Pubblicità

Nuovo appuntamento con l’editoriale dedicato alla scena italiana, stavolta è il nostro Violli che vi racconta la lunga ed entusiasmante tre giorni di Show che l’ICW ha tenuto, per il quarto anno di fila, all’interno della manifestazione Cartoomics, fiera dedicata al fumetto, Games e Cosplay tenutasi lo scorso Weekend a Rho (MI).

Prima di lasciarvi al report, un ringraziamento dovuto all’organizzazione del Cartoomics che ci ha permesso, fin dalla prima edizione, di seguire e raccontare gli show, unico sito ad averlo fatto dalla PRIMA edizione degli show all’interno della Fiera, un traguardo che ZW rivendica con onore, fatti attraverso prima i reportage del sottoscritto nelle prime due edizioni e poi dal nostro Violli nelle ultime due andate in scena.

Buona Lettura dunque!

Show 12,30

Match #1

Jari Syberia vs Ricky Rastelli

La maratona di wrestling a Cartoomics 2017 si apre con il ritorno sul Ring di Jari Syberia, impegnato contro “Lo Zingaro Vagabondo” Ricky Rastelli.

Nonostante il lavoro di Rastelli alla gamba sinistra del “Gigante dagli Occhi di Ghiaccio”, quest’ultimo si sbarazza piuttosto agevolmente dell’avversario grazie alla maggior stazza, finendolo con una Leg Trap Chokeslam dopo aver intercettato un volo dalle corde.

Vincitore: Jari Syberia

Match #2

Campionato Italiano di Coppia – Mr. Excellent & Ombra vs Hydra & Magic Degan

Primo match titolato della kermesse, con Ombra impegnato a sostituire Manuel Majoli come partner di Mr. Excellent.

Buon inizio dei face, con Hydra che tiene testa egregiamente a Mr. Excellent sul piano tecnico e Degan che mette in seria difficoltà Ombra. Il punto di svolta dell’incontro arriva quando “Il Purista” blocca le gambe di Hydra e lo fa cadere sull’apron, dando il via a una lunga fase di dominio (anche molto scorretto) che ha fine quando “Il Guerriero Dragone” connette con un Fisherman Suplex su Excellent e riesce a dare il cambio a un Degan “on fire” che riesce a gestire entrambi gli avversari, per poi dare di nuovo il tag a Hydra. “Il Guerriero Dragone” subisce però un calcio alla testa da parte del “Purista” ed è schienato da Ombra dopo una Caduta Nel Buio.

Vincitori e ancora Campioni Italiani di Coppia – Mr. Excellent & Ombra

Match #3

Urban Guerrilla (Tony Callaghan & Riot) vs Coach Lillo & Alexander Castro

Torna sul ring Riot, infortunatosi gravemente a luglio, e gli Urban Guerrilla, impegnati nei prossimi giorni nel torneo che metterà in palio una shot ai Titoli di Coppia, si trovano di fronte il duo composto da Coach Lillo e dal debuttante Alexander Castro.

Gli Urban Guerrilla vengono attaccati alle spalle dagli heel mentre salutano il pubblico, ma questo non impedisce loro di chiudere la pratica in circa un minuto, schienando Coach Lillo dopo averlo steso con la nuova versione della Black Block Bomb (con Riot che esegue un Reverse Jumping Bulldog, invece che una Backstabber).

Vincitori: Urban Guerrilla

Match #4

Psycho Mike vs Luke Strike

Match a senso unico quello che vede opposti “L’Innovatore del Dolore” e “Mr. Fuoricampo”: quest’ultimo riesce a tratti a mettere in difficoltà Psycho Mike, ma la metodica offensiva del veterano sul suo braccio sinistro lo porta a cedere a un Fujiwara Armbar (dopo essere riuscito ad uscire dalla presa una prima volta toccando le corde).

Vincitore: Psycho Mike

Main Event Campionato Italiano di Wrestling – Alessandro Corleone vs Gravity

Primo Main Event di giornata e grandissima occasione per il giovane Gravity.

Divertente l’inizio della sfida, con Corleone che vuole dimostrare di saper eseguire le stesse acrobazie dell’agile avversario; nonostante i risultati apprezzabili, il pubblico preferisce comunque Gravity e, frustrato, il Campione si lancia all’attacco, ma Gravity evita un primo colpo con una spaccata, un secondo con un ponte e completa la classica sequenza facendo volare Corleone con una Headscissors. “Il Padrino” mette rapidamente fine al momento di gloria del “Dominatore dell’Aria” scagliandolo a terra con un belly-to-Belly Suplex e inizia una fase di controllo basata sulle sue mosse di potenza, con cui riesce a interrompere le spettacolari reazioni di Gravity.

Quando una Running Powerslam gli frutta solo un due, Corleone si avventura sulla terza corda, ma Gravity lo fa cadere a suon di Dropkick e prova a chiudere con la SuperNova: Corleone però lo blocca, lo abbatte con un German Suplex e lo finisce con una Powerbomb (stessa mossa che usò per liquidare “Il Dominatore dell’Aria” a Cartoomics 2016 in una delle sue 23 storiche difese del Titolo Interregionale)

Vincitore e ancora Campione Italiano di Wrestling – Alessandro Corleone

 

Show 15,30

Match #1

Psycho Mike vs Tony Callaghan

Inizio caotico per il secondo show di giornata, con “Il Braccio Armato della Rivoluzione” attaccato alle spalle durante l’ingresso da uno Psycho Mike armato di mazza da kendo.

“L’Innovatore del Dolore” inizia a lavorare il braccio sinistro di Callaghan, che dopo una buona resistenza iniziale finisce per essere sopraffatto: soltanto dopo qualche minuto il vincitore dell’Academy Cup 2016 riesce a scrollarsi di dosso Mike proiettandolo via. L’incontro si fa più combattuto e sembra essere finito quando Callaghan, dopo aver subito una prima Vader Bomb, evita la seconda abbrancando Mike e schiantandolo con una Running Powerslam; interviene però Jester (seguace di Mike nei Discepoli del Dolore e suo partner nel torneo di coppia di questo weekend), che distrae l’arbitro impedendogli di contare il pin e permettendo al “Poeta della Violenza” di colpire di nuovo Callaghan con la mazza. “Il Braccio Armato della Rivoluzione” riesce a comunque ad eseguire una Double A Spinebuster, ma Psycho Mike lo intrappola subito in una Kimura Lock costringendolo alla resa.

