Giovedì scorso la TNA ha messo in scena Total Nonstop Deletion, puntata speciale di Impact che è stata registrata completamente presso la proprietà di Broken Matt Hardy a Cameron, NC, che in passato aveva già ospitato la Final Deletion e Delete or Decay, che insieme alla Great War di BFG, sono i migliori angle/segmenti della storyline che hanno portato Matt Hardy a diventare Broken, dopo che ha inizato l’anno nelle vesti dell’Iconic Matt Hardy, un heel interessato soltanto ai soldi, alla fame ed a ingrandire il suo brand talmente tanto da sostituirlo a quello della federazione di Nashville. Da TND, oggi ci soffermeremo in particolare su un segmento/match, che è stato il piatto forte della puntata ed il motivo che ha spinto molti a guardare lo show..Si, anche il debutto di King Maxel in TNA è stato un valido motivo per guardare lo show, ma tutti aspettavano di vedere Tag Team Apocalypto.

Pubblicità

 

Cos’è Tag Team Apocalypto? Un match sognato e trasformato da Matt Hardy in realta, un incontro dedicato a più coppie in cui vigevano le regole dei più classici Falls Count Anywhere ed in cui per vincere bisognava eliminare tutti i team coinvolti nella contesa. Cosa ha reso speciale questo match? Semplicemente l’atmosfera surreale creata dal Broken Universe di Hardy, universo in cui i Droni possono diventare degli arbitri di un match di wrestling o interferire sparando raffiche di fuochi d’artificio. Un universo in cui anche una barca è utile e non solo usata per attraversare il lago della reincarnazione. Plauso alla produzione per aver anche allestito diversi ring nella proprietà così da rendere più imponente l’idea di una battaglia fra tag team per dimostrare di essere il migliore di tutto i tempi e dello spazio.

 

Apocalypto ha saputo mantenere le aspettative? E’ stato inferiore o superiore alla grandezza della Final Deletion? Senor Benjamin ha sfornato ancora la sua migliore imitazione di Salvini a bordo di una ruspa? Al momento posso rispondere solo a quest’ultima domanda, perche risponderemo alle prime due più tardi. No il Senor Benjamin questa volta non è stato molto coinvolto nella contesa, magari memore di quanto successo con la Decay in precedenza, ma i momenti ironici non sono mancati. A partire dal debutto di Hornswoggle in TNA, il “big man” scelto da Rockstar Spud come suo tag team partner, anche se la sua alleanza è terminata con il tradimento di Swoggle a Spud e poi l’ex leprecauno ha fatto una brutta fine nel tentativo di eseguire una spear su Bobby Lashley. Altro elemento che mi è piaciuto nel match è proprio il coinvolgimento di Lashley e Eddie Edwards, andando a continuare il loro incontro in precedenza iniziato nella dome of deliton che poi si è spostato nei boschi del North Carolina. Chissa se i due stanno ancora lottando o meno. Il Match ha sempre presentato quei momenti tipici della saga dei Broken Hardys: una barca che salva Matt da un pin, il lago del reincarnazione che riporta alla luce vecchie gimmick di chi cade in acqua, Vanguard 1 rimane badass e sboccato come pochi droni al mondo, Road Warrior che arriva nel match a caso per sfottere Ricky Morton dei Rock&Roll Express, tutti elementi surreali e che soltanto in un conteso del genere potevano essere proposti.

Altra nota positiva del match è anche il modo in cui sono stati gestiti i tag team della TNA: la Helms Dynasty è stata fra i protagonisti del match, che però è stata “seppellita” non dall’uomo con 3 H ma da Matt Hardy e The Hurricane, che nel corso del match ha interpretato tutte le sue gimmick: dall’attuale e quella avuta ai tempi del regno da campione dei pesi leggeri, passando dal periodo dei Three count in WCW fino a chiudere con quella più amata dagli appassionati della disciplina. Il DCC è stato protetto, poiché non è stato pinnato direttamente ed il suo minimo coinvolgimento nella contesa è un segnale che la storyline con gli Hardy andrà avanti nel 2017. La Decay ha fatto un’altra ottima figura, sfruttando anche gli aspetti più cupi e sadici della gimmick, come nei momenti in cui Abyss ha “ucciso” i vari tag team delle indy usati come carne da macello. Inoltre l’esser stati eliminati per ultimi è la parola fine al feud con Brother Nero e Broken Matt, visto che alla storyline manca effettivamente una parola fine e meglio del finale di Apocalypto non poteva esserci.

