Qualche giorno fa, vi abbiamo riportato che la WWE avesse ordinato alla propria divisione che si occupa del Merchandising di non produrre altro materiale per Brock Lesnar e che eventuali progetti messi in cantiere per "The Beast Incarnate" andassero riconvertiti per Sheamus. L'indomani, però, vi abbiamo anche riferito la secca smentita di una figura interna alla federazione di Stamford dall'identità non meglio precisata. Ebbene, stando a quanto pubblicato sul sito "Wrestling Observer", la comunicazione circa l'interruzione delle produzione del merchandising di Brock Lesnar sarebbe effettivamente avvenuta; tuttavia, essa sarebbe stata inviata non tanto al settore Merchandising interno alla stessa WWE, quanto a società e compagnie indipendenti che collabarono in pianta stabile, sotto il profilo del merchandising, con la federazione dei McMahon (ad esempio, la Mattel che produce le varie action figures). Inoltre, a queste stesse compagnie sarebbe stato riferito che nelle foto di gruppo che ritraggono insieme tutte le Superstar della WWE, Brock Lesnar andasse sostituito con Sheamus. Ora, chi è vicino a queste situazioni ritiene che ciò non implichi necessariamente l'addio dell'attuale WWE World Heavyweight Champion dopo Wrestlemania 31; piuttosto, tale comunicazione si è resa necessaria in quanto Lesnar non ha ancora firmato il rinnovo del contratto (se mai lo farà) e, di conseguenza, si è ritenuto doveroso comunicarlo alle varie società che collaborano con la WWE. Non a caso, infatti, la direttiva partita da Stamford dovrebbe riguardare soltanto il merchandising che verrà prodotto a partire dal "Biggest Stage Of Them All" in poi.

Pubblicità

 

 

Fonte: LordsOfPain.net & ZonaWrestling.net

ChristiaNexus
Cercatore di notizie nonché, occasionalmente, editorialista, reporter e co-fondatore e co-curatore della rubrica "La Theme Song del giorno". Appassionato di wrestling di lunga data che odia l'ipocrisia e l'apriorismo sterile. Il suo compito è portare avanti l'opera di salvezza intellettuale avviata da Damien Sandow, ora noto come Aron Rex, a costo di passare per grammar nazi. Segue, in un'ottica dialettico-inclusiva, tante federazioni, dalla WWE alla PWG, passando per TNA, ROH, NJPW, NOAH e Lucha Underground. Il Nexus, Christian, CM Punk, Daniel Bryan, Seth Rollins, Bray Wyatt, Undertaker, The Brian Kendrick e, ovviamente, Damien Sandow, ora noto come Aron Rex, sono tra i suoi lottatori preferiti, senza dimenticare AJ Styles, Chris Hero, "Broken" Matt Hardy, il Bullet Club, i War Machine, Pentagon Jr, Minoru Suzuki, Satoshi Kojima, Tomohiro Ishii e Togi Makabe.