Vincitore: Psycho Mike

Finito il match, Mike e Jester attaccano insieme Callaghan, che ripulisce però il ring con l’aiuto del compagno Riot.

Match #2

Jester vs Luke Strike

“Il Clown Paxxo” torna subito sul quadrato, impegnato contro Luke Strike.

Dopo una prima fase di chain, è “Mr. Fuoricampo” a prendere il sopravvento e Jester ripara fuori dal ring prima di arrivare a portarsi in controllo. Strike subisce a lungo, ma alla fine riesce a riprendersi e, dopo aver eseguito le sue trademark, stende Jester con una Gory Bomb. Psycho Mike arriva però a restituire il favore ricevuto nel match precedente e distrae “Mr. Fuoricampo” prima che questi tenti il pin; rinviene nel frattempo Jester, che mette fine alle ostilità con lo Spezzasorriso. I Discepoli del Dolore festeggiano il successo e dichiarano apertamente qual è il loro obiettivo: i Titoli Italiani di Coppia.

Vincitore: Jester

Match #3

Jokey vs Mary Cooper

Mary Cooper cerca subito la vittoria di rapina con un Roll Up su una Jokey distratta (intenta a lamentarsi per essere stata inserita in un match contro una “sconosciuta” invece che contro la Campionessa Italiana), che esce comunque al due.

Le due contendenti lottano ad armi pari, con Jokey che prevale all’inizio, ma subisce poi l’iniziativa della “Meraviglia del Fitness”. “La Bambola Psicotica” riesce però a convincere Mary a stringerle la mano e la scaglia contro un angolo, iniziando poi a fiaccarne la resistenza e contenendone le varie reazioni. “Il Fiore della Follia” pecca però di eccessiva sicurezza e mentre si lancia all’attacco viene sorpresa dal Roll Up che vale a Mary Cooper la prima vittoria per schienamento della sua giovane carriera.

Vincitrice: Mary Cooper

Incredula e frustrata, Jokey non lascia il ring e stende “La Meraviglia del Fitness” con una poderosa Spear; il match, però, è perso comunque.

Match #4 Campionato Interregionale – Nick Lenders vs Gravity

Sfida titolata all’insegna del rispetto quella tra i due beniamini del pubblico. Dopo i primi momenti dedicati al chain, il match prende ritmo e i due atleti si scambiano una rapida serie di tentativi di pin. Gravity riesce a prendere il sopravvento con un Roundhouse Kick, seguito da un potente Boot all’angolo e da uno Springboard Crossbody, ma la SuperNova viene parata dal “Goleador”, che risponde con un particolare Rainmaker che termina non con una Clothesline ma con un Forearm, poi scaglia lo sfidante contro un angolo e lo travolge con due Running Uppercut e infine lo mette al tappeto con un Exploder Suplex, ottenendo però solo un due. Con diverse varianti di calci Gravity riesce a riportarsi in controllo e prova il pin dopo un Moonsault; anche per lui solo un due. Il campione respinge una manovra del “Dominatore dell’Aria” e lo lancia alle corde, per poi stenderlo con un Lariat devastante e portare a casa il match con la Fit Spiral. Il grande rispetto tra i due lottatori è nuovamente suggellato con un abbraccio a match concluso.

Vincitore e ancora Campione Interregionale: Nick Lenders

Main Event Campionato Italiano di Wrestling – Alessandro Corleone vs David Silas

Il rientrante David Silas, ormai presenza fissa nell’inglese WAW, punta subito il Titolo Italiano detenuto dal “Padrino”.

Silas non riesce però a impensierire Corleone, forte di una stazza molto maggiore, finchè non lo sorprende con un calcio alto e lo attacca con una serie di bracci tesi all’angolo; manca però la Star Cutter ed è vittima del Bicycle Kick del Campione, che ottiene solo un due. Corleone cerca di chiudere i conti definitivamente col Bacio della Morte, ma Silas gli sfugge e lo fa vittima prima dell’Axe Kick, poi di un tuffo dalle corde, ricavando anche lui dei due. Corleone lancia Silas verso un angolo, dove si rintana l’arbitro: Silas si ferma in tempo, ma Corleone lo colpisce con un Low Blow e lo schiena con un Bridging German Suplex.

Vincitore e ancora Campione Italiano di Wrestling – Alessandro Corleone

 

Show 17,30

Match #1

I Discepoli del Dolore (Psycho Mike & Jester, w/Jokey) vs Ricky Rastelli & El Tecnico

Canovaccio classico anche per questo Tag Team Match, che inizia con un doppio confronto tra Jester e El Tecnico e Mike e Rastelli, procede con quest’ultimo isolato e vittima delle numerose scorrettezze degli heel fino all’hot tag a El Tecnico che fa piazza pulita. Dopo una fase finale parecchio concitata, a prevalere sono i Discepoli, con Jester che schiena Rastelli dopo un Double Underhook Facebuster assistito da Psycho Mike.

Vincitori: I Discepoli del Dolore

Match #2

Ombra vs Magic Degan

Magic Degan parte bene disorientando Ombra con la sua velocità, ma si distrae cercando l’appoggio del pubblico e subisce la controffensiva dell’”Anima Spezzata”, tanto aggressivo e scorretto da mordere “Il Principe della Pista da Ballo”. L’emulo di Michael Jackson riesce a ritagliarsi un po’ di spazio con calci e Forearm e stende Ombra con una Fameasser; non riesce però a mettere a segno una Sweet Chin Music e rischia di subire la Caduta Nel Buio, la ribalta in un pin, ma Ombra si rialza, lo atterra con un Lariat e connette con la sua finisher per il conto di tre.

Vincitore: Ombra

Match #3 Campionato Italiano di Coppia – Mr. Excellent e Manuel Majoli vs Leon & Jake L’Aviatore

Dopo un buon inizio degli sfidanti, che rispondono colpo su colpo alle iniziative dei veterani, i Campioni prendono il controllo del match quando Mr. Excellent colpisce Jake con un calcione alla testa. Comincia un lungo calvario per L’Aviatore, vittima dell’arcinota maestria degli avversari nella tecnica e nella durezza dei colpi (sempre impressionanti le Chop di Majoli), interrotto solo da una Double A Spinebuster che costringe Mr. Excellent a dare il cambio al “Maestro”, permettendo al giovane piemontese di far entrare a sua volta Leon, che tiene testa all’Hall of Famer con calci alti e Clotheslines, prima di travolgerlo con un Crossbody in una variante della leggendaria Doomsday Device. Mr. Excellent interrompe il conteggio e Jake gli si lancia contro, finendo però fuori dal quadrato, dove “Il Purista” lo abbatte con un Superkick; sul ring intanto Majoli rifila a Leon un Tiger Driver e lo finisce con la 450° Splash.

