Pubblicità

Puntuale come un job di Luke Harper, ritorna il vostro angolo di sfogo personale sulla WWE. Con il potere di una copertina pheega e di titoli alle posizioni senza senso, torna la FLOP 10 di ZonaWrestling.

Sì, stavolta la FLOP 10 esce un giorno prima, perché Ysmsc c'ha un editoriale sull'Undertaker da scrivere per giovedì e ha preteso un giorno intero per dedicarsi unicamente a quello. Partiamo ad analizzare i dieci momenti NO di WWE FAST LANE 2015

10)HA UNA PISTOLA!

Sto già pregustandomi Sting vs Triple H per WrestleMania 31 e devo ammettere che il segmento è stato bello, specialmente quando Triple H ha tirato fuori lo Sladgehammer è in tutta risposta si è ritrovato la mazza ferrata di Sting puntata contro il mento, ma . . . perché HHH si è paralizzato come se Sting gli stesse puntando un coltello o una pistola alla gola? Voglio dire, non è che quell'arnese spara, non è che poteva colpirlo da breve distanza come il pugno del maestro Pai Mei, HHH ha avuto millemila occasioni per disarmarlo. Ma vabbè, Triple H quando deve fare la faccia spaventata è sempre una gioia per gli occhi, non cerchiamo il pelo nell'uovo.

9)MOZZARELLA POMODORO E BASILICO

Ovvero il ring attire di Ryback, imbarazzante, orribile, improponibile, anticromatico, solo un patriota italico poteva trovarlo vagamente caruccio . . . per poi ritrovarsi, come me, a pensare all'insalata caprese.

8)TRUCCHI IN SALDO

Qualcuno mi spiega perché Goldust alla fine dei match ha appena appena il trucco sbavato sul mento mentre Stardust usa un facepaint che dopo il primo minuto lo lascia praticamente nudo e crudo? Chi lo trucca? Cos'è sta discriminazione? È tutto un complotto? Perché non può rubare i trucchi al fratello come farebbe qualsiasi sorellina in età pre-adolescenziale?

7)OK CHE È IL PRIMO ROUND, PERÒ . . .

Ok, la rivalità tra i due fratelli doveva protrarsi fino a WrestleMania, mi stava bene la vittoria di rapina di Goldust o che in questo match non si vedessero grandi cose, ma . . . è stato un incontro noioso, senza nessuno spot degno di nota, già la rivalità sta interessando poco, se poi i match lasciano a desiderare siamo rovinati; per fortuna ci sono stati i coretti “Cody! Cody!” a cui Stardust ha saputo reagire bene e che hanno movimentato un po' il tutto

6)LUNATICO PART-TIME

Qualcuno mi spieghi esattamente qual è il tempo limite in cui Dean Ambrose riesce a lottare normalmente, perché sembra che dopo un tot di tempo il buon Ricamino sbrocchi e decida di comportarsi nel modo più #acaso e lunatico possibile. Con Bray Wyatt si è fatto fregare da una tv a schermo piatto, con Bad News Barrett ha deciso di farsi squalificare, a caso, senza che Barrett avesse fatto niente di che. Almeno ha rubato la cintura, non male come idea, anche se quel titolo ultimamente sembra avere più potere dell'Unico Anello dato che tutti sembrano avere come unica ragione di vita il vincere l'Intercontinental Championship. Ah, la sua streak di sconfitte in singolo in PPV si allunga sempre di più. Vai Dean, sei tutti noi!

5)FINISHER NOT ALLOWED

E niente, nei match femminili non c'è verso che si riesca a far del “wrestling”, il match ti illude con Nikki che fa pure una power move convincente, Paige fa il suo come sempre e poi quando forse il match sembra ingranare bisogna terminare tutto con una botta al palo, almeno questa volta siamo saliti di livello rispetto alle gomitate bioniche del tag team match della Rumble. Però Nikki, se devi vincere di rapina almeno il roll up non farlo a rallentatore, grazie.

4)A FARE LE COSE ALL'ULTIMO

. . . non va a finire bene. Il Six men tag team match è stato mal sfruttato, serviva di inserire Seth Rollins nel PPV per poi far tornare Orton, non credo ci fosse l'esigenza di far avere il gettone di presenza anche agli altri cinque (sette con la Coppia di Fatto) convocati, ma questa è l'idea migliore che hanno avuto. Anche qui pochi spot degni di nota, con un finale un po' così (sul serio, “Kane” si prende il pin vincente? Really?), un gigantesco angle per far tornare The Viper per la gioia dei fan (che avevano capito l'antifona più o meno dall'ingresso del primo team.

