0]
  10. ROH World Championship: Matt Taven batte Marty Scurll & Jay Lethal in 29:44 [7.5]
  11. IWGP Heavyweight: Kazuchika Okada batte Jay White in 32:45 [8.0]
PANORAMICA RECENSIONE
VOTO FINALE
7.5
VIAzw
FONTEzw
Irish Tommy
Classe 1991, newsboarder, reporter di MLW. Appassionato di libri (Ellroy, Orwell, Kerouac, Hornby e Bunker i miei preferiti), di criminologia e di musica scritta da gente ormai morta. Promotion seguite: RoH, MLW, NJPW. Wrestlers preferiti: Eddie Guerrero, Chris Benoit, Brock Lesnar e Steve Austin.