Vincitori e ancora Campioni Italiani di Coppia – Mr. Excellent & Manuel Majoli

Main Event Campionato Interregionale – Nick Lenders vs David Silas

Silas rifiuta la stretta di mano offerta dal Campione, ma la sua arroganza non sembra essere supportata dai fatti: il rookie WAW infatti finisce presto fuori dal ring, dove “Il Goleador” lo raggiunge e lo fa oggetto di svariate Chop, prima tra il pubblico, poi una contro il paletto; quando però Lenders ci riprova, Silas si sposta e la mano del Campione Interregionale incoccia duramente contro l’acciaio, dove poi subisce anche un Irish Whip. Riportato sul ring, Lenders si riprende, ma il tentativo di Fit Spiral è ribaltato e Silas mette a segno l’Axe Kick. Dopo alcuni minuti di sofferenza Il Numero Uno fa cadere dall’angolo lo sfidante (che voleva un Superplex) e lo stende con un Missile Dropkick, che lascia entrambi stremati al tappeto. I due contendenti si rialzano scambiandosi colpi: prevale Lenders, che esegue poi alcune delle manovre caratteristiche del suo repertorio; il particolare Rainmaker di cui abbiamo parlato prima viene però trasformato da Silas in una fulminea Star Cutter (“out of nowhere”, come dice qualcuno tra il pubblico). Lenders esce dal pin al due e Silas, sconcertato, smonta il cuscinetto più alto da un angolo del ring; l’arbitro se ne accorge e si mette subito all’opera per riagganciare la protezione, ma naturalmente è tutta una tattica: Silas si procura infatti una sedia con cui si lancia all’attacco del Campione, che però si scansa, facendo finire la sediata contro le corde e, di rimbalzo, sul volto dello sfidante; per Lenders è così un gioco da ragazzi applicare il suo Rainmaker e la Fit Spiral e riportare a casa la cintura. Terminate le ostilità, il Campione offre di nuovo la mano a Silas, che questa volta accetta e lo abbraccia, riconoscendone la vittoria.

Vincitore e ancora Campione Interregionale: Nick Lenders

Finisce la prima giornata dello Show, dopo una notte di riposo, si apre la seconda giornata di Show al Cartoomics:

Show 12,30

Match #1 Campionato Interregionale – Nick Lenders vs Mirko Mori

La seconda giornata di Cartoomics inizia con il ritorno in Italia di Mirko Mori: il fu Mark Fit, prossimo al debutto in PROGRESS, sfida l’ex amico Nick Lenders, che proprio lui aveva festeggiato al momento della vittoria del Titolo Interregionale a settembre nella loro Brescia (in quello che fu l’ultimo show di Mori prima della partenza).

L’astio tra i due neo rivali si esprime immediatamente nello scatenato scambio di Forearm che apre il match, match che si trasforma subito in una vera e propria fiera di chop; ed è proprio una Chop a mettere nei guai Lenders, che colpisce il palo mentre Mori si sposta. Lo sfidante controlla il match e rifila al “Goleador” una serie di calci potentissimi, prima che quest’ultimo riesca a mettere a segno i classici Uppercut all’angolo seguiti dall’Exploder Suplex: ma Mori lo colpisce ancora con dei calci e uno Shining Wizard che gli vale un due. Frustrato, l’ex Fit si avventura sulle terza corda e si lancia in un Footstomp, che il Campione scansa, per poi abbattere lo sfidante con un Lariat e provare la Fit Spiral, ma Mori lo fa cadere sullo stesso braccio che aveva prima incocciato contro l’angolo (e che più volte poi era stato colpito nel frattempo) e gli rifila un calcione al volto. Lenders esce ancora al due e, seppur stremato, sputa in faccia all’avversario; è il canto del cigno: Mori infatti lo finisce calciandolo di nuovo, prima in faccia, poi al petto. Nuovo Campione Interregionale, Mirko Mori ostenta ancora l’odio per il rivale sconfitto calpestandolo due volte.

Vincitore e nuovo Campione Interregionale – Mirko Mori

Match #2 Cartoomics Tag Team Tournament – Semifinale – I Titani (Goran Il Barbaro & Taurus) vs Urban Guerrilla (Tony Callaghan & Riot)

Prima semifinale del torneo che mette in palio una Shot ai Titoli di Coppia, una delle grandi attrazioni degli eventi di quest’anno a Cartoomics; dopo il ritorno in grande stile di ieri, gli Urban Guerrilla si trovano di fronte a una delle sfide più ostiche della loro carriera, contro I Titani.

Le difficoltà sono evidenti sin da subito per le giovani promesse della categoria di coppia: Taurus infatti non va al tappeto per le loro spallate neppure quando gli si lanciano contro insieme ed è anzi lui a stendere entrambi con una doppia Clothesline, per poi dare il cambio a Goran, che sale sulla seconda corda e con un Bulldog fa cadere il gigantesco partner su Riot. “L’Anima della Rivolta” viene isolato e solo dopo qualche minuto di sofferenza riesce ad allontanare da sé Il Barbaro per il tempo necessario a far entrare al suo posto Callaghan, che stende Goran; il pin viene interrotto da Taurus, Riot accorre in difesa del compagno, ma è vittima della Toroslam della “Montagna che Cammina”. I Titani s’impossessano del bidone dei loro avversari: Goran sale sulla seconda corda con l’”arma”, mentre Taurus tiene fermo Callaghan; “Il Braccio Armato della Rivoluzione” riesce però a divincolarsi e il colpo lo riceve Taurus, lasciando “Il Guerriero Longobardo” disorientato e facile preda della particolare High and Low degli Urban Guerrilla (Lariat di Callaghan + calcio dietro il ginocchio di Riot).

Vincitori: Urban Guerrilla

Match #3 Campionato Italiano Femminile – Queen Maya vs Jokey

Si rinnova la rivalità tra Queen Maya e Jokey, ormai un classico della ICW a Cartoomics.