Tuttavia, ho notato soltanto due piccole cose negative, che non hanno influito sul concetto e sul risultato del match: la prima è mancata una grossa sorpresa, come poteva essere una apparizione degli Young Bucks, anche se considerando quanto successo a Final Battle, i due spot monkey potrebbero farsi vedere presto in TNA. Mentre la seconda è che personalmente mi aspettavo più tag team ed è strano che non siano stati coinvolti i BroMans per la TNA o altri tag team esterni alla federazione, però nel caso dei secondi, esistono sempre problemi legati a budget, impegni e contratti con altre realtà. Tuttavia,come detto poco sopra, queste due cose negative non hanno influito sulla mia valutazione del segmento.

 

Ritornando alle domande iniziali, Tag Team Apocalypto non ha minimamente deluso le mie aspettative, è stato esattamente come mi aspettavo cioè un match/angle divertente, surreale e che non si è preso minimamente sul serio, poiché lo stesso Hardy sostiene che questa gimmick è dedicata a fan casual della disciplina, a differenza di quello più hardcore che segue tutte le varie realtà analizzandole in modo quasi scientifico, poiché interessato a vedere aspetti come il selling, i botch ed altro ancora soltanto per dare dei numerini ai vari incontri che ha visto, senza magari prendere in considerazione fattori più importanti.

Per quanto riguarda la seconda domanda, la Final Deletion rimane ancora superiore a tutti i vari segmenti, anche se Apocalypto è subito dopo in una ipotetica classifica di successo/gradimento personale (la Final Deletion è la puntata di Impact più seguita di tutto il 2016). Tale match rimane superiore poiché ci ha introdotto i vari personaggi secondari nella storyline, era piena di easter egg e riferimenti alle carriera dei due fratelli (i 7 droni che simboleggiano i 7 regni da campioni di coppia degli Hardys, prima ovviamente dell’ottavo regno ed attuale in TNA) e soprattutto è stato il primo capitolo della saga, godendo maggiormente del fattore sopresa ed originalità, mettendo in scena tutte i vari cliche e le varie meccaniche sui cui si fondano i successivi incontri. La Final Deletion ci ha introdotto il Broken Universe di colui che è il charachter del 2016, la mente dietro a tutto ciò.

 

In conclusione, vi consiglio di recuperare Apocalypto se avete voglia di farvi due risate e magari avere uno sguardo diverso della disciplina, cosa che si può anche apprezzare nel successo delle tre stagioni di Lucha Underground, perchè nel wrestling certi discorsi tecnici che si fanno regolarmente contanto fino ad un certo punto, poiché l’importante è divertirsi quando si vede uno show e, secondo il mio modesto parere, la storyline di Broken Matt è da diversi mesi che mi sta facendo divertire.

Mauro Chosen One
Nato in un paesino sperduto fra la nebbia della bassa Bergamasca, scrive per Zona Wrestling da 4 anni. Reporter di Impact, co-fondatore e co-curatore della rubrica "La Theme Song del giorno", editorialista a tempo perso. Tifoso sfegatato della Juventus e del Liverpool. Ha visto i suoi Dallas Mavs vincere le Finals. Si ritiene un gran fan di Edge,Scott Steiner, Drew Galloway Gail Kim, Emma, Bobby Roode, AJ Styles, Eli Drake, ECIII, Revival e tanti altri wrestler che non son tifati manco dai loro genitori. Sogna di diventare il nuovo Ron Burgundy.