Nel corso degli ultimi tempi sul web gira voce che Brock Lesnar possa tornare a combattere in UFC. A cosa porterebbe questa scelta del Next Big Thing? E’ così importante attualmente in WWE? WWE o UFC? Analizziamo attentamente tutti i possibili scenari. 

Pubblicità

Attualmente a Stamford la situazione di Lesnar è abbastanza delineata in vista di Wrestlemania XXX. Infatti, stando anche alle recenti news, Brock dovrà vedersela con The Undertaker. Un’altra ipotesi, a mio parere poco realistica, è quella di fargli vincere il WWE World Heavyweight Champion ad Elimination Chamber, per poi quindi mandarlo da campione a WM contro il vincitore del Royal Rumble match, Batista. In entrambi casi l’assistito di Paul Heyman ricoprirebbe un ruolo molto importante nella card dello show, dato che combatterebbe sicuramente in uno dei main event. Proprio per questo motivo escludo che un suo possibile addio possa essere dovuto al trattamento che la WWE gli sta offrendo in questo momento. Consideriamo anche che nonostante faccia relativamente poche apparizioni ed un numero limitatissimo di match all’anno, Lesnar guadagna comunque parecchi soldi, molti di più di quelli che potrebbe teoricamente prendere in UFC. Un suo addio alla WWE potrebbe accadere solo nel caso ci fossero problemi con la dirigenza, ma viste le condizioni del suo contratto questa ipotesi la vedo molto poco realista. Senza contare il fatto che nelle MMA il rischio di infortunio è decisamente più alto rispetto al wrestling e fatico a credere che Lesnar, con i suoi noti problemi fisici, voglia ripercorrere questa pista. Le voci che lo vedono di ritorno nella federazione principale di MMA sono però molte ed anche lo stesso Dana White (presidente UFC) non ha mai categoricamente negato il ritorno di Brock. Credo che qualcosa di vero ci sia sicuramente e ad avvalorare la mia tesi c’è il fatto che al termine del suo incontro, vinto, a UFC 169 questo weekend, il fighter Alistair Overeem. colui che ha sconfitto Lesnar nel suo ultimo incontro targato UFC, abbia pubblicamente “sfidato” Brock Lesnar. Un ritorno di Lesnar in UFC porterebbe sia qualità nella categoria pesi massimi, dato che bene o male ha dimostrato di saperci fare sull’ottagono, che soldi nelle tasche della federazione. Non c’è da sorprendersi infatti che i PPV con il più alto numero di incassi nella storia dell’UFC siano stati quelli con la presenza di Lesnar. Mentre in UFC un suo approdo porterebbe diversi vantaggi, in WWE un suo addio non influirebbe più di tanto. Resta pur sempre un wrestler part timer, che possiamo vedere in azione solamente negli eventi più importanti e dubito quindi che qualcuno smetta di seguire la federazione a causa del suo addio. A me personalmente dispiacerebbe un suo rilascio, perché vorrei che affrontasse quei wrestler che nel suo periodo di assenza avrei voluto vedergli contro, come Batista e Randy Orton, nonostante sono cosciente del fatto che la qualità di tali incontri non sarebbe elevatissima. Oltre ai rumor che vedrebbero quindi un abbandono di Lesnar dalla WWE con approdo in UFC, sono consistenti anche le voci circa un possibile impiego del wrestler sia in UFC che in WWE, con questa situazione che sarebbe la prediletta dal diretto interessato. Stipendio sia dalla UFC che dalla WWE, mi pare anche ovvio che Lesnar prediliga questo doppio contratto. Nonostante questa ipotesi circoli molto sul web, non credo sia possibile una cosa del genere. Dal punto di vista strettamente mediatico sia la WWE che l’UFC ne guadagnerebbero, dato che immancabilmente in entrambe le federazioni si parlerebbe rispettivamente dell’altra creando quindi una specie di sponsorizzazione reciproca, che porterebbe nuovi fan sia da una parte che dall’altra. Il problema è che la cosa potrebbe essere fattibile solo sotto questo punto di vista. Data l’alta probabilità di uscire malconcio da un incontro di MMA, Lesnar rischierebbe di saltare causa problemi fisici diversi impegni con la WWE, ma non è da escludere che possa accadere anche il contrario, con Brock che salterebbe un incontro UFC per via di un infortunio rimediato in un match WWE. L’unico modo sarebbe quello di far combattere a Lesnar solo contese contro avversari di basso livello nella federazione di Dana White, ma nonostante inizialmente questa cosa potrebbe comunque portare interesse verso gli incontri dell’ex campione WWE, dopo un po’ di tempo il tutto risulterebbe una presa in giro verso i fan, con l’approdo di Lesnar che apparirebbe come una completa mossa commerciale, senza secondi fini. Sempre per quanto riguarda la qualità degli avversari, è inevitabile come in MMA Lesnar non sarebbe certo delle vittorie, vista l’assenza di booker, ed una o più sconfitte intaccherebbero notevolmente la sua credibilità da wrestler. Quindi, anche per questo motivo, sarebbe quasi costretto ad affrontare fighter non all’altezza della situazione. Ritengo infatti che wrestling ed MMA non possano mai “andare d’accordo”, viste le notevoli differenze che ci sono tra le due discipline. La Bellator e la TNA ci hanno provato con Tito Ortiz e Rampage Jackson, ma, come è giusto che sia, non ha funzionato, ed i due nel giro di poco tempo sono stati costretti a lasciare la federazione di Dixie Carter. In conclusione, un addio di Lesnar potrebbe verificarsi solo a causa di divergenze con la dirigenza WWE e con un’offerta allettante in termini economici da parte dell’UFC. Impossibile che si verifichi una collaborazione tra UFC e WWE, per i motivi già elencati e discussi sopra. La mia l’ho detta, quindi ora la parola la lascio a voi nei commenti. Alla prossima!

Andrea Cesana
Classe 1996 e staffer di ZonaWrestling dal 2012. News reporter, reporter, editorialista, blogger e tanto altro ancora...sul sito ho fatto un po' di tutto diciamo. Oltre a parlarne da dietro un computer, per questa disciplina svolgo anche un ruolo attivo, ovvero quello di arbitro in FCW. Al di fuori del pro-wrestling sono un grandissimo tifoso milanista.