Jokey parte bene, evitando i colpi della Regina grazie alla sua velocità, che le permette anche di mettere in difficoltà la Campionessa con delle tecniche acrobatiche, finché una di queste non viene trasformata da Maya in un Facebuster. Le cose si mettono male per Jokey (che, tra le altre cose, subisce anche uno Swing), ma “Sua Altezza” si arrampica sulle corde, terreno a lei poco congeniale, e Jokey la butta giù, inanellando poi una serie di buone mosse, prima di essere nuovamente abbrancata dalla Campionessa, che la porta sull’angolo, intenzionata a finirla con un Superplex. “Il Fiore della Follia” però non si lascia proiettare e tra le due lottatrici parte una battaglia di Chop ad alta quota: prevale Jokey, che poi scende e si lancia con un Dropkick su una Maya rimasta appesa a testa in giù. “La Regina del Ring” tenta all’improvviso L’Editto Reale, ma Jokey si libera e la travolge con una Spear, con cui sfiora la vittoria; stesso esito anche dopo un Crossbody dalla corda più alta. “La Bambola di Halloween” commette però l’errore di ripetere la stessa mossa due volte di fila e Queen Maya l’afferra e la sconfigge con L’Editto Reale.

Vincitrice e ancora Campionessa Italiana Femminile – Queen Maya

Main Event Campionato Italiano di Wrestling – Alessandro Corleone vs Ghostbuster

Prima difesa di giornata per “Il Padrino” contro una delle presenze fisse di ICW Live @ Cartoomics.

“L’Acchiappafantasmi” non riesce a misurarsi con il campione sul piano della forza, ma lo umilia sgambettandolo e schiaffeggiandolo. Corleone chiama a sé l’arbitro millantando problemi a un occhio dopo lo schiaffo dell’avversario, che casca nella trappola e quando gli si avvicina finisce col volto contro l’angolo. La potenza di Corleone fiacca lo sfidante, che rientra nel match schivando un tuffo del “Padrino”; la reazione di Ghostbuster ha però vita breve: un Double Axe Handle dalla seconda corda viene infatti intercettato da un Belly-to-Belly del Campione, che, non riuscito a vincere, prova il Bacio della Morte; ma “L’Acchiappafantasmi” gli sfugge e lo abbatte con un Superkick, per il conto di due. Lo sfidante ripete la mossa, ma Corleone para il calcio, “passa” la gamba all’arbitro e dopo aver messo le dita negli occhi dell’avversario chiude con la sua finisher la contesa e il primo evento di giornata.

Vincitore e ancora Campione Italiano di Wrestling – Alessandro Corleone

Show 14,30

Match #1 Rumblecomics

Siamo dunque giunti al momento della seconda grande attrazione di ICW Live @ Cartoomics 2017: si tratta della prima edizione della Rumblecomics, una vera e propria Royal Rumble a venti partecipanti* (ingressi ogni novanta secondi) che mette in palio una shot per un titolo ICW da sfruttare entro l’ultimo show di domani.

Destino vuole che ad aprire le danze siano il nuovo Campione Interregionale Mirko Mori e l’ex campione Nick Lenders, che naturalmente non perdono tempo e rinnovano le ostilità (più avanti nel match sarà proprio Mori a eliminare Lenders). Col numero tre entra Danny Price, seguito da Gargoyle, che dispensa finisher a tutti i presenti.

Con il passare dei minuti il ring si affolla senza che capiti nulla di eclatante (da segnalare Gabriel Bach che lotta travestito, in pieno spirito Cartoomics, Danny Price che si butta fuori da solo pur di essere risparmiato da Goran Il Barbaro e il ritorno in ICW di Hardcore Cassi). Il match sale di ritmo con l’entrata di uno scatenato Doblone (numero 9), che trova presto il supporto del suo sgherro Rick Barbabionda (numero 11); nel mezzo, l’ingresso di Manuel Majoli e le sue Chop rifilate a destra e a manca. Con il numero 14 entra Taurus, che viene subito assalito da tutti i lottatori sul ring, ma se li scrolla di dosso senza fatica e novanta secondi dopo elimina un Coach Lillo versione Santino Marella 2009. Qualche minuto dopo ci saluta, eliminata da Nemesi, anche la Ciurma, con Doblone disperato che viene portato via di peso dagli arbitri. Un altro che non vuole saperne di andarsene è David Silas: eliminato già da un po’, cerca improvvisamente di rientrare nel ring, ma lo ferma tempestivamente uno staffer; la scena si ripete in modo comico più volte, con Silas che minaccia il povero addetto, sempre più esasperato.

Quando il ring si svuota restano in quattro: Taurus, Nemesi, Psycho Mike e Mirko Mori, abile fin qui a restare fuori dall’azione il più possibile e a evitare in più circostanze l’eliminazione. Immediatamente, i tre pesi leggeri si coalizzano contro “La Montagna che Cammina”: il gigante riesce in un primo tempo a opporsi, ma poi le tecniche degli avversari che si abbattono su di lui senza sosta hanno la meglio e il Titano è eliminato. A questo punto è Nemesi a dover subire l’alleanza degli altri avversari, ma Psycho Mike tenta di gabbare il Campione Interregionale, che risponde per le rime: entrambi finiscono fuori dalle corde e per Nemesi è un gioco da ragazzi spingerli giù entrambi con un doppio calcio.

Vincitore: Nemesi

“Il Mezzo Demone” non fa però in tempo a godersi il trionfo che alle sue spalle lo assalta Alessandro Corleone: il Campione Italiano mette KO Nemesi e lo sfida a giocarsi la title shot nello show delle 17,00, sfida accettata da Nemesi quando riprende le forze. Abbiamo dunque sancito il Main Event dell’ultimo show di oggi, ma prima dobbiamo assistere al Main Event di questo.