3)LATI POSITIVI E NEGATIVI

Si sa che con Daniel Bryan chiunque può fare un buon match, anche se questa volta la WWE ha optato per una gestione diversa del personaggio, difatti Bryan si è preoccupato di condurre il match. La scelta non è stata sbagliata, da che mondo è mondo di solito sono i più esperti a condurre i match (oppure, generalmente, gli heel). Il problema è che si sono generati segmenti improbabili che hanno snaturato un po' i personaggi, Daniel Bryan da underdog sfottuto per la sua altezza o la sua forma fisica si è ritrovato a recitare il ruolo di chi tiene in controllo l'avversario, in certi punti sembrava che Reigns avesse di fronte il Big Show di turno piuttosto che Daniel Bryan. La cosa ovviamente ha aiutato la contesa perché Reigns si è lasciato guidare da Daniel che ha poi saputo vendere alla grande i comeback del samoano e ci sono state delle belle sequenze. Appunto, lati positivi e lati negativi.

2)BOOORING

Di solito il coro “boooring” lo canta il pubblico quando lo spettacolo non lo soddisfa, invece stavolta il coro va AL pubblico. Raramente ho visto una platea così piatta e disinteressata, il tutto ha fatto sì che anche segmenti belli, addirittura epici come il confronto di Sting e Triple H, quasi perdessero di fascino. Io personalmente adoro rivedermi segmenti particolarmente shoccanti della storia della WWE anche perché “adoro” ascoltare la reazione del pubblico . . . e il pubblico di Fast Lane non c'è stato.

1)UN GIGANTESCO PERÒ

Mentre stilavo questa flop 10 mi sono resa conto che non ci sono stati momenti particolarmente brutti o particolarmente gravi, nessuna scelta di booking da denuncia penale

(Ok, Roman Reigns andrà nel main event di WrestleMania e a molti questo non piace, ma questa è una scelta che è stata presa qualcosa come un anno fa, non certo a Fast Lane)

però . . .

Il match tra fratelli era interessante, però l'hanno reso noioso, il match a squadre non è stato brutto però neanche bello, Ambrose diverte sempre però il match è stato solo passibile, il match per i titoli di coppia è stato bello però ho sentito molte persone dire che avrebbero voluto vedere di più (per me è andata più che bene così, ma se in molti hanno mosso questa critica bisogna prenderne atto), confronto Sting vs HHH epico però rovinato dalla poca partecipazione del pubblico, anche il main event non è stato male, però il risultato ha lasciato scontenti molti. L'unico match che non ha lasciato scontento nessuno è stato Cena vs Rusev (tranne gli stolti che credevano che John Cena potesse cedere, o anche solo svenire alla Accolade senza prima aver preso un colpo basso). Dunque . . . nulla di così scandaloso, “però” neanche nulla di che. Vien quasi da rimpiangere Elimination Chamber, che là almeno c'era un gabbione di millemila tonnellate.

Si conclude anche per questo mese la FLOP 10, che, vi ricordo, non dev'essere intesa come una classifica dei match dai migliori ai peggiori (per quello c'è la Review di KingHunter) e che serve anche ad ironizzare su ciò che la WWE ha proposto, non solo ad incazzarsi su ciò che non è andato. 

Anche questo mese, se pensate che abbia omesso qualche punto fondamentale o se pensate che sia stata troppo cattiva, sentitevi liberi di integrare questa rubrica come meglio credete.

Stretta è la foglia, larga è la via, dite la vostra che ho detto la mia

Ysmsc.

 

Ysmsc
Celeste "Ysmsc", gli utenti stanno ancora cercando di capire come si scrive il suo nome, lei sta ancora cercando di capire cose le succede intorno. Scrive con orgoglio i report di Raw e le sue amate FLOP 10. Le cose che ama di più sono il wrestling, il cibo giapponese e Killer Mask (non necessariamente in quest'ordine). Si sentirà realizzata quando non si useranno più i tasti "copia-incolla" per scrivere il suo nickname