Dopo il passo indietro dell'ultimo ppv, si torna ad avanzare e MITB lo fa puntando fortemente sulla voce rematch. E' tempo di quadri e questa volta tutti promossi. TOP 10 online.

Pubblicità

10 – KING BARRETT vs. R-TRUTH
Menzione anche per il match del kickoff. Gradevole, indolore e con quel pizzico di ironia dettato da R-Truh che rimane sempre un giullare pronto a fare la sua parte. Una contesa veloce che ha tra l'altro eseguito uno step in più sia in termini di storyline che in termini di character per King What's up.

9 – THE NEW DAY vs. PRIME TIME PLAYERS
Ogni incontro ha una storia a se, e sebbene non sia stato brillante come il recente passato della categoria di coppia ci ha insegnato, la sfida tra il New Day e i PTP merita ugualmente un posto nella TOP 10. Pochi minuti di esibizione con il classico hot tag dove Titus O'Neil ha fatto piazza pulita. Niente di che ma nessun fatto eccezionale negativo tale da depennarlo. Una sufficienza striminzita. Un 6 arrivato anche grazie ad un title change ben accetto e da valutare nel corso delle prossime settimane in quanto è ben chiaro come la fed sia alla ricerca di un tag team face dopo essere rimasti orfani del duo formato da Cesaro & Tyson Kidd e dal duo dei fratelli Uso.

8 – RYBACK vs. BIG SHOW
Non mi sorprenderei se qualcuno si stesse preparando a dei corposi “boring” per esprimere il proprio dissenso in quanto una sfida tra due big man non è mai stata fin troppo apprezzata ma la WWE molto probabilmente ha voluto giocare di anticipo impiegando per l'incontro valevole per il titolo IC solo 5 minuti..tra l'altro ben spesi. Un inizio scoppiettante, il coinvolgimento di The Miz che ha fatto da ago della bilancia, l'opzione della squalifica che lascia aperto ogni discorso e che non vede nessuna superstar uscire sconfitta. Una ricetta semplice e vincente.

7 – NIKKI BELLA vs. PAIGE
Avete ancora a mente il triple threat match di Elimination Chamber? E' il momento giusto per dimenticarselo, voltare pagina e approfondire quanto accaduto a MITB. Partendo dal fatto che non è stato affatto un brutto incontro e che NXT è un mondo a parte, la storyline che vede coinvolte da una parte le gemelle Bella e dall'altra Paige, ha dato un impronta significativa scavalcando il giudizio della qualità espressa sul ring dalle due atlete. Di fatti la sfida tra Paige e Nikki coinvolgeva l'intera divisione femminile (come si è potuto vedere tramite l'inquadratura esterna con le altre diva mentre erano impegnate a guardare il match in tv) con la sfidante nell'intento di mettere fine all'egemonia delle sorelle, le quali sono state ben messe in mostra per lo stile da cheater che le contraddistingue. Il finale poco chiaro per la decisione arbitrale di non dare la squalifica ma di far proseguire la contesa, è un punto a favore della riuscita globale. I fatti accaduti all'interno del match hanno quindi avuto quantomeno una coerenza mettendo in luce le peculiarità della faida in corso.

6 – ROMAN REIGNS con la gentile collaborazione di KOFI KINGSTON & NEVILLE
Ci sarebbero da esaltate tante manovre del MITB Ladder match ma tra già visti e non visti, la scelta ricade sulla powerbomb di Reigns a Kofi Kingston sulla scala con l'aggiunta di Neville che è andato a far compagnia a l'ex tag team champion. 

5 – IL RITORNO DI BRAY WYATT
Se devo dire un nome di una superstar che nel bene e nel male fa sempre la differenza, quello è Bray Wyatt. Quando non c'è si nota, e quando è presente non passa di certo inosservato. Ritornare nel momento meno ipotizzabile ha generato un momento di grande effetto specie dopo aver attaccato Roman Reigns. In termini videoludici possiamo dire che l'obiettivo è stato sbloccato.

4 – SETH ROLLINS HAS BEEN UNLEASHED
Nel ladder match abbiamo visto diversi spot ma l'aspetto che più mi ha colpito è stata l'intera sequenza della veemenza finale di Rollins con cui ha devastato Ambrose e in particolar modo la powerbomb sulla scala e l'ammasso di sedie.

3 – MONEY IN THE BANK LADDER MATCH
Per chi non apprezza Romain Reigns, la comparsa di Bray Wyatt che interrompe i sogni di gloria del samoano sarà stata accolta come la pioggia dopo un periodo interminabile di siccità, ma in realtà la battuta d'arresto di Reigns è uno dei principali aspetti positivi di MITB in quanto giova ulteriormente al suo status e che farà acquisire una maggiore rilevanza il momento in cui l'ex ariete dello Shield conquisterà il World Heavyweight Title. Nel complesso lo spettacolo è stato su per giù comparabile alle ultime edizioni con spot considerevoli. Buona la prima per Neville. Ogni wrestler ha dato il suo tra cui manovre dalla cima della scala. Gran sorpresa per la vittoria di Sheamus, che durante il match ne ha date tante e ne ha prese altrettante. Jolly ben speso con l'incursione di Wyatt.

2 – SETH ROLLINS vs. DEAN AMBROSE
Dopo l'assaggio di qualche settimana fa, non si vedeva l'ora per una bella abbuffata grazie alla presenza di due cuochi speciali, Rollins & Ambrose, che messi ai fornelli non ci hanno tradito. L'esclusione della Authority si è rivelata una scelta vincente permettendo per la 1a volta di vedere Seth e Dean in un reale 1vs1 senza esclusione di colpi. “Oggettistica” utilizzata a dovere, includendo i corpi dei due wrestler che in più occasioni sono stati lanciati e sbattuti con violenza con grande naturalezza. Per Rollins una vittoria rigenerativa dopo gli ultimi avvenimenti mentre per Dean è sempre fin troppo riduttivo parlare di una sconfitta vera e propria. Tutto ciò che è accaduto nel match funge a favore della scheggia impazzita grazie a quella nota drammatica mentre veniva schiantato da un lato all'altro del ring, mentre veniva sommerso da scale e sedie per poi rimettersi in piedi con una sola gamba operativa sfiorando il successo. Una scena che, come dissi in un recente articolo, lo porta sempre più vicino alla figura di Mick Foley. Finale architettato ad hoc! 

1 – KEVIN OWENS vs. JOHN CENA
Altro primo posto, e non poteva essere altrimenti. Cena ed Owens non solo hanno ripetuto quanto svolto ad Elimination Chamber, ma hanno fatto ancora meglio. In questo caso non si poteva fare affidamento all'esclusività della prima in assoluto, ma il rematch aveva ugualmente delle solide basi su cui appoggiarsi. Sfida che ha pienamente convinto anche per la questione del campione di NXT che si propone come l'esatto opposto di Cena per poi eseguire nel ring alcune manovre e alcune taunt del campione US. Ottima performance per entrambi i wrestler con una stella in più per John che ha aggiunto altre mosse nel suo arsenale. Giusto consegnare la vittoria al pluricampione della WWE, specialmente dopo il finale proposto, dove alla fine della fiera abbiamo ben due vincitori. Nient'altro da aggiungere se non il This is awesome della platea di Columbus.