*Partecipanti (in ordine d’ingresso): Mirko Mori, Nick Lenders, Danny Price, Gargoyle, Gabriel Bach, David Silas, Goran Il Barbaro, Hardcore Cassi, Doblone, Manuel Majoli, Rick Barbabionda, Psycho Mike, Cronic, Taurus, Coach Lillo, Nemesi, Leon, Zlatan, Jack Skellington, Mr. Excellent

Main Event

Fabio Ferrari vs Corvo Bianco

Inizia ad armi pari la contesa tra i due maggiori esponenti dell’area piemontese della ICW, con una leggera prevalenza di Corvo Bianco (tifatissimo dal pubblico), che poi umilia “Il Rampollo della Famiglia Ferrari” abbassandogli il costume e calpestandogli la mano destra che offriva in segno di pace (intuendo probabilmente un inganno). Ferrari riesce a portarsi in controllo mettendo le dita negli occhi all’”Intelligenza Superiore della ICW”; Corvo subisce a lungo, ma riesce alla fine ad atterrare “Il Fenomeno” con uno Spinning Kick e a farlo finire fuori dal quadrato con una Headscissors. L’alter ego di Red Devil riprende rapidamente in mano il match, ma sbaglia il Devilsault e viene sorpreso dal Roll Up che vale a Corvo Bianco la vittoria e l’ovazione dei fan. Concluso il match, grandi applausi anche per l’arbitro, che spinge via Ferrari che protesta in modo arrogante.

Vincitore: Corvo Bianco

 

Show 17,00

Match #1 Cartoomics Tag Team Tournament – Semifinale – I Discepoli del Dolore (Psycho Mike & Jester, w/ Jokey) vs I Ragazzi Prodigio (Akira & Gravity)

L’ultimo show della giornata si apre con la seconda semifinale del torneo di coppia: ad affrontarsi per stabilire gli avversari degli Urban Guerrilla sono il tag team più giovane della federazione, I Ragazzi Prodigio, e una squadra riformata in questi giorni per la prima volta dopo oltre un anno, I Discepoli del Dolore.

Partono fortissimo le due promesse ICW, che con agilità e gioco di squadra mettono in  seria difficoltà gli avversari; le sorti del match si invertono quando Jester afferra Gravity e lo scaglia contro il ginocchio di Psycho Mike. Isolato per qualche minuto, “Il Dominatore dell’Aria” sfugge a un doppio Suplex e stende gli heel con una doppia Neckbreaker, per poi dare il cambio ad Akira, che fa piazza pulita e stende Mike con una Double Knee dalla terza corda, ma Jokey distrae l’arbitro e permette a Jester di far perdere l’equilibrio sulle corde al giovane bergamasco, che poi lui e “Il Morboso Mentore” abbattono con un Superplex. Anche Akira si ritrova dunque tra le grinfie dei Discepoli, ma riesce a sfuggire a una Vader Bomb di Psycho Mike e dà il tag a Gravity. I Ragazzi Prodigio sembrano sul punto di portare a casa il match, ma grazie all’aiuto irregolare di Jester Psycho Mike applica una letale presa di sottomissione (che agisce su schiena, collo e braccia) su Gravity, che non può far altro che cedere.

Vincitori: I Discepoli del Dolore

Match #2

Tenacious Dalla vs David Silas

Silas inizia la contesa scendendo dal ring ed evitando il confronto, e ne ha ben donde dal momento che quando torna sul quadrato subisce il classico Legdrop e il Monkey Flip di Dalla; l’arrogante rookie WAW scappa di nuovo e usa un fan come scudo, fermando “Il Tenace” per poi farlo cadere dall’apron. Silas riporta sul ring l’ex Campione dei Pesi Leggeri e lo stende con la Silas in The Bank, dando inizio a una fase di dominio, seguita dal ritorno di Dalla,  che mette a segno le sue trademark e cerca di chiudere con una Powerbomb, che Silas ribalta in un Back Dody Drop. Silas cerca la Star Cutter, ma Dalla evita e prova la Satellite DDT, che Silas ribalta nella Cutter, ottenendo però solo un due e finendo poco dopo vittima della Satellite, anche quella però insufficiente. Silas infila le dita negli occhi a Dalla e lo solleva, ma “Il Tenace” lo sorprende con un improvviso Victory Roll e vince l’incontro.

Vincitore: Tenacious Dalla

Match #3

Doblone vs Goran Il Barbaro

Dopo il classico siparietto in cui cerca senza successo il tifo del pubblico (che lo fischia sonoramente), Doblone inizia il match cercando di far cadere Goran con delle spallate, che ovviamente “Il Guerriero Longobardo” sente a malapena; irritato Doblone lo schiffeggia e Goran risponde per le rime, facendolo anche vittima dei Tamburi di Guerra. Doblone però gli mette le dita negli occhi durante un Suplex e lo colpisce con un Dropkick alla gamba sinistra, che diventa immediatamente l’obiettivo dell’offensiva del “Pirata Maledetto”. Goran riesce ad allontanare Doblone, per poi intercettare un suo tuffo e provare una Chokeslam, che però l’ex Campione Europeo dei Pesi Leggeri trasforma abilmente in un Ankle Lock; “Il Guerriero Longobardo” resiste e una volta rimessosi in piedi abbatte improvvisamente Doblone con l’Ariete.

Vincitore: Goran Il Barbaro

Main Event Campionato Italiano di Wrestling – Alessandro Corleone vs Nemesi

La contesa, di cui abbiamo visto prima l’antefatto, inizia con Nemesi che, rendendosi conto che è inutile  provare a confrontarsi con Corleone sul piano della forza, punta con più successo sulla velocità, salvo essere subito atterrato dal Bicycle Kick del Campione. “Il Padrino”, particolarmente aggressivo, cerca di strangolare lo sfidante, arrivando anche a strappare la maglietta all’arbitro e usare quella, dopo l’ennesimo rimprovero del direttore di gara. Corleone domina il match grazie alla sua maggior stazza, fino a quando Nemesi non riesce a riequilibrare il match con le sue tecniche acrobatiche e rischiose, cui fanno da contraltare le power moves del Campione. Dopo aver ribaltato una Slam del “Padrino” in una Inverted DDT, “Il Mezzo Demone” sale sulla terza corda e prova un Double Footstomp, ma Corleone si sposta e lo asfalta con La Cupola. Nemesi però resiste e sfugge alla ripetizione della mossa, stende “Il Padrino” con un Superkick e lo schiaccia con uno Springboard Moonsault; anche per lui però c’è solo un due. Rialzatosi, Corleone lancia Nemesi verso l’angolo dove si trova l’arbitro, che si ripara e non vede il Low Blow del Campione Italiano (stessa strategia adoperata ieri contro Silas); una Powerbomb, infine, manda definitivamente in frantumi i sogni di gloria del “Mezzo Demone”.

