Pubblicità

Al termine dell’ultima puntata di Raw, sul WWE Network, è andato in onda il podcast di Steve Austin con ospite Vince McMahon. Il confronto, molto diretto e “fuori dai personaggi”, è durato poco più di un’ora e ha consegnato diversi spunti interessanti che, noi di ZonaWrestling, abbiamo deciso di tradurre e trascrivere per voi. Di seguito il Chairman dice la sua sulla (scarsa) presenza di Brock Lesnar agli show:

 

Lesnar, dopo aver avuto successo ovunque, è tornato in WWE e ha vinto il titolo. La domanda è: dov’è ora? Non potremmo vederlo più spesso in televisione?

“Non credo che abbia bisogno di più spazio televisivo, non più di quello che già ha. È un’attrazione speciale, come quando Jake “The Snake” Roberts ha portata, per la prima volta, il pitone ad uno show dopo alcune settimane, in cui entrava con il pitone, Jake non era più tanto speciale. Così anche Brock, il contratto che abbiamo firmato prevede un numero limitato di date e di apparizioni. Dal mio punto di vista, non è tanto il titolo che porta le persone alle arene. Sono le storie, i performer e come finiranno quelle storie che porta la gente ai palazzetti. Ogni tanto il titolo aiuta? Certo che sì, ma non gira tutto intorno al titolo, ci vuole altro. Se Brock apparisse più spesso, dopo un po’ dovrebbe fare le stesse cose. Quante persone può sconfiggere? Dopo che ha sconfitto tutti i face, cosa rimarrebbe? Non si tratta più di costruire un solo match importante, ad esempio per WrestleMania. Ormai ci sono tre, quattro main event.”

 

Traduzione e Trascrizione a cura di ZonaWrestling.net