Vincitore e ancora Campione Italiano di Wrestling – Alessandro Corleone

E con una seconda giornata che ci ha regalato i finalisti del Torneo Tag Team e un nuovo Campione, si chiude la seconda giornata, pronti per viverci la terza e ultima giornata di questo lungo Weekend di Wrestling al Cartoomics:

Show 12,30

Match #1 Cartoomics Tag Team Tournament – Finale – Urban Guerrilla (Tony Callaghan & Riot) vs I Discepoli del Dolore (Psycho Mike & Jester)

Si comincia la terza giornata con la finale del torneo di coppia e i Discepoli del Dolore non perdono tempo, attaccando alle spalle gli avversari intenti a salutare il pubblico. Gli Urban Guerrilla rispondono bene, ma vengono attirati fuori dal ring e i Discepoli prendono il mano le redini dell’incontro isolando Tony Callaghan; anche quando quest’ultimo riesce a dare il cambio a Riot la musica non cambia. Soltanto il nuovo ingresso di Callaghan (che tra le altre cose atterra Psycho Mike con un Vertical Suplex) riesce a ribaltare le sorti del match e, dopo qualche momento di confusione, sono proprio gli Urban Guerrilla a prevalere grazie alla High and Low e a guadagnare il diritto di competere per i Titoli di Coppia più tardi.

 

Vincitori: Urban Guerrilla

Scontento per l’esito della contesa, Psycho Mike attacca Jester, che lo stende però con lo Spezzasorriso. Furioso, “Il Clown Paxxo” sfida “Il Morboso Mentore” per lo show delle 14,00, sfida prontamente accettata dal “Poeta della Violenza”, che torna sul ring e attacca ancora il rookie GPWA; la rissa viene sedata a fatica dal resto del roster ICW e l’appuntamento è per le 14,00.

Match #2 Campionato Italiano Femminile – Queen Maya vs Jokey

Dopo la sconfitta patita ieri, Jokey ritenta l’assalto al Titolo Femminile.

“Il Fiore della Follia” viene scagliata via da Queen Maya nel Lock Up; quando La Regina la sfida a una prova di forza, quindi, Jokey le pesta un piede e applica una Headlock solidissima, per poi farla scappare fuori dal ring dopo una Headscissors, un Dropkick e un Monkey Flip. Da fuori però Maya le afferra le caviglia facendola cadere e domina l’incontro grazie alla sua stazza, contenendo tutte le reazioni della “Bambola di Halloween”. Quest’ultima riesce a ritagliarsi lo spazio necessario per la controffensiva evitando un colpo della Campionessa all’angolo, per poi mettere a segno alcune tra le sue manovre migliori e rinchiuderla nella Muta Lock. “Sua Altezza” si rialza e solleva Jokey in Samoan Drop e con lei sulle spalle sale sulla seconda corda: la sfidante però le sfugge e la mette al tappeto con una Sundet Flip Powerbomb che le vale un due, stesso risultato che ottiene anche dopo il successivo Springboard Crossbody. Maya prova di nuovo il Samoan Drop e di nuovo Jokey le scappa, atterrandola poi con una Spear, anch’essa insufficiente. “Il Fiore della Follia” sale ancora in quota, ma la Campionessa la agguanta e la fa cedere alla Ruota della Tortura.

Vincitrice e ancora Campionessa Italiana Femminile: Queen Maya

Main Event Campionato Interregionale – Nick Lenders vs David Silas

Prima del Main Event, il presentatore dello show sale sul ring con la cintura Interregionale e c’informa che purtroppo, come molti hanno potuto vedere prima dell’inizio, Mirko Mori ha riportato la rottura di un polso in allenamento (il sottoscritto e tutta la redazione di Zona Wrestling augurano a Mori un pronto e completo recupero!) ed è stato quindi costretto a lasciare vacante il Titolo, conquistato appena ieri. A contendersi l’alloro saranno ora l’ex detentore Nick Lenders e David Silas, che ha già avuto una chance per questo titolo venerdì.

I due lottatori cominciano la contesa scambiandosi spallate e Side Headlock, prima di andare a scambiarsi colpi fuori dal ring come venerdì e, come venerdì, Lenders manca una Chop all’angolo incocciando duramente contro l’acciaio. Silas rimane in controllo finchè “Il Goleador” non va segno con la sequenza Lariat-Uppercuts-Exploder, seguita da un Missile Dropkick; Lenders prova quindi la Fit Spiral, ma Silas lo sorprende dal nulla con la Star Cutter, che gli porta un conto di due. Silas decide allora di impadronirsi del coperchio del bidone degli Urban Guerrilla (rimasto nei pressi del ring dopo l’opener), che l’arbitro prontamente gli strappa di mano; anche qui però Silas sta ripetendo quanto già visto due giorni fa: con il direttore di gara distratto recupera infatti la cintura, ma, sempre come l’altro ieri, la tattica non va a buon fine, dal momento che Lenders evita il colpo e, dopo un calcio, finisce Silas con la Fit Spiral che gli regala il secondo Titolo Interregionale.

Vincitore e nuovo Campione Interregionale: Nick Lenders

 

Show 14,00

Match #1

Psycho Mike vs Jester

Resa dei conti tra i due ex partner dopo i fatti dello show precedente.

L’astio è palpabile e Jester si catapulta sul ring iniziando subito a scambiar colpi con Psycho Mike, che viene messo a terra da una spallata e chiuso in una Crossface da cui si libera toccando le corde. Mike fugge fuori dal ring e Jester, ingenuamente, lo segue, finendo per avere un braccio danneggiato e scagliato anche contro un paletto. “Il Poeta della Violenza” si diverte a infliggere il suo poco raccomandabile trattamento al “Clown Paxxo”, che però resiste, controbatte e improvvisamente ribalta un pin di Mike, schienandolo. Adirato per la sconfitta, “L’Innovatore del Dolore” aggredisce di nuovo l’ex seguace, che però lo travolge con lo Spezzasorriso e lo allontana, chiudendo in grande stile il suo weekend italiano.

Vincitore: Jester

Match #2 Campionato Italiano Femminile – Queen Maya vs Mary Cooper

Nuova difesa titolata per Queen Maya, questa volta contro la più recente aggiunta alla categoria femminile ICW, la bergamasca Mary Cooper, protagonista di una vittoria di rapina su Jokey due giorni fa e tifatissima dal pubblico, a differenza dell’arrogante Maya.

“La Meraviglia del Fitness” non si lascia intimidire dalla potenza della Regina e risponde con alcuni Forearm al petto, per poi abbassare la terza corda e far cadere fuori dal quadrato la Campionessa, umiliata anche da una Baseball Slide. “Sua Altezza” però ritorna immediatamente sul ring e intercetta con una gomitata una corsa della sfidante, che è poi vittima dell’iniziativa della “Regina del Ring”. Mary Cooper riesce infine a reagire, fa volare Queen Maya con una Headscissors e, dopo aver ribaltato un tentativo di Editto Reale in un Victory Roll e colpito la Campionessa con delle Chop, sfiora la vittoria con la Kiss The Carpet. È però ancora troppo il divario tra le due contendenti e, nonostante la buona prestazione della “Meraviglia del Fitness”, Queen Maya chiude i conti poco dopo con l’Editto Reale.

Vincitrice e ancora Campionessa Italiana Femminile – Queen Maya

Main Event Campionato Italiano di Wrestling – Alessandro Corleone vs Red Devil

Dopo aver sopraffatto quattro sfidanti in due giorni, Alessandro Corleone torna in azione anche oggi per affrontare quello che è probabilmente il più ostico tra gli avversari del weekend, il cinque volte Campione Italiano Red Devil, in un’altra sfida ormai tradizionale a Cartoomics.

I due lottatori iniziano la contesa lavorandosi reciprocamente le braccia, con Red Devil che prevale grazie al suo stile misto e Corleone che addirittura fugge tra il pubblico. Il momento di svolta arriva quando il Campione sfugge a un Devilsault: “Il Fenomeno” infatti, pur atterrando in piedi, riporta danni al ginocchio sinistro, su cui “Il Padrino” si avventa subito come un falco. Tutte le controffensive di Red Devil sono neutralizzate dall’infortunio o dalle scorrettezze di Corleone (che sotto gli occhi dell’arbitro arriva a smontare uno dei cuscinetti protettivi all’angolo, anche se poi è lui a finire con la testa contro il ferro vivo). Quando “Il Padrino” manca uno Splash dalla seconda corda il match si fa più combattuto, con la potenza del Campione contrapposta al dinamismo dello sfidante, il quale, seppur visibilmente provato per il ginocchio malandato, dopo aver evitato un’inusuale Frog Splash di Corleone, connette col Devilsault, che gli frutta però solo un due. “Il Padrino”, ancora nel match, decide di ricorrere alla stessa tattica già adoperata con successo contro David Silas e Nemesi negli scorsi giorni: scaglia Devil verso l’arbitro e, quando quest’ultimo si ripara, rifila al rivale il Bicycle Kick della vittoria.

Vincitore e ancora Campione Italiano di Wrestling – Alessandro Corleone

 

Show 16,30

Campionato Italiano di Coppia – Mr. Excellent & Manuel Majoli vs Urban Guerrilla (Tony Callaghan & Riot)

L’ultimo evento di ICW Live @ Cartoomics 2017 si apre con l’atteso match per i Titoli di Coppia, in cui gli Urban Guerrilla, vincitori del torneo andato in scena in questi giorni, tentano l’assalto alle cinture detenute da Mr. Excellent e Manuel Majoli.

Dopo una buona partenza degli sfidanti, i veterani prendono il controllo grazie a un blind tag del “Maestro”, che stende poi Riot con la sua particolare Sling Blade (che termina in Legdrop). “L’Anima della Rivolta” viene isolato e solo dopo aver subito a lungo l’offensiva degli esperti avversari riesce ad allontanare Mr. Excellent con una serie di calci e un Enziguri, ritagliandosi lo spazio necessario per dare il cambio a Tony Callaghan. “Il Braccio Armato della Rivoluzione” fa piazza pulita degli avversari (arriva anche a proiettarli entrambi con un doppio Suplex) e cerca la vittoria dopo una Powerslam sul “Purista”, salvo vedere il pin interrotto da Majoli. Interviene allora Riot, che stende l’Hall of Famer con un German Suplex che lo fa finire fuori dal ring; nel frattempo Mr. Excellent colpisce Callaghan con un Boot all’angolo, ma viene abbrancato e subisce la 3B che consegna il primo Titolo agli Urban Guerrilla (e primo in assoluto per Riot).

Vincitori e nuovi Campioni Italiani di Coppia – Urban Guerrilla

Match #2

Andy Manero vs Jari Syberia

Passerella di Cartoomics anche per Andy Manero, che rifiuta la stretta di mano offertagli dal “Gigante dagli Occhi di Ghiaccio”.

“La Stella del Sabato Sera” non sembra però in grado di sostenere il confronto col più possente avversario, il quale, oltre a spingerlo più volte a battere in ritirata fuori dal ring grazie alla sua forza, si esibisce anche in una Rope Walk. Syberia manca però un colpo all’angolo e Manero ne approfitta andando a lavorargli il braccio sinistro; dopo qualche minuto di sofferenza (se si fa eccettua una bella presa alle gambe da parte sua), Syberia riesce a riprendersi grazie alla sua potenza (Shoulder Block dalla seconda corda, Pounce e Gorilla Press Slam) e il match si fa più combattuto. Il finale è concitato: Manero stende per sbaglio l’arbitro con una Clothesline prima di essere a sua volta atterrato da una Chokeslam; Syberia schiena “Il Bullo Ballerino”, ma l’arbitro è ancora al tappeto e “Il Gigante dagli Occhi di Ghiaccio”, nello svegliarlo, si rende vulnerabile a un Low Blow e alla Stayin’ Alive decisiva.

Vincitore: Andy Manero

Match #3 Cruiserweight Cup – Elimination Tag Team Match – Doblone, Ricky Rastelli, Danny Price, Coach Lillo & Max Rotten vs Tenacious Dalla, I Ragazzi Prodigio (Akira & Gravity), Gargoyle & Luke Strike

L’ultima delle grandi attrazioni di ICW Live @ Cartoomics 2017 è la seconda edizione della Cruiserweight Cup, dalla formula tutta nuova: non più una coppa da conquistare in un Gauntlet Match e che garantisce una shot al Titolo dei Pesi Leggeri, ma un trofeo di squadra messo in palio in un match a eliminazione.

Dopo il consueto siparietto in cui Doblone paragona la reazione del pubblico per lui con quella per l’avversario e l’arbitro (come al solito con pessimi risultati), “Il Pirata Maledetto” rifiuta il confronto con Tenacious Dalla e dà il cambio al rientrante Max Rotten. Poco dopo tutti e dieci gli atleti partecipano ad un Suplex collettivo, che vede prevalere il team face, mentre gli heel vengono proiettati e si disperdono ai quattro angoli, venendo colpiti da Luke Strike, che però è eliminato da una DDT di Rotten, a sua volta sorpreso ed eliminato dalla NotreDame Trap di Gargoyle. “Il Mostro di Pietra” viene isolato dagli avversari, ma dopo un rapido cambio con Dalla, schiena Coach Lillo con un Sunset Flip dalle corde; “Il Guru del Benessere”, adirato, colpisce però Gargoyle con un Low Blow e il wrestler mascherato è facile preda del pin di Danny Price. “Il Rampollo della Torino Bene” si trova però in difficoltà di fronte alle acrobazie dei tre face rimasti: Doblone e Ricky Rastelli invadono quindi il ring e, dopo aver buttato giù dall’apron I Ragazzi Prodigio, vestono con Price i panni dello Shield, eseguendo una Triple Powerbomb che non lascia speranze a Tenacious Dalla (schienato da tutti e tre). Alla stessa sorte sembra destinato anche Akira, ma “Il Ragazzo Prodigio”, con l’aiuto fondamentale di Gravity, evita la mossa ed elimina Danny Price. Gli heel restano però in vantaggio isolando Gravity e (dopo una Gutbuster di Doblone) lo colpiscono anche con un’altra mossa celebre, la Wassssup? dei Dudley Boyz (con Doblone nelle vesti di Bubba Ray e Rastelli in quelle di D-Von); “Il Dominatore dell’Aria” però resiste e, sfuggito a un doppio Suplex, stende gli avversari con una Neckbreaker e dà il tag ad Akira, che fa piazza pulita e col supporto di Gravity (che lo salva da una Jolly Roger) elimina Rastelli. Rimasto da solo, dopo un momento di disperazione in cui chiede a chiunque gli capiti a tiro di salire sul ring e aiutarlo, Doblone oppone una stoica resistenza agli attacchi dei Ragazzi Prodigio (che inizialmente lo affrontano anche insieme) e sfiora l’eliminazione di Gravity con la Jolly Roger. “Il Dominatore dell’Aria” però resiste e poco dopo lui e Akira colpiscono “Il Pirata Maledetto” con il loro doppio calcio all’angolo, seguito dalle finisher dei due giovani: prima SuperNova di Gravity, poi Rolling DDT di Akira, per il conto di tre. I Ragazzi Prodigio regalano così la Cruiserweight Cup alla loro squadra, che festeggia con loro il trionfo.

Vincitori: Tenacious Dalla, I Ragazzi Prodigio, Gargoyle & Luke Strike  (Sopravvissuti: I Ragazzi Prodigio)

 Match #4

Miroslav Mijatovic vs Zlatan

Prima che la manifestazione si concluda c’è spazio per vedere in azione anche Miroslav Mijatovic, in un’inedita versione face; suo avversario è Zlatan, di etnia ROM, che entra sventolando la bandiera romena e viene presentato come proveniente “dalla zona rotture della Lidl”.

Nonostante qualche piccola difficoltà iniziale, Mijatovic abbatte Zlatan con un Lariat e gli rifila una serie di Schiaffoni Bosniaci talmente rumorosi da far sobbalzare il pubblico, per poi metterlo al tappeto con un Dropkick. “La Lama dei Balcani” si lascia però attirare contro un angolo e l’alter ego esteuropeo di Geminy controlla il match con numerose scorrettezze, contenendo anche le varie controffensive di Mijatovic. Tuttavia quando Zlatan si arrampica sulla terza corda e “La Lama dei Balcani” lo colpisce con un altro Schiaffone Bosniaco e lo scaglia giù, per poi stenderlo con altri Lariat; Zlatan evita però la Ćevapčići Slam tirandogli i capelli ed esegue un Michinoku Driver, da cui ricava un due. Il bosniaco lo sorprende subito dopo con un Inside Cradle: Zlatan si salva, ma questa volta non può nulla contro la finisher di Mijatovic, che porta a casa il match.

Vincitore: Miroslav Mijatovic

 Main Event

Ombra vs David Silas

L’ultimo match di ICW Live @ Cartoomics 2017 vede affrontarsi uno dei grandi protagonisti della tre giorni, David Silas, e l’ex Campione di Coppia Ombra.

Silas parte benissimo e si esibisce anche in una Headscissors, ma Ombra lo sorprende con una Reverse STO all’angolo, lo stende con un Calf Kick e inizia una fase di dominio fondato su azioni illegali, tra cui non manca il classico morso alle corde. Silas riesce alla fine a reagire con un Enziguri Kick e fa riprendere velocità al match, stendendo l’avversario anche con un Crossbody dalla terza corda; cerca poi la Star Cutter, ma Ombra la evita e prova la Caduta nel Buio, a sua volta ribaltata nella Star Cutter. Silas non riesce però a concludere l’opera, poiché a distrarlo prima del pin arriva Psycho Mike armato di mazza (anche Ombra era un suo seguace nei Discepoli del Dolore): il piano ha successo e “L’Anima Spezzata” riesce a stendere Silas con la Caduta nel Buio per il tre decisivo.

Vincitore: Ombra

I Discepoli del Dolore tuttavia non si accontentano del successo e assaltano Silas, con Ombra che lo tiene bloccato grazie alla sua catena mentre Mike lo percuote con la mazza. A salvare il wrestler WAW da una sorte ancora peggiore arrivano gli Urban Guerrilla: i neo Campioni di Coppia colpiscono Psycho Mike con il loro caratteristico bidone procurandogli un profondo taglio alla guancia destra (la ferita richiederà l’intervento dei medici dopo lo show) e “Il Morboso Mentore” se la dà a gambe abbandonando sul ring “L’Anima Spezzata”, vittima della High and Low di Riot e Callaghan e di uno Splash dalle corde di Silas.

Con i tre face festanti al centro del ring si conclude anche questa edizione di ICW Live @ Cartoomics.

Come l’anno scorso, desidero ringraziare Zona Wrestling e la manifestazione per avermi concesso la possibilità di raccontare questi nove show, esperienza che vale sempre la fatica che comporta. Naturalmente un ringraziamento va anche a voi che avete letto fin qui. Alla prossima!

Foto © ICW, Cartoomics, Nicola Chiappini & Scuola Mohole

“Violli” Emanuele